La vittoria di Angelique Copertina, Generica, WTA

Angelique Kerber nuova campionessa Slam

30/01/2016 16:10 5 commenti
Angelique Kerber classe 1988, da domani al n.2 del mondo
Angelique Kerber classe 1988, da domani al n.2 del mondo

Oggi, in quel di Melbourne, ha vinto il tennis moderno. Ha vinto l’umiltà, la testa e la sagacia tattica di una giocatrice che solo due tre anni fa mai avrebbe potuto immaginare qualcosa di simile. Non lo dico con dispiacere, anzi, ha vinto la più forte in questo momento, il tennis “moderno” più bello e più efficace. La tedesca, di chiari origini polacche, si è aggiudicata il primo Grand Slam della sua non giovane carriera, all’età di 28 anni, battendo la numero 1 del mondo Serena Williams.

Kerber è l’emblema del tennis del nuovo millennio. Una stupenda atleta, con una forza fisica fuori dal comune. La parte inferiore del suo corpo è davvero possente e questa forza fisica le permette di correre tanto in campo e trovando anche due metri fuori dal campo dei vincenti, ma soprattutto degli angoli, fuori da ogni logica. La cosa incredibile della Kerber è che vi riesce giocando prettamente colpi piatti. Questo non fa che aumentare i suoi meriti, perché giocare come lei, usando quasi solo colpi senza top spin, sfruttando la velocità della palla altrui, è qualcosa che solo la bionda tedesca può fare al momento con un efficacia e bellezza da stropicciarsi gli occhi.

E pensare che al primo turno ha annullato match point alla giapponese Doi ed era già con un piede sull’aereo di ritorno per la Germania. In semifinale era sotto con Azarenka 5-2 e tre set point per la bielorussa, riuscendo a ribaltare la situazione e conquistare il match chiudendo in due set.

In finale, ma non solo Kerber, ha dimostrato che si può vincere uno slam, giocando prettamente in difesa, condita in alcune fasi dei suoi match da una vera e propria pressione da fondo, fatta di traiettorie strette e anticipi che sui campi in veloce rendono il suo tennis letale per le avversarie. Ma attenzione, non è solo difesa, ma tanta intelligenza tattica, unita ad una agilità mostruosa, che le ha permesso diA recuperi pregevoli e “passando” quasi sempre la statunitense con dei passanti al limite dell’umano, dopo aver condotto una scambio in apnea e arrivando su ogni pallina.

La teutonica è la dimostrazione che il lavoro paga sempre, ma soprattutto che la testa, il fisico e una grande preparazione atletica, oggi sono la base per costruire i grandi successi, quando gli dei del tennis non ti hanno donato il talento che solo pochi eletti hanno avuto in dono.

Complimenti Angie, nuova campionessa slam e nuova, meritatamente, numero 2 al mondo.


Luigi Calvo


TAG: , , ,

5 commenti

_Carlo (Guest) 30-01-2016 19:48

Bell’articolo, bravissimo !! :cool:

5
grandepaci 30-01-2016 19:45

Scritto da il luminare dopo 6 anni fa solo 119 al bowling
dopo il miracolo al primo turno e dopo aver battuto l’azarenka (che avevo indicato come campionessa finale) non mi sorprende la vittoria della kerber, una delle poche a reggere la potenza di serena..domani djokovic vince in tre set contro murray senza mai arrivare al tie-break

se e dico se vincesse murry vi sarebbe una cosa mai successa prima due fratelli vincono il grande slam uno in singolo l altro in doppio :roll:

4
lallo (Guest) 30-01-2016 18:21

Dopo Vinci e Kerber, nella WTA un pensiero sconvolgente si diffonde: https://www.youtube.com/watch?v=rdkecMOT1ko :mrgreen:

3
lallo (Guest) 30-01-2016 17:31

Ma sarà un caso che un italiana vince uno slam ed una tedesca quello dopo? Che fanno… Ci emulano??? :mrgreen:

2
il luminare dopo 6 anni fa solo 119 al bowling (Guest) 30-01-2016 17:27

dopo il miracolo al primo turno e dopo aver battuto l’azarenka (che avevo indicato come campionessa finale) non mi sorprende la vittoria della kerber, una delle poche a reggere la potenza di serena..domani djokovic vince in tre set contro murray senza mai arrivare al tie-break

1

Lascia un commento