Notizie da San Marino Copertina, Generica

Giorgio Galimberti plaude Marco De Rossi, Primo ‘Titano’ In Classifica Atp

04/02/2016 18:12 12 commenti
Marco De Rossi classe 1997
Marco De Rossi classe 1997

Il momento tanto atteso è finalmente arrivato: la bandiera di San Marino approda per la prima volta nella classifica mondiale individuale del tennis maschile. A scrivere una pagina importantissima nella storia sportiva della piccola e antica Repubblica è Marco De Rossi, che al “Soho Square Egypt F3”, torneo Itf Men’s Future a Sharm El Sheik (10.000 dollari, cemento), ha conquistato il primo punto Atp di un tennista sammarinese nel ranking individuale (in precedenza era apparso solo il nome di Domenico Vicini in doppio).

Sui campi in cemento egiziani, dopo aver precedentemente guadagnato l’accesso al tabellone principale superando le qualificazioni grazie alle vittorie contro il sudafricano Van Wyk (n. 2078 Atp) e l’italiano Lago (1201 Atp), il 18enne della San Marino Tennis Academy diretta da Giorgio Galimberti al primo turno ha prevalso per 6-1 1-6 6-1 sull’indiano Vinayak Sharma Kaza (723 Atp), prima di trovare disco rosso di fronte al solido spagnolo Roberto Ortega Olmedo, numero 345 del ranking mondiale e terza testa di serie, impostosi 6-2 6-1.

Un motivo di soddisfazione non da poco anche per Giorgio Galimberti, che guida l’Academy. “Marco a Sharm sta dimostrando con i fatti come il lavoro stia pagando”, il giudizio dell’ex Davisman azzurro, che si gode il momento d’oro dei suoi allievi in questo inizio di 2016. I risultati parlano chiaro e sono sotto gli occhi di tutti: nei tornei internazionali Itf under 18 Maria Vittoria Viviani finalista a Barranquilla, quarti a San Josè di Costarica e Caracas, Andrea Grossi si è aggiudicato domenica l’Open del Villa Carpena, Federico Bertuccioli ha vinto 9 set su 9 nel raduno di Tirrenia, Filippo Stramigioli ha fatto “positivi” in serie nell’Open di Trento e ora l’ingresso di Marco De Rossi in classifica mondiale.

“La nostra è sicuramente una struttura in crescita costante – sottolinea Galimberti, in questi giorni a Marsiglia per la sfida Francia-Italia di Fed Cup in qualità di vice del capitano Corrado Barazzutti – anche perché ogni anno aggiungiamo qualcosa in più nello staff, che quindi migliora sempre in termini di qualità. Il preparatore atletico è Luca Fiore, coadiuvato dai fratelli Giulio e Nicola Ciotti, tre professionisti che hanno fatto la differenza, come riscontrato dai test atletici a Tirrenia dove Federico Bertuccioli è stato il migliore tra i ’98. Per quanto riguarda i tecnici Antonino Lo Paro è giovane ma già esperto, Claudio Grassi è stato la ciliegina sulla torta, fa sia da allenatore che da sparring. Ho sostenuto investimenti notevoli per potenziarla sempre più, ma la struttura sta funzionando molto bene: è una realtà di primo livello e i risultati ne sono la conseguenza, una Academy nel vero senso della parola per il tipo di servizi che può fornire, a differenza di altre strutture che usano questo termine senza però essere a pieno attrezzate”.

De Rossi (nato il 27 giugno 1997) sta entrando in forma nel momento più importante della stagione per il tennis sammarinese, atteso tra meno di un mese (2-5 marzo a Tallinn) dal prestigioso impegno in Coppa Davis.
“Oltre a Marco vedo bene in prospettiva Davis anche Pietro Grassi, che ha bisogno di giocare partite visto che nel 2015 ha giocato poco – commenta Galimberti, anche responsabile tecnico della nazionale biancazzurra – Poi dietro migliorano sempre più altri giovani quali Antoine Barbieri, che sta crescendo molto, è forse un po’ indietro dal punto di vista fisico ma ha fatto passi da gigante, come pure il 2001 Tommaso Simoncini”.

Da sottolineare che prima di volare in Estonia la nazionale del Titano sarà in ritiro dal 23 al 25 febbraio alla San Marino Tennis Academy con il Ct della nazionale azzurra, Corrado Barazzutti.


TAG: , , , ,

12 commenti. Lasciane uno!

Cipollino (Guest) 05-02-2016 05:07

@ demorpurgo (#1520821)

Io parlo in quanto mio figlio si allena da anni a san marino e conosco bene struttura/metodo.
Sicuramente parli di piatti e castellani ma ti ricordo che gali ha meno di 40 anni ed allena da sei, gli altri sono over 60 ed ganno fatto solo quello. Inoltre non conosco nessun ex tennista essere stato capace di costituire, crescere e gestire autonomamente una academy il che fa di giorgio sicuramente il miglior imprenditore nel mondo tennistico italiano. Questo accade solo se ci sono tutti gli ingredienti e li mio figlio li ha trovati facendo balzi che non ci saremmo mai aspettati

12
demorpurgo (Guest) 04-02-2016 23:32

@ cipollino (#1520811)

diciamo che mi pare che non abbia fatto molto per essere il numero due di barazzutti (e erede??), che avere come massimo risultato una fanciulla al 170 non mi sembra un risultato cosi’ straordinario, che insomma ha parecchio da dimostrare (magari con la viviani, speriamo!)
piatti castellani e compagnia sono un’altra cosa, almeno per ora, o sbaglio?

