Da Bergamo Challenger, Copertina

Herbert suona la marsigliese a Bergamo

14/02/2016 23:42 5 commenti
Pierre Hugues Herbert (Credit Antonio Milesi).
Pierre Hugues Herbert (Credit Antonio Milesi).

Il francese corona una splendida settimana e si aggiudica il terzo challenger in carriera, il primo fuori dalla Francia. Batte in due set Gerasimov e si avvicina ai top-100. “Io il nuovo Benoit Paire? Perché no”. Trionfo di pubblico: PalaNorda esaurito e tante idee per l’anno prossimo.

Il Trofeo Perrel-FAIP di Bergamo (42.500€, Play-It) celebra un grande vincitore, uno dei più attesi alla vigilia. Al termine di una finale rapida ma equilibrata, il titolo è andato a Pierre Hugues Herbert, lo stesso che cinque mesi fa trionfava allo Us Open di doppio insieme a Nicolas Mahut. Il buon Pierre è un grande doppista ma ha ottime chance anche in singolare, sebbene il suo ranking non sia mai andato oltre il numero 92 ATP. “L’anno scorso ho avuto qualche problema fisico, un infortunio che mi ha impedito di giocare un po’ di tornei in singolare, facendomi concentrare sul doppio. Spero che quest’anno vada meglio, di vivere altre settimane come questa e tornare tra i top-100, magari anche un po’ più in alto” ha detto il francese dopo il 6-3 7-6 rifilato a Egor Gerasimov davanti a un PalaNorda stracolmo, traboccante entusiasmo. C’erano oltre 2.500 persone. La superficie piuttosto rapida ha reso gli scambi molto brevi, ma il serve and volley di Herbert ha regalato colpi di alta scuola. Il primo set era deciso da un break a zero nel sesto game, suggellato da un doppio fallo di Gerasimov dopo che Herbert si era procurato lo 0-40 con un missile in risposta. Nel secondo non c’erano sussulti, anche se il bielorusso si portava a due punti dal set sul 6-5 e 40-40. Ma nel momento del bisogno il servizio ha dato una mano a Herbert e gli ha consentito di acciuffare il tie-break. Un “jeu decisif” dall’andamento strano: 3-0 Herbert, 5-4 Gerasimov, infine 7-5 per il francese. Sul 5-4 Gerasimov, un servizio nettamente fuori di Herbert non è stato chiamato dal giudice di linea. Il bielorusso si è arrabbiato, si è disunito e ha devastato la racchetta dopo il matchpoint. “Questo titolo significa molto per me – ha detto Herbert, che salirà intorno al numero 110 ATP – ho iniziato bene il 2016 con l’Australian Open, ho giocato 14 match e ne ho vinti 12. Per ora la stagione è positiva, spero di continuare così”.

IMITARE PAIRE? PERCHE’ NO
Sulla finale non c’è molto da dire (“Sapevo che sarebbe stata dura, sono contento di aver vinto in due set”), anche se il francese deve ringraziare la superficie, perfetta per il suo gioco. “E’ vero, era piuttosto veloce, sono contento di aver giocato con continuità il serve and volley, mi ha tolto dai problemi in varie situazioni. Non c’è dubbio che mi abbia aiutato e si adatti perfettamente al mio gioco. Nel circuito i campi sono sempre più lenti ed è complicato andare a rete, mentre qui ho potuto farlo”. A specifica domanda se questo successo lo avrebbe convinto a giocare di più in singolare a discapito del doppio, Herbert ha detto che la sua programmazione non cambierà. “Semplicemente in alcune settimane darò la priorità al doppio e in altre al singolo. Dopo l’Australia, ho detto al mio compagno Nicolas Mahut che per questo mese non avrei giocato il doppio e avrei provato a migliorare il ranking in singolare. Per me febbraio sarà il mese dei challenger”. Lo scorso anno si era imposto un altro francese, quel Benoit Paire che poi avrebbe chiuso la stagione tra i top-20. “Imitarlo? Perché no? Certo, la strada è lunga. Prima di tutto devo entrare tra i top-100 ATP, poi dovrò giocare bene per tutto l’anno. Benoit è straordinario, dopo Bergamo ha raggiunto la finale a Cherbourg e ha vinto a Quimper”. Herbert ha poi fatto i complimenti al torneo e al pubblico. Raramente si vede così tanta gente in un torneo challenger. “Ho sempre amato venire in Italia perché la gente ama il buon tennis, ama il mio gioco aggressivo. Rispetto agli altri challenger, Bergamo può vantare un bel campo centrale, un ambiente incredibile e tanta bella gente”. Insomma, sembrano esserci tutte le premesse per un’altra stagione d’oro nata da Bergamo. Come Paire l’anno scorso, come Bolelli due anni fa e come tanti altri giocatori in passato.

