Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Gli Hacker violano l’area segreta della WADA. Ci sono anche i nomi di Serena e Venus Williams ma erano esentate dall’ITF

13/09/2016 12:36 103 commenti
Serena Williams classe 1981, n.2 del mondo
Serena Williams classe 1981, n.2 del mondo

Uno scandalo potrebbe travolgere anche il mondo del tennis.
Degli hacker hanno violato l’aria segreta dei server della WADA e scoperto che le sorelle Williams hanno valori anomali ma giustificati da certificati medici (accettati dall’ITF). Come la Sharapova prima che fu proibito il Meldonium.

Le sorelle Williams non sarebbero positive, ma farebbero parte della lista di esenzioni, che possono essere concesse dalle singole Agenzie Antidoping con l’avallo delle federazioni internazionali.

Nomi pesanti, quelli fatti dagli hacker. Si va come dicevamo dalle sorelle Serena e Venus Williams, alla fuoriclasse mondiale della ginnastica Simon Biles (quattro medaglie d’oro nella ginnastica), alla star del basket Elena Delle Donne.

Gli hacker hanno poi postato documenti “prelevati” nell’area “Confidential” della Wada, dove si parla di assunzione di sostanze proibite “spiegate” dagli atleti stessi con certificati medici.

Uno dei tanti certificati di Serena Williams

————————————————————————————————-
Uno dei tanti certificati di Venus Williams


TAG:

103 commenti. Lasciane uno!

alexalex 14-09-2016 13:14

@ Ale85 (#1693882)

Scusa, ma dove leggi che la Williams ha usato questo farmaci per anni e non per giorni?

103
bao.bab (Guest) 14-09-2016 11:20

per la cronaca da Jun 2010 a Jun 2011 Serena Williams non ha giocato (in mezzo c’e’ anche l’embolia) il che giustifica il TUE per oppiacei (insomma stava male, non giocava ma, pennetta docet, poteva sempre essere controllata)…

102
Ale85 (Guest) 14-09-2016 11:17

@ anselmo (#1693798)

No il farmaco è illegale, quindi dopante… serena si è salvata grazie ai vari certificati medici, altrimenti positiva ai controlli e quindi dopata. Questa è l’unica cosa che la divide dal caso Sharapova. Quest ultima per due anni non ha fatto menzione del meldonium, poi di fatto divenuto dopante e quindi positiva all’antidoping. La Williams come scritto ha usato farmaci dopanti dal 2011 al 2015 (non come dite solo per pochi giorni), la differenza consiste che la furbetta Williams ha presentato sempre certificati e quindi il suo doping è stato sempre legale, ma formalmente ed eticamente non c’è differenza ALCUNA. È giusto saperlo, secondo me, perché qui non si tratta di positività a zollette di zucchero ma di farmaci illegali usati per scopi terapeutici che le prestazioni le modificano e come, altrimenti non si spiegherebbero le tante vittorie di Serena avvenute durante questi anni. Stai male, benissimo, non giochi oppure giochi male non vinci tre slam su 4, arrivando quasi sempre in semifinale. … non prendiamoci in giro. Le prime dieci ma anche 20 a mio avviso sono tutte dopate, poi liberissimi di credere alle favolette!!!

101

Lascia un commento