Circuito Challenger Challenger, Copertina

Challenger Zhuai: Fabbiano e Sonego approdano al secondo turno (Video)

08/03/2016 09:40 38 commenti
Thomas Fabbiano classe 1989, n.126 ATP
Thomas Fabbiano classe 1989, n.126 ATP

Questo il risultato con il Live dettagliato dei giocatori italiani impegnati nel torneo challenger di Zhuai ($50.000, hard).

CHN Chalenger Zhuhai – Hard
1T Fabbiano ITA – Molchanov UKR (0-0) 2 incontro dalle ore 03:00

CH Zhuhai
Thomas Fabbiano [4]
6
6
6
Denys Molchanov
3
7
1
Vincitore: T. FABBIANO


2T Fabbiano ITA [4] – Wang [WC] o Weintraub


02:04:58
4 Aces 9
1 Double Faults 7
69% 1st Serve % 52%
49/62 (79%) 1st Serve Points Won 39/54 (72%)
18/28 (64%) 2nd Serve Points Won 22/50 (44%)
1/1 (100%) Break Points Saved 9/12 (75%)
15 Service Games Played 13
15/54 (28%) 1st Return Points Won 13/62 (21%)
28/50 (56%) 2nd Return Points Won 10/28 (36%)
3/12 (25%) Break Points Won 0/1 (0%)
13 Return Games Played 15
67/90 (74%) Total Service Points Won 61/104 (59%)
43/104 (41%) Total Return Points Won 23/90 (26%)
110/194 (57%) Total Points Won 84/194 (43%)

126 Ranking 223
26 Age 28
Grottaglie, Italy Birthplace Chisinau, Moldovia
Rome, Italy Residence Kiev, Ukraine
5’8″ (172 cm) Height 6’3″ (190 cm)
154 lbs (70 kg) Weight 180 lbs (81 kg)
Right-Handed Plays Right-Handed
2005 Turned Pro N/A
3/3 Year to Date Win/Loss 0/0
0 Year to Date Titles 0
0 Career Titles 0
$439,920 Career Prize Money $377,615




1T Kim KOR – Sonego ITA (0-0) 2 incontro dalle ore 03:00

CH Zhuhai
Cheong-Eui Kim
6
3
Lorenzo Sonego
7
6
Vincitore: L. SONEGO


2T [Q] Sonego ITA – Kudryavtsev [8] o Celikbilek [WC]


01:36:03
3 Aces 4
3 Double Faults 3
59% 1st Serve % 65%
27/47 (57%) 1st Serve Points Won 31/40 (78%)
17/32 (53%) 2nd Serve Points Won 12/22 (55%)
4/8 (50%) Break Points Saved 1/3 (33%)
11 Service Games Played 10
9/40 (23%) 1st Return Points Won 20/47 (43%)
10/22 (45%) 2nd Return Points Won 15/32 (47%)
2/3 (67%) Break Points Won 4/8 (50%)
10 Return Games Played 11
44/79 (56%) Total Service Points Won 43/62 (69%)
19/62 (31%) Total Return Points Won 35/79 (44%)
63/141 (45%) Total Points Won 78/141 (55%)

349 Ranking 380
25 Age 20
N/A Birthplace Torino, Italy
Korea Residence N/A
N/A Height N/A
N/A Weight 161 lbs (73 kg)
N/A Plays Right-Handed
N/A Turned Pro N/A
0/0 Year to Date Win/Loss 0/0
0 Year to Date Titles 0
0 Career Titles 0
$53,681 Career Prize Money $19,111





TAG: , , , , ,

38 commenti. Lasciane uno!

Anni80 08-03-2016 15:34

Scritto da gido

Scritto da pierre hermes the picasso of pastry

Scritto da Il Ghiro
da domani 3 italiani presenti al challenger?
E’ confermata la presenza di Pierre d’Oriente?

Si….Bella questa
Io non faccio neanche un 15 con il cinesino NC che e’ stato asfaltato da Sonego….
Dicevo con l amico Gido che sto messo proprio male, domani non ce la faccio per cui i ns giovani devono resistere, Giovedi mi posso organizdare.

resistete per Pierre!!

