Annullata la squalifica di Camila Giorgi

01/04/2017 23:41 84 commenti
Camila Giorgi classe 1991, n.75 WTA
Camila Giorgi classe 1991, n.75 WTA

Arriva un colpo di scena tra Camila Giorgi e la Federazione Italiana Tennis (FIT).

Dalle pagine de “Il tennis italiano”, l’amico Riccardo Bisti ha dichiarato che la Corte Federale d’Appello ha ribaltato il dispositivo di primo grado del Tribunale Federale, con cui Camila era stata condannata a 9 mesi di squalifica e al pagamento di 30mila euro di multa per non aver risposto alla convocazione in Fed Cup nel match contro la Spagna dello scorso aprile.

Il ricorso della difesa ha prodotto i risultati sperati. Al termine dell’udienza tenutasi venerdì 31 marzo, il collegio Biagini-Salone-Supino ha annullato la sentenza del Tribunale Federale, parlando genericamente di “difetto di giurisdizione”.

Pare evidente che la ragione dell’annullamento sia proprio il NON tesseramento della Giorgi.
Infatti Camila non può essere squalificata perchè non tesserata FIT.
Lo statuto FIT fa esplicito riferimento ai “doveri dei tesserati” nel momento in cui stabilisce gli ambiti entro cui gli atleti devono muoversi per non incorrere in sanzioni.
Camila Giorgi, dal 2011, non possiede tessera FIT: proprio in questo senso era stata impostata la linea difensiva e la Corte sembra essere dello stesso avviso.

Le motivazioni saranno depositate entro 10 giorni.


TAG: ,

84 commenti. Lasciane uno!

giam (Guest) 11-04-2017 22:39

😯 che figuraccia!!!!!! abbiamo una FIT che non conosce il proprio regolamento. Ma da quale pozzo di scienza vengono presi i dirigenti? Dovrebbero fare altro.

84
massimo (Guest) 03-04-2017 22:02

Quello che resta mortificante in tutta questa storia è la malafede persistente e irredimibile della Fit…

83
tommaso (Guest) 03-04-2017 10:46

Scritto da GI2
@ LuchinoVisconti (#1804674)
Non direi se accompagnato da clausole!!

Quindi la Corte d’Appello ha sbagliato a ribaltare la sentenza. Ok. La Federazione ricorrerà ulteriormente. Figurarsi se si fanno scappare l’occasione: se – col massimo rispetto – GI2 su un sito di tennis ne sa più di un giudice della Corte d’Appello, voglio dire… la Federazione sicuramente approfitterà di tale competenza!

82
Maxi (Guest) 03-04-2017 10:37

Riposto due miei commenti dall’articolo

http://www.livetennis.it/post/262975/la-squalifica-di-camila-giorgi-ecco-le-motivazioni-della-sentenza/

Scritto da Maxi

Scritto da Gianni
@ Maxi (#1766675)
Sarebbe il colmo.pc se non era tesserati sono solo parole al vento wuesta

Mica tanto perché le due parti sono identificate come:
– Federazione Italiana Tennis da una parte (e questa ha la giusta identificazione),
– Tesserata FIT dall’altra, e questa non è identificata come tale, pertanto un contratto basato sulle regole della F.I.T. che ha come premessa il fatto che il secondo contraente sia un tesserato decade completamente.
Al limite il contratto può (e probabilmente sarà) visto in sede civile come Contratto tra una persona giuridica (FIT) ed una persona fisica (Giorgi), e lì a valere è il Codice Civile, ed a livello civilistico, mi pare sia la FIT che deve iniziare a preoccuparsi (senza contare per l’appunto che la I.T.F. potrebbe far partire una denuncia parallela per chiedere i danni alla FIT per violazione del regolamento della Fed Cup.

Scritto da Maxi
Devo dire che resto basíto, perché da quello che ho letto, se la causa va nel civile ci sono i presupposti per i quali non solo i Giorgi possono annullare la sentenza, ma addirittura potrebbero ribaltarla e chiedere i danni, perché tutti i presupposti sui quali si appoggiano le regole contestate si applicano solo sui tesserati, e personalmente mi meraviglio che la Fit non abbia tesserato la Giorgi, perché a questo punto decade interamente ogni contratto(e dico questo anche perché lavoro sui contratti un giorno sì e l’altro pure), visto che il presupposto base decade alla base. E pure la ITF può chiedere i danni alla Fit.
Con una figuraccia del genere, non mi sorprenderei se alla fine qualche testa dovesse cadere.

Non voglio dire che l’avevo detto, però…

81
Ciozz 4.4 (Guest) 03-04-2017 08:48

Off topic: Ieri alle prequalifiche BNL per Roma a Genova circolo Valletta Cambiaso ho visto giocare una U14. Tale Ginevra Parentini. Una furia!!! La futura Giorgi ma con il cervello. Fisicamante è un po’ piccolina (almeno mi è sembrato così). Tanti auguri per la futura carriera!!

80
Losvizzero 02-04-2017 23:24

Che pagliacciata

79
LuchinoVisconti (Guest) 02-04-2017 22:59

@ GI2 (#1804773)

Mi arrendo. :mrgreen:
Ma hai letto il (mio) commento n. 48? Forse ti può chiarire le idee.
Occhio, perchè non mi sembra che tu sia iscritto!

