Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Il ritorno di Maria Sharapova: la russa fa paura?

02/03/2017 08:06 35 commenti
Maria Sharapova classe 1987, ex n.1 del mondo
Maria Sharapova classe 1987, ex n.1 del mondo

Il rientro di Maria Sharapova nel circuito rappresenterà uno dei momenti forti della stagione tennistica 2017: dopo 15 mesi ferma ai box, giorno più giorno meno, la russa rimetterà piede su un campo da tennis, suo habitat naturale, e proverà a lasciarsi alle spalle lo stop per doping inflittole e tutte le polemiche che l’esclusione prima e il rientro anticipato poi hanno generato fra le colleghe nel circuito, fra gli addetti ai lavori e fra i tanti appassionati.

Ci sarà una vera e propria pioggia di wild card, con tornei che faranno a gara a proporle ingaggi faraonici per accaparrarsi la sua esclusiva presenza: in un periodo in cui Serena Williams gioca sempre meno appuntamenti l’anno e non si intravede una valida alternativa alla statunitense (Kerber in primis sta vivendo un periodo che definire particolare è un eufemismo…), un personaggio forte come la russa è sicuramente quello che la WTA desidera ardentemente, per ravvivare un ambiente leggermente annoiato e noioso. Manca una grande rivalità, con l’ultimo tentativo Serena versus Kerber per molti rivelatosi un fuoco di paglia (ingiusto, perché parliamo pur sempre di una bi-vincitrice Slam). Maria Sharapova si abbatterà sul circuito con la potenza devastante di un tornado: ma il suo, sarà un ritorno clamoroso solo dal punto di vista mediatico o potrà ambire la russa fin da subito, a successi e trofei?

Difficile, ma non impossibile: la Sharapova in questi mesi ha lavorato sottotraccia, senza mai abbandonare la racchetta, alternando piuttosto i suoi allenamenti ad attività che il fitto calendario di una stagione tennistica ha sempre bloccato sul nascere, come ad esempio un corso universitario di prestigio o il dedicarsi maggiormente ai suoi tanti negozi commerciali, con il guadagno di una serenità mentale ritrovata lentamente dopo lo shock di inizio 2016. La Sharapova tornerà con la voglia di recuperare il tempo perduto, il coltello fra i denti e la cattiveria delle occasioni migliori: il suo tennis la potrà collocare subito in alto, qualora la condizione fisica sia all’altezza, e non mi stupirei di vederla subito nelle fasi salienti di un torneo importante.

C’è una cosa che accomuna in questo momento Maria Sharapova e i suoi tanti tifosi sparsi per il globo terreste: in questi mesi difficili spesso avranno immaginato il rientro che si avvicina ogni giorno di più, momento atteso e che nei loro sogni più dolci terminava con la russa alzare al cielo un trofeo. I campioni riprendono subito il feeling con il campo, sicuramente Maria Sharapova saprà dimenticare il suo stop a suon di vittorie e un trofeo potrebbe arrivare prima di quanto ci si possa aspettare.


Alessandro Orecchio


TAG: ,

35 commenti. Lasciane uno!

Max72 (Guest) 03-03-2017 23:16

@ Volkl Italia (#1782612)

Murray è meglio che pensi a giocare, anziché ergersi a giudice moralista

35
Max72 (Guest) 03-03-2017 23:14

@ makko (#1782646)

anche basso e contador hanno vinto giro d’Italia e giro di Spagna dopo la squalifica, non per questo il ciclismo è meno bello

34
tommaso (Guest) 03-03-2017 09:44

Scritto da Cristian

Scritto da tommaso

Scritto da Luis
@ tommaso (#1782810)
Quando la Giorgi vincerà qualcosa come cinque slam senza contare il resto sarà trattata (forse ) come Maria.

Ma perché in tanti non sono capaci di restare sui binari della discussione e devono spostare l’obiettivo? Cosa c’entrano gli Slam? Qui si parla di SQUALIFICA PER DOPING.
Mi stai dicendo che se vinci 5 Slam puoi doparti, tornare e avere il tappeto rosso steso ovunque? E se invece sei un povero st*** niente? E se di Slam ne hai vinti 15, puoi doparti due volte?
Ma che discorsi sono???