38
Il Ghiro (Guest) 08-03-2016 15:01

Scritto da ernests
@ Il Ghiro (#1543812)
Ciao, innanzitutto volevo dire che la mia statistica è nata leggendo molti commenti del tipo “gli italiani perdono sempre i tiebreak decisivi” e qualcuno rispondeva “non è vero, le percentuali sono uguali” e allora ho deciso di prendere dei dati oggettivi e vedere cosa saltava fuori: saltano fuori quei numeri. Dunque stando ai primi mesi del 2016 aveva ragione chi, magari perché si diverte a fare dei post disfattisti, diceva che gli italiani perdono spesso i tiebreak del terzo. E qua finiscono le cose oggettive. Ripeto, la mia statistica è nata da questa mia curiosità e non ho alcuna intenzione di usare questi dati per dare delle conclusioni. Quello che forse ha fatto andare un po’ tutti fuori strada è che ho provato a capire se ci potesse essere una qualsiasi spiegazione (anche assurda come sottolineato da Figologo) per questi dati ed è stato interpretato come un voler usare i dati per trarre quelle conclusioni: assolutamente no.

Ciao,io ho riproposto i vostri commenti perchè comunque erano riassuntivi della diatriba e ben argomentati, ed uscivano dai soliti canovacci ormai stantii, anzi stantiissimi visto che adesso si può scrivere anche petaloso… :mrgreen:
Onestamente mi ero un po’ stancato di tutti quei commenti che si riferivano all’ultimo tb giocato come se fosse la cartina di tornasole di tutta la storia del tennis italiano e universale, e volevo vedere se nasceva un dibattito più interessante, o almeno più originale.

37
dario (Guest) 08-03-2016 14:15

Ribadisco che per me solo Skugor può negargli la finale

36
pierre hermes the picasso of pastry (Guest) 08-03-2016 13:30

Scritto da Luca Milano
cosa vedo?
due Tie Break vinti su due giocati!!!!
ieri qualcuno ha fatto girare statistiche scrause secondo cui quest’anno gli Italiani hanno vinto il 28% dei Tie Break…
all’improvviso statistiche stravolte!!!

Il TB l ha vinto Sonego ma il Chang delle Puglie lo ha perso, 6.3 6.7 6.1 , x cui oggi TB siamo 1pari e il 28% Rimane take ( sempre che fosse corretto)

35
gido 08-03-2016 13:02

Scritto da pierre hermes the picasso of pastry

Scritto da Il Ghiro
da domani 3 italiani presenti al challenger?
E’ confermata la presenza di Pierre d’Oriente?

Si….Bella questa
Io non faccio neanche un 15 con il cinesino NC che e’ stato asfaltato da Sonego….
Dicevo con l amico Gido che sto messo proprio male, domani non ce la faccio per cui i ns giovani devono resistere, Giovedi mi posso organizdare.

resistete per Pierre!!

34
ernests 08-03-2016 12:23

@ Il Ghiro (#1543812)

Ciao, innanzitutto volevo dire che la mia statistica è nata leggendo molti commenti del tipo “gli italiani perdono sempre i tiebreak decisivi” e qualcuno rispondeva “non è vero, le percentuali sono uguali” e allora ho deciso di prendere dei dati oggettivi e vedere cosa saltava fuori: saltano fuori quei numeri. Dunque stando ai primi mesi del 2016 aveva ragione chi, magari perché si diverte a fare dei post disfattisti, diceva che gli italiani perdono spesso i tiebreak del terzo. E qua finiscono le cose oggettive. Ripeto, la mia statistica è nata da questa mia curiosità e non ho alcuna intenzione di usare questi dati per dare delle conclusioni. Quello che forse ha fatto andare un po’ tutti fuori strada è che ho provato a capire se ci potesse essere una qualsiasi spiegazione (anche assurda come sottolineato da Figologo) per questi dati ed è stato interpretato come un voler usare i dati per trarre quelle conclusioni: assolutamente no.