78
GI2 (Guest) 02-04-2017 22:41

@ LuchinoVisconti (#1804674)

Non direi se accompagnato da clausole!!

77
LuchinoVisconti (Guest) 02-04-2017 21:30

Scritto da GI2
@ Carl (#1804548)
Peccato che il comma 4 dell’art. 1 (che tra l’altro è riportato anche nella sentenza di squalifica) così recita: comma 4. Gli atleti selezionati per le rappresentative nazionali sono tenuti a rispondere alle convocazioni e a mettersi a disposizione della Federazione, nonché ad onorare il ruolo rappresentativo ad essi conferito; ……. dove si evince che non si parla di tesserati, ma di atleti (anche la Schiavone non è tesserata eppure viene convocata).

Ma allora sei proprio tosto, eh! :mrgreen:
Il comma 4 dell’art. 1 è come se fosse scritto su carta igienica per chi non è tesserato.

76
LuchinoVisconti (Guest) 02-04-2017 21:29

Scritto da GI2
@ Carl (#1804548)
Peccato che il comma 4 dell’art. 1 (che tra l’altro è riportato anche nella sentenza di squalifica) così recita: comma 4. Gli atleti selezionati per le rappresentative nazionali sono tenuti a rispondere alle convocazioni e a mettersi a disposizione della Federazione, nonché ad onorare il ruolo rappresentativo ad essi conferito; ……. dove si evince che non si parla di tesserati, ma di atleti (anche la Schiavone non è tesserata eppure viene convocata).

Ma allora sei propoio tosto, eh! :mrgreen:
Il comma 4 dell’art. 1 è come se fosse scritto su carta igienica per chi non è tesserato.

75
GI2 (Guest) 02-04-2017 20:40

@ Carl (#1804548)

Peccato che il comma 4 dell’art. 1 (che tra l’altro è riportato anche nella sentenza di squalifica) così recita: comma 4. Gli atleti selezionati per le rappresentative nazionali sono tenuti a rispondere alle convocazioni e a mettersi a disposizione della Federazione, nonché ad onorare il ruolo rappresentativo ad essi conferito; ……. dove si evince che non si parla di tesserati, ma di atleti (anche la Schiavone non è tesserata eppure viene convocata).

74
tommaso (Guest) 02-04-2017 19:33

Scritto da fabio
Capirai…….sai che trionfo

Per Camila non cambia nulla, ci risparmia giusto 30.000 euro. Per la FIT è l’ennesima conferma dell’incapacità di certi personaggi. Anche qui, purtroppo, non cambierà niente.

73
fabio (Guest) 02-04-2017 19:17

Capirai…….sai che trionfo

72
Carl 02-04-2017 19:13

Scritto da GI
Non vorrei sbagliarmi ma “difetto di giurisdizione” non ha a che fare con il fatto se è tesserata, e comunque si può sempre ricorrere per cui non è finita.

Il ricorso è possibile, anche se personalmente lo ritengo poco probabile, per il motivo esposto in fondo.

Il difetto di giurisdizione si evince dall’Art.1, comma 1 del Regolamento di Giustizia della FIT:

Gli affiliati ed i tesserati sono tenuti all’osservanza del Codice della giustizia sportiva del CONI, dello Statuto e dei regolamenti federali, dei provvedimenti, delle deliberazioni e delle decisioni degli organi federali, nonché del Codice di comportamento sportivo del CONI, riportato in appendice al regolamento.

E’ intrinseco che all’atto del tesseramento si accetta e si riconosce la giurisdizione degli organi federali, come resta ovvio che detti organi federali non hanno potere alcuno su chi non è affiliato o tesserato.

Ma questa limpidezza cristallina non impedisce di certo che ci possa essere un ricorso all’ultimo grado di giudizio competente, il Collegio di Garanzia del CONI.

Anzi mi è sembrato strano che l’avvocato dei Giorgi abbia fatto il ricorso alla Corte Federale d’Appello, che è pur sempre un organo FIT, mentre all’inizio mi sembrava aver capito che intendevano presentare ricorso direttamente all’ultimo grado di giudizio, il Collegio di Garanzia del CONI, ma qui si entra in questioni di opportunità, prassi e convenienza legale che è meglio lasciare a chi di dovere.

Peraltro sarebbe singolare un ricorso presentato dalla FIT al CONI avverso ad una sentenza della propria corte federale d’appello, ma chi può dirlo.

71
emilio (Guest) 02-04-2017 17:02

Scritto da lorenzomanenti

Scritto da Rodolfo

Scritto da Carl

Scritto da lorenzomanenti
Scusate: ma se non è iscritta alla FIT da 2011 (io sapevo dal 2015), come cavolo sta andando avanti coi documenti per giocare, visti medici, pass? Tutto in via privata? In teoria, potrebbe già giocare per qualunque nazionale.

