Alessandro Giannessi: un 2016 da (quasi) top100

10/11/2016 08:22 17 commenti
Alessandro Giannessi classe 1990
Alessandro Giannessi classe 1990

Arrivare in cima è impresa ardua ma ritornarci dopo una sconfitta o uno stop di natura fisica è assolutamente più difficile: il 2016 di Alessandro Giannessi può essere semplicemente riassunto in questa massima, perché in quest’anno che volge al termine ma che ancora lo vede protagonista in campo (attualmente a Ortisei) il tennista spezzino ha saputo rialzarsi, tornando a quel livello che gli appartiene, vicino alla barriera importante dei primi 100 giocatori del ranking ATP, un limite che già in passato ha accarezzato con il suo best ranking (126 al mondo) e che dovrà adesso essere il prossimo obiettivo.

Il 2016 è stata una stagione da 8, con uno score complessivo di 34 vittorie e 25 sconfitte: il tennista attualmente al numero 140 della classifica ATP ha ben figurato tanto su cemento outdoor quanto sul rosso, sfatando il tabù che vuole i tennisti italiani a loro agio solo su terra battuta. Su cemento all’aperto il Gianna ha conquistato 13 vittorie e 8 sconfitte mentre su terra il bilancio positivo è di 19/14: chiudono il cerchio i pochi incontri disputati indoor e l’unico negativo sull’erba al primo turno delle qualificazioni di Wimbledon.

Vittorie di prestigio quest’anno per il classe ’90: Alessandro fallisce le qualificazioni a Melbourne ma nei due tornei challenger successivi di Santo Domingo (terra) e Morelos (cemento messicano) raggiunge quarti e semifinale. Ad aprile sulla terra italiana di Barletta Giannessi arriva nuovamente nei quarti di finale, fallendo però gli appuntamenti importanti di Roma e Parigi, dove non riesce a superare lo scoglio delle qualificazioni.

Alessandro si riprende sempre a livello challenger a Caltanissetta, dove cede in semi sulla terra battuta al cyborg Paolo Lorenzi (futuro vincitore): segue l’ennesima delusione Slam a Londra prima di cedere a Todi sul rosso a Marco Cecchinato ai quarti di finale. Tanti piazzamenti di sostanza e la rivincita Major che arriva a New York dove non solo Giannessi supera le quali ma elimina anche Kudla al primo turno e strappa applausi e consensi al secondo contro il futuro vincitore Stan Wawrinka.

L’ottimo momento di forma continua con la vittoria al challenger polacco di Szczecin in finale sul tedesco volante Brown, prima di centrare due interessanti quarti sul cemento americano di Stockton e Fairfield, dimostrazione che Giannessi dispone di un gioco vario e che bene si sposa anche al duro.
Tantissimi pregi, pochi difetti in campo: il Gianna è un cagnaccio che non molla un punto, un lavoratore serio che nel tempo ha saputo modificare gli aspetti carenti del suo gioco correggendoli con il sudore e i sacrifici. Il 2017 deve essere l’anno della consacrazione, Giannessi prima di tanti altri connazionali deve e può ambire alla top100/80


Alessandro Orecchio


TAG: , ,

17 commenti. Lasciane uno!

Antonella (Guest) 10-11-2016 19:42

Auguro ad Alessandro G. In bocca al lupo , ci puo’ riuscire se si impegna . ☺☺☺

17
rexy00 (Guest) 10-11-2016 18:59

@ Sottile (#1728401)

nono torna nel 2017

16
rexy00 (Guest) 10-11-2016 18:57

Scritto da MADE
@ rexy00 (#1728399)
Bolelli ha ottimi colpi, ma da fermo. Da fermi sanno giocare in molti. MI spiace, ma Bolelli non è un rimpianto. Ha fatto quello che poteva fare. Impensabile potesse entrare tra i 20.
Giannessi invece ha fatto una ottima stagione. Ottima perchè credo che nessuno due anni fa avrebbe mai detto che sarebbe stato competitivo sui campi veloci. Ha una testa “alla Lorenzi” ed è uno dei pochi su cui scommetterei due lire per un ranking abbondantemente nei 100.

boh non sono così d’accordo devo essere sincero… Wawrinka ha il suo stesso identico fisico e sappiamo tutti quello che ha fatto e sta facendo… certo che bisogna avere fortuna con gli infortuni, ma sulla condizione atletica ci si potrebbe lavorare benissimo… credo sia il problema minore per un tennista
secondo me nei momenti migliori gli è sempre mancata la grinta necessaria. dopo è ovvio che il tennis di oggi non gli si addice molto, ma le colpe ci sono(forse non solo sue)
è proprio inimmaginabile che uno come lui non sia riuscito a vincere neanche un 250 dai, c’è gente veramente ridicola che ce l’ha fatta….

