Davis Cup 2017 Copertina, Generica, Video

Video del Giorno: Il quinto set dell’incontro tra Fognini e Pella e l’incontro con Maradona

06/02/2017 23:54 57 commenti
Fabio Fognini con Diego Armando Maradona
Fabio Fognini con Diego Armando Maradona

Video del Giorno: Il quinto set dell’incontro tra Fognini e Pella

Al termine del match vinto a Buenos Aires in 5 set contro Pella valido per gli ottavi di finale di Coppa Davis fra Argentina-Italia, Fabio Fognini su twitter ha postato una foto con Maradona presente a Buenos Aires.


TAG: , , ,

57 commenti. Lasciane uno!

pinkfloyd 07-02-2017 22:46

@ Insalatiera 76 (#1766553)

E’ una bella frase ma “un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi” che avevi scritto prima mi pare un tantino esagerato.
Di Maradona ce n’è uno solo, non è un fenomeno di costume che indica una tendenza.
E di sicuro io (né tutti quelli che apprezzano il lato sportivo di Maradona) non “idolatro” tutta la gente negativa, non faccio parte di un “chiaro segno” né di un “costume di questi tempi”.
Niente di importante, alla fine, quattro chiacchiere su internet fanno sempre bene, tutto sommato.

57
alexalex 07-02-2017 21:01

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766438)
Io ho sempre parlato del valore “artistico” di Maradona.
Molti qui non lo hanno mai nemmeno visto giocare, non erano nemmeno nati, non sanno nemmeno di cosa stiamo parlando.
E’ un giudizio sulla persona quello di chi lo ignora, a priori, che, se pur importante, non può non tenere conto del valore sportivo.
Poi “l’imbarbarimento” porta a questo lo capisco, meno male che c’è ancora gente per bene al mondo d’oggi…

Averla visto giocare o meno non deve incidere sul giudizio di una persona per qualcosa che non riguarda il calcio! Chi non lo ha visto giocare ma lo vede comportarsi da zoticone può comunque giudicarlo, a parer mio! Non stiamo parlando di come giocava a calcio!!!

56
Insalatiera 76 (Guest) 07-02-2017 20:55

Scritto da Marcus91

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

Che commento, complimenti, condivido su ogni parola!

Scritto da pinkfloyd
@ Insalatiera76 (#1766394)
Poi non c’è nessun “chiaro segno” di niente, stai giudicando una persona che considera Maradona “un artista” e, francamente, a casa mia, “imbarbarimento” è ben altro, anche esprimersi come fai tu, per esempio.
Sono nato nel 1970, grazie a dio ho vissuto tante epoche, se c’è “imbarbarimento” non è certo perché si giudica “artista” uno come Maradona.

La barbarie consiste nel mettere in primo piano una abilità rispetto alla cifra etica della persona.

55
pinkfloyd 07-02-2017 20:45

@ pallettaro (#1766438)

Io ho sempre parlato del valore “artistico” di Maradona.
Molti qui non lo hanno mai nemmeno visto giocare, non erano nemmeno nati, non sanno nemmeno di cosa stiamo parlando.
E’ un giudizio sulla persona quello di chi lo ignora, a priori, che, se pur importante, non può non tenere conto del valore sportivo.
Poi “l’imbarbarimento” porta a questo lo capisco, meno male che c’è ancora gente per bene al mondo d’oggi… 🙂

54
Giuseppespartano (Guest) 07-02-2017 20:22

Scritto da Luis
@ Giuseppespartano (#1766431)
Come non condividere?

😉

53
Fighter 90 07-02-2017 20:14

@ Insalatiera76 (#1766394)

Complimenti!!
Uno dei migliori post che abbia mai letto, per qualità e profondità di pensiero.

52
Marcus91 07-02-2017 19:58

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

Che commento, complimenti, condivido su ogni parola! 😎

51
Luis (Guest) 07-02-2017 18:34

@ Giuseppespartano (#1766431)

Come non condividere?

50
Giuseppespartano (Guest) 07-02-2017 17:44

Scritto da Fede-rer

Scritto da andi
allora ragazzi.Maradona preso come calciatore non si discute.Come persona invece sappiamo già tanto della sua vita privata per non parlare del fatto che (cosa più grave per me)non ha mai riconosciuto suo figlio come tale.In questa settimana si è comportato in maniera inadeguata non solo contro i tennisti italiani ma contro anche quelli argentini.Io rimango dell idea che della vita privata di queste persone me ne infischio possono fare ciò che gli pare finché non riguarda qualcosa su di me.L unico cosa che non sopporto di maradona,è che viene in italia e non ha ancora pagato quello che doveva allo stato perché in questo caso riguarda anche ame.Noi pur non essnedo milionari paghiamo le tasse,ciò che si deve allo stato invece lui questo non lo fa anzi si permette di venire in italia come se niente fosse.
Questo mio discorso è riferito solo per maradona,del selfie che ha fatto con fognini non mi importa

Condivisibilissimo! Da cittadino italiano l’evasione fiscale è la cosa che più mi infastidisce! Non è di certo l’unico. Ma io le tasse le pago e che lui venga accolto come il Messia in Italia alla faccia di chi si comporta onestamente proprio non mi va giù…
Poi vabbè, si è anche parlato molto di rapporti con brutte persone legate alla camorra, figli non riconosciuti ecc ecc ecc. Ma evidentemente saper toccare divinamente un pallone con il piede sinistro lo rende immune da qualuque considerazione negativa legata alla sua persona!
Ma non è la prima volta! Ci sono casi peggiori! Molto peggiori! Pensate a tutti coloro che, nonostante l’evidenza, volevano OJ Simpson libero solo perchè era stato un fenomeno!