Per giocare nel circuito WTA, o anche ITF, le federazioni nazionali non hanno nessun rilievo.
Certo, è tutto in forma privata, sono professionisti a livello internazionale ed a titolo individuale.
Per dirla tutta non è nemmeno necessario essere soci della WTA (o ATP), ad esempio Schiavone non è associata alla WTA (oltre a non essere tesserata FIT dal 2015), solo che non essendo socia deve pagare una quota di iscrizione per ogni torneo e non ha diritto ad avere il supporto della WTA in casi particolari, però si risparmia di pagare la quota annua di iscrizione.
Tutte le altre italiane di primo livello, inclusa Giorgi, sono socie WTA a pieno titolo.
Il vincolo è solo avere un ranking, rientrare nelle classi di età ed accettare di essere sottoposti ai controlli antidoping, poi ti puoi iscrivere a qualsiasi torneo internazionale.
Naturalmente se sei nelle grazie di una federazione o rientri nei loro programmi (ma la stessa cosa varrebbe per le varie accademie private, tipo IMG) hai sostegni, viaggi pagati, cure mediche, tutte ottime agevolazioni, ma sono un di più gradito da chi lo riceve, ma per niente indispensabile.
Stessa cosa per le sponsorizzazioni: Lucic-Baroni ha giocato gli AO con un gonnellino Adidas ed una maglietta Nike che si era comprati lei.

Grazie, molto interessante. Se avrai occasione di poter postare altri dettagli di questo tipo sono molto graditi. Saluti

Si ma si espone a rischi pesanti. Per fare qualche gara equalche arbitraggio sto sempre dal medico sportivo perrinnovare tessere varie. Il caso della Schiavone è diverso, lì c’è un fine carriera, qui siamo tra inizio e intermedio. Non credo che l’assicurazione wta copra tutto. Metti il caso seguente: incidenti, attentato o problemi diplomatici avvenuti in una nazione estera, con necessario intervento della Farnesina. poi voglio vedere se la Federazione è utile!

Farnesina interviene per tutti…oppure devo iscrivermi alla Fit per essere salvato se fosse bisogno?

70
lorenzomanenti 02-04-2017 16:15

Scritto da Rodolfo

Scritto da Carl

Scritto da lorenzomanenti
Scusate: ma se non è iscritta alla FIT da 2011 (io sapevo dal 2015), come cavolo sta andando avanti coi documenti per giocare, visti medici, pass? Tutto in via privata? In teoria, potrebbe già giocare per qualunque nazionale.

Per giocare nel circuito WTA, o anche ITF, le federazioni nazionali non hanno nessun rilievo.
Certo, è tutto in forma privata, sono professionisti a livello internazionale ed a titolo individuale.
Per dirla tutta non è nemmeno necessario essere soci della WTA (o ATP), ad esempio Schiavone non è associata alla WTA (oltre a non essere tesserata FIT dal 2015), solo che non essendo socia deve pagare una quota di iscrizione per ogni torneo e non ha diritto ad avere il supporto della WTA in casi particolari, però si risparmia di pagare la quota annua di iscrizione.
Tutte le altre italiane di primo livello, inclusa Giorgi, sono socie WTA a pieno titolo.
Il vincolo è solo avere un ranking, rientrare nelle classi di età ed accettare di essere sottoposti ai controlli antidoping, poi ti puoi iscrivere a qualsiasi torneo internazionale.
Naturalmente se sei nelle grazie di una federazione o rientri nei loro programmi (ma la stessa cosa varrebbe per le varie accademie private, tipo IMG) hai sostegni, viaggi pagati, cure mediche, tutte ottime agevolazioni, ma sono un di più gradito da chi lo riceve, ma per niente indispensabile.
Stessa cosa per le sponsorizzazioni: Lucic-Baroni ha giocato gli AO con un gonnellino Adidas ed una maglietta Nike che si era comprati lei.

Grazie, molto interessante. Se avrai occasione di poter postare altri dettagli di questo tipo sono molto graditi. Saluti

Si ma si espone a rischi pesanti. Per fare qualche gara equalche arbitraggio sto sempre dal medico sportivo perrinnovare tessere varie. Il caso della Schiavone è diverso, lì c’è un fine carriera, qui siamo tra inizio e intermedio. Non credo che l’assicurazione wta copra tutto. Metti il caso seguente: incidenti, attentato o problemi diplomatici avvenuti in una nazione estera, con necessario intervento della Farnesina. poi voglio vedere se la Federazione è utile!

69
All day censored (Guest) 02-04-2017 15:01

Scritto da magilla
IO SONO UNO DI QUELLI CHE HA SEMPRE DIFESO LA FIT IN QUESTO BAILAMME GIORGI…E NON SOLO (per me la fit in questi ultimi anni ha dato una bella impennata al tennis italiano) ma devo dire che questa cosa del non tesseramento della giorgi è indifendibile.
quello che non cambia per me è la buona fede dei Giorgi….nulla mi toglie dalla testa che il sign. Giorgi sapeva benissimo questa cosa e ha puntato proprio su questo nel creare tutta questa storia!…..
MORALE : ignoranza FIT vs. malafede GIORGI

A impennare troppo a volte…si cappotta!

68
Massimo (Guest) 02-04-2017 14:59

Scritto da LuchinoVisconti

Non nominare il nome del pupillo invano!

Ops… :-X

67
tommaso (Guest) 02-04-2017 14:52

Scritto da GI
Non vorrei sbagliarmi ma “difetto di giurisdizione” non ha a che fare con il fatto se è tesserata, e comunque si può sempre ricorrere per cui non è finita.

Io fossi la federazione eviterei ulteriori figuracce

66
LuchinoVisconti (Guest) 02-04-2017 14:16

Scritto da Massimo
@ Carl (#1804108)
Perchè ho l’impressione che se nei panni di Camila Giorgi in questa situazione ci fosse stato Cecchinato, nulla di tutto questo sarebbe successo?

