Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Novak Djokovic: “Essere numero uno al mondo è ancora uno degli obiettivi. Voglio tornare in quella posizione, ma non è la priorità principale”

05/03/2017 10:45 19 commenti
Novak Djokovic classe 1987, n.2 del mondo
Novak Djokovic classe 1987, n.2 del mondo

Novak Djokovic ha parlato delle sue priorità e del suo futuro nel mondo del tennis.

Dichiara Novak: “Ho un figlio, una moglie, una famiglia, e mi sento fortunato a poter essere padre. Sono ad un punto della mia vita in cui sto cercando di essere il miglior marito, padre e tennista possibile. È impegnativo ma non impossibile. Tutti cercano di dare il meglio e anch’io lo faccio. Allo stesso tempo non posso essere al 100% ogni giorno in ogni ruolo, anche se cerco di dare il mio meglio.”

“Rispetto l’opinione di tutti, ognuno può dire ciò che pensa. Accetto la parte positiva. Tuttavia, non ripenso ad alcune storie che non hanno senso. Sono chi sono, da dove vengo, dove sono e dove andrò. Ognuno ha il diritto di fare le proprie scelte, di scegliere il modo in cui approcciare la vita, di pensare, e bisognerebbe avere rispetto per questo.”

“Continuo a giocare a tennis con la stessa passione e amore che avevo quando ho preso in mano la racchetta la prima volta. Il tennis mi rende forte, e mi dà delle grandi emozioni e fin quando lo sentirò, continuerò a giocare. Essere numero uno al mondo è ancora uno degli obiettivi. Voglio tornare in quella posizione, ma non è la priorità principale. Sarei contento se tornassi numero uno, ciò arriverebbe vincendo partite e facendo risultati. Mi alleno con la stessa intensità di sempre.”

“Sono pronto a nuove sfide, ad affrontare la nuova generazione di giocatori, a migliorare e ad avere una carriera lunga. Non vedo me stesso terminare la mia carriera a breve, nonostante abbia quasi 30 anni. Ho tanto da realizzare e da dimostrare sia a me che agli altri. Ma tenendo conto anche altre cose della mia vita, non posso separare la mia figura da tennista da quella privata, come padre, marito, figlio, fratello e amico. È questo che mi rende una persona completa.”


TAG: ,

19 commenti. Lasciane uno!

Gnazio (Guest) 07-03-2017 07:47

Non lo vedo in crisi , quello che vedo in crisi di vittorie ormai da un secolo è Nadal .

19
Giuseppespartano (Guest) 05-03-2017 22:13

Da quello che si legge è stato lui ha rovinare tutto, tradendo la moglie. Non il contrario 😀
Se tutta questa situazione sia effettivamente vera e reale.

18
pablox 05-03-2017 18:24

da qual che capisco è tutta colpa delle donne! :mrgreen:

17
yacu 05-03-2017 18:04

a vedere come gioca è più facile che esca dai top ten questo non
è neanche il bis cugino di novak

16
Hagakure (Guest) 05-03-2017 16:32

Scritto da LuchinoVisconti

Scritto da luca71
In questa intervista Djokovic conferma che il suo momento di crisi è dovuto a motivi familiari. Credo che solo se tornerà la serenità tra le mura domestiche potrà tornare anche un Djokovic numero uno al mondo.

E’ quello che ho detto da tempo. Purtroppo le donne sono spesso la causa del calo dei tennisti: la Bertè cancellò Borg dalla scena, e la moglie di Djokovic sta facendo altrettanto. L’unica all’altezza si è dimostrata la compagna di Federer e speriamo che la Penna faccia altrettanto!

Beh veramente qua è lui che a quanto dicono ha tradito la moglie !

15
Pierre herme the Picasso of pastry (Guest) 05-03-2017 15:21

Scritto da LuchinoVisconti

Scritto da luca71
In questa intervista Djokovic conferma che il suo momento di crisi è dovuto a motivi familiari. Credo che solo se tornerà la serenità tra le mura domestiche potrà tornare anche un Djokovic numero uno al mondo.

E’ quello che ho detto da tempo. Purtroppo le donne sono spesso la causa del calo dei tennisti: la Bertè cancellò Borg dalla scena, e la moglie di Djokovic sta facendo altrettanto. L’unica all’altezza si è dimostrata la compagna di Federer e speriamo che la Penna faccia altrettanto!

A m e n
Ma dai….

14
Almas (Guest) 05-03-2017 15:00

Scritto da LuchinoVisconti

Scritto da luca71
In questa intervista Djokovic conferma che il suo momento di crisi è dovuto a motivi familiari. Credo che solo se tornerà la serenità tra le mura domestiche potrà tornare anche un Djokovic numero uno al mondo.

E’ quello che ho detto da tempo. Purtroppo le donne sono spesso la causa del calo dei tennisti: la Bertè cancellò Borg dalla scena, e la moglie di Djokovic sta facendo altrettanto. L’unica all’altezza si è dimostrata la compagna di Federer e speriamo che la Penna faccia altrettanto!