Sono d’accordo con tutti e due.
Maradona è una persona come me,come tutti noi. Deve allo stato italiano tantissimi soldi.
Io pago le tasse. Perché questo qui non deve pagarle? O magari devo “passarci su” perché è un grande campione di calcio? Assolutamente no.
E nessuno osi dire che questo è populismo o cose varie.
È semplicemente la cruda realtà ma che molti non vogliono vedere. È un’ingiustizia senza se e senza ma.
Questo vale per chiunque eh. Non mi interessa se Pavarotti, gianna Nannini o tanti altri.
È un’offesa a chi le tasse le paga. Più soldi hanno e meno vogliono dare.
Un evasore fiscale ( e quindi ad esempio un Maradona), toglie quei soldi allo stato, cioè gli toglie a tutti noi.
La vogliamo capire questa cosa?

49
pallettaro (Guest) 07-02-2017 17:37

@ pinkfloyd (#1766423)

Sinceramente anche io quando ero ragazzo e guardavo le gesta di Maradona non mi interessava minimamente della sua vita fuori dal calcio.
Quando era in campo Maradona tutto cambiava. Anche gli avversari.
Nessun calciatore al mondo ha vinto scudetti da solo.
Si dice che i grandi giocatori vincono le partite da soli. Beh Maradona vinceva i campionati da solo. Qui fu la differenza con gli altri grandi del passato.
Detto questo, la sua grandezza, nel così crudele contrasto con la sua vita vera, me lo ha fatto umanamente scadere.
La sua invincibilità sul campo da calcio si è scontrata con la sua debolezza nella vita. Ma, si badi bene, la sua debolezza si è intrinsecamente legata a fatti e comportamenti davvero troppo sopra le righe.

48
pinkfloyd 07-02-2017 17:33

@ Insalatiera76 (#1766394)

Poi non c’è nessun “chiaro segno” di niente, stai giudicando una persona che considera Maradona “un artista” e, francamente, a casa mia, “imbarbarimento” è ben altro, anche esprimersi come fai tu, per esempio.
Sono nato nel 1970, grazie a dio ho vissuto tante epoche, se c’è “imbarbarimento” non è certo perché si giudica “artista” uno come Maradona.

47
Insalatiera76 07-02-2017 17:32

Scritto da Fede-rer

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

Perfetto ed inappuntabile: definitivo. A tratti mi sembrava di leggere Gianni Clerici. Chapeau

:mrgreen:

46
Giuseppespartano (Guest) 07-02-2017 17:27

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

Condivido. Bel commento.

45
pinkfloyd 07-02-2017 17:11

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

Non sono napoletano, l’ho scritto l’altro giorno, non tifo alcuna squadra di calcio (da ragazzino ero milanista innamorato di Baresi e poi di Van Basten, poi qualcosa ha fatto scemare il mio amore per il Milan) non è questione di calcio per me, ripeto.
Per me Maradona è un artista per quella che è la sua attività. E poi il calcio, come diceva qualcuno, è anche una metafora della vita, in fondo.
Per come ho vissuto io quell’epoca, per me Maradona era arte e poesia, un numero uno e quello che faceva in campo era più di tirare semplici calci al pallone.
Poi sono successe anche cose extra, ma quelle sono accadute dopo.

Così come un assolo di chitarra di David Gilmour è, per me, più di un
semplice esercizio manuale e asettico.
O un film di Bergman è molto più di un prodotto da “manovale” con la cinepresa in mano che fa un film.
E potrei andare avanti all’infinito.

La mia visione dell’arte è diversa dalla tua, che avrai altri riferimenti, e se Maradona non è un artista non saprei come definirlo.
Magari per qualcuno non merita di essere tale e il calcio non è certo paragonabile ad un’arte, ma io faccio un’eccezione.
In fondo è solo un’eccezione, anzi “l’eccezione”, per me.

44
Fede-rer 07-02-2017 16:57

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

Perfetto ed inappuntabile: definitivo. A tratti mi sembrava di leggere Gianni Clerici. Chapeau

43
andi (Guest) 07-02-2017 16:32

Scritto da Insalatiera76

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

42
Insalatiera76 07-02-2017 16:22

Scritto da pinkfloyd
@ pallettaro (#1766290)
E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato…

Mi trovo assolutamente in disaccordo con il definire genio o artista uno che ha avuto in dono dalla sorte la capacità di toccare il pallone col piede sinistro (o con una racchetta) con la stessa disinvoltura che tu avrai con la mano destra (o sinistra se mancino). Il numero uno di tutti i tempi nel tiro con l’arco, o il miglior maniscalco della storia, non sono considerati artisti. L’arte non può essere ridotta a mera capacità manuale (o pedale). L’artista è anche una grande anima, l’arte è intelligenza e sensibilità, la manualità è al più artigianato.
Quindi per favore riconduciamo le cose al buon senso, e non ricopriamo di gloria chi è stato un grande artigiano della pelota, ma essendo un uomo piccolo piccolo (di statura morale, ovviamente). Altrimenti dovremmo fare in ogni piazza un monumento ad ogni chirurgo, ad ogni soccorritore alpino, agli angeli del fango di Firenze, ai volontari di medici senza frontiere, e in confronto a Maradona persino a chi paga le tasse!
Inoltre trovo molto pericolosa, socialmente pericolosa, l’idolatria verso uomini dalla morale discutibile: un chiaro segno dell’imbarbarimento dei costumi di questi tempi. Maradona sarà pure stato determinante nel far vincere due scudetti alla tua squadra del cuore (suppongo sia così), ma tu abdichi dalle facoltà intellettuali che madre natura ti ha dato se ti rifiuti di giudicare i suoi comportamenti e non riesci più a scindere tra tifo ed etica.