11
GIALAPPA SBANDY REMIX 04-02-2016 23:20

Scritto da cipollino
@ demorpurgo (#1520806)
la barbieri l’ha messa da 500 a 170 in 10 mesi e poi se n’è andata facendo la fine che le classifiche dicono… con bolelli ha girato poco e non lo segue più da novembre…. informati

Bravo cipollino.
Purtroppo la gente parla per sentito dire o luoghi comuni come al solito, senza nemmeno sapere riguardo cosa sta sentenziando …

10
GIALAPPA SBANDY REMIX 04-02-2016 23:18

Scritto da Andre77
Ci mancherebbe solo che diventi top 10 prima uno della Repubblica di San Marino rispetto ad un Italiano…

Top 10 ed addirittura Top 1 ( comprendendo anche il femminile per le top 1 … ) qui attorno tra Francia, Svizzera, Austria, Slovenia, Ex Jugoslavia etc. etc. … appunto mancano solo Monte-Carlo, San Marino e Città del Vaticano ! :shock:
:cry:
( senza contare che se non cediamo Nizza ai francesi nemmeno Garibaldi Gilles Simon credo sarebbe riuscito a diventare top 10 … ) :mrgreen:

Scritto da demorpurgo
@ Andre77 (#1520778)
onestamente con galimberti come coach non credo sia possibile

E perchè ? Chi conosce il Giorgio lo sa che è un grande intenditore di tennis. Anche meglio che come giocatore, secondo me, dove ha espresso un quarto di quello che avrebbe potuto esprimere. Parere personale : partiva sempre troppo forte, e pagava nel finale la pessima gestione delle energie.
Una volta glielo ho anche detto, precisando che posso sbagliare.
Mi ha risposto : quando uno si sente in palla, cosa fa ? Regala i punti agli avversari ?
Non è che avesse tutti i torti, ma a mio giudizio nella linea del rendimento in un match ( cosa che ho visto fare a dei coach spagnoli come ad esempio Borja Uribe ) partiva con alti rendimenti, per poi scendere sotto quelli dell’avversario nel finale.
Ma io ho sempre sostenuto che fosse fatto per fare il coach, ed anche come motivatore è molto valido.
Anche Christian Brandi è un grande coach. Poi occorre anche trovare il giocatore giusto, come trovare la racchetta giusta o le scarpe giuste.
Trovi Arnaboldi e Figliomeni, magari non sono i giocatori adatti a te.
Trovi Cecchinato, il giocatore giusto per te, e lo porti nei top 100.
Altro aneddoto riguardo Giorgio Galimberti.
Sempre Genova.
Si giocavano gli US OPEN.
Federer – Nalbandian.
Io a quei tempi scommettevo il mio eurino sulle partite tanto per un po’ di emozione, tanto perdevo più di quello che giocavo.
Sono sul sito di infobetting. Gli faccio : oggi gioco Federer : guarda li che quota ! Non perde mai Federer contro Nalbandian.
Mi risponde : ah si ? Sai perchè quella quota li ?
Prova a vedere i precedenti ?
Nei testa a testa era in stravantaggio Nalbandian con Federer !
Lui lo sapeva, io no !

9
cipollino (Guest) 04-02-2016 23:18

@ demorpurgo (#1520806)

la barbieri l’ha messa da 500 a 170 in 10 mesi e poi se n’è andata facendo la fine che le classifiche dicono… con bolelli ha girato poco e non lo segue più da novembre ed in ogni caso ha fatto terzo turno a parigi, quarti a nottingham, quarti a winston ed in doppio non male il 2015…. informati

8
GIALAPPA SBANDY REMIX 04-02-2016 23:08

Grande Domenico Vicini ! Porca galera : l’avevo riscaldato sul campo strano in fondo al club della Valletta, per un incontro di doppio, nel torneo dove giunse in finale … solo che poverino, non gli tiravo di la una pallina che fosse una, visto che non avevo dormito niente.
Poi è anche vero che su quel campo strano veloce in plastica o che cosa, trovare la palla sui suoi tiri non era semplice …
Non ne avevamo trovati altri per giocare.
M’aveva regalato il pass come finto coach ( ma il pass era vero, però ) … con ospitalità all’hotellone 4 stelle superalto, ed infatti anche a lui aveva portato fortuna : finalissima in coppia con Stefano Galvani ( il primo impavido a regalarmi un pass … nel famoso torneo di Barcellona dove vinse contro Nadal, Ramirez Hidalgo, Ljubicic e Kafelnikov, dopo aver ceduto solo contro il finalista Albert Costa – e vincitore quell’anno del Roland Garros – dopo che aveva condotto i due set 4-1 e 4-2 cedendo per 67 57 o qualcosa del genere ).
Gli aneddoti del vecchio Zio Sbandy ! :wink:

7
demorpurgo (Guest) 04-02-2016 22:52

@ cipollino (#1520804)

attaccare no, ci mancherebbe. pero’ non e’ che con barbieri prima e bolelli per ora abbia mostrato un gran che, no?

6
cipollino (Guest) 04-02-2016 22:41

onestamente il galimba sta facendo molto bene nella sua academy ed in passato pure… fino a prova contraria chi se n’è andato da lui o ha smesso oppure sta facendo pietà…. poi ditemi voi su quali basi lo attaccate

5
Ragazza cioè (Guest) 04-02-2016 21:56

Io spero che diventi top ten,
Perché per me è italiano.

4
Gabriele da Ragusa 04-02-2016 21:50

Scritto da demorpurgo
@ Andre77 (#1520778)
onestamente con galimberti come coach non credo sia possibile

3
demorpurgo (Guest) 04-02-2016 21:20

@ Andre77 (#1520778)

onestamente con galimberti come coach non credo sia possibile :wink:

2
Andre77 (Guest) 04-02-2016 20:27

Ci mancherebbe solo che diventi top 10 prima uno della Repubblica di San Marino rispetto ad un Italiano…

1

Lascia un commento