Vabbè dai, doping ……..
parliamo di una sostanza che un mese prima era legale e ne facevano uso parecchi sportivi, solo che loro da gennaio 2016 l’hanno smessa perché magicamente diventata illegale, la Sharapova è stata polla…vero doping è altro

Quindi per cosa è stata squalificata? Cioè, la motivazione ufficiale quale è stata?

33
Cristian (Guest) 03-03-2017 00:38

Scritto da tommaso

Scritto da Luis
@ tommaso (#1782810)
Quando la Giorgi vincerà qualcosa come cinque slam senza contare il resto sarà trattata (forse ) come Maria.

Ma perché in tanti non sono capaci di restare sui binari della discussione e devono spostare l’obiettivo? Cosa c’entrano gli Slam? Qui si parla di SQUALIFICA PER DOPING.
Mi stai dicendo che se vinci 5 Slam puoi doparti, tornare e avere il tappeto rosso steso ovunque? E se invece sei un povero st*** niente? E se di Slam ne hai vinti 15, puoi doparti due volte?
Ma che discorsi sono???

Vabbè dai, doping ……..
parliamo di una sostanza che un mese prima era legale e ne facevano uso parecchi sportivi, solo che loro da gennaio 2016 l’hanno smessa perché magicamente diventata illegale, la Sharapova è stata polla…vero doping è altro

32
grandeflavia (Guest) 03-03-2017 00:21

Quando un atleta fa uso di doping lo fa per vincere. Ma non si limita a vincere, in genere stravince (vedi i casi di Ben Johnson, Lance Armstrong, Marion Jones). La Sharapova non é stata squalificata per doping. Le é stata riconosciuta la buona fede di aver preso un farmaco ma non per barare. La sua squalifica riguarda la negligenza per non aver visionato la lista con i nuovi principi attivi inseriti riguardanti i nuovi farmaci banditi. Questo é l’errore che ha commesso la Sharapova di cui peraltro si é assunta la responsabilità, e per cui ha pagato. Chi organizza tornei si deve preoccupare di vedere gli spalti pieni e non come é successo al torneo di Madrid del 2016 dove nella finale fra la Halep (che é stata n° 2 del mondo) e la Cibulkova (che poi a fine anno avrebbe vinto il master femminile) c’erano più cameramen che spettatori. Non é colpa della Sharapova se suscita più interesse delle altre giocatrici. Per quanto riguarda Murray, vuole fare il campione di codice etico ma dovrebbe preoccuparsi di applicare quel tanto decantato, dai britannici, fair play quando gioca, e non far finta di avere un dolore ad una gamba facendo credere all’avversario di non poter raggiungere la prossima pallina, salvo poi correre meglio e più di prima. Che la Sharapova non barasse è dimostrato dal fatto che ha perso cinque slam prendendo delle lezioni di tennis dalle sue avversarie, ma soprattutto dalla sconfitta in finale alle Olimpiadi del 2012 (quando il meldonium era legale per tutte le federazioni) contro la sua rivale di sempre che allora non batteva da otto anni e dove ha racimolato un solo game.

31
Fabjo (Guest) 02-03-2017 22:46

La sharapova andava radiata di basta. Brutto esempio per tutte le giovani tenniste che sudano tutti i risultati senza doparsi!! Per me è X

30
MM (Guest) 02-03-2017 20:20

Alle orecchie degli spettatori sicuramente sì :)!

29
tommaso (Guest) 02-03-2017 19:58

Scritto da Luis
@ tommaso (#1782810)
Quando la Giorgi vincerà qualcosa come cinque slam senza contare il resto sarà trattata (forse ) come Maria.

Ma perché in tanti non sono capaci di restare sui binari della discussione e devono spostare l’obiettivo? Cosa c’entrano gli Slam? Qui si parla di SQUALIFICA PER DOPING.