Non nominare il nome del pupillo invano!

65
Massimo (Guest) 02-04-2017 13:37

@ Carl (#1804108)

Perchè ho l’impressione che se nei panni di Camila Giorgi in questa situazione ci fosse stato Cecchinato, nulla di tutto questo sarebbe successo?

64
GI (Guest) 02-04-2017 13:37

Non vorrei sbagliarmi ma “difetto di giurisdizione” non ha a che fare con il fatto se è tesserata, e comunque si può sempre ricorrere per cui non è finita.

63
Massimo (Guest) 02-04-2017 13:35

@ Giuseppespartano (#1804096)

Emilio Fede docet!

62
magilla 02-04-2017 13:22

IO SONO UNO DI QUELLI CHE HA SEMPRE DIFESO LA FIT IN QUESTO BAILAMME GIORGI…E NON SOLO (per me la fit in questi ultimi anni ha dato una bella impennata al tennis italiano) ma devo dire che questa cosa del non tesseramento della giorgi è indifendibile.

quello che non cambia per me è la buona fede dei Giorgi….nulla mi toglie dalla testa che il sign. Giorgi sapeva benissimo questa cosa e ha puntato proprio su questo nel creare tutta questa storia!…..

MORALE : ignoranza FIT vs. malafede GIORGI

61
anto (Guest) 02-04-2017 12:43

@ Carl (#1804281)

Il mio era ed è solo un auspicio visto il disastro del settore femminile in cui si trova ora…….

60
pablox 02-04-2017 12:30

@ Carl (#1804281)

Trovo sempre molto interessanti i tuoi interventi. Grazie di fare chiarezza e di evitare il fangirling o fanboying che va tanto di moda

59
sabatino (Guest) 02-04-2017 11:59

Scritto da walter bertini
La questione grave è come può la Federazione (ente pubblico con sovvenzioni pubbliche -CONI) aver fatto un contratto con la Giorgi per l’attività agonistica (allenamenti,ecc) e aver speso/investito denari pubblici senza che la stessa sia tesserata alla Federazione, penso il CONI debba indagare….

58
Carl 02-04-2017 11:55

Scritto da anto
Ma se in queste settimane di silenzio da entrambe le parti …..ci sia una pacificazione tra le parti. ……..

Da lato Giorgi il silenzio è stata la regola fin dai primi contrasti, ed anche dopo questa sentenza di secondo grado il loro avvocato ha confermato la linea di condotta, cioè di non rilasciare nessuna dichiarazione finché non sarà conclusa anche la vicenda relativa ai contratti.

Dal lato FIT, dopo lo “sbracamento” di esternazioni a ruota libera immediatamente dopo l’esplosione del caso, anche loro ultimamente hanno scelto la più sensata via del silenzio.

Certamente sono in corso contatti per risolvere extragiudiziariamente la vicenda civile.

Curioso segnalare che qualche settimana fa era apparsa su un sito la notizia che ad una riunione di arbitrato sul caso si fosse presentato solo Binaghi, e nessuno da parte Giorgi. Sembrava una notizia motivata, ma poche ore dopo è stata cancellata dal sito stesso, e non ripresa da nessuno.
Difficile pensare che fosse inventata di sana pianta, più facile immaginare che entrambe le parti, FIT e Giorgi, vogliano mantenere il massimo riserbo sulla vicenda, ed abbiano imposto al sito di rispettare questa volontà.

Ricordo che, a differenza degli atti della giustizia ordinaria, tutto il procedimento arbitrale, ed in special modo il lodo che lo risolve, sono assolutamente confidenziali e non divulgabili.

57
Roberto (Guest) 02-04-2017 11:51

@ buongiorno (#1804262)

Nessuna delle due parti farà marcia indietro..La federazione nn vuole Camila in nazionale, e Sergio Giorgi nn manderà la figlia nelle “fossa dei leoni”.
Con buona pace di Tatiana Garbin e Camila

56
Shuzo (Guest) 02-04-2017 11:50

Scritto da tommaso

Scritto da Shuzo
Ho difeso Maria Sharapova dalle accuse di certe colleghe che sostenevano (e sostengono tuttora) che non avrebbe dovuto ricevere alcuno sconto di pena o nessuna wild card al rientro, con tutto che mi è sempre stata antipatica.
Stavolta, con tutto che Camila non mi è stata antipatica mai e non sono neanche una rivale invidiosa, mi permetto di dire che adesso questa faccenda sa di farsa. Se è vero che fatte le regole, nasce l’ipocrisia, qui si è scesi nel ridicolo. Non so se 9 mesi di squalifica fossero pochi o troppi, ma data una condanna, quella avrebbe dovuto essere applicata fino in fondo. Anche perché Camila e suo padre non hanno fatto marcia indietro su niente. Annullare la sentenza sulla base del mancato rispetto di un cavillo giuridico non si può proprio sentire.
Si sarebbe potuto parlare di riduzione in caso di ravvedimento dei Giorgi, non così. Non vorrei che si scadesse al livello di pregare i Giorgi affinché accettino di far giocare Camila in Fed Cup per vedere poi ripetersi le stesse sceneggiate dell’anno scorso. Sarebbe molto dannoso per tutto l’ambiente federale e per il tennis in generale.
Speriamo bene!

