Il torneo di Pontedera Copertina, Future

Future Pontedera: Moroni e Popyrin, giovani rampanti ma sfortunati. Il ritiro simultaneo delle due speranze spiana la strada a Omar Giacalone e Antonio Massara. Al secondo turno Daniele Capecchi

27/07/2016 18:22 Nessun commento
Nella foto Omar Giacalone
Nella foto Omar Giacalone

La pioggia di ieri ha spezzato in due il programma odierno del Torneo Future ITF “Città di Pontedera” – Trofeo Devitalia (10.000 $, www.itfpontedera.it) in corso di svolgimento presso il Ct Pontedera: si sono disputati infatti sia i tre incontri di primo turno ancora mancanti all’appello che quattro match di ottavi di finale, oltre ai quarti del torneo di doppio.

Il programma di giornata è stato aperto da due partite che avevano significati molto simili e curiosamente hanno avuto un andamento praticamente identico: da una parte delle rete due tennisti siciliani giovani ma già navigati nel circuito internazionale, Antonio Massara e Omar Giacalone, rispettivamente testa di serie numero 3 e 4, dall’altra due emergenti assoluti accompagnati da aspettative enormi per il futuro, il romano Gianmarco Moroni e il russo, naturalizzato australiano, Alexei Popyrin. Per i due “baby”, nati a un anno di distanza (Moroni nel 1998, Popyrin addirittura nel 1999) il destino è stato simile e beffardo. Entrambi, dopo un primo set lottatissimo ma perso alle battute finali, hanno dovuto alzare bandiera bianca e si sono ritirati per problemi fisici (l’azzurrino per un problema all’anca, l’australiano a causa della febbre). Ma, nonostante la sconfitta, i due prospetti hanno mostrato qualità davvero notevoli: una palla pesantissima Moroni, allenato da Andrea Volpini e Riccardo Piatti, accelerazioni folgoranti e variazioni imprevedibili Popyrin, che aveva già illuminato il palcoscenico pisano vincendo il Torneo Internazionale Juniores di Santa Croce due mesi fa (con lui se ne va l’ultimo straniero rimasto in gara a Pontedera). A entrambi manca ancora la capacità di gestire al meglio i punti importanti, conquistati non a caso dai più esperti avversari. I due siciliani proseguono la corsa ai quarti di finale con un bagaglio comune di quattro tornei Future vinti e esperienze di altissimo livello, come nel caso di Giacalone, vittorioso quest’anno alle pre-qualificazioni degli Internazionali d’Italia e sceso in campo per le prestigiose “quali” del Foro Italico. Ai quarti approda anche Andrea Basso, sofferente soltanto nel primo set contro Simone Roncalli (75 61).

Facendo un tuffo ideale al turno precedente, i tre match d’esordio rimanenti hanno fatto da contraltare alle tante sorprese collezionate ieri, come l’eliminazione della testa di serie numero 1 Julien Cagnina, di Stefano Travaglia e di Filippo Leonardi. Il numero 7 del seeding Riccardo Sinicropi si è salvato contro Davide Della Tommasina, mentre il mugellano Daniele Capecchi, accreditato dell’ottava testa di serie, si è sbarazzato con un duplice 64 del classe ’98 Luca Prevosto.
Domani (Giovedì 28 Luglio) sono in programma gli altri quattro ottavi di finale dei singolare e le semifinali del doppio. L’ingresso sui campi del Ct Pontedera è libero per tutta la durata della manifestazione.

RISULTATI 1° TURNO SINGOLARE
Sinicropi R. (ITA, 7) b. Della Tommasina D. (ITA) 76 62
Colella A. (ITA) b. Narcisi L. (ITA, q) 57 76 64
Capecchi D. (ITA) b. Prevosto L. (ITA, q) 64 64

RISULTATI 2° TURNO SINGOLARE
Massara A. (ITA, 3) b. Moroni G. (ITA) 76 rit.
Giacalone O. (ITA, 4) b. Popyrin A. (AUS, wc) 75 21 rit.
Basso A. (ITA) b. Roncalli S. (ITA) 75 61

RISULTATI QUARTI DI FINALE DOPPIO
Acquaroli/Borella (ITA/ITA) b. Maccari/Moncagatto (ITA/ITA, 1) nd
Colella/Miccini (ITA/ITA) b. Basso/Ceppellini (ITA/ITA, 4) nd
Felder/Massara (URU/ITA, 3) b. Cammarata/Giacalone (ITA/ITA) 63 76


TAG:

Lascia un commento