Mi stai dicendo che se vinci 5 Slam puoi doparti, tornare e avere il tappeto rosso steso ovunque? E se invece sei un povero st*** niente? E se di Slam ne hai vinti 15, puoi doparti due volte?

Ma che discorsi sono???

28
Carl 02-03-2017 19:51

Scritto da Luis
@ tommaso (#1782810)
Quando la Giorgi vincerà qualcosa come cinque slam senza contare il resto sarà trattata (forse ) come Maria.

E pensare che nelle aule di tribunale campeggia ancora quella assurda scritta: “La giustizia è uguale per tutti”.

Tanto poi nelle camere di consiglio c’è l’altra, ben più attuale:
“Di fronte alla giustizia tutti sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri”

27
Luis (Guest) 02-03-2017 19:39

@ tommaso (#1782810)

Quando la Giorgi vincerà qualcosa come cinque slam senza contare il resto sarà trattata (forse ) come Maria.

26
Antonella (Guest) 02-03-2017 17:10

Concordo anch’io ! Prepariamoci al grande rientro di Maria e alle sue meritate vittorie che ci mancano tanto . @@@

25
tommaso (Guest) 02-03-2017 16:49

Sulla questione wild card a Roma, “i primi a contattarmi”. Ma come, Binaghi? E la moralità? E l’intransigenza? Con una squalificata per doping tutti proni, con le italiane tutti a mostrare di averlo di ferro (il pugno)? Ahahahah senza vergogna ormai!

24
Phoedrus (Guest) 02-03-2017 15:17

Fa paure alle orecchie.

23
Bibi (Guest) 02-03-2017 14:47

Scritto da Bibi

Scritto da Bibi
Ogni partita vinta sarà un’iniezione di fiducia. E lei di iniezioni è una specialista.

22
pablox (Guest) 02-03-2017 14:22

A me fanno paura articoli come questi: :mrgreen: comunque io non credo molto al ritorno al vertice e a vittorie (quasi) immediate.
A parte la Clisters, che però aveva ben altro tennis e talento rispetto alla “sibero-americana” 😛 non ricordo nessun ritorno trionfale, Neppure la Henin, ed è tutto dire. Poi forse mi sbaglio, ma come diceva San Tommaso…. 😀

21
Denise (Guest) 02-03-2017 13:57

Mi auguro che non torni subito vincendo altrimenti significherebbe stendere un velo pietoso su tutto il resto della WTA.

20
Carl 02-03-2017 13:01

Scritto da s1070351
@ Luca Martin (#1782669)
Fosse anche vero, non lo è perché comunque erano bielorussi, sia pur vicini al confine ucraino, il disastro avvenne il 26 aprile 1986, lei è nata il 19 aprile 1987: a meno di gestazione pluriennale… al massimo sarà “siberiana occidentale”.
A parte che. risiedendo negli Stati Uniti dal 1993, magari è più americana che altro.

19
Carl 02-03-2017 12:52

Scritto da Il moralizzatore
D’accordo totalmente con Murray .
Ma d’altronde se qui si crede a Gasquet e al bacio di cocaina c’è poco da fare
Tutti a indignarsi per Kyrgios e Gulbis per gli atteggiamenti e le canne
Poi si perdona la Sharapova
Si guarda il palmares per giudicare una persona e non quello che ha fatto
Ottimo

Quale perdono?
E’ stata giudicata, condannata, ha espiato la pena.
Oggi è in pari con la giustizia sportiva, non vedo nessun perdono, prescrizione o altro.

Vogliamo dire che la giustizia umana è limitata e fallace, ed esiste un grado etico superiore?
Si può anche dire, certo che suona strano in un paese dove i valori etici sembrano legati storicamente anche alla fede religiosa, quella fede che ha come fondamento il principio del perdono illimitato e assoluto, posto che ci sia il pentimento e la penitenza.