41
Francesco (Guest) 07-02-2017 15:43

maradona come calciatore un grande come uomo piccolo piccolo,vada a pagare le tasse

40
pinkfloyd 07-02-2017 15:10

@ pallettaro (#1766290)

E lo so, ne ha combinate tante. Di certo una sua biografia potrebbe essere come una enciclopedia di 20 volumi 😀
Le so pure io queste cose ma, per quanto possa sembrare blasfemo, continuo a scinderle dal suo essere campione unico.
Non sono io che devo rimettergli i peccati, so che senza di lui ci sarebbe stato un artista assoluto in meno nel mondo, un numero uno assoluto in meno….e questo mi sarebbe dispiaciuto e sarebbe stato un peccato… 🙂

39
Fede-rer 07-02-2017 14:59

Scritto da andi
allora ragazzi.Maradona preso come calciatore non si discute.Come persona invece sappiamo già tanto della sua vita privata per non parlare del fatto che (cosa più grave per me)non ha mai riconosciuto suo figlio come tale.In questa settimana si è comportato in maniera inadeguata non solo contro i tennisti italiani ma contro anche quelli argentini.Io rimango dell idea che della vita privata di queste persone me ne infischio possono fare ciò che gli pare finché non riguarda qualcosa su di me.L unico cosa che non sopporto di maradona,è che viene in italia e non ha ancora pagato quello che doveva allo stato perché in questo caso riguarda anche ame.Noi pur non essnedo milionari paghiamo le tasse,ciò che si deve allo stato invece lui questo non lo fa anzi si permette di venire in italia come se niente fosse.
Questo mio discorso è riferito solo per maradona,del selfie che ha fatto con fognini non mi importa

Condivisibilissimo! Da cittadino italiano l’evasione fiscale è la cosa che più mi infastidisce! Non è di certo l’unico. Ma io le tasse le pago e che lui venga accolto come il Messia in Italia alla faccia di chi si comporta onestamente proprio non mi va giù…
Poi vabbè, si è anche parlato molto di rapporti con brutte persone legate alla camorra, figli non riconosciuti ecc ecc ecc. Ma evidentemente saper toccare divinamente un pallone con il piede sinistro lo rende immune da qualuque considerazione negativa legata alla sua persona!
Ma non è la prima volta! Ci sono casi peggiori! Molto peggiori! Pensate a tutti coloro che, nonostante l’evidenza, volevano OJ Simpson libero solo perchè era stato un fenomeno!

38
pinkfloyd 07-02-2017 14:54

@ alexalex (#1766259)

Fai benissimo, anche io apprezzo Federer in quanto artista.
Grandissimo artista.
Il fatto che sia anche “un santo” fuori dal campo per me è ininfluente.
Sarebbe rimasto per me un artista, anche in caso contrario.
Così come apprezzavo John McEnroe in quanto artista e, il fatto che abbia avuto un carattere particolare per me è assolutamente ininfluente, e lo avrei apprezzato anche se fosse stato mansueto e perfettino come Roger.
Avrei apprezzato “l’arte”, solo quella.

37
andi (Guest) 07-02-2017 14:40

allora ragazzi.Maradona preso come calciatore non si discute.Come persona invece sappiamo già tanto della sua vita privata per non parlare del fatto che (cosa più grave per me)non ha mai riconosciuto suo figlio come tale.In questa settimana si è comportato in maniera inadeguata non solo contro i tennisti italiani ma contro anche quelli argentini.Io rimango dell idea che della vita privata di queste persone me ne infischio possono fare ciò che gli pare finché non riguarda qualcosa su di me.L unico cosa che non sopporto di maradona,è che viene in italia e non ha ancora pagato quello che doveva allo stato perché in questo caso riguarda anche ame.Noi pur non essnedo milionari paghiamo le tasse,ciò che si deve allo stato invece lui questo non lo fa anzi si permette di venire in italia come se niente fosse.

Questo mio discorso è riferito solo per maradona,del selfie che ha fatto con fognini non mi importa

36
pinkfloyd 07-02-2017 14:15

Ognuno la pensa come vuole, ragazzi, per me Maradona è un artista vero e proprio, definirlo solo “calciatore” è riduttivo.
Ma la mia “cultura” mi porta a dire questo (e non significa che altri non ne abbiano o debba essere uguale alla mia), il mio modo di seguire e percepire la musica, il cinema, la letteratura, l’arte in generale, mi porta a dire questo.
E anche il mio modo di concepire la “vita” mi porta a dire che, se volessi analizzare e “freudizzare” tutti i personaggi dell’arte in modo bigotto, non potrei viverne l’essenza principale, che è per me principale e unica, appunto, la vera e sola essenza.
Non che una artista debba essere giustificato se è un serial killer o cose del genere, anche perché non è questo il caso e penso che il “genio” sia una caratteristica positiva e non negativa e, alla fine, a me quella rimane, di qualsiasi artista si stesse parlando che sia espressione di qualsiasi forma d’arte.

Poi stiamo andando oltre il nostro ruolo in un sito di tennis, mi scuso anche per questo, anche se il confronto dialettico e garbato in ogni dove e per qualsiasi argomento è sintomo di “vita” stessa.

35
Fede-rer 07-02-2017 13:46

Scritto da pinkfloyd

Scritto da pallettaro
@ Fede-rer (#1766159)
E infatti. Per quello ho scritto: punto e fine.
Detto questo concordo con i tuoi post circa il Maradona fuori dal campo.
Personaggio discusso e discutibile come lo furono George Best e altri campioni in altri sport.
Fuori dal campo.