Ma quale cavillo??? La Federazione ha pestato una melma bella grossa con il non tesseramento della Giorgi. Se domani ti arriva una squalifica con multa da 30000 euro dalla Federazione tu non fai ricorso facendo leva sul fatto che non sei tesserato? Con quale diritto un giudice può obbligarti a pagare una Federazione della quale non fai parte? Hanno fatto una figura ridicola ed è giusto che vengano derisi! E ora io fossi i Giorgi passerei al contrattacco e chiederei il rimborso delle spese!

Veramente io mi riferivo al far parte o meno della squadra italiana di Fed Cup e al potersi allenare a Tirrenia, oltre che del poter usufruire o meno dei tecnici, dei preparatori atletici e dei medici sportivi della FIT.
Quanto alla figura ridicola sono pienamente d’accordo con te!

55
Giuliano da Viareggio (Guest) 02-04-2017 11:31

Di tutta questa storia resta solo un fatto gravissimo che non fa onore alla FIT: la nazionale italiana rischia la serie C a causa di puntigli, prese di posizione, altre sciocchezze che si sarebbero potute facilmente evitare se solo ci fossero stati altri dirigenti.

54
buongiorno (Guest) 02-04-2017 11:28

La mancanza di squalifica in pratica risolve qualche cosa ? Occorre che federazione e clan Giorgi si riparlino ed entrambi facciano un passo indietro rispetto alle posizioni che avevano motivato questa squalifica.

53
circ80 02-04-2017 10:39

Scritto da Carl

Scritto da piper
Per chi (come me) non è del settore la domanda sorge spontanea: “Per disputare incontri in nazionale vi è obbligo alcuno di tesseramento?”
Evidentemente no

Ovviamente no. Errani e Schiavone non sono più tesserate dal 2015, neanche Vinci nel 2017 ha rinnovato la tessera.

E, se non sbaglio, gira ancora la sua pubblicità pro tesseramento fit su super tennis..

52
walter bertini (Guest) 02-04-2017 10:37

La questione grave è come può la Federazione (ente pubblico con sovvenzioni pubbliche -CONI) aver fatto un contratto con la Giorgi per l’attività agonistica (allenamenti,ecc) e aver speso/investito denari pubblici senza che la stessa sia tesserata alla Federazione, penso il CONI debba indagare….

51
Grigio (Guest) 02-04-2017 10:30

SITUAZIONE RIDICOLA…CONVOCHIAMOLA PER LA PARTITA CON TAIPEI E FESTEGGIAMO A TARALLUCCI E VINO…MA DAI

50
anto (Guest) 02-04-2017 10:21

Ma se in queste settimane di silenzio da entrambe le parti …..ci sia una pacificazione tra le parti. ……..

49
LuchinoVisconti (Guest) 02-04-2017 10:08

Che peccato che la squalifica sia stata annullata!
Fosse stata ritenuta legittima avevo già in mente di fondare un club i cui NON ISCRITTI avrebbero dovuto versare 100.000 Euro sul mio conto corrente. :mrgreen:

48
MD (Guest) 02-04-2017 09:38

Pazzesco. E’ come se tu stessi camminando per strada, il controllore dell’autobus ti facesse la multa, e tu la dovessi pagare a un fruttivendolo. In corone danesi.
Avranno pure avuto un contratto, no? Si giudicherà sulla base di quello, santo e giusto cielo.
Mi sembra una gara a chi è più arrogante e approssimativo.
Per ora, 15 pari.
Anche perché ormai sono gli unici scambi di un qualche rilievo…

47
Fantumazz 02-04-2017 09:03

Scusatemi ragazzi, ci terrei tanto a lasciare un bel commento ma “Caccia e Pesca” mi ha appena squalificato…

46
tello (Guest) 02-04-2017 09:00

Un errore a dir poco grossolano…mah, mi pare talmente grossa da non poter essere vera.

45
Rodolfo 02-04-2017 07:56

Scritto da Carl

Scritto da lorenzomanenti
Scusate: ma se non è iscritta alla FIT da 2011 (io sapevo dal 2015), come cavolo sta andando avanti coi documenti per giocare, visti medici, pass? Tutto in via privata? In teoria, potrebbe già giocare per qualunque nazionale.

Per giocare nel circuito WTA, o anche ITF, le federazioni nazionali non hanno nessun rilievo.
Certo, è tutto in forma privata, sono professionisti a livello internazionale ed a titolo individuale.
Per dirla tutta non è nemmeno necessario essere soci della WTA (o ATP), ad esempio Schiavone non è associata alla WTA (oltre a non essere tesserata FIT dal 2015), solo che non essendo socia deve pagare una quota di iscrizione per ogni torneo e non ha diritto ad avere il supporto della WTA in casi particolari, però si risparmia di pagare la quota annua di iscrizione.
Tutte le altre italiane di primo livello, inclusa Giorgi, sono socie WTA a pieno titolo.
Il vincolo è solo avere un ranking, rientrare nelle classi di età ed accettare di essere sottoposti ai controlli antidoping, poi ti puoi iscrivere a qualsiasi torneo internazionale.
Naturalmente se sei nelle grazie di una federazione o rientri nei loro programmi (ma la stessa cosa varrebbe per le varie accademie private, tipo IMG) hai sostegni, viaggi pagati, cure mediche, tutte ottime agevolazioni, ma sono un di più gradito da chi lo riceve, ma per niente indispensabile.
Stessa cosa per le sponsorizzazioni: Lucic-Baroni ha giocato gli AO con un gonnellino Adidas ed una maglietta Nike che si era comprati lei.