È cosi purtroppo, non è più il Nole che in finale a Roma con Rafa al penultimo punto tira un dritto a 170, o che in finale con Rogeral Master fá 2 ace al ultimo game,

13
loki1875 (Guest) 05-03-2017 14:01

@ radar (#1784383)

Sono d’accordo che fino all’anno scorso non sarebbe sceso in campo per essere il numero due, adesso come dice anche lui le priorità sono cambiate e senza quella fame difficilmente sarà nuovamente numero uno. ma come dicevo probabilmente adesso a lui va bene così. In tutti gli sport individuali essere il numero 1 comporta oltre al talento grandi sacrifici. E stiamo parlando comunque di ragazzi che vivono la gioventù di e per il loro sport. Ci sta’ che dopo aver dimostrato di essere i migliori si tiri il fiato iniziando a vivere in modo diverso. Bene così, vedremo ancora Djokovic sui campi da tennis a regalarci belle partite ed emozioni, anche se difficilmente da numero uno. Poi chissà…

12
il luminare (Guest) 05-03-2017 13:42

leggendo tra le righe ci vuole dire che lui è la stessa persona di prima che facesse le corna alla moglie, il peso che porta dentro, insieme all’età che avanza, lo fanno essere più compassato nei campi da tennis e non solo, questa pesantezza comporta meno lucidità e forza fisica, cosi i risultati ne risentono e i tornei li vincono gli altri, poi anche se la moglie l’ha perdonato a livello mentale si sentirà una m…a, x quest’anno è quasi impossibile che torni numero uno, salvo che murray faccia disastri

11
frafra (Guest) 05-03-2017 13:34

Puntera’ forte Roland sarebbe il primo giocatore nella storia a vincere x due volte i 4 slam

10
bad_player (Guest) 05-03-2017 12:46

Questo secondo articolo di oggi su Nole è parecchio indicativo.
“non posso essere al 100% ogni giorno in ogni ruolo”…. la dice lunga sull’attuale stato mentale del serbo.
Chiede il rispetto per sue scelte personali e va bene, però alcune domande/considerazioni mi viene da farle:

– pensava davvero che, al giorno d’oggi, non sarebbe mai venuta fuori la storia con l’attrice indiana?
– la moglie, che fino a poco tempo fa voleva il suo conto da 150 MLN, è davvero ancora vicina a lui?
– sempre nel rispetto di una scelta mi aspetto, da tifoso, di non vederlo più spaccare racchette o dirsi deluso da una sconfitta; non avrebbe senso a questo punto….
– mi chiedo anch’io a cosa serve scendere in campo

9
radar 05-03-2017 12:34

@ loki1875 (#1784372)

Uno come lui non scende in campo per essere il nr.2.
Sono cambiate le priorità da alcuni mesi a questa parte: è sparita la fame e i risultati ne sono una inevitabile conseguenza.
Ma al di là dei risultati è la convinzione che muove tutto: non è più al 100% nel tennis.
Nulla di male, però senza determinazione non si va da nessuna parte, in nessun campo della vita.

8
Kaprof (Guest) 05-03-2017 12:25

Scritto da radar
“Tornare nr.1 non è la mia priorità”.
Non c’è altro da aggiungere..
Senza convinzione, senza sguardo famelico, senza quella voglia assoluta di tornare ad essere il migliore è inutile anche solo scendere in campo.
Sarà anche un Nole più completo e più umano, ma gli obiettivi sono mutati e sono stati rimescolati: i suoi avversari possono gongolare e ritagliarsi ruoli da comprimari che col serbo al meglio manco si potevano sognare.

Totalmente d’accordo con te

7
loki1875 (Guest) 05-03-2017 12:19

@ radar (#1784302)

Inutile scendere in campo? Ovvero se uno non può essere il numero uno al mondo il uno sport tanto vale non giocare? Sei serio?
A lui sta bene essere tra i primi 10 al mondo, facendo anche altro. Rispetto per la scelta. Il numero 1 se lo contenderanno altri. Gli unici che hanno il diritto di giocare pare…

6
grandepaci (Guest) 05-03-2017 11:55

io noto invece una gran consapevolezza che solo chi ha puo’ far la diffefenza tra essere top 10 e n 1 . e lui ha ancora una volta dimostrato di conoscersi bene e avere un gran equilibrio

5
LuchinoVisconti (Guest) 05-03-2017 11:55

Scritto da luca71
In questa intervista Djokovic conferma che il suo momento di crisi è dovuto a motivi familiari. Credo che solo se tornerà la serenità tra le mura domestiche potrà tornare anche un Djokovic numero uno al mondo.

E’ quello che ho detto da tempo. Purtroppo le donne sono spesso la causa del calo dei tennisti: la Bertè cancellò Borg dalla scena, e la moglie di Djokovic sta facendo altrettanto. L’unica all’altezza si è dimostrata la compagna di Federer e speriamo che la Penna faccia altrettanto!

4
Luca Martin (Guest) 05-03-2017 11:52

Che DELUSIONE!
Quando parla mi cascano le braccia.
E non mi rompete i c* perché oggi non è giornata.

3
radar 05-03-2017 11:25

“Tornare nr.1 non è la mia priorità”.
Non c’è altro da aggiungere..

Senza convinzione, senza sguardo famelico, senza quella voglia assoluta di tornare ad essere il migliore è inutile anche solo scendere in campo.
Sarà anche un Nole più completo e più umano, ma gli obiettivi sono mutati e sono stati rimescolati: i suoi avversari possono gongolare e ritagliarsi ruoli da comprimari che col serbo al meglio manco si potevano sognare.

2
luca71 05-03-2017 11:01

In questa intervista Djokovic conferma che il suo momento di crisi è dovuto a motivi familiari. Credo che solo se tornerà la serenità tra le mura domestiche potrà tornare anche un Djokovic numero uno al mondo.

1