Notizie dal Mondo Copertina, Generica

David Ferrer: “Mi piacerebbe stare per tutto l’anno tra i migliori 15 o 20 del mondo”

15/02/2017 08:22 5 commenti
David Ferrer nella foto
David Ferrer nella foto

Forte di grande maturità ed altrettanto affinata compostezza, David Ferrer si avvia verso la parte conclusiva della sua carriera. Lo spagnolo dimostra giorno dopo giorno ferma volontà di vivere appieno ogni istante della vita nel circuito e, nello stile che lo ha sempre contraddistinto, di dare tutto se stesso per trarre il massimo da ciascuna situazione. “Sono molto contento di tornare a Buenos Aires. Ho sempre percepito che la gente mi volesse bene, qui”, ha detto il campione delle edizioni 2012, 2013 e 2014 del torneo che si svolge nella capitale argentina.

A causa della presenza in tabellone di rivali del calibro di Kei Nishikori e Pablo Cuevas (specialista del rosso), Ferrer rischia quest’anno di non partire da principale favorito. “In un torneo come questo, ci possono sempre essere sorprese”, ha dichiarato, prima di svelare i propri obiettivi di classifica per la stagione in corso: “Mi piacerebbe stare per tutto l’anno tra i migliori 15 o 20 del mondo”, ha per l’appunto fatto presente, conscio della necessità di alzare l’asticella rispetto al livello attuale se vorrà raggiungere il proprio scopo.


Edoardo Gamacchio


TAG: ,

5 commenti

Mauro (Guest) 16-02-2017 04:49

Vamos David!! Carriera da sogno , con un finale ,speriamo ,con un grande risultato.
L’immagine che con il lavoro costante si riescono a realizzare risutati importanti. È stato n.3 al mondo !!!

5
Gabriele da Ragusa 15-02-2017 13:58

Grande ed umilissimo professionista. Da qst punto di vista lo adoro

4
Luca96 15-02-2017 13:21

Ferrer è in parabola discendente da un annetto..la top20 è difficile,fattibile la top30.

3
Marco (Guest) 15-02-2017 12:26

Scritto da bilbo
Cuevas viene dall Uruguay, non e’ il beniamino di casa

no, viene dall’argentina.
Successivamente ha preso passaporto uruguaiano

2
bilbo (Guest) 15-02-2017 09:22

Cuevas viene dall Uruguay, non e’ il beniamino di casa

1