18
s1070351 02-03-2017 12:37

@ Luca Martin (#1782669)

Fosse anche vero, non lo è perché comunque erano bielorussi, sia pur vicini al confine ucraino, il disastro avvenne il 26 aprile 1986, lei è nata il 19 aprile 1987: a meno di gestazione pluriennale… al massimo sarà “siberiana occidentale”.
A parte che. risiedendo negli Stati Uniti dal 1993, magari è più americana che altro.

17
pinkfloyd 02-03-2017 12:34

@ Luca Martin (#1782669)

Ah ok si, i genitori abitavano vicino Chernobyl, questo mi sembra di averlo sentito anch’io.
Vabbè, semplice curiosita. Ciao 🙂

16
ci provo (Guest) 02-03-2017 12:20

Non ho abbastanza elementi per esprimere un giudizio sulla vicenda-doping della Sharapova. La mia sensazione è che nei suoi confronti ci sia stata un po’ troppa severità (anche nelle dichiarazioni di alcuni suoi colleghi e/o colleghe) ma, ripeto, per dare un parere specifico bisognerebbe entrare nel merito di dettagli e situazioni che non conosciamo. O che io almeno non conosco. Quanto invece alle possibilità che torni al vertice, secondo me sono parecchie, anche perché mi sembra che il tennis femminile non stia vivendo un periodo di particolare brillantezza tecnica. Insomma, non mi stupirei affatto di rivederla tra le top five nel giro di un anno da quando ricomincerà a giocare.

15
Luca Martin (Guest) 02-03-2017 11:47

@ pinkfloyd (#1782652)

Avevo letto, ma potrei sbagliarmi perche’ e’ solo una reminiscenza, che dopo il ‘fattaccio’ di Chernobyl, la sua famiglia ‘scappo” piu’ lontano possibile, in Siberia, poi negli States.
Ciao!

14
magilla (Guest) 02-03-2017 11:39

Scritto da Luca Martin
Mi e’ diventata simpatica dopo aver visto una specie di documentario di lei al di fuori dei campi da tennis. La trovai, nella fattispecie, piu’ affettuosa, carismatica e affascinante che non con il gonnellino da Tennis.
Poi lo scandalo doping, in cui mi sono sentito di prendere le sue difese, forse con un po ‘ di azzardo. Ma giudicare e’ uno dei mestieri piu’ ardui e approssimativi che esistano.
Si’ mi sono schierato a suo favore, pur non essendo mai stato un tifoso della tennista ucraina,e il cui gioco non e’ mai stato il mio massimo.
In quel periodo c’era anche la tensione internazionale tra la Russia di Putin e gli States di Obama. E io parteggiavo spudoratamente per Putin, da appassionato di Judo e Sambo e avevo per Obama parecchie riserve, a causa del suo atteggiamento ‘pilatesco’ sulle vicende medio-orientali, le amicizie subdole con gli arabi e le zone oscure che a questi paesi sono legati.
Bentornata Maria! Sara’ difficile, ma da tigre qual e’ sapra’ rispondere con efficacia agli eventuali fischi e mugugni dei vari Murray sugli spalti.

mi sono perso il putin ambasciatore di pace nel mondo 🙄

13
pinkfloyd 02-03-2017 11:24

@ Luca Martin (#1782645)

Ucraina perché? Te lo chiedo perché magari sono io a non saperlo.

12
Il moralizzatore (Guest) 02-03-2017 11:20

D’accordo totalmente con Murray .
Ma d’altronde se qui si crede a Gasquet e al bacio di cocaina c’è poco da fare
Tutti a indignarsi per Kyrgios e Gulbis per gli atteggiamenti e le canne
Poi si perdona la Sharapova
Si guarda il palmares per giudicare una persona e non quello che ha fatto
Ottimo

11
makko (Guest) 02-03-2017 11:11

nessuna ulteriore vittoria le toglierà la sua grande colpa di cui sono corresponsabili chi per accondiscendenza lo ha permesso: lo sdoganamento del grUNt antisportivo: per colpa sua ora tennis è meno bello