George Best non è Maradona. Di campioni non irreprensibili ce ne sono, anche milioni e milioni di persone comuni, se è per questo.
Non è questo il punto: Maradona è un genio, non un semplice campione, un unico, e la sua grandezza sportiva travalica anche il semplice essere calciatore.
Si chiama arte.
Nessuno dice che non sia discutibile come persona, è sotto gli occhi di tutti, ma questo accanimento bigotto contro di lui è altresì discutibile.
Poi ognuno la pensa come vuole: per me l’arte va giudicata per quello che è, e il genio non può essere discusso o sminuito, fino a ribaltarne le parti e la realtà.
Tanto Maradona verrà ed è ricordato come campione immenso e unico nella sua arte. E solo per questo.
Anche se molti si affretteranno affannosamente (e inutilmente) a sminuirlo, cancellando quella che è la sua prerogativa primaria, quella dell’essere artista e, insieme a lui, quella di tutti gli artisti numeri uno imperfetti di ogni arte (e ne è pieno il Mondo).

Dai, non esageriamo… Queste sono iperboli. Il calcio NON è arte. Punto. Il calcio è uno sport, che come tutto gli altri può piacere o non piacere, ma anche il più grande dei calciatori NON può essere definito un artista… Non scherziamo.
Ma anche ponendo a livello puramente ipotetico che lo sia, non vedo perché si debba considerare inscindibile l’artista e la persona! L’artista deve essere giudicato in quanto tale, la persona invece può discostarsi anche totalmente dalla brillante figura da artista. L’essere un artista di livello, o in questo caso un grande giocatore, non garantisce un’elevazione morale automatica.. Sembra che molti facciano questa equazione: grande artista = grande uomo. Oppure, quanto meno, se uno è un grande artista gli debbono essere rimessi tutti i peccati.

34
pallettaro (Guest) 07-02-2017 13:35

@ pinkfloyd (#1766251)

Il tutto accresciuto dal suo ego pinkfloyd.
Il tutto condito da una assoluta mancanza di sobrietà nella vita di tutti i giorni.
Assieme a Jordan, Federer e pochi altri può essere considerato un artista ed un genio dello sport, ma per questo è impossibile non parlare del presente o del vissuto. Sono personaggi pubblici piaccia o no.
Ed è invero difficile non parlare di:
– squalifica per doping
– sparare con il fucile a dei giornalisti
– farsi di cocaina un giorno sì e l’altro pure
– investire con la Jeep una cabina telefonica ferendo le persone ivi incluse e scappando senza prestare soccorso e negando perfino l’accaduto
– dare un pugno in testa ad una donna che stava discutendo con sua figlia
– insultare ripetutamente Starace durante una partita per il solo torto di giocare contro Nalbandian. Perfino Starace stesso, tifoso del Napoli non è riuscito a perdonarlo (tanto per far capire a che livello fossero tali insulti).
– fingersi italiano a comando per poi insultarci e prenderci in giro una volta girato l’angolo.
Detto questo è stato il più grande calciatore di sempre.

33
LuchinoVisconti (Guest) 07-02-2017 13:30

@ Fighter 90 (#1766278)

D’accordo su quello che dici, ma lasciamo stare Starace, per cortesia!

32
Fighter 90 07-02-2017 13:24

@ Fede-rer (#1766048)

Penso che il tuo post sia corretto, ineccepibile, e rispecchi la realtà, quindi sono d’accordo con te.

Che lui tifi il suo paese va benissimo, ma il continuo urlare e insultare che ha fatto in questi giorni contro i nostri tennisti,è gratuito e scorretto, inqualificabile.

Ci siamo dimenticati come insultò il povero Starace a Buenos Aires! Il signor Maradona prima impari a rispettare le persone, perché l’essere stato un campione, non gli da alcun diritto a tenere comportamenti osceni e all’insultare come un invasato chi non gli aggrada.

31
John Patrick (Guest) 07-02-2017 13:20

@ pinkfloyd (#1766251)

Comunque io critico i suoi atteggiamenti sociali irrispettosi. Le sue scelte private sono cose personali e al limite saranno gli interessati a criticarle, non certo noi.

30
alexalex 07-02-2017 13:16

Scritto da pinkfloyd

Scritto da pallettaro
@ Fede-rer (#1766159)
E infatti. Per quello ho scritto: punto e fine.
Detto questo concordo con i tuoi post circa il Maradona fuori dal campo.
Personaggio discusso e discutibile come lo furono George Best e altri campioni in altri sport.
Fuori dal campo.

George Best non è Maradona. Di campioni non irreprensibili ce ne sono, anche milioni e milioni di persone comuni, se è per questo.
Non è questo il punto: Maradona è un genio, non un semplice campione, un unico, e la sua grandezza sportiva travalica anche il semplice essere calciatore.
Si chiama arte.
Nessuno dice che non sia discutibile come persona, è sotto gli occhi di tutti, ma questo accanimento bigotto contro di lui è altresì discutibile.
Poi ognuno la pensa come vuole: per me l’arte va giudicata per quello che è, e il genio non può essere discusso o sminuito, fino a ribaltarne le parti e la realtà.
Tanto Maradona verrà ed è ricordato come campione immenso e unico nella sua arte. E solo per questo.
Anche se molti si affretteranno affannosamente (e inutilmente) a sminuirlo, cancellando quella che è la sua prerogativa primaria, quella dell’essere artista e, insieme a lui, quella di tutti gli artisti numeri uno imperfetti di ogni arte (e ne è pieno il Mondo).

