Il dream team di Corrado Barazzutti

22/03/2016 08:25 7 commenti
Corrado Barazzutti capitano di Davis e Fed Cup dell'Italia - Foto Costantini
Corrado Barazzutti capitano di Davis e Fed Cup dell'Italia - Foto Costantini

Queste le parole di Corrado Barazzutti intervistato dal sito della Fed Cup.

Momento più bello da capitano?

“Sono stato capitano di FedCup per 14 anni, tengo in mente tantissimi bei momenti. Abbiamo vinto quattro edizioni della Coppa e raggiunto un’altra finale. Ogni partita dura che abbiamo vinto, comunque, rappresenta un bel ricordo. Sono fortunato ad avere una squadra come la nostra, hanno giocato benissimo ed hanno vinto tanto. Gli ultimi dieci anni, lavorando da capitano, sono stati pieni di bei momenti.”



Peggior momento da capitano?

Ogni volta che abbiamo perso un match. Quando ho iniziato da capitano, visto che ho dovuto costruire una squadra con un occhio al futuro e parlare a tutte le giocatrici. Ho cominciato dalla Schiavone[Francesca], che era molto giovane, poi Flavia [Pennetta] e Roberta [Vinci]. Avevamo quindi bisogno di conoscerci a vicenda. Una volta trascorsi quei momenti, le cose sono andate migliorando. Durante le prime fasi del mio incarico da capitano non sono mancati i momenti difficili.



E’ più facile giocare o essere capitano?

Preferisco giocare, ovviamente. Quando giocavo era più semplice, quello era il mio dovere. Quando si è capitano, le cose sono diverse: bisogna creare l’atmosfera migliore per i tennisti, metterli in condizioni ottimali affinché rendano. Questo richiede molto lavoro. Può capitare di scegliere qualcuno e non qualcun altro, situazione che a volte può generare problemi. Quando si è tennisti professionisti, ripeto, si tratta di stare sul campo e giocare. Sono due realtà completamente diverse.



Chi farebbe parte del tuo “Fed Cup dream-team”?
E’ una scelta difficile. Prenderei la mia squadra, che ha permesso all’Italia di vincere per quattro volte la Fed Cup. Pennetta, Schiavone, Vinci ed Errani. Io sarei il capitano!



Quanto tennis guardi nel corso della settimana, di media?

Tanto. Per avere buoni rapporti con i giocatori è necessario viaggiare, andare ogni settimana ad un torneo e restare per vedere tennis. Io sono in viaggio per almeno 30 settimane all’anno per assistere ai tornei e stare vicino ai giocatori.


TAG: , ,

7 commenti

cips2 (Guest) 22-03-2016 21:30

Scritto da Mithra
Intervista interessantissima con grandi riposte di Barazza; migliori momenti da Capitano: quando ho vinto; peggiori monenti: quando ho perso.

:lol:

7
Sottile (Guest) 22-03-2016 14:45

Scritto da Mithra
Intervista interessantissima con grandi riposte di Barazza; migliori momenti da Capitano: quando ho vinto; peggiori monenti: quando ho perso.

Catalano docet…. :mrgreen: Bravo Barazzuti , grande comunicatore!

6
Pablo (Guest) 22-03-2016 14:28

@ Mithra (#1553288)

Almeno è coerente: è noioso nelle interviste quanto lo era da giocatore :mrgreen: :mrgreen:

5
antonios (Guest) 22-03-2016 13:15

Anche “meglio da giocatore o da capitano?” è una domanda assolutamente originale che sicuramente non gli sarà stata mai posta.

4
Carlo (Guest) 22-03-2016 13:04

Manca la domanda clou: che previsioni hai per il futuro?

3
andreandre 22-03-2016 12:13

Scritto da Mithra
Intervista interessantissima con grandi riposte di Barazza; migliori momenti da Capitano: quando ho vinto; peggiori monenti: quando ho perso.

esatto..la banalità e la prevedibilità al potere

2
Mithra 22-03-2016 11:44

Intervista interessantissima con grandi riposte di Barazza; migliori momenti da Capitano: quando ho vinto; peggiori monenti: quando ho perso. :-D

1

Lascia un commento