Notizie dall'Italia Copertina, Generica

Penultima giornata dell’VIII Torneo Internazionale di Roma. Simonetta Bozzano: “Fiera di mio figlio Stefano Travaglia”

14/04/2017 00:05 2 commenti
Simonetta Bozzano ed Elisabetta Morici - Foto Roberto Di Tondo
Simonetta Bozzano ed Elisabetta Morici - Foto Roberto Di Tondo

Penultima giornata dell’VIII Torneo Internazionale di Roma, appuntamento capitolino del circuito ITF senior in corso presso il circolo sportivo All Round. In data odierna sono stati consegnati i premi ai finalisti della categoria over 50 e 60 femminile e over 35 e 40 maschile. Domani in programma le restanti finali.

Buon sangue non mente. Simonetta Bozzano, ex numero 2 del ranking ITF senior nel 2013, si è aggiudicata il primo posto nella categoria over 50 senza lasciare per strada neanche un set. “Ho vinto due turni facilmente anche se poi la partita più dura è stata quella di ieri vinta contro Elisabetta Morici”. Non tutti sanno che Simonetta Bozzano è la mamma di Stefano Travaglia, tennista azzurro recentemente rientrato in top-200. “Sono fiera di lui. L’ho seguito sino a quando aveva 15 anni poi era giusto prendesse la sua strada. È risaputo che il rapporto genitore-coach non è mai facile perché magari sul momento il bambino non accetta i tuoi consigli ma più quelli del maestro. Quelle di mamma e coach sono due figure spesso contrastanti”. Nel recente torneo ITF di Madrid vinto da Travaglia, mamma Simonetta sarebbe potuta partire con lui per una manifestazione senior proprio nella capitale spagnola. “Il lavoro me l’ha impedito. Se io potessi penso che lui mi vorrebbe ad ogni torneo, mi chiede spesso consigli e si fida di me. Il soprannome Steto? Nasce da suo cugino di dieci mesi più piccolo che non riusciva a pronunciare il suo nome. Da quel momento si è fatto chiamare così da familiari e amici. Quando è cresciuto è poi diventato Stetone”. Al termine della sfida tutta straniera valevole per l’over 60 femminile a conquistare il titolo è stata la numero uno del seeding Gundula Wieland. La tedesca si è imposta con il punteggio di 6-1 6-0 sull’austriaca Sylvia Singer.

Vittoria in bicicletta grazie ai consigli di Elia. La prima volta non si scorda mai. Giorgio Magnini ha vissuto una settimana da sogno vincendo ieri la sua prima partita nella manifestazione e oggi nell’atto conclusivo del torneo contro Arnoldo Spanò. Un’affermazione in grande stile con un sonoro 6-0 6-0 nella sfida decisiva per il titolo della categoria over 35. “Pensavo potesse essere una partita più combattuta – afferma Magnini -. Io e Arnoldo ci conosciamo probabilmente si è emozionato più di me. Altri tornei ITF? Conquistato un titolo spero di dare seguito a questa vittoria. Perché no”. Magnini ha iniziato a giocare da piccolo salvo poi smettere e riprendere la racchetta in mano a 30 anni. Da NC è ripartito da zero sotto l’occhio attento di Francesco Elia sino a raggiungere una classifica da 3.2. Nella categoria over 40 trionfa con un giorno di anticipo Andrea Caldarelli. Il successo è giunto dopo la vittoria in semifinale contro Luigi Montesanto. “Una volta vinta la partita mi hanno comunicato che l’avversario di domani (Thomas Fulde, ndr) aveva dato forfait per una contrattura – spiega Caldarelli -. Sono comunque contento per il terzo titolo di fila ma mi dispiace non scendere in campo per la finale di domani”.


TAG:

2 commenti

oscar rabago 14-04-2017 11:44

Complementi Simonetta!!!!!

2
Marco (Guest) 14-04-2017 09:03

tira forte, Magnini, gran bel dritto..
certo, non come quello dell’ascolano

1