Mi spiace ma secondo me le due cose non vanno di pari passo. Se una persona si comporta scioccamente, si definisce sciocco! Sia che sia stato il più grande calciatore della storia, sia che sia un impiegato delle poste (per citare una categoria a caso). Le persone che attaccano Maradona per certi suoi comportamenti non sminuiscono ciò che è stato come calciatore. E se è stato un fenomeno del calcio non vuol dire che possa fare ciò che vuole senza almeno prendersi gli insulti quando se li merita!

29
alexalex 07-02-2017 13:07

Scritto da pinkfloyd
Ma quanto la fate lunga però…
Nessuno di voi è mai stato Maradona e nessuno di voi sa cosa significa essere Maradona.
Essere un peronaggio così popolare ed un numero uno può comportare anche non avere una vita irreprensibile, sennò non avrebbe senso il modo di dire “genio e sregolatezza”.
Preferisco ammirare una persona così, unica e con tante debolezze, piuttosto che gente che sta sempre a brontolare non essendo nessuno e che non mi trasmette niente.
In Italia si parla troppo, lo dico sempre, si parla e parla e parla, si giudica, si sproloquia, si esamina e si parla, si parla, si scrive, si scrive. Di tutto, dalla politica fino al banale calcio.
Dalla mattina alla sera di ogni giorno della vita.
Allora diciamo pure che John Lennon era una cretino perché era drogato, che Leonardo da Vinci era un poveraccio perché aveva determinate tendenze sessuali, che Einstein era ebreo e quindi di una razza inferiore ecc ecc
Si può dire che Maradona può essere una persona discutibile e antipatica ma questo farne un mentecatto e un genio del male me lo fa amare ancora di più.
Per me un artista è un artista e basta, un genio è un genio ed è più che sufficiente.
Quante chiacchiere, mamma mia.

Ok! Io preferisco un “genio e regolatezza”, tipo Roger Federer! Maradona del tennis a livello tecnico, persona seria fuori dallo sport!

28
pinkfloyd 07-02-2017 12:58

Scritto da pallettaro
@ Fede-rer (#1766159)
E infatti. Per quello ho scritto: punto e fine.
Detto questo concordo con i tuoi post circa il Maradona fuori dal campo.
Personaggio discusso e discutibile come lo furono George Best e altri campioni in altri sport.
Fuori dal campo.

George Best non è Maradona. Di campioni non irreprensibili ce ne sono, anche milioni e milioni di persone comuni, se è per questo.
Non è questo il punto: Maradona è un genio, non un semplice campione, un unico, e la sua grandezza sportiva travalica anche il semplice essere calciatore.
Si chiama arte.
Nessuno dice che non sia discutibile come persona, è sotto gli occhi di tutti, ma questo accanimento bigotto contro di lui è altresì discutibile.

Poi ognuno la pensa come vuole: per me l’arte va giudicata per quello che è, e il genio non può essere discusso o sminuito, fino a ribaltarne le parti e la realtà.
Tanto Maradona verrà ed è ricordato come campione immenso e unico nella sua arte. E solo per questo.
Anche se molti si affretteranno affannosamente (e inutilmente) a sminuirlo, cancellando quella che è la sua prerogativa primaria, quella dell’essere artista e, insieme a lui, quella di tutti gli artisti numeri uno imperfetti di ogni arte (e ne è pieno il Mondo).

27
Luis (Guest) 07-02-2017 12:24

@ Pierre herme the Picasso of pastry (#1766063)

Mi associo .

26
pallettaro (Guest) 07-02-2017 11:48

@ alex63 (#1766175)

Ma che centra scusa? Addirittura positivo non lo possiamo dire. Andrebbe chiesto ai suoi figli o a chi ha subito i suoi eccessi.
La sua grandezza in campo non cancella le cose che ha fatto fuori dal campo.
La sfera privata, se non va giudicata, non deve essere un esempio positivo o negativo.

25
pallettaro (Guest) 07-02-2017 11:44

@ Fede-rer (#1766159)

E infatti. Per quello ho scritto: punto e fine.
Detto questo concordo con i tuoi post circa il Maradona fuori dal campo.
Personaggio discusso e discutibile come lo furono George Best e altri campioni in altri sport.
Fuori dal campo.

24
GianlucaPozziPerSempre (Guest) 07-02-2017 11:43

Quoto in toto PinkFloyd ed aggiungo semplicemente

DIEGO ARMANDO MARADONA

23
alex63 (Guest) 07-02-2017 11:13

PerzI@ pinkfloyd (#1766163)
Io sono felice di avere avuto l onore di vedere giocare Maradona, per Me Il piu Grande giocatore che di calcio che Io abbia Mai visto, per la Sua vita privata ha pagato in prima persona, ne é uscito e anche questo merito le vá riconosciuto e puó essere un esempio positivo

22
Thetis. 07-02-2017 11:12

Scritto da vincenzo
Maradona non si discute..si ama…e stop!

