Da Andria: La conferenza stampa del torneo challenger pugliese

19/11/2016 07:43 2 commenti
Da Andria: La conferenza stampa del torneo challenger pugliese
Da Andria: La conferenza stampa del torneo challenger pugliese

Una quarta edizione dai numeri importanti quella del Challenger Atp Andria Castel del Monte – montepremi da 42.500 dollari – che parte domani 19 novembre con le qualificazioni e durerà sino a domenica 27 novembre con il campo principale presso il Palasport di viale Germania. Ieri pomeriggio è avvenuta la presentazione ufficiale alla presenza delle autorità, degli organizzatori e dei rappresentanti della Federazione.

Le wild card – La stella del torneo di Andria sarà sicuramente lo spagnolo Tommy Robredo, ex numero 5 al mondo. Il tennista beneficerà di una delle quattro wild card. Le altre tre sono state assegnate al giovane 20enne Matteo Berrettini e a Stefano Travaglia vincitore di quattro titoli ITFquest’anno, tra cui quello di Pula di due settimane fa. Wild card anche al pugliese Andrea Pellegrino, che viene da un’ottima stagione, in cui ha conquistato i suoi due primi titoli ITF e ottenuto una grande prestazione al Challenger di Roma Garden.

Il main draw –
Purtroppo non ci sarà il ceco Lukas Rosol, bloccato da un infortunio al gomito che non gli permetterà di essere in Puglia. Le attenzioni saranno dirottate su Marco Chiudinelli (n. 116) che nel 2014 ha vinto la Coppa Davis con la Svizzera, Josef Kovalik (n. 120) emergente tennista slovacco che ben presto entrerà tra i top 100. Ad aggiungere esperienza alla competizione potrebbero esserci gli spagnoli Pere Riba e Daniel Munoz de la Nava, l’olandese Igor Sijsling e soprattutto l’ucraino Sergiy Stakhovsky.

Le dichiarazioni - “Il movimento tennistico nella Provincia Bat ha fatto passi da gigante – ha affermato il referente Puglia della Fit, Francesco Mantegazza – tanto da essere ormai un movimento autonomo e distaccato rispetto a Bari. Questo lo si deve certamente al successo dei Challenger di Andria e Barletta e grazie all’impegno degli appassionati e dei circoli presenti sul territorio. La Federazione è al fianco degli organizzatori nella consapevolezza delle difficoltà nel riuscire a rendere avvincente e ben curato il Challenger”.

“Anche quest’anno Andria si accinge a celebrare un evento sportivo di richiamo nazionale ed internazionale ormai consolidato e che, col passare degli anni – ha dichiarato Nicola Giorgino, sindaco di Andria e presidente della Provincia Bat – ha acquistato sempre maggiore credibilità. Grazie a questi appuntamenti sportivi vi è sia un aspetto socio-economico sorto con l’indotto che uno promozionale della città di Andria e dell’intero territorio della Bat. Un doveroso ringraziamento va agli organizzatori ed agli sponsor privati, oltre che alla Federazione”.

“E’ sicuramente l’appuntamento sportivo di punta per Andria. L’ingresso al Palasport – ha commentato l’assessore allo Sport, Michele Lopetuso – è assolutamente gratuito e questo permetterà agli appassionati, ma anche ai semplici curiosi e alle famiglie di venire a respira aria internazionale per un evento di grande spessore. Puntiamo molto sulla presenza delle scolaresche e dei giovani che abbiamo coinvolto grazie ai dirigenti scolastici. Ancora una volta il grande sport internazionale fa tappa ad Andria”.

“Questo è il quarto anno di un appuntamento in continua crescita – ha ricordato Isidoro Alvisi rappresentante Coni Bat e consigliere nazionale della Fit. Queste manifestazioni sono anche un importante investimento perché le giovani generazioni vedano nello sport motivo di crescita ed arricchimento umano. Del resto i risultati si vedono anche sul campo, grazie al settore giovanile del Circolo Tennis della città che sta raggiungendo notevoli traguardi”.

“Come organizzatori siamo davvero orgogliosi del lavoro fatto negli anni e del prestigio acquisito – ha chiarito Pierpaolo Marchio, presidente associazione Pro Tennis. Ce la stiamo mettendo tutta perché nei fatti in nove giorni si concentra tutto il lavoro organizzativo di sei mesi. Un ringraziamento doveroso all’Amministrazione comunale e agli imprenditori che continuano a darci fiducia in un progetto iniziato quattro anni fa e che consegue sempre maggiore successo”.

“Il tabellone principale – ha detto Enzo Ormas, direttore del torneo – offrirà certamente un buon livello tecnico, anche perché con l’anticipazione della Toyota Cup il torneo di Andria è rimasto il più interessante nella parte finale della stagione. Un mix di giovani e tennisti più esperti per vivere intense giornate di sport nella avvincente cornice dell’indoor”.


TAG: ,

2 commenti

Michele Carbone (Guest) 19-11-2016 15:43

Grande Enzo un vero leader anche se troppo sottovalutato.
Spero che ti facciano organizzare cose all’altezza del tuo livello manageriale.

2
Antonio A. (Guest) 19-11-2016 09:35

il più bel challenger italiano!

1

Lascia un commento