33
Il Ghiro (Guest) 08-03-2016 12:05

Scritto da ska
Concordo con quanto scritto da Figologo ma non sulla conclusione.
Premesso che di Tennis ne saprà sicuramente piu di me, ma su questo:
Dunque prima ancora di mettere in piedi una statistica, conveniamo sull’inutilità della stessa e smettiamola di dire fregnacce solo perchè abbiamo la libertà di poterle dire. non posso concordare.
Lasciamo la libertà di farsi le statistiche anche per dimostrare una tesi che in dialetto “la sta in pè con tri vent” e quando avranno un campione serio tipo 1000 TB giocati da Italiani contro ” stranieri” su diverse superfici ne riparliamo.
Perchè la cosa bella dei numeri è che non sempre vanno nella direzione scelta dall’osservatore.

La cosa bella dei numeri è che sono interpretabili, diciamo che facciamo un campionato di 10 partite tra noi 2.
E supponiamo, come probabile, che tu le vinca tutte e che finisca 10-0 per te.
Beh, io statistiche alla mano potrei festeggiare il mio splendido secondo posto e sfotterti per essere arrivato penultimo nel tuo campionato….

32
zedarioz 08-03-2016 11:13

Fabbiano continuando a giocare sul veloce sta prendendo confidenza con i grandi battitori specialisti della superficie. Così quando incontra i top 100 che di media servono ad alto livello si troverà sempre più a suo agio, perché poi nel palleggio è già a livello dei top 100. Ora lo sta diventando anche nei colpi di inizio gioco senza i quali negli ATP non hai chance (Cecchinato docet). Avere 12 palle break contro un buon battitore e concederne solo 1 è un ottimo segno.

31
ska (Guest) 08-03-2016 11:11

Concordo con quanto scritto da Figologo ma non sulla conclusione.

Premesso che di Tennis ne saprà sicuramente piu di me, ma su questo:
Dunque prima ancora di mettere in piedi una statistica, conveniamo sull’inutilità della stessa e smettiamola di dire fregnacce solo perchè abbiamo la libertà di poterle dire. non posso concordare.

Lasciamo la libertà di farsi le statistiche anche per dimostrare una tesi che in dialetto “la sta in pè con tri vent” e quando avranno un campione serio tipo 1000 TB giocati da Italiani contro ” stranieri” su diverse superfici ne riparliamo.
Perchè la cosa bella dei numeri è che non sempre vanno nella direzione scelta dall’osservatore.

30
Valter (Guest) 08-03-2016 11:09

Grande sonego , avanti così !!!!! Se trova una giornata tipo quella con Ram ad Ortisei può andare ai quarti

29
fab 08-03-2016 10:54

Ottime vittorie molto bravo Sonego!

28
Il Ghiro (Guest) 08-03-2016 10:16

Quoto quanto sotto dai commenti all’articolo sui risultati di ieri perchè mi sarebbe spiaciuto che, visto che è stato scritto tardi, la maggior parte di noi si fosse persa questo intervento molto argomentato sull’annosa questione #italianiallergiciaitb:

Scritto da Figologo

Scritto da ernests
@ Figologo (#1543007)
Grande Figologo che cerca la polemica
Dato che si diceva tanto che gli italiani perdevano sempre i tiebreak decisivi, mentre altri sostenevano che la percentuale era 50% come le altre nazioni, ho deciso di fare questa statistica per vedere chi avesse ragione. Per adesso i risultati danno ragione ai più pessimisti e ho provato a fare delle ipotesi per spiegare il motivo: problema mentale? carenza nei colpi di inizio gioco, fondamentali per quei momenti in cui ci si gioca tutto in pochi colpi? sfiga?
Boh, io penso sia un mix tra i primi due: il fatto di essere carente con servizio e/o risposta può creare più preoccupazioni e far giocare meno sciolti, oppure è il braccino che non rende efficaci quei colpi. Io non lo so con certezza, il mio scopo è fornire dei dati su cui poter fare dei ragionamenti. Punto, tutto il resto è noia

