Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Le Comiche WTA: il teatrino Vickery-Mertens è servito

12/01/2017 08:44 12 commenti
Le Comiche WTA: il teatrino Vickery-Mertens è servito
Le Comiche WTA: il teatrino Vickery-Mertens è servito

Mamma mia che vergogna! Siamo in quel di Hobart, il match di secondo turno fra l’americana Sachia Vickery e la belga Elise Mertens, quando l’appuntamento con le qualificazioni Slam di Melbourne esercita un richiamo estremamente forte e la voglia di tentare la sorte per un main draw Major è una tentazione irrinunciabile.

È un gioco al massacro che ha già fatto il giro del mondo nel suo ridicolo divenire: la Mertens e la Vickery hanno voglia di forfait per scappare a Melbourne, giusto in tempo per giocare le quali Slam australiane, e quindi fanno a gara col fisioterapista da chiamare per alzare bandiera bianca e potersi ritirare. Le due chiamano il malcapitato professionista in contemporanea ma la più lesta è l’americana che riesce a bruciare sul tempo la belga e ritirarsi. La Mertens resta con un pugno di mosche in mano e paradossalmente con l’accesso ai quarti di finale comunque di un torneo del circuito principale.

Ridicolo che nessuna delle due sia stata sanzionata ma qui entrano in gioco due organismi differenti e che sovente durante un anno vanno necessariamente a scontrarsi: basta pensare che i tornei di un intero anno tennistico vengono organizzati da ATP e WTA mentre quelli del Grande Slam sono “tutelati” dall’ITF. Impossibile che non si arrivi a situazioni scomode e a momenti di incredibile…imbarazzo.

Qualcuno dovrebbe comunque intervenire e non parlo di semplici multe: troppi sono i ritiri a tabellone completato, troppi sono i ritiri sospetti, troppe sono le situazioni ridicole che le giocatrici e i giocatori ci propinano senza ricevere alcuna sanzione esemplare.
Guadagni interessanti, punti preziosi portano spesso i tennisti poco oltre la 100esima posizione del ranking a iscriversi ai tornei precedenti un appuntamento Slam: possiamo dargli torto per non voler perdere un’occasione per certi versi d’oro? O il libero arbitrio dei tennisti e delle tenniste troppo di parte dovrebbe lasciare spazio a una regolamentazione chiara e senza alcun fraintendimento?

Quanto disappunto per i malanni che giungono poco prima di scendere in campo e a sorteggio avvenuto. Quanto dispiacere per assistere ad appuntamenti falsati e dai valori pesantemente condizionati in campo. Quanto fastidio per un immobilismo dirigenziale che fa male e che implicitamente favorisce l’incedere di tali comportamenti. Urgono cambiamenti, certi teatrini non fanno di certo bene a uno sport nobile come il tennis.


Alessandro Orecchio


TAG: ,

12 commenti. Lasciane uno!

Giovanni 12-01-2017 18:03

Scritto da Milo
A me sembra evidente che la belga sia ancora a Hobart perchè non ha fatto in tempo a ritirarsi prima dell’avversaria, quindi i vari “Brava Elise” “gratificata” non mi trovano d’accordo. Certo che con la semifinale sono 128 punti, considerando che arrivare al secondo turno slam partendo dalle quali (cosa molto difficile se non impossibile per una Mertens) porta 110 punti, direi che le è andata più che bene!

Concordo pienamente, diciamo che una volta rimasta fregata la Mertens è stata costretta a giocare seriamente questo torneo e ora le sta andando pure bene… ahiahi, dura la vita.

12
brizz 12-01-2017 13:51

grande prestazione della vickery 😆

11
Giuseppe 12-01-2017 13:35

Volevo fare i complimenti allo staff della Mertens che 2 giorni fa sembrava morente e oggi si ha battuto la no. 1. Un recupero straordinario..

10
Miiiiiiii (Guest) 12-01-2017 11:14

Scritto da Milo
A me sembra evidente che la belga sia ancora a Hobart perchè non ha fatto in tempo a ritirarsi prima dell’avversaria, quindi i vari “Brava Elise” “gratificata” non mi trovano d’accordo.

Appunto. Hanno deciso l’incontro le fisioterapiste, molto più “brava” quella dell’americana!

9
Milo (Guest) 12-01-2017 11:03

A me sembra evidente che la belga sia ancora a Hobart perchè non ha fatto in tempo a ritirarsi prima dell’avversaria, quindi i vari “Brava Elise” “gratificata” non mi trovano d’accordo. Certo che con la semifinale sono 128 punti, considerando che arrivare al secondo turno slam partendo dalle quali (cosa molto difficile se non impossibile per una Mertens) porta 110 punti, direi che le è andata più che bene!

8
Phoedrus (Guest) 12-01-2017 10:34

Scritto da pablox
MAh..io ho visto la cosa e non mi è parsa tutto sto teatrino..la Vickery era ampiamente fasciata, e quindi qualcosa che non andava lo aveva, e forse se poi ha perso è proprio per questo. L’altra ha chiamato anche lei mto, e sicuramente non aveva nulla, forse indispettita più che per ritirarsi? Sappiamo che spesso le giocatrici, anche di alto livello, disputano un turno e poi si ritirano per qualche “malanno”. Qui la cosa è stata solo più evidente. penso però chela WTA(e ATP) possa impedire l’iscrizione alle quali di tornei dello slam a chi è iscritto ad un altro torneo, per l’ovvia legge della contemporaneità.

Fasciatura dubbia…
Il primo game lo hanno giocato tutte due da ferme. Poi entrambe che chiamano il fisioterapista. Vickery che cambia campo, poi vede l’altra seduta che aspetta il fisioterapista, e allora torna su suoi passi e si ritira.

7
tommaso (Guest) 12-01-2017 10:02

Vickery a casa, ben le sta!

6
pablox (Guest) 12-01-2017 10:01

MAh..io ho visto la cosa e non mi è parsa tutto sto teatrino..la Vickery era ampiamente fasciata, e quindi qualcosa che non andava lo aveva, e forse se poi ha perso è proprio per questo. L’altra ha chiamato anche lei mto, e sicuramente non aveva nulla, forse indispettita più che per ritirarsi? Sappiamo che spesso le giocatrici, anche di alto livello, disputano un turno e poi si ritirano per qualche “malanno”. Qui la cosa è stata solo più evidente. penso però chela WTA(e ATP) possa impedire l’iscrizione alle quali di tornei dello slam a chi è iscritto ad un altro torneo, per l’ovvia legge della contemporaneità.

5
lallo (Guest) 12-01-2017 09:59

eccellente articolo. Insistere

4
Luigi44 (Guest) 12-01-2017 09:08

@ radar (#1748436)

Stavo per scrivere le stesse parole… Per fortuna che il destino a volte mette a posto le cose… Brava Elise, ridicola Sachia

3
Carl 12-01-2017 08:58

Mertens, la più ingenua, gratificata di una insperata semifinale, la prima della sua vita, Vickery, la più spudorata, punita con l’eliminazione precoce.

Quand’ero bambino si diceva “S. Giovanni non fa inganni”.

2
radar 12-01-2017 08:52

Vickery ha perso: ben le sta dopo i mezzucci utilizzati.
Il miglior giudizio è sempre quello sul campo!

La Mertens continua la marcia a Hobart e magari vincerà pure il torneo: sembrava fosse stata intortata, stai a vedere che le è andata di lusso..

1