Notizie dal Mondo Copertina, Generica

La paternità è stato un fattore positivo per Andy Murray

14/10/2016 13:12 2 commenti
Andy Murray classe 1987, n.2 del mondo
Andy Murray classe 1987, n.2 del mondo

Quello che nel corso del duro mese di marzo scorso era parso come un fattore che potesse sottrarre forze fisiche e mentali, adesso rappresenta senza dubbio una grande fonte di energia.

Per Andy Murray, la paternità non ha portato con sé nulla di simile a distrazione o ad un peso (soltanto nella dimensione sportiva, ovviamente): lo scozzese, infatti, ha saputo trarne il meglio per continuare a lottare nel circuito e mantenere il proprio tennis ad un livello altissimo.

“Non ci sono stati che effetti positivi quest’anno, sia per il mio tennis che per la mentalità. Quando sono fuori, penso: ‘Non voglio questo, ho bisogno di stare con la mia famiglia”, ha dichiarato. Per poi proseguire: “Se però devo stare lontano dalla famiglia e devo fare questo sacrificio, in campo devo dare sempre il massimo. Altrimenti, perché essere qui? Meglio rimanere a casa, allora”, ha detto il tennista originario di Dunblane.


Edoardo Gamacchio


TAG: ,

2 commenti

Pollicino (Guest) 14-10-2016 15:13

Più che la paternità, la gnoc…

2
Salvo (Guest) 14-10-2016 13:38

Ha ragionissima.
Lo stesso impegno che mette Kyrgios in campo. Uguale proprio….

1

Lascia un commento