Il torneo di Torino Copertina, WTA

ITF Torino: Resoconto e dichiarazioni della finale. Successo di Dalila Jakupovic

09/07/2016 19:19 Nessun commento
La vincitrice Dalila Jakupovic - Foto Sergio Errigo
La vincitrice Dalila Jakupovic - Foto Sergio Errigo

Partenza in perfetto orario e come da copione, questa mattina alle ore 11 sul Centrale del Nord Tennis Sport Club di Torino, per l’atto decisivo del 9° Trofeo Ma-Bo, 25.000 $ ITF femminile. Da una parte la slovena Dalila Jakupovic, classe 1991 e quarta testa di serie del torneo torinese, dotata di ottimi fondamentali e buona mobilità; dall’altra la macedone Lina Gjorcheska, classe 1994, più potente della rivale, soprattutto con il servizio e il diritto, ma non così agile nel movimento sul terreno di gioco.

Buona la cornice di pubblico, come del resto nel corso dell’intera settimana e caldo estivo sul rosso del circolo torinese, ormai abituato ad ospitare eventi di tal fatta.
La partenza è stata equilibrata, con le due protagoniste brave a tenere i rispettivi servizi fino al quinto gioco, e Dalila Jakupovic in vantaggio 3-2. Primo break nel game successivo in suo favore, per il 4-2, subito rimediato dalla macedone per il 3-4. Jakupovic avanti 5-3 con un nuovo break, poi 5-4 in seguito all’immediata replica della macedone, ottima al servizio e con le accelerazioni da fondo campo, abile nel fermare la rivale sul primo set point. Nel decimo gioco Daliòa Jakupovic ancora una volta si è issata su due set point, annullati dalla Gjorcheska, per il 5-5. Tutto da rifare dunque. La slovena non si è persa d’animo ed è ripartita di slancio, per il 6-5 ed il break della svolta nel gioco numero 12, dopo aver annullato alla Gjorcheska diverse palle per il 6-6. Alla fine è stato 7-5, score che ha permesso alla Jakupovic di incamerare fiducia e set alla quarta opportunità.

Ancora Jakupovic attenta ad inizio seconda frazione, quando ha dovuto recuperare dallo 0-30 ed ha chiuso in proprio favore il game di avvio. La Gjorcheska ha stretto i denti in questa fase della contesa, cercando di ridurre gli errori gratuiti ed ha fatto propri i due game successivi, per il 2-1 maturato su un diritto che ha preso in pieno la linea di fondo, per il primo break del set. Non capitalizzato, però, perché in quello successivo la slovena ha immediatamente pareggiato i conti (2-2). Jakupovic di nuovo in vantaggio (3-2), ripresa dalla Gjorcheska con un turno di servizio molto solido (3-3). Poi 4-3 Jakupovic e 4-4 con risalita della Gjorcheska dal 15-40. Il game numero nove è stato quello che ha definitivamente portato il match dalla parte slovena. Lo ha vinto infatti la Jakupovic dopo molte occasioni fallite dall’avversaria, che si era portata in vantaggio 30-0. Il sigillo al confronto, dopo 1 ora e 25 minuti, è giunto nel game numero 10, con break della Jakupovic e molti errori della più giovane antagonista, per il 7-5 6-4: “Un bel torneo – ha detto al termine la vincitrice soddisfatta – e una finale degna nella quale mi sono presa la rivincita della sconfitta patita contro Lina la scorsa settimana. Non è stato facile vincere perché entrambe giochiamo un tennis aggressivo ed amiamo comandare il gioco. Ottima l’organizzazione e grande la cornice di pubblico per l’intera settimana di gare”. “Mi complimento con Dalila – ha sintetizzato la Gjorcheska a caldo – e con il Nord Tennis per aver permesso a noi giocatrici di dare il meglio in questa settimana. Non voglio parlare di obiettivi stagionali, ma penso solo a migliorare, torneo dopo torneo”. In ottica di ulteriore miglioramento, ecco le parole del Presidente del Nord Tennis Sport Club, Luca Politi: “Cerchiamo sempre di dare il massimo alle atlete che vengono a disputare il nostro torneo e gli apprezzamenti che ogni anno riceviamo ci confortano. A settembre cercheremo un colloquio con l’Amministrazione Comunale appena insediatasi guardando al futuro. Il nostro obiettivo è incrementare ancora i servizi alle giocatrici e magari inserire già dal 2017 l’ospitalità accanto al montepremi, già incrementato da due stagioni. Un grazie a tutto il mio staff per l’impegno e la professionalità messi in campo nell’arco dell’intera settimana di gare”. “Buono il livello tecnico – ha sottolineato la direttrice del torneo, Francesca Vaghetti, fin dalle qualificazioni. Abbiamo avuto l’onore di vedere tra le protagoniste anche Alberta Brianti, una delle tenniste italiane più forti dell’ultimo decennio, così giovani emergenti e giocatrici solide come la Grymalska, giunta fino al penultimo atto”. “Un bello spot per lo sport e la formazione, attraverso lo stesso, di personalità forti e vincenti – ha detto l’assessore allo sport della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, presente alla finale odierna – Siamo onorati che tornei come questo trovino sede nella nostra regione e diano l’opportunità a tutti di crescere. Ancor di più quando ci rendiamo conto di quanto il pubblico li segua e li ami”. L’appuntamento è già fin d’ora al prossimo anno, con la 10.a edizione del Ma-Bo: “I nostri valori aziendali – ha chiuso Stefano Busnelli, responsabile relazioni esterne Ma-Bo – hanno trovato perfetta collocazione ormai da nove stagioni nelle sinergie operative del Nord Tennis. E’ per questo che abbiamo rinnovato e potenziato il nostro sforzo accanto al torneo e siamo stati parte integrante della sua crescita. Le soddisfazioni ricevute sono state molte ed il fatto di saperlo ora ai vertici della categoria ci riempie di orgoglio”.


TAG: ,

Lascia un commento