Amico mio, imperciocchè sembri un ragazzo sveglio, non dubito comprenderai pienamente quello che di seguito proverò a spiegare.
Mi permetterai previamente di lodare il tuo sforzo statistico, sempre gradito.
Ti invito però a dirottare le tue fatiche verso più proficui esercizi.
Il punto, caro amico, è che una statistica sulle sconfitte degli italiani al tie break del set decisivo (terzo o quinto) si può anche fare. Medesima statistica si può fare con riferimento ai tie break decisivi persi da inglesi, spagnoli, algerini o polinesiani.
Il problema, però, è che qualsiasi risultato ci darebbe un dato puramente numerico da cui è impossibile ricavare alcunchè di utile, per il principio in base al quale “da premesse errate non possono che ricavarsi conclusioni fallaci”.
Ipotizziamo che rimanga il dato del 28%, ben al di sotto la media e che quindi il campione “tennisti italiani” è sotto la media dei tie break decisivi vinti.
Cosa ne ricaviamo? Bene, qualsiasi cosa se ne voglia ricavare necessita di spiegazioni ulteriori sulle sconfitte al tie break del set decisivo.
Usiamo i tuoi elementi.
a) Carenza nei colpi di inizio gioco.
Valutabili in base ai tie break decisivi persi? Non credo. Dovremmo scandagliare i tie break persi da giocatori notoriamente dotati di buoni colpi di inizio gioco (alte percentuali medie al servizio, alte percentuali medie in risposta) per avere un dato certo. E comunque ottimi colpi di inizio gioco dovrebbero essere valutati sull’intero match e non sul tie break decisivo.
Se uno serve 38 ace in tutto il match ed è particolarmente falloso e deficitario al servizio nel tie break, è uno “scarso” coi colpi di inizio gioco?
b) Problemi mentali.
L’elemento è talmente vago che nutro spesso una enorme diffidenza quando viene improvvidamente tirato fuori. Come misurarlo? Come valutarlo? Come accorgersene? Come escludere con scientifica certezza il calo fisico, il calo tecnico, la perdita del filo tattico, per privilegiare il vago “calo mentale”?
Come stabilire, senza addentrarsi nel terreno della mera speculazione, che un giocatore sia “calato mentalmente”?
c) Sfiga.
No comment. “Solo gli idioti ce l’hanno” (cit.).
Orbene, a me sembra che tutte le conclusioni/spiegazioni che provi(amo) a trarne, siano tutte spiegazioni di tipo speculativo/ipotetico, ben lontane dalla ragionevole certezza con cui ci lanciamo in valutazioni oggettive su un dritto giocato male, un servizio particolarmente ficcante o un cicciobomba che si ciondola in campo con fare pachidermico di cui si può dire senza il rischio di essere smentiti: “Non è in forma”.
Quello che viene in rilievo, secondo me, sono i dati di partenza che, come sostenevo prima, sono fallaci.
Il tie break decisivo, infatti, è una porzione del match la cui decisività, mi scuserai per la ripetizione, non deve distogliere l’attenzione che stiamo parlando appunto di una porzione.
La mia idea è che da 7 o 12 o 14 punti non si possa ricavare niente di particolarmente pregnante ai fini di un’analisi.
Anche se spalmiamo il dato nel tempo, e valutiamo che mister x ne ha persi 3/10, non potremmo ricavarne nulla stante la particolare esclusività di ogni match di tennis, che è storia a sè rispetto ad altri.
Ma c’è di più. La cosa veramente inconcepibile, secondo il parere dell’umile scrivente, è il campione: “tennisti italiani”, collegato al dato “tie break” di cui sopra.
Da cosa sarebbero accomunati i tennisti italiani che formano il coacervo che perde o vince un tot. di tie break decisivi?
Dalla scuola? Soprassedendo sul concetto di “scuole tennistiche nazionali”, su cui sono sempre molto cauto, esiste un criterio per ricollegare la formazione tennistica al tie break decisivo perso o vinto? Mi sembra che ci stiamo arrampicando sugli specchi.
Dalla “mentalità”? Sul concetto sono sempre molto scettico, spesso ilare nel leggere certe fregnacce pazzesche sulla mentalità italiana “mammona” o “debole” o stupidaggi non misurabili scientificamente simili.
Dalla razza, alfine? L’ultimo che sosteneva una cosa del genere si chiamava Adolfo. E non credo ne capisse di tennis.
Di certo non capiva di uomini.
All’esito del presente discorso, CHE LE INNUMEREVOLI INESATTEZZE CHE CONTINUANO A INFESTARE QUESTA BACHECA MI HANNO COSTRETTO A FARE, non mi sembra possa esistere un “ponte” che colleghi con ragionevole scientificità gli elementi “giocatori di una nazione” e “esito dei tie break decisivi”.
Dunque prima ancora di mettere in piedi una statistica, conveniamo sull’inutilità della stessa e smettiamola di dire fregnacce solo perchè abbiamo la libertà di poterle dire.
Tanto dovevo,
cordialità.