Grazie, molto interessante. Se avrai occasione di poter postare altri dettagli di questo tipo sono molto graditi. Saluti

44
Virgili Federer 6-1 6-0 (Guest) 02-04-2017 07:29

E’ come se una azienda di insaccati di Bologna avesse applicato una sanzione disciplinare ad un impiegato di una azienda di divani di Caltanissetta.
E’ una cosa talmente fuori dal mondo e dagli orizzonti minimi delle ragionevolezza comune da apparire molto più che temeraria. Direi quanto meno emulativa, se non propriamente persecutoria e gratuitamente afflittiva, sotto il profilo professionale, umano e dell’immagine pubblica. Se fossi in Cami affilerei le lame per una azione di risarcimento di quelle che rimangono nella storia. E questi signori la meritano tutta.

43
Obionekenobi (Guest) 02-04-2017 07:28

Secondo me GROSSO PESCE 1 APRILE DI LIVETENNIS

42
Antonios (Guest) 02-04-2017 01:28

@ Antonios (#1804120)

*n. 1

41
Antonios (Guest) 02-04-2017 01:27

Il bisogno fondamentale di Binaghi era di darle una lezione. La sentenza era un mezzo e non un fine. Quando accade questo, nella giustizia ordinaria come in quella sportiva, i fondamenti del Diritto sono ribaltati. Della serie: ti abbiamo preso, un motivo per condannarti lo troviamo. Mi astengo dal fare paragoni con contesti similari ben più gravi di quello sportivo.Non escludo che potrebbero convocarla in Fed Cup anche perché sono convinto che Su Wei giocherà il che vuol dire, parere personale, essere sfavoriti. Intanto la numero 2 di Taiwan è in Europa a giocare un 60000 in Francia. Poi potrebbe andare in Svizzera anche se non ho visto l’entry list delle qualificazioni. In ultimo sui social, dove scrive in continuazione, non ha smentito né confermato e c’è aria di chiarimento. La Garbin potrebbe, fiutato il pericolo, potrebbe porre la questione e non sarebbe la prima giravolta nella storia della Fit.

40
antonio (Guest) 02-04-2017 01:20

@ Carl (#1804098)

sapete perchè non rinnovano la tessera queste ragazze che non hanno avuto problemi con la FIT e anzi mi risulta che la Schiavone dopo la vittoria al RG prese parecchi soldini dalla federazione ????

Grazie a chi mi sà rispondere

39
clipo 02-04-2017 01:15

Binaghi and company imbarazzanti. Ricordo che qualcuno ai tempi della squalifica aveva parlato di questa possibilità, ma io non credevo che realmente non fosse iscritta. Queste cose accadono quasi solo da noi, in altri paesi sarebbe saltata qualche poltrona dopo una figuraccia tale in federazione….. ma noi siamo in Italia

38
Guido Costa (Guest) 02-04-2017 01:14

Aspettiamo le dimissioni di Binaghi!

37
Carl 02-04-2017 00:54

Scritto da ago
Fa il paio con quella di cecchinato

E’ tutta un’altra cosa. Nel caso di Cecchinato la procura federale non ha rispettato i termini, è decaduto tutto automaticamente.
Qualche sprovveduto lo potrebbe chiamare un cavillo, ma non c’entra niente, non è stata una quisquilia procedurale ad annullare il caso, ma una grave inadempienza e mancanza di professionalità della procura federale.

Nel caso in questione invece è stato riscontrato un difetto basilare di giurisdizione, che ancora non è certo un cavillo, ma un punto fondante di ogni procedimento.
Come se un tribunale militare volesse giudicare in merito ad una causa di divorzio: non ha competenza nè giurisdizione.

Sono errori procedurali che minano di per sè ogni dibattimento, sono alla base del diritto, altro che cavilli.

36
Carl 02-04-2017 00:40

Scritto da lorenzomanenti
Scusate: ma se non è iscritta alla FIT da 2011 (io sapevo dal 2015), come cavolo sta andando avanti coi documenti per giocare, visti medici, pass? Tutto in via privata? In teoria, potrebbe già giocare per qualunque nazionale.

Per giocare nel circuito WTA, o anche ITF, le federazioni nazionali non hanno nessun rilievo.

Certo, è tutto in forma privata, sono professionisti a livello internazionale ed a titolo individuale.

Per dirla tutta non è nemmeno necessario essere soci della WTA (o ATP), ad esempio Schiavone non è associata alla WTA (oltre a non essere tesserata FIT dal 2015), solo che non essendo socia deve pagare una quota di iscrizione per ogni torneo e non ha diritto ad avere il supporto della WTA in casi particolari, però si risparmia di pagare la quota annua di iscrizione.

Tutte le altre italiane di primo livello, inclusa Giorgi, sono socie WTA a pieno titolo.

Il vincolo è solo avere un ranking, rientrare nelle classi di età ed accettare di essere sottoposti ai controlli antidoping, poi ti puoi iscrivere a qualsiasi torneo internazionale.