Ma anche no

21
Alberto Bonimba (Guest) 07-02-2017 11:11

Scritto da pinkfloyd
Ma quanto la fate lunga però…
Nessuno di voi è mai stato Maradona e nessuno di voi sa cosa significa essere Maradona.
Essere un peronaggio così popolare ed un numero uno può comportare anche non avere una vita irreprensibile, sennò non avrebbe senso il modo di dire “genio e sregolatezza”.
Preferisco ammirare una persona così, unica e con tante debolezze, piuttosto che gente che sta sempre a brontolare non essendo nessuno e che non mi trasmette niente.
In Italia si parla troppo, lo dico sempre, si parla e parla e parla, si giudica, si sproloquia, si esamina e si parla, si parla, si scrive, si scrive. Di tutto, dalla politica fino al banale calcio.
Dalla mattina alla sera di ogni giorno della vita.
Allora diciamo pure che John Lennon era una cretino perché era drogato, che Leonardo da Vinci era un poveraccio perché aveva determinate tendenze sessuali, che Einstein era ebreo e quindi di una razza inferiore ecc ecc
Si può dire che Maradona può essere una persona discutibile e antipatica ma questo farne un mentecatto e un genio del male me lo fa amare ancora di più.
Per me un artista è un artista e basta, un genio è un genio ed è più che sufficiente.
Quante chiacchiere, mamma mia.

Concordo !

20
Piw (Guest) 07-02-2017 11:07

@ Insalatiera76 (#1766105)

Insalatiera hai fatto un ottimo commento che considero mio.
non ho nessuna stima verso il maradona uomo. Non mi piace punto

19
pinkfloyd 07-02-2017 10:52

Ma quanto la fate lunga però…
Nessuno di voi è mai stato Maradona e nessuno di voi sa cosa significa essere Maradona.
Essere un peronaggio così popolare ed un numero uno può comportare anche non avere una vita irreprensibile, sennò non avrebbe senso il modo di dire “genio e sregolatezza”.
Preferisco ammirare una persona così, unica e con tante debolezze, piuttosto che gente che sta sempre a brontolare non essendo nessuno e che non mi trasmette niente.
In Italia si parla troppo, lo dico sempre, si parla e parla e parla, si giudica, si sproloquia, si esamina e si parla, si parla, si scrive, si scrive. Di tutto, dalla politica fino al banale calcio.
Dalla mattina alla sera di ogni giorno della vita.

Allora diciamo pure che John Lennon era una cretino perché era drogato, che Leonardo da Vinci era un poveraccio perché aveva determinate tendenze sessuali, che Einstein era ebreo e quindi di una razza inferiore ecc ecc

Si può dire che Maradona può essere una persona discutibile e antipatica ma questo farne un mentecatto e un genio del male me lo fa amare ancora di più.
Per me un artista è un artista e basta, un genio è un genio ed è più che sufficiente.

Quante chiacchiere, mamma mia.

18
Fede-rer 07-02-2017 10:33

Scritto da pallettaro
@ Fede-rer (#1766048)
Maradona è stato il campione di calcio maggiormente sotto i riflettori. Per questa ragione ha fatto vedere sia il meglio che il peggio di sé.
Certo, rispetto ad altri campioni ne ha fatte di più.
Lui stesso ha sempre ammesso debolezze e problemi.
Dipendenza da alcool, droghe, tradimenti, problemi con il fisco e chi più ne ha più ne metta.
Ho la mia idea, ognuno deve farsela e come te non ho stima del Maradona uomo.
Detto questo è stato il più grande calciatore di tutti i tempi. Punto e fine.

E chi lo mette in dubbio? Non stavo mica giudicando il Maradona-calciatore! E’ un sito di tennis, non di calcio!

17
LuchinoVisconti (Guest) 07-02-2017 10:33

Ripensandoci, e col senno di poi, ci è andata di lusso.
Se avessimo giocato con la classifica odierna (n.1 Fognini e n.2 Lorenzi) nella prima giornata avrebbero giocato Seppi-Pella e Lorenzi-Berlocq.
Altro che 2-0 per noi! Poteva finire 1-1 se non 0-2

16
pallettaro (Guest) 07-02-2017 09:55

@ Fede-rer (#1766048)

Maradona è stato il campione di calcio maggiormente sotto i riflettori. Per questa ragione ha fatto vedere sia il meglio che il peggio di sé.
Certo, rispetto ad altri campioni ne ha fatte di più.
Lui stesso ha sempre ammesso debolezze e problemi.
Dipendenza da alcool, droghe, tradimenti, problemi con il fisco e chi più ne ha più ne metta.
Ho la mia idea, ognuno deve farsela e come te non ho stima del Maradona uomo.
Detto questo è stato il più grande calciatore di tutti i tempi. Punto e fine.

15
proio 07-02-2017 09:53

Fabio rimane comunque un gran bel figo

14
Fede-rer 07-02-2017 09:30

Scritto da ASHTONEATON

Scritto da Fede-rer

Scritto da Vavi
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

Scusate se intervengo…
per giudicare così un campione, ma anche una qualsiasi persona, bisogna conoscerla non credi?ci hai mai parlato?lo conosci bene???conosci la sua storia umana?sai da dove viene?dove è cresciuto??
si sapeva benissimo, cosa avremmo trovato in Argentina, un gran tifo caloroso fino alla fine che ha incredibilmente motivato mediocri argentini sulla carta nettamente inferiori ai nostri, portandoli quasi alla vittoria…. per questo la vittoria di Fabio è stata grandiosa!!!
scorrettezze ce ne sono state da parte del pubblico e di certo Fabio non gliela mandate a dire… eh eh eh!
Ma alla fine tutti hanno applaudito Fabio e la squadra italiana senza nessun tipo di episodio di violenza…
il giocatore di calcio più grande di tutti i tempi, secondo molti, credi abbia bisogno di pubblicità e farsi una foto con Fabio?????
Vabbe dai….
ps. Ti ricordo che anche il tifo italiano spesso è stato non molto corretto…solo da noi si son visti volare in campo panino con la mortadella e boccette di amaro…

Vorrei ribattere punto su punto… Ci provo.

