Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Nicole Gibbs critica il finanziamento dei tornei tramite i book di scommesse

09/12/2016 12:18 15 commenti
Nicole Gibbs critica il finanziamento dei tornei tramite i book di scommesse
Nicole Gibbs critica il finanziamento dei tornei tramite i book di scommesse

Nicole Gibbs è molto critica verso il sistema tennis che viene finanziato, per tanti tornei, tramite i book di scommesse.

“È davvero fastidioso quando vado a giocare un torneo professionistico e lo sponsor principale è uno dei siti di scommesse, perché so che riceverò messaggi da uno degli scommettitori provenienti da quel sito. Odio il fatto che alcuni siano sponsor principali”.

“Gli insulti degli scommettitori possano influenzarti a livello mentale. È davvero un grosso problema. È incredibile come qualcuno possa dietro a una scrivania scrivere alcune cose che sono davvero incredibili”


TAG: ,

15 commenti. Lasciane uno!

ciro (Guest) 09-12-2016 23:01

Immagino la faccia schifata all’arrivo al circolo con lo sponsor di un bookmaker non sia la stessa di quando incassa l’assegno.
Meno ipocrisia. Tolleranza zero per chi si permette di insultare, ci mancherebbe, ma certi ignoranti esistono anche senza scommesse (benvenuti su internet). Piaccia o meno costituiscono una delle entrate del mondo sportivo, se si vogliono eliminare, ci si siede a un tavolo e ci si renda conto di dover avere, su tornei minori, premi inferiori. Le carte sul tavolo sono queste, non vediamo solo quelle che ci fanno comodo

15
Fede (Guest) 09-12-2016 21:17

@ Casco (#1739355)

Casco, concordo con te su tutto quello che scrivi, il mio discorso non era su una mia idea ma semplicemente di come vedo la realtà attuale e sono più che convinto che chi potrebbe eliminare i book dallo sport non lo farà mai perchè lo sport è bello ma i soldi che siano “puliti” o “sporchi ma legali” sono più belli.
Certo che s possono eliminare i book, rimanendo solo sul tennis, in Austria, mi pare in Germania e adesso non ricordo altri, ci sono dei tornei intitolati a book, ci sono tornei dove magari non sono main sponsor ma sganciano bene…ipotesi, basta soldi “sporchi” da questi non troviamo sponsor “puliti” che vogliono investire, montepremi dimezzato… vediamo se i campioni e i meno campioni che si indignano per i bookmakers giocano senza rompere i cocò?
Se mi sbaglio…felicissimo, ma ho paura che su questa cosa specifica non credo di sbagliare

14
Casco (Guest) 09-12-2016 21:01

@ Fede (#1739325)

Ma i soldi dei montepremi possono arrivare anche da altri sponsor.
Il rapporto di dipendenza tra le scommesse e il mondo dello sport è qualcosa di perverso….di questo passo arriveremo che chiunque assista ad un evento sportivo debba obbligatoriamente versare soldi al mondo delle scommesse.
Bisognerebbe limitare questo business che è una vera piaga sociale e attuare il boicottaggio.
Sinceramente di gente diventata ricca con le scommesse non ne ho mai sentita ma di gente rovinata a vita sì.

13
Maxia (Guest) 09-12-2016 19:44

@ Fede (#1739325)

Parole sante!!!

12
Fede (Guest) 09-12-2016 17:46

Pienamente in disaccordo con la Gibbs. Secondo me l’unica cosa che deve cambiare è l’atteggiamento verso quello che viene scritto, anche se sono social e non carte intestate di un avvocato ognuno deve prendersi la responsabilità e cose del genere non devono esistere, devono essere punite e seriamente.
Poi capitolo Bookmaker. Tempo fa non sponsorizzavano tornei ma non sponsorizzavano nemmeno squadre di calcio o addirittura interi campionati (se non ricordo male la serie B qualche anno fa si chiamava Bwin o forse un altro Book).
Ora girano molti più soldi, i guadagni dei big nel calcio sono assurdi, i premi per i tornei più importanti a mio avviso esagerati ma a nessuno fa schifo incassare questi soldi che arrivano anche dai Book, perchè oltre i tantissimi veri appassionati c’è anche chi segue il tennis e scommette che magari non portano calore in campo ai giocatori ma innestano soldi che tramite pubblicità rifiniscono nel circuito.
Adesso se si vuole schifare il mondo scommesse si dovrebbe schifare anche il super montepremi e ritornare a parlare di cifre decenti per i big e magari spalmare di più e meglio nei tornei minori per evitare tropp tentazioni….
Ma mi pare che nessuno di quelli che si lamentano per gli insulti parlano mai di abbassare i montepremi.
Riassumendo… a me piacerebbe tolleranza 0 e provvedimenti duri con chi compie questi atti indecenti, ma vorrei anche meno ipocrisia da chi, si, prende insulti, ma può fare una vita più che tranquilla grazie anche agli sponsor, che siano marchi di orologi, di articoli sportivi o bookmaker

11
———— (Guest) 09-12-2016 17:25

Brava Nicole !!!

10
lallo (Guest) 09-12-2016 16:06

Scritto da federer81
Pienamente d’accordo con Nicole Gibbs.

9
Gaz (Guest) 09-12-2016 15:24

@ Carl (#1739273)

E come dimenticare la denuncia di minaccia di morte subita dalla Kerber dopo il secondo turno di wimbledon 2013 perso contro la Kanepi in un match che la vedeva condurre di un set e avanti 5-1 nel tie- break del secondo set.

8
emilio (Guest) 09-12-2016 14:55

Che ipocrisia senza quegli sponsor ormai la meta’ dei tornei sparirebbe e senza scommesse non parliamone. MI piacerebbe vedere se all’atto pratico con un ridimensionamento dei montepremi direbbe lo stesso. . .

7
Carl 09-12-2016 14:34

Ho visto messaggi inviati sui social networks a giocatori e giocatrici che avevano perso un incontro pieni di volgarità inaccettabili ed irriferibili, specie verso le donne, es. Bouchard ed Errani.
Non mi ci vuole molte fantasia ad immaginare quello che avranno detto anche alla Gibbs, o che comunque dicono a chiunque.
La cosa è ovviamente inaccettabile, già chi perde e magari era favorita ha il morale sotto i piedi, seppellirla di fango ed insulti è vergognoso.

6
pisistrate_nelson 09-12-2016 14:12

ma chi ti contatta nicole?!?… io se fossi in te, mi impegnarei di più, ti ho visto giocare in doppio poco tempo fa, no comment…

5
il luminare pensa che se loro hanno difficoltà a parlare e il luminare ha difficoltà a parlare significa che i giochi sono finiti, il luminare ringrazia e non è più interessato ad avere una fidanzata (Guest) 09-12-2016 13:45

in effetti è una cosa un po fastidiosa

4
Maxia (Guest) 09-12-2016 13:36

Ha perfettamente ragione. Già trovo orripilante che i siti di scommesse vengano pubblicizzati dai media,ma che addirittura sponsorizzino i tornei…Poco importa che espongano o no i teloni (vedi AO ipocriti). Dovrebbe essere proibito ė un conflitto d’interessi enorme più grande di quello del Berlusca

3
federer81 (Guest) 09-12-2016 13:33

Pienamente d’accordo con Nicole Gibbs.

2
Shuzo (Guest) 09-12-2016 12:51

In effetti se si vuole veramente tutelare il tennis, vanno tutelati anche i giocatori. Gli organi di controllo non devono starci soltanto a controllare che i giocatori non scommettano o non vendano i propri incontri. Dovrebbero controllare anche i troll e gli spam.

1