Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Jo-Wilfried, fai sul serio?

28/02/2017 08:10 8 commenti
Nella foto Jo Wilfried Tsonga
Nella foto Jo Wilfried Tsonga

Tsonga è uno di quei giocatori che incanta: un tennis potente sul campo, una prestanza fisico-atletica invidiabile, buon tennista e grande uomo, il cui carattere e l’affabilità da gentiluomo gli hanno fatto guadagnare le simpatie del circuito intero e di tutti i colleghi. Finalista agli Australian Open nel 2008, semifinalista a Wimbledon (2011-12) e al Roland Garros (2013-2015), quarti di finale raggiunti pure a New York nel 2011 e nel 2015, medaglista olimpico a Londra nel 2012 nel doppio insieme a Llodra, vincitore di 14 tornei nel circuito compresi due Masters1000 (Parigi-Bercy e Toronto): un profilo da campione, eppure quando si avvicina un torneo del Grande Slam, il giocatore francese non è mai dato fra i principali favoriti al successo finale. Perché? “Colpa” dei Fab4, “colpa” di Stan Wawrinka sempre pronto a piazzare la zampata vincente, di qualche infortunio di troppo o di un’incostanza che adesso potrebbe essere…una storia vecchia.
Il 2017 di Jo-Wilfried Tsonga è iniziato a tutta e il francese ha già messo il proprio sigillo su due tornei: se a Melbourne è arrivata la sconfitta contro Wawrinka (guarda un po’…) nei quarti di finale, successivamente sono arrivate due vittorie importanti all’ATP500 di Rotterdam e, la settimana seguente, nel torneo casalingo di Marsiglia, torneo feticcio e che ha già vinto 3 volte. Ma cosa ha di differente questo Tsonga a tal punto che in molti cominciano a pronosticarlo papabile vincitore Slam? La Francia aspetta dall’epoca di Noah e Leconte un giocatore in grado di alzare al cielo un trofeo del Grande Slam e adesso potrebbe giocarsi la sua carta migliore.

Una generazione d’oro che può e ha potuto contare su campioni del calibro di Monfils, Simon, Gasquet (oltre Tsonga appunto) che ha sempre trovato in un’oculata politica federale un valido appoggio: Tsonga è in un periodo di forma incredibile, tanto tennistica quanto fisica e una serie di contingenze favorevoli potrebbero adesso portarlo in alto.

Si vede che il francese ha lavorato come non mai, curando particolarmente il fondamentale del rovescio, desideroso come non mai di fare la voce grossa in un momento in cui i Fab4 arrancano per svariati motivi e quelli della new generation devono ancora dimostrare tutto il loro valore negli appuntamenti Slam. Classe ’85 Tsonga sa che i treni giusti non passeranno più così frequentemente, motivo per cui bisognerà spingere e crederci a più non posso nei tornei Major che verranno. Complice una serenità familiare che sembra avergli regalato un punto in più a suo favore.

Una vittoria Slam di Tsonga sarebbe un po’ la rivincita di tutti quelli che hanno smesso di crederci di fronte allo strapotere di una generazione che ha fatto razzia di trofei e successi di prestigio: non resta che crederci, fino in fondo, perché la possibilità questa volta, sembra davvero concreta.


Alessandro Orecchio


TAG:

8 commenti

carlo (Guest) 02-03-2017 09:34

@ no_comment (#1781855)

Spero sia come dici te e che mantenga questo periodo di forma. ma comunque a 31-32 anni non è per niente facile mantenersi ad alti livelli per più di qualche mese. è un bene per il tennis avere uno come lui ancora in Top10.
ovviamente acuto in qualche 1000 e in almeno uno slam

8
no_comment (Guest) 28-02-2017 22:22

@ carlo (#1781569)

Uno che vince due titoli in due settimane, non è in un periodo positivo, è in netta ascesa, è diverso! Merita molto di più rispetto a un Cilic, Berdych and co

7
carlo (Guest) 28-02-2017 15:26

A me piace un casino come giocatore! E’ un portento e avrebbe anche la testa per portarsi a casa match complicati. Ma secondo me è solo un periodo positivo per Tsonga e onestamente spero di sbagliarmi… non lo immagino costante per tutta la stagione e rimango della mia idea che non arriva in posizione utile per le ATP finals nonostante questi due tornei vinti.

6
christian (Guest) 28-02-2017 14:31

@ Raul Ramirez (#1781505)

esatto ho pensato e volevo scrivere la stessa cosa….come si fa a dire questo dopo l’australian open? 🙁 assurde certe cose davvero.. 😥 non solo ha vinto federer ma in finale c’era uno che si chiama nadal…..incredibile..il mondo capovolto… 😥

5
Raul Ramirez (Guest) 28-02-2017 14:01

…” in un momento in cui i Fab 4 arrancano…” ….???….ed io che avevo capito che a Melbourne, unico torneo importante disputato, avesse vinto un certo Federer….

4
ffedee 28-02-2017 12:21
3
Losvizzero 28-02-2017 12:04

Non mi dispiacerebbe per niente d’altronde se ce l’ha fatta un outsider come Cilic possono farcela tutti centrando la settimana perfetta, ma questo anno sono tornati Nadal delpo e il re assoluto quindi è notevolmente più difficile uno slam. Glielo auguro ma non credo proprio.

2
ASHTONEATON 28-02-2017 08:18

Eh si…. gran bel giocatore questo Tsonga!!!
E pensare che in qualche spot alcuni utenti si sono scandalizzati nel vederlo in top 10!!!
A mio avviso potrebbe presto portarsi a casa uno slam….
il francese ha tutto, fisicità, potenza, talento, forse gli manca un po’ di cattiveria agonistica…

1