1) No, non ho mai avuto la (s)fortuna di conoscere Maradona. Non lo conosco personalmente e perciò non posso dare un parere a 360° con cognizione di causa su di lui. Come tutti i personaggi famosi Maradona ha però un’immagine pubblica… E come in molti altri casi noi possiamo “giudicare” (sarebbe meglio dire valutare) l’immagine pubblica di ciascun personaggio… E direi che la vita di Maradona è piena di frasi fuoriluogo, uscite maleducate, prese di posizione sgradevoli, droga, evasioni fiscali ecc ecc ecc. Anche se non sono un suo amico penso di poter esprimere un mio parere in base alle informazioni di cui sono in possesso. Ecco, tra tutti i personaggi famosi non direi certo che Maradona sia un esempio da seguire per i giovani bla bla bla…

2) A fine partita siamo stati applauditi? Ma che partita hai visto? Hai visto l’immediato post-partita su Supertennis? Persino l’inviato ha detto che hanno avuto un’accoglienza terribile. Mentra l’Italia festeggiava è dovuta entrare la sucurity, i giocatori stavano ricevendo insulti pesantissimi e minacce! Non riuscivano neanche a concludere una intervista! Ed è anche andato Schwatzman a insultare ecc… Va bene tutto, ma modificare la realtà immortalata dalle telecamenre mi sembra troppo.

3) E’ vero, ci aspettavamo un tifo infuocato e così è stato! E’ la coppa Davis e si sa che le cose funzionano così! Soprattutto in Sud America il fattore ambientale è sempre da considerare. Però qui non stiamo parlando di normale tifo… Stiamo parlando di totale maleducazione. Un conto è fare un casino indiavolato tra un punto e l’altro. Posso ancora concepire un po’ di disturbo intimidatorio tra la prima e seconda palla di servizio… Ma durante il punto no… I giocatori italiani venivano provocati, insultati e distratti durante gli scambi. E questo è inaccettabile ed incivile. Ne ho visti di incontri di coppa Davis, anche dal vivo, e ti assicuro che non capita, è un’eccezione. Ed il primo a disturbare era proprio Maradona: in primis non dovrebbe accadere in quanto da uomo di sport dovrebbe comportarsi, per l’appunto in maniera sportiva dando il buon esempio. E non sto esagerando: per arrivare ad essere pubblicamente ripreso da Berloq, suo connazionale, durante il match sai che casino stava facendo durante gli scambi? Se Berloq è arrivato a dire una cosa simile in conferenza stampa deve aver tenuto un comportamento inverecondo…

13
alexalex 07-02-2017 09:00

Scritto da ASHTONEATON

Scritto da Fede-rer

Scritto da Vavi
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

Scusate se intervengo…
per giudicare così un campione, ma anche una qualsiasi persona, bisogna conoscerla non credi?ci hai mai parlato?lo conosci bene???conosci la sua storia umana?sai da dove viene?dove è cresciuto??
si sapeva benissimo, cosa avremmo trovato in Argentina, un gran tifo caloroso fino alla fine che ha incredibilmente motivato mediocri argentini sulla carta nettamente inferiori ai nostri, portandoli quasi alla vittoria…. per questo la vittoria di Fabio è stata grandiosa!!!
scorrettezze ce ne sono state da parte del pubblico e di certo Fabio non gliela mandate a dire… eh eh eh!
Ma alla fine tutti hanno applaudito Fabio e la squadra italiana senza nessun tipo di episodio di violenza…
il giocatore di calcio più grande di tutti i tempi, secondo molti, credi abbia bisogno di pubblicità e farsi una foto con Fabio?????
Vabbe dai….
ps. Ti ricordo che anche il tifo italiano spesso è stato non molto corretto…solo da noi si son visti volare in campo panino con la mortadella e boccette di amaro…

Secondo me hai generalizzato troppo! I tifosi italiani sono gli ultimi a dover parlare di comportamento sugli spalti e fin qui son d’accordo. Ma se il discorso è riferito a Maradona, be, non so tu, ma io lo conosco per quello che mi fa vedere la tv, i giornali, la rete. E hanno mostrato un calciatore unico e una persona molto discutibile, spesso volgare e scorretta.

12
Insalatiera76 07-02-2017 08:37

Scritto da ASHTONEATON

Scritto da Fede-rer

Scritto da Vavi
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

Scusate se intervengo…
per giudicare così un campione, ma anche una qualsiasi persona, bisogna conoscerla non credi?ci hai mai parlato?lo conosci bene???conosci la sua storia umana?sai da dove viene?dove è cresciuto??
si sapeva benissimo, cosa avremmo trovato in Argentina, un gran tifo caloroso fino alla fine che ha incredibilmente motivato mediocri argentini sulla carta nettamente inferiori ai nostri, portandoli quasi alla vittoria…. per questo la vittoria di Fabio è stata grandiosa!!!
scorrettezze ce ne sono state da parte del pubblico e di certo Fabio non gliela mandate a dire… eh eh eh!
Ma alla fine tutti hanno applaudito Fabio e la squadra italiana senza nessun tipo di episodio di violenza…
il giocatore di calcio più grande di tutti i tempi, secondo molti, credi abbia bisogno di pubblicità e farsi una foto con Fabio?????
Vabbe dai….
ps. Ti ricordo che anche il tifo italiano spesso è stato non molto corretto…solo da noi si son visti volare in campo panino con la mortadella e boccette di amaro…

No, ti prego, ancora la storia del “sai dove è nato”. Se uno è cafone è cafone, e Maradona lo è, l’essere nato povero non scusa. Conosco poveri che sono – umanamente – dei signori.
Dimenticavo: Maradona non ha bisogno di pubblicità, ha bisogno di restare in buona con il tifoso medio italiano (che puntualmente abbocca, e tu ne sei la dimostrazione) perché in Italia ha ancora interessi economici.