Naturalmente se sei nelle grazie di una federazione o rientri nei loro programmi (ma la stessa cosa varrebbe per le varie accademie private, tipo IMG) hai sostegni, viaggi pagati, cure mediche, tutte ottime agevolazioni, ma sono un di più gradito da chi lo riceve, ma per niente indispensabile.
Stessa cosa per le sponsorizzazioni: Lucic-Baroni ha giocato gli AO con un gonnellino Adidas ed una maglietta Nike che si era comprati lei.

35
Carl 02-04-2017 00:30

Scritto da piper
Per chi (come me) non è del settore la domanda sorge spontanea: “Per disputare incontri in nazionale vi è obbligo alcuno di tesseramento?”
Evidentemente no

Ovviamente no. Errani e Schiavone non sono più tesserate dal 2015, neanche Vinci nel 2017 ha rinnovato la tessera.

34
Giuseppespartano (Guest) 02-04-2017 00:22

Hauhauhauha ci voleva proprio questa ennesima figura di m…. da parte della federazione 😀

33
Anni80 (Guest) 02-04-2017 00:19

Scritto da Marcomp

Scritto da Paoli
Che roba ridicola, solo in italia poteva succedere questo

FIT= federazione italiana tacchini…..altro che tennis

Tacchini era il best nel vestiario dei tennisti negli anni 80!!!

32
tommaso (Guest) 02-04-2017 00:13

Scritto da fognissanti

Scritto da Carl
Ma secondo voi finisce qui?
La FIT non farà ricorso all’ultimo grado di giudizio, al CONI?
La squalifica era comunque irrilevante, i 30000 Euro meno.

probabilmente faran ricorso alla Sacra Rota, e se non basta alla corte di cassazione di Paperopoli xD

Se vogliono fare altre figure meschine ricorrano pure dove credono. Considerate che in tutto questo hanno parato sempre Binaghi e i suoi amichetti, dai Giorgi zero parole ma a quanto pare hanno avuto ragione loro

31
fognissanti (Guest) 02-04-2017 00:09

Scritto da Carl
Ma secondo voi finisce qui?
La FIT non farà ricorso all’ultimo grado di giudizio, al CONI?
La squalifica era comunque irrilevante, i 30000 Euro meno.

probabilmente faran ricorso alla Sacra Rota, e se non basta alla corte di cassazione di Paperopoli xD

30
tennisaddicted (Guest) 02-04-2017 00:07

Scritto da pinkfloyd
Ma la FIT non lo sapeva che non era tesserata FIT?

Certo che lo sapeva, ma è andata avanti lo stesso. Il Tribunale di primo grado aveva motivato la sentenza così:

“… non vi è dubbio che l’atleta Camila Giorgi, che svolge attività rilevante per l’ordinamento sportivo essendo affermata giocatrice professionista, rappresenti un soggetto giuridico autonomo rispetto alla figura del tesserato, ma come quest’ultimo debba essere sottoposto ad un giudizio disciplinare”.

Che tristezza eh…

29
tommaso (Guest) 02-04-2017 00:07

Scritto da Shuzo
Ho difeso Maria Sharapova dalle accuse di certe colleghe che sostenevano (e sostengono tuttora) che non avrebbe dovuto ricevere alcuno sconto di pena o nessuna wild card al rientro, con tutto che mi è sempre stata antipatica.
Stavolta, con tutto che Camila non mi è stata antipatica mai e non sono neanche una rivale invidiosa, mi permetto di dire che adesso questa faccenda sa di farsa. Se è vero che fatte le regole, nasce l’ipocrisia, qui si è scesi nel ridicolo. Non so se 9 mesi di squalifica fossero pochi o troppi, ma data una condanna, quella avrebbe dovuto essere applicata fino in fondo. Anche perché Camila e suo padre non hanno fatto marcia indietro su niente. Annullare la sentenza sulla base del mancato rispetto di un cavillo giuridico non si può proprio sentire.
Si sarebbe potuto parlare di riduzione in caso di ravvedimento dei Giorgi, non così. Non vorrei che si scadesse al livello di pregare i Giorgi affinché accettino di far giocare Camila in Fed Cup per vedere poi ripetersi le stesse sceneggiate dell’anno scorso. Sarebbe molto dannoso per tutto l’ambiente federale e per il tennis in generale.
Speriamo bene!

Ma quale cavillo??? La Federazione ha pestato una melma bella grossa con il non tesseramento della Giorgi. Se domani ti arriva una squalifica con multa da 30000 euro dalla Federazione tu non fai ricorso facendo leva sul fatto che non sei tesserato? Con quale diritto un giudice può obbligarti a pagare una Federazione della quale non fai parte? Hanno fatto una figura ridicola ed è giusto che vengano derisi! E ora io fossi i Giorgi passerei al contrattacco e chiederei il rimborso delle spese!