27
rexy00 (Guest) 08-03-2016 09:33

thomas al secondo ha Weintraub?
comunque in sto torneo ha concrete possibilità di arrivare in semi

26
pierre hermes the picasso of pastry (Guest) 08-03-2016 09:33

Scritto da Il Ghiro
da domani 3 italiani presenti al challenger?
E’ confermata la presenza di Pierre d’Oriente?

Si….Bella questa
Io non faccio neanche un 15 con il cinesino NC che e’ stato asfaltato da Sonego….
Dicevo con l amico Gido che sto messo proprio male, domani non ce la faccio per cui i ns giovani devono resistere, Giovedi mi posso organizdare.

25
Luca Milano (Guest) 08-03-2016 09:29

cosa vedo?
due Tie Break vinti su due giocati!!!! :shock:

ieri qualcuno ha fatto girare statistiche scrause secondo cui quest’anno gli Italiani hanno vinto il 28% dei Tie Break…
all’improvviso statistiche stravolte!!! :lol:

24
superpeppe (Guest) 08-03-2016 09:26

Benissimo

23
Palmeria (Guest) 08-03-2016 08:58

Ottimo!

22
darios80 (Guest) 08-03-2016 08:48

ottimo

21
ska (Guest) 08-03-2016 08:34

Bello vedere che Thomas ha in uscita 18 punti da un Future e se passa ancora un turno ne ha 18 da un challenger

20
Fede-rer 08-03-2016 08:32

Bravissimi ragazzi! Fabbiano deve provare ad arrivare in fondo, per Sonego un altro turno superato sarebbe già grasso che cola!

19
gido 08-03-2016 08:30

mamma che Italians!!

18
Federer.Forever 08-03-2016 08:20

Prossimo turno? Complimenti ad entrambi.

17
Leconte (Guest) 08-03-2016 08:13

Bravissimi entrambi.

16
Omarino 08-03-2016 08:00

Adesso vediamo se Lorenzo riesce almeno a lottare nel secondo turno,di certo più impegnativo.
Per ora son 4 partite e 0 set persi,complimenti.

15
Osho (Guest) 08-03-2016 07:59

Sonegone

14
QUINZI e GIORGI (io ci credo)1926 (Guest) 08-03-2016 07:56

Bravi tutti e 2 forza ragazzi

13
asso (Guest) 08-03-2016 07:42

Bene!

12
Rodolfo 08-03-2016 07:40

Bene Bravi entrambi. FORZA RAGAZZI! !!

11
Manuel (Guest) 08-03-2016 07:39

Bravo sonego

10
Il Ghiro (Guest) 08-03-2016 07:39

da domani 3 italiani presenti al challenger?
E’ confermata la presenza di Pierre d’Oriente?

9
Paolo80 (Guest) 08-03-2016 07:34

Bravi Lorenzo e Thomas!!Avanti così!!

8
pierre hermes the picasso of pastry (Guest) 08-03-2016 07:31

BravI tutti e 2

7
Gabriele da Firenze 08-03-2016 07:27

E bravi Thomas e Lorenzo! Per entrambi è best ranking: Fabbiano al 122° posto mentre Sonego balza al 353°. :mrgreen:

6
Pollicino (Guest) 08-03-2016 07:22

Molto bene. Bravi

5
Green carpet (Guest) 08-03-2016 07:19

Bravissimi

4
pietro2006 08-03-2016 07:16

Grandissimo Lorengo adesso asfaltiamoli tutti…

3
pierre hermes the picasso of pastry (Guest) 08-03-2016 06:47

Aiaaa….Sonego 7.6 3.2 e servizio brutto break contro ora 3pari tutto da rifare.

2
pierre hermes the picasso of pastry (Guest) 08-03-2016 06:45

Fabbiano new version ! il Chang delle Puglie, perso il 2ndo al TB rimane li’ sul pezzo lasciando 1game all avversario.
Bella vittoria.

1

Lascia un commento