11
ASHTONEATON 07-02-2017 08:22

Scritto da Fede-rer

Scritto da Vavi
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

Scusate se intervengo…
per giudicare così un campione, ma anche una qualsiasi persona, bisogna conoscerla non credi?ci hai mai parlato?lo conosci bene???conosci la sua storia umana?sai da dove viene?dove è cresciuto??
si sapeva benissimo, cosa avremmo trovato in Argentina, un gran tifo caloroso fino alla fine che ha incredibilmente motivato mediocri argentini sulla carta nettamente inferiori ai nostri, portandoli quasi alla vittoria…. per questo la vittoria di Fabio è stata grandiosa!!!
scorrettezze ce ne sono state da parte del pubblico e di certo Fabio non gliela mandate a dire… eh eh eh!
Ma alla fine tutti hanno applaudito Fabio e la squadra italiana senza nessun tipo di episodio di violenza…
il giocatore di calcio più grande di tutti i tempi, secondo molti, credi abbia bisogno di pubblicità e farsi una foto con Fabio?????
Vabbe dai….
ps. Ti ricordo che anche il tifo italiano spesso è stato non molto corretto…solo da noi si son visti volare in campo panino con la mortadella e boccette di amaro…

10
alexalex 07-02-2017 07:56

Lo dicevo l’altro giorno. Basta che questo muova un dito perché in Italia faccia notizia. Dopo aver fatto il pagliaccio contro un nostro giocatore in una partita, a tal punto da meritarsi un rimprovero dall’avversario suo connazionale, eccolo che sale sul carro del vincitore, anche se i vincitori sono quelli che voleva veder perdere fino a un minuto prima. Sportività? Sì, come no! Ed ecco che gli italiani medi sono pronti ad accoglierlo di nuovo come fosse un dio in terra… Ma leggo con piacere che qualcuno non abbocca!

9
Roberto (Guest) 07-02-2017 07:52

@ Fede-rer (#1766037)

Proprio una bella coppia… Tra teste calde ci si intende evidentemente

8
alexalex 07-02-2017 07:45

Scritto da Fede-rer
Che bella coppia…
Ma certe teste.,,,,,vanno sempre omaggiate a prescindere?
Cosa deve fare questo…per essere trattato da par suo? Ha rotto le scatole a tal punto, persino durante il gioco, che Berloq ha dovuto zittirlo… E noi lo accogliamo a braccia aperte? Ma un po’ d’orgoglio ed amor proprio?

Ma certo, l’Italia sarà per sempre sottomessa a Maradona! E non solo…

7
Pierre herme the Picasso of pastry (Guest) 07-02-2017 06:31

Scritto da Fede-rer

Scritto da Vavi
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

Post di Fed-erer non fa una piega
Perfetto

6
vincenzo (Guest) 07-02-2017 06:10

Maradona non si discute..si ama…e stop!

5
vincenzo (Guest) 07-02-2017 06:09

Scritto da Fede-rer

Scritto da Vavi<b
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

Maradona ha bisogno di popolarita’?e’ lo sportivo piu’ conosciuto al Mondo..ma parlate solo perche’ avete il fiato o cosa?

4
Fede-rer 07-02-2017 01:16

Scritto da Vavi
Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

Scusa se mi permetto, ma questo mi sembra interpretare le cose al contrario…
A parte che il nome “Maradona” e l’espressione “Gran Signore” sono esattamente agli antipodi, dove sarebbe questo grande esempio di sportività? Guarda che il tennis funziona diversamente dal calcio, coppa Davis compresa. In Davis da che mondo e mondo il tifo è più sfrontato e “partigiano”, ciò non toglie che in qualunque partita di tennis, a qualunque livello è assolutamente vietato, maleducato nonché antisportivo disturbare l’avversario durante lo scambio muovendosi, urlando o in qualunque altro modo… Queste sono le regole dello sport… E Maradona non era nemico dei nostri in campo. I nemici in campo dei nostri erano Pella, Mayer e Berloq. Maradona era un semplice spettatore ed è stato forse il più maleducato e fuori luogo degli spettatori: proprio lui che, ex sportivo di livello, avrebbe dovuto dare il buon esempio!
Di cosa stiamo parlando? Che poi dopo la partita lui abbia deciso di fare il parac**o come sempre e sia andato in cerca di pubblicità nello spogliatoio italiano non mi stupisce affatto…
Che abbia tanti estimatori a livello calcistico è più che comprensibile. Che ci sia qualcuno che lo stima a livello umano è una cosa che non capisco e che francamente mi rattrista ed allarma. E’ proprio l’esempio negativo per eccellenza, da non seguire!

3
Vavi (Guest) 07-02-2017 00:21

Il re del calcio e il maradona del tennis italiano, alla faccia dei gufi, in una giornata trionfale per il tennis italiano.
Maradona ha dimostrato di essere un gran signore e ha spiegato le regole dello sport.
Nemici sul campo, grandi amici e fratelli non appena terminato il match

2
Fede-rer 07-02-2017 00:21

Che bella coppia…

Ma certe teste.,,,,,vanno sempre omaggiate a prescindere?
Cosa deve fare questo…per essere trattato da par suo? Ha rotto le scatole a tal punto, persino durante il gioco, che Berloq ha dovuto zittirlo… E noi lo accogliamo a braccia aperte? Ma un po’ d’orgoglio ed amor proprio?

1