Fabbiano e la volontà al potere

14/03/2016 13:47 19 commenti
Thomas Fabbiano classe 1989 sarà best ranking la prossima settimana
Thomas Fabbiano classe 1989 sarà best ranking la prossima settimana

È vero che gli italiani arrivano a una certa maturazione (non solo sportiva…) più tardi rispetto ai loro coetanei europei e non, forse perché spiccare il volo è per noi più complicato, forse perché le Federazioni alle spalle sono diverse, forse perché è proprio nel nostro DNA crescere leggermente in ritardo e guadagnare magari in longevità: il caso di Thomas Fabbiano è in tal senso indicativo.

Uno dei nostri migliori prospetti della sua generazione junior, è arrivato domenica al punto più alto della sua fin qui giovane (ma non giovanissima…) carriera: il tennista pugliese, classe 89 e prossimo già ai 27 anni, ha infatti vinto il challenger cinese di Zhuhai, irrompendo alle porte dei primi 100 giocatori del ranking, un traguardo ora distante una manciata di punti e davvero alla portata di Thomas.
Da numero 107 del mondo la vista è sicuramente più bella ma a questa altura il nostro tennista ci è arrivato oltrepassando alcuni ostacoli e tracciando un percorso a tratti incerto che dal finire dell’anno scorso sembra però essersi indirizzato su una linea retta e sicura: Fabbiano nel 2013 sembra dare segnali più che incoraggianti quando in estate vince il suo primo challenger di Recanati e passa anche le qualificazioni nello Slam newyorchese. Un tennista che attira le luci della ribalta e le attenzioni di tifosi e appassionati: forse proprio questa “esplosione” lo scombussola. E Thomas si perde.
Il 2014 è infatti un anno complicato, la discesa in classifica è repentina a tal punto che Thomas fa quello che sa fare meglio: faticare sul campo e non demordere. Il pugliese riparte dal basso, gioca futures e qualche challenger per tornare a salire in classifica, così l’anno successivo è pronto a ritornare ai suoi standard, perlomeno quelli che ha lasciato intravedere il suo potenziale quando espresso al meglio.

Diverse semifinali challenger, tante vittorie, soprattutto di quelle che fanno morale e caricano: tutto ciò è il preludio per la sua migliore stagione, questo 2016 che nei primi mesi dell’anno lo ha portato a confrontarsi con diversi main draw del circuito principale, affrontare top ten, vincere partite importanti e continuare a crescere, battendo giocatori dal pedigree notevole come il lussemburghese Gilles Muller o l’argentino Leonardo Mayer.
Fabbiano è adesso arrivato a un livello di maturazione psico fisica specchio fedele del suo tennis: i miglioramenti sono notevoli anche nel suo gioco, più profondo, più solido, con un occhio particolare alla preparazione atletica che è diventata parte fondamentale del suo mondo e a una consapevolezza nei propri mezzi decisiva.

Adesso la tranche asiatica dei tornei continua così come continua il sogno di Fabbiano: il traguardo dei 100 è lì vicino, a un soffio e sarà raggiunto facendo leva sui migliori piatti della casa Fabbiano, ossia dedizione al lavoro, passione per il tennis, spirito di sacrificio e voglia di migliorarsi alla ricerca di obiettivi posizionati sempre più in alto.


Alessandro Orecchio


TAG: , ,

19 commenti. Lasciane uno!

fisherman (Guest) 14-03-2016 22:37
19
fisherman (Guest) 14-03-2016 22:34

@ io (#1548801)

i commenti da bar dello sport,qua giustamente non sono graditi e potresti evitarceli..
Stiamo parlando di un ragazzo fortissimo a livello junior che con costanza e abnegazione sta meritatamente e legittimamente raccogliendo adesso i frutti del suo lavoro..
Meglio tardi che mai..come si suol dire…

18
Paolo (Guest) 14-03-2016 21:48

@ Shuzo (#1548871)

il tennis italiano ha bisogno di giovani che emergano, ben venga Vanni ma non possiamo certo affidarci a lui per il futuro

17
mclain (Guest) 14-03-2016 21:43

@ io (#1548801)

Un altro giocatore come tanti??? Beh arrivare nei 100 non è facilissimo.
Direi un commento senza alcuna logica e molto superficiale.
Bravo Thomas continua così!

16
Rodolfo 14-03-2016 20:32

Scritto da lesser
bravo veramente.da esempio per i giocatori italiani.pensate se fosse più alto di satatura ed avesse un buon servizio………………..

La satatura è sutile ma non deserminante per divensare un ottimo settista. …

15
Koko (Guest) 14-03-2016 18:22

Scritto da io
Si vabbè, un altro giocatore come tanti, dai, che ci stiamo a raccontare?!! A 27 anni e non è ancora nei 100… Intanto gli altri c’hanno Zverev…
(Dopodichè bravo bravo e tutto il resto, ma diamo a ogni cosa il suo giusto peso)

In analogia con la “preghiera” di Full Metal Jacket…questo è il mio fucile, ce ne sono tanti come lui ma questo è il mio..! 😮

14
lupen (Guest) 14-03-2016 18:01

Speriamo che non sia un periodo di grazia, ma la svolta tardiva di una carriera brillante !!!

13
Shuzo (Guest) 14-03-2016 17:57

Mi auguro che si trascini dietro anche Vanni. Il tennis italiano ha bisogno anche di lui!

12
mirko.dllm (Guest) 14-03-2016 17:45

Scritto da Elio
Questa storia di maturazione lentissima xchè siamo italiani mi convince ben poco. Non sarà xchè ci accontentiamo troppo presto di troppo poco ?

Penso che hai centrato il punto,o il problema 😉 .Almeno in ambito tennistico.

11
Marcus91 14-03-2016 17:37

Scritto da io
Si vabbè, un altro giocatore come tanti, dai, che ci stiamo a raccontare?!! A 27 anni e non è ancora nei 100… Intanto gli altri c’hanno Zverev…
(Dopodichè bravo bravo e tutto il resto, ma diamo a ogni cosa il suo giusto peso)

Commento decisamente inutile! 😕

10
Haas78 (Guest) 14-03-2016 17:27

Si meriterebbe presto l’ingresso nei top100, con un pò di continuità intorno agli 85/90 potrebbe arrivarci

9
Elio 14-03-2016 16:53

Questa storia di maturazione lentissima xchè siamo italiani mi convince ben poco. Non sarà xchè ci accontentiamo troppo presto di troppo poco ?
💡

8
marco (Guest) 14-03-2016 16:49

@ io (#1548801)

Nessuno sta osannando nessuno.. Quindi stai al tuo posto!!! TU

7
io (Guest) 14-03-2016 16:19

Si vabbè, un altro giocatore come tanti, dai, che ci stiamo a raccontare?!! A 27 anni e non è ancora nei 100… Intanto gli altri c’hanno Zverev…
(Dopodichè bravo bravo e tutto il resto, ma diamo a ogni cosa il suo giusto peso)

6
erminio (Guest) 14-03-2016 15:39

Scritto da giuliano da viareggio
Ottimo articolo per un ottimo tennista!

sono d’accordo al 100%…

5
mario (Guest) 14-03-2016 15:32

Bravo Thomas!

4
lesser 14-03-2016 14:22

il salto di qualità te lo fa l’allenatore più la tua determinazione.non scriviamo cavolate

3
lesser 14-03-2016 14:20

bravo veramente.da esempio per i giocatori italiani.pensate se fosse più alto di satatura ed avesse un buon servizio………………..

2
giuliano da viareggio (Guest) 14-03-2016 14:03

Ottimo articolo per un ottimo tennista!

1