15
controcorrente (Guest) 10-11-2016 16:38

Non talentuosissimo ma solido e serio. Nella top 100 può benissimo arrivarci: il problema sarà eventualmente restarci un po’ più a lungo rispetto a quanto capitato, limitandoci al recente passato, ai vari Cecchinato, Vanni e Fabbiano.

14
MADE (Guest) 10-11-2016 15:40

@ rexy00 (#1728399)

Bolelli ha ottimi colpi, ma da fermo. Da fermi sanno giocare in molti. MI spiace, ma Bolelli non è un rimpianto. Ha fatto quello che poteva fare. Impensabile potesse entrare tra i 20.
Giannessi invece ha fatto una ottima stagione. Ottima perchè credo che nessuno due anni fa avrebbe mai detto che sarebbe stato competitivo sui campi veloci. Ha una testa “alla Lorenzi” ed è uno dei pochi su cui scommetterei due lire per un ranking abbondantemente nei 100.

13
Lorenzoj 10-11-2016 15:04

Giannessi può ambire sicuramente ai primi 100, però penso che non riuscirebbe a mantenersi tutto l’anno su quel livello

12
IOeCO 10-11-2016 15:02

Scritto da rexy00

Scritto da l Occhio di Sauron

Scritto da The Magician Santoro
tecnicamente è fortissimo forse con Fogna il più forte italiano ma nella sua carriera ha avuto troppi infortuni e gli è mancato quel pizzico di continuità in più

Ha un gran dritto, molto povero il rovescio, più che Fogna lo accosterei a Bolelli ma il fantastico Fuoriclasse ha fatto ben altri risultati e ben altra carriera nonostante gli enormi rimpianti di incompiutezza.
Giannessi ha un gran carattere, secondo solo a Lorenzi, se si mette a remare e combattere con umiltà può essere Paolo il suo riferimento per chiudere una seconda parte di carriera al meglio.

Nono Bolelli come talento è forse il più grande rimpianto del tennis italiano… rovescio spettacolare e dritto solido, gran doppista e buon servizio, è stato sicuramente sfortunato a livello di infortuni, ma con più carattere avrebbe potuto fare ben altra carriera
Giannessi non ha tanto da rimpiangersi, è un buon giocatore da top 100 ma non è paragonabile a Bolelli.

Quoto in pieno!

11
Sottile 10-11-2016 14:55

Scritto da rexy00

Scritto da l Occhio di Sauron

Scritto da The Magician Santoro
tecnicamente è fortissimo forse con Fogna il più forte italiano ma nella sua carriera ha avuto troppi infortuni e gli è mancato quel pizzico di continuità in più

Ha un gran dritto, molto povero il rovescio, più che Fogna lo accosterei a Bolelli ma il fantastico Fuoriclasse ha fatto ben altri risultati e ben altra carriera nonostante gli enormi rimpianti di incompiutezza.
Giannessi ha un gran carattere, secondo solo a Lorenzi, se si mette a remare e combattere con umiltà può essere Paolo il suo riferimento per chiudere una seconda parte di carriera al meglio.

Nono Bolelli come talento è forse il più grande rimpianto del tennis italiano… rovescio spettacolare e dritto solido, gran doppista e buon servizio, è stato sicuramente sfortunato a livello di infortuni, ma con più carattere avrebbe potuto fare ben altra carriera
Giannessi non ha tanto da rimpiangersi, è un buon giocatore da top 100 ma non è paragonabile a Bolelli.

Scritto da rexy00

Scritto da l Occhio di Sauron

Scritto da The Magician Santoro
tecnicamente è fortissimo forse con Fogna il più forte italiano ma nella sua carriera ha avuto troppi infortuni e gli è mancato quel pizzico di continuità in più

Ha un gran dritto, molto povero il rovescio, più che Fogna lo accosterei a Bolelli ma il fantastico Fuoriclasse ha fatto ben altri risultati e ben altra carriera nonostante gli enormi rimpianti di incompiutezza.
Giannessi ha un gran carattere, secondo solo a Lorenzi, se si mette a remare e combattere con umiltà può essere Paolo il suo riferimento per chiudere una seconda parte di carriera al meglio.