28
tommaso (Guest) 02-04-2017 00:04

Quelli della federazione sono dei dilettanti. Avevano tanta fretta di “punire” la Giorgi e di pubblicare una sentenza in tempo perché non fosse più eleggibile dalla Garbin per la sfida di febbraio che hanno prodotto una roba oscena e che – qualcuno lo ricorderà – già dall’inizio aveva dato l’impressione di essere per lo meno raffazzonata. Non c’era bisogno di essere esperti di diritto per capire che una Federazione non può squalificare una persona non tesserata. A parte i soliti 4 haters, si capiva come sarebbe andata in appello. Figura ridicola della Federazione che passerà sotto silenzio quando le trombette federali inizieranno a far girare le “veline” sul successo delle pre-quali al Foro Italico…

27
Shuzo (Guest) 01-04-2017 23:58

Ho difeso Maria Sharapova dalle accuse di certe colleghe che sostenevano (e sostengono tuttora) che non avrebbe dovuto ricevere alcuno sconto di pena o nessuna wild card al rientro, con tutto che mi è sempre stata antipatica.
Stavolta, con tutto che Camila non mi è stata antipatica mai e non sono neanche una rivale invidiosa, mi permetto di dire che adesso questa faccenda sa di farsa. Se è vero che fatte le regole, nasce l’ipocrisia, qui si è scesi nel ridicolo. Non so se 9 mesi di squalifica fossero pochi o troppi, ma data una condanna, quella avrebbe dovuto essere applicata fino in fondo. Anche perché Camila e suo padre non hanno fatto marcia indietro su niente. Annullare la sentenza sulla base del mancato rispetto di un cavillo giuridico non si può proprio sentire.
Si sarebbe potuto parlare di riduzione in caso di ravvedimento dei Giorgi, non così. Non vorrei che si scadesse al livello di pregare i Giorgi affinché accettino di far giocare Camila in Fed Cup per vedere poi ripetersi le stesse sceneggiate dell’anno scorso. Sarebbe molto dannoso per tutto l’ambiente federale e per il tennis in generale.
Speriamo bene!

26
pincopallone (Guest) 01-04-2017 23:57

ma è un pesce d’aprile? 🙂

25
Elpioco 01-04-2017 23:55

Ennesima bella figura della Fit però non male non sapere che non era tesserata fa sorridere e fa piangere allo stesso modo sembra che la Fit sogni ad occhi aperti o viva sulle nuvole o semplicemente non sanno quello fanno

24
pinkfloyd 01-04-2017 23:50

Ma la FIT non lo sapeva che non era tesserata FIT? 😆

23
Luca96 01-04-2017 23:49

Vicenda al limite del ridicolo.

22
Vecchiogiovi (Guest) 01-04-2017 23:32

Daltronde l’unica cosa di cui sia competente Binaghi è l’incasso degli internazionali d’Italia, del resto non gli interessa nulla. Ma tanta colpa nello specifico c’è l’ha Barazzutti.

21
lorenzomanenti 01-04-2017 23:29

Scusate: ma se non è iscritta alla FIT da 2011 (io sapevo dal 2015), come cavolo sta andando avanti coi documenti per giocare, visti medici, pass? Tutto in via privata? In teoria, potrebbe già giocare per qualunque nazionale.

20
Gian (Guest) 01-04-2017 23:21

Beh, che dire. Ma davvero una Federazione può pensare di squalificare un’atleta non iscritta? Mi sembra incredibile!

19
lorenzomanenti 01-04-2017 23:17

@ Marcomp (#1804014)

C’è sempre la UISP..

18
yonex (Guest) 01-04-2017 23:09

quindi ha giocato in fed cup senza essere tesserata ?

17
kicks (Guest) 01-04-2017 22:54

Il tribunale federale non si era accorto che la giorgi non era tesserata ???
Complimenti

16
radar 01-04-2017 22:53

Dilettanti allo sbaraglio in Federazione.
E burattini i giudici di primo grado.
Vicenda grottesca e vergognosa.

15
piper 01-04-2017 22:52

Per chi (come me) non è del settore la domanda sorge spontanea: “Per disputare incontri in nazionale vi è obbligo alcuno di tesseramento?”
Evidentemente no ❗

14
quoth (Guest) 01-04-2017 22:36

bene, sono proprio contento, Giorgi batte Binaghi 6/0 6/0

13
ealesia (Guest) 01-04-2017 22:33

Che pena…

12
ago (Guest) 01-04-2017 22:31

Fa il paio con quella di cecchinato

11
Marcomp (Guest) 01-04-2017 22:27

Scritto da Paoli
Che roba ridicola, solo in italia poteva succedere questo

FIT= federazione italiana tacchini…..altro che tennis 😛

10
lallo (Guest) 01-04-2017 22:24

Era inevitabile. Ed anche giusto.

9
Elpioco 01-04-2017 22:24

Pensavo che alla fine dell articolo ci fosse scritto pesce d aprile ma invece e’ tutto vero

8
Roberto (Guest) 01-04-2017 22:18

Avranno anche annullato la sentenza ma in sostanza nn verrà convocata cmq… Nessuno la vuole in azzurro nelle alte sfere

7
Kriss69forever 01-04-2017 22:16

Finalmente. Sbugiardati gli orrendi pagliacci del primo grado sportivo.

6
becu rules (Guest) 01-04-2017 22:15

Ennesima figura di melma di Binaghi & soci….

5
Carl 01-04-2017 22:13

Ma secondo voi finisce qui?
La FIT non farà ricorso all’ultimo grado di giudizio, al CONI?

La squalifica era comunque irrilevante, i 30000 Euro meno.

4
Virgili-Federer 6-1 6-0 (Guest) 01-04-2017 22:11

Geni

3
Cogito ergo sum; gli uomini hanno incominciato a filosofare a causa della meraviglia; io so di non sapere; l’uomo è una corda tesa fra la bestia e il superuomo (Guest) 01-04-2017 22:11

Squalifica orrenda e agghiacciante

2
Paoli (Guest) 01-04-2017 22:07

Che roba ridicola, solo in italia poteva succedere questo

1