BILANCIO STRAORDINARIO
Si chiude in gloria l’undicesima edizione di un torneo sempre più apprezzato dal pubblico e dai giocatori, un gioiello del circuito mondiale. “Chiudiamo con un bilancio estremamente positivo – dice il direttore del torneo Marco Fermi, che si è anche commosso durante la premiazione – abbiamo raccolto oltre 20.000 spettatori nell’arco della settimana e alcuni pienoni straordinari, compreso quello della finale. Guardiamo al futuro con grande entusiasmo e per l’anno prossimo stiamo già pensando a qualche novità. Probabilmente organizzeremo un torneo preliminare per assegnare le wild card delle qualificazioni e, su richiesta di alcuni sponsor, potremmo pensare alla creazione di un torneo ITF femminile da 10.000 dollari da giocarsi la settimana precedente, magari coinvolgendo diversi circoli della provincia”. Bergamo si conferma uno dei tornei più longevi del panorama italiano e quest’anno è stato premiato con una clamorosa visibilità su scala mondiale grazie al cliccatissimo colpo di Dustin Brown, una volèe dietro la schiena che è diventata virale e ha raccolto oltre 600.000 visualizzazioni su Youtube, oltre ad essere trasmesso da ESPN e Sky UK. E’ la ciliegina sulla torta, il giusto premio per un’organizzazione che si impegna duramente fino a coinvolgere 200 persone. L’avventura è sempre più bella: chissà fino a dove si spingerà.

TROFEO PERREL – FAIP (42.500€, Play-It)
Finale Singolare

Pierre Hugues Herbert (Francia) b. Egor Gerasimov (Bielorussia) 6-3 7-6(5)

L’ALBO D’ORO
2006 – Alex Bogdanovic (GBR)
2007 – Fabrice Santoro (FRA)
2008 – Andreas Seppi (ITA)
2009 – Lukas Rosol (CZE)
2010 – Karol Beck (SVK)
2011 – Andreas Seppi (ITA)
2012 – Bjorn Phau (GER)
2013 – Michal Przysiezny (POL)
2014 – Simone Bolelli (ITA)
2015 – Benoit Paire (FRA)
2016 – Pierre Hugues Herbert (FRA)

La partita punto per punto

CH Bergamo
Pierre-Hugues Herbert
6
7
Egor Gerasimov
3
6
Vincitore: P. HERBERT


TAG: , , ,

5 commenti

Psyco Fogna 15-02-2016 16:15

@ Elio (#1528429)

Su erba sicuramente, e come minimo.

Comunque Gerasimov ha subito un furto evidente: avanti di un punto nel tie-break hanno assegnato un ace ad Herbert che era fuori di almeno 10 cm. In quel momento Gerasimov stava giocando molto bene e meglio del suo avversario, probabilmente sulla seconda del francese avrebbe vinto il punto e quasi certamente il set, e al terzo chissà come sarebbe andata a finire.

5
Elio 15-02-2016 11:17

Per me, Herbert vale il top 50.

4
bilbo (Guest) 15-02-2016 10:04

non diciamo però che la finale è stata una partita di tennis

3
ASHTONEATON 15-02-2016 08:32

Gran bel giocatore questo HERBERT!!!! ahimè Francese….

2
marvar (Guest) 15-02-2016 00:09

Ottimo vincitore per l’ albo d’ oro di Bergamo..

1

Lascia un commento