Nono Bolelli come talento è forse il più grande rimpianto del tennis italiano… rovescio spettacolare e dritto solido, gran doppista e buon servizio, è stato sicuramente sfortunato a livello di infortuni, ma con più carattere avrebbe potuto fare ben altra carriera
Giannessi non ha tanto da rimpiangersi, è un buon giocatore da top 100 ma non è paragonabile a Bolelli.

Ma che fine ha fatto Bolelli? Dopo l’operazione non si é più visto :neutral: Per caso intende ritirarsi?

10
rexy00 (Guest) 10-11-2016 14:52

Scritto da l Occhio di Sauron

Scritto da The Magician Santoro
tecnicamente è fortissimo forse con Fogna il più forte italiano ma nella sua carriera ha avuto troppi infortuni e gli è mancato quel pizzico di continuità in più

Ha un gran dritto, molto povero il rovescio, più che Fogna lo accosterei a Bolelli ma il fantastico Fuoriclasse ha fatto ben altri risultati e ben altra carriera nonostante gli enormi rimpianti di incompiutezza.
Giannessi ha un gran carattere, secondo solo a Lorenzi, se si mette a remare e combattere con umiltà può essere Paolo il suo riferimento per chiudere una seconda parte di carriera al meglio.

Nono Bolelli come talento è forse il più grande rimpianto del tennis italiano… rovescio spettacolare e dritto solido, gran doppista e buon servizio, è stato sicuramente sfortunato a livello di infortuni, ma con più carattere avrebbe potuto fare ben altra carriera
Giannessi non ha tanto da rimpiangersi, è un buon giocatore da top 100 ma non è paragonabile a Bolelli.

9
Shuzo (Guest) 10-11-2016 14:26

La stagione di Giannessi direi che è stata buona. E’ salito nel ranking ma senza migliorare il suo best ranking. Di lodevole ha avuto la prima vittoria in un challenger sconfiggendo in finale un fortissimo giocatore come Dustin Brown e in più l’aver raggiunto il secondo turno agli US Open partendo dalle qualificazioni. Però solo due risultati di rilievo per un giocatore che ambisce alla top 100 è un po’ poco. Trovo comunque incoraggiante il migliorato stato di forma nella seconda parte della stagione, il non aver mai mollato nei momenti difficili, l’aver superato il blocco delle superfici veloci, i miglioramenti tecnici (soprattutto rovescio e volé) l’aver iniziato a battere giocatori top 100 e essere stato in grado di impegnare a fondo senza venire travolto un vincitore di titoli dello Slam.
Adesso però deve andare oltre. I top 100 devono essere il suo prossimo obiettivo. Vediamo se riesce a ottenere ancora qualche buon risultato prima della fine dell’anno.

8
Sottile 10-11-2016 14:25

Si veabbè, ma ora deve confermarsi definitivamente ed entrare tra i primi 100 e soprattutto dev’essere più aggressivo nel suo gioco, migliorando in particolare il rovescio

7
l Occhio di Sauron 10-11-2016 14:08

Scritto da The Magician Santoro
tecnicamente è fortissimo forse con Fogna il più forte italiano ma nella sua carriera ha avuto troppi infortuni e gli è mancato quel pizzico di continuità in più

Ha un gran dritto, molto povero il rovescio, più che Fogna lo accosterei a Bolelli ma il fantastico Fuoriclasse ha fatto ben altri risultati e ben altra carriera nonostante gli enormi rimpianti di incompiutezza.

Giannessi ha un gran carattere, secondo solo a Lorenzi, se si mette a remare e combattere con umiltà può essere Paolo il suo riferimento per chiudere una seconda parte di carriera al meglio.

6
The Magician Santoro (Guest) 10-11-2016 11:23

tecnicamente è fortissimo forse con Fogna il più forte italiano ma nella sua carriera ha avuto troppi infortuni e gli è mancato quel pizzico di continuità in più

5
fabio (Guest) 10-11-2016 11:16

Tantissimi pregi pochi difetti ,mi sembra come sempre esagerato,altrimenti non avrebbe fatto fin’ora una carriera anonima.

4
ASHTONEATON 10-11-2016 10:55

Quoto l’articolo!!!!

3
Koko (Guest) 10-11-2016 10:30

Bella stagione in cui è mancata la trasferta per challengers sudamericani di fine anno che lo avrebbero lanciato nei 100 ATP alla Lorenzi.

2
giacomo (Guest) 10-11-2016 09:48

Forza Giannessi Forza Spezia

1

Lascia un commento