10
Luca Martin (Guest) 02-03-2017 11:10

Mi e’ diventata simpatica dopo aver visto una specie di documentario di lei al di fuori dei campi da tennis. La trovai, nella fattispecie, piu’ affettuosa, carismatica e affascinante che non con il gonnellino da Tennis.
Poi lo scandalo doping, in cui mi sono sentito di prendere le sue difese, forse con un po ‘ di azzardo. Ma giudicare e’ uno dei mestieri piu’ ardui e approssimativi che esistano.
Si’ mi sono schierato a suo favore, pur non essendo mai stato un tifoso della tennista ucraina,e il cui gioco non e’ mai stato il mio massimo.
In quel periodo c’era anche la tensione internazionale tra la Russia di Putin e gli States di Obama. E io parteggiavo spudoratamente per Putin, da appassionato di Judo e Sambo e avevo per Obama parecchie riserve, a causa del suo atteggiamento ‘pilatesco’ sulle vicende medio-orientali, le amicizie subdole con gli arabi e le zone oscure che a questi paesi sono legati.
Bentornata Maria! Sara’ difficile, ma da tigre qual e’ sapra’ rispondere con efficacia agli eventuali fischi e mugugni dei vari Murray sugli spalti.

9
pinkfloyd 02-03-2017 11:04

Questa è già una questione più interessante e oggettiva su cui discutere.
Ma è comunque imponderabile e difficile da inquadrare, per ora.

Di sicuro Sharapova rientrerà per fare sul serio, per ritornare in alto, per ritornare a vincere, ma penso dovrà avere pazienza, non sarà tutto così facile, soprattutto all’inizio quando potrà incontrare chiunque nel suo cammino anche nei primi turni.
Il suo fisico è integro, comunque, da questo punto di vista non avrà problemi.
Sarà, più che altro, una questione mentale e di riassestamento, di ritrovarsi nel suo ambiente e nella sua professione,
di motivazioni e anche oneri forse ancora maggiori rispetto a prima.

Sarà un motivo di curiosità per tutti, per chi la venera e la idolatra in modo incondizionato e per chi, semplicemente, segue il tennis da comune appassionato o fruitore oggettivo delle sue dinamiche.

8
marypierce 02-03-2017 10:25

Una combattente come lei dopo questo stop forzato tornera’ piu’ agguerrita che mai. E se anche facesse fatica a rientrare, mi aspetto che trasformi questa fatica in ulteriore motivazione.

7
magilla (Guest) 02-03-2017 10:11

un bel punto interrogativo…il tennis femminile sta vivendo un periodo molto particolare dove una al 200mo posto puo’ battere una top 10…con tante giocatrici che sono state ai vertici negli ultimi 10 anni sembrano in crisi (petkovic,errani,lisicki ma anche suarez,makarova,safarova,jankovic,bencic).

un rientro complicato in quanto se non dovesse funzionare non voglio pensare alle polemiche che ne seguiranno…

6
Gili P. (Guest) 02-03-2017 10:10

ci sono campioni e supercampioni, Maria appartiene alla seconda categoria, il suo rientro non sarà anonimo semplicemente perché sa di non poter dare questa delusione non solo ai suoi tifosi ma soprattutto a se stessa.

sicuramente l’anno appena passato ha dato modo di mantenersi in forma e credo anche abbia sviluppato qualcosa in più nel suo gioco che solo nei prossimi mesi vedremo, non avendo il calendario a cui sottostare ha avuto il tempo per integrare nuovi colpi o maggiore sicurezza sui suoi fondamentali.

non penso proprio sia una persona a cui piace fallire nel rientrare sul circuito, di questo ne sono certo, pazienza se tante colleghe non la sopportano, problema loro, il talento e il carisma non si acquista e Maria ne ha da vendere.

5
Volkl Italia (Guest) 02-03-2017 10:01

Ha ragione Murray…

4
lallo (Guest) 02-03-2017 08:57

concordo

3
Varco74 (Guest) 02-03-2017 08:26

Troppe aspettative sportive riguardo a Maria …

2
Bibi (Guest) 02-03-2017 08:19
1