Australian Open 2016 ATP, Copertina, WTA

Day9 Australian Open: saranno semifinali stellari (con i video di giornata da Melbourne)

26/01/2016 12:23 12 commenti
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

Era la semifinale da tutti invocata alla vigilia, la sfida delle sfide, il leitmotiv Slam degli ultimi Major e come da copione il tutto diverrà realtà nel prossimo turno: nel penultimo atto del torneo si scontreranno infatti il numero 1 del ranking ATP Novak Djokovic e Roger Federer, l’uomo chiamato record. I due nei rispettivi quarti di finale, hanno lanciato segnali incoraggianti e fatto la voce grossa con gli avversari: Federer ha battuto senza alcuna difficoltà il ceco Tomas Berdych, regolandolo in 3 set e non perdendo mai e in alcun frangente il controllo del match. 7/6 – 6/2 – 6/4 per Roger e la sensazione che il per ceco, con il prosieguo degli anni, diventi sempre più difficile affermarsi in una delle 4 prove del Grande Slam: eccetto casi fortuiti con tabelloni spianati e assenze pesanti, per laurearsi campione di un torneo Slam bisogna battere i più forti e Tomas, ottimo giocatore, con i più forti soffre tanto dal punto di vista tennistico quanto da quello psicologico, finendo quasi sempre per alzare bandiera bianca. Ci saranno ancora occasioni per lui, bisognerà solo convincersi di poterle concretizzare.

Federer invece continua a dimostrare la propria forza australiana: finora nel torneo un solo passaggio a vuoto nel set perso contro Dimitrov, mentre in tutti gli altri incontri ha limitato il dispendio di energie e giocato colpi spettacolari, come suo solito. La condizione con cui arriva alla sfida alla corona, è decisamente sfavillante.

Il numero 1 Djokovic ha sofferto e vinto un match orribile contro Simon negli ottavi, con 100 errori non forzati che non sono comunque bastati al francese per spuntarla: come spesso accade, superata la paura però, il serbo è entrato in palla e nei quarti di finale ha letteralmente spazzato via il giapponese Nishikori con il punteggio di 6/3 – 6/2 – 6/4. Il serbo visto contro il nipponico fa paura, quello contro Simon è battibile: quale versione scenderà in campo contro Federer? L’esito dell’incontro dipenderà in buona parte da ciò.

Nel femminile si è delineata una semi fra Aga Radwanska e Serena Williams: la polacca ha regolato facilmente (6/1 – 6/3) la spagnola Suarez Navarro, apparsa leggerina a certi livelli, inseguendo ancora una volta il sogno del primo Slam. Quarta semifinale Major per Aga la maga ma l’avversaria che arriva adesso sarà di quelli tostissimi. Serena Williams ha infatti vinto in maniera più semplice del previsto contro Maria Sharapova, per un 6/4 – 6/1 che rimpingua un desolante head2head di 19w/2l. La russa soffre evidentemente la sudditanza psicologica nei confronti della numero 1 WTA ma in un certo senso è anche frutto del suo male: contro Serena giocare piatto e solo di potenza è da folli, quando la strada da perseguire sarebbe quella di variare il gioco per tentare di mandare in tilt il power tennis della Williams. D’altronde Roberta Vinci docet, capito Aga?


Alessandro Orecchio


TAG: ,

12 commenti. Lasciane uno!

gio147 (Guest) 26-01-2016 20:08

@ Kaiser (#1515316)

rileggi meglio! non hai capito quello che ho scritto!

12
I love tennis (Guest) 26-01-2016 19:40

Nole nelle grandi occasioni non sbaglia mai,probabilmente lo vedremo giocare con una precisione chirurgica non palesata contro Simon e Nishikori,colpirà dritti e rovesci lungolinea ben assestati sulle righe,senza steccare,e questo gli consentirà di fare il suo gioco e dominare lo scambio.Lui ha bisogno di imporsi per vincere,ecco la chiave delle sue vittore.Il servizio e il gioco d’attacco nemmeno di un Federer troppo ispirato possono bastare ad annientarlo.Per scavalcare il serbo bisogna sconfiggerlo in ogni suo punto di forza,e Federer,per quanto stia mostrando un tennis sopraffino,non credo abbia le armi di annichilirlo.Ma sicuramente sarà una partita qualitativamente molto intensa e con scambi duri.

11
bad_player (Guest) 26-01-2016 18:53

Roger sa che dovrà attaccare, attaccare, attaccare.
Evitare il più possibile gli scambi lunghi se proprio non ne vale la pena. Facile a dirsi un po’ meno a farsi visto che Nole non sarà certamente quello visto con Simon.
Più fortunato Andy che a meno di stravolgimenti andrà in finale senza troppe problematiche. Due match non troppo difficili per lui..

10
Kaiser (Guest) 26-01-2016 18:32

@ gio147 (#1515309)

Se pensi che Roger giochi ancora per arrivare solo in semifinale..

9
gio147 (Guest) 26-01-2016 18:14

….certo che per nole è una pressione indicibile….lui deve vincere è il numero 1 del mondo…… per roger è molto più facile se perde be a quasi 35 anni non male una semifinale di uno slam ….. se vince qualcuno gli farà di certo una statua.

8
Kaiser (Guest) 26-01-2016 17:37

La cosa incredibile è che, nonostante l’età avanzi inesorabilmente , siamo sempre qui a chiederci se Roger possa vincere un altro slam
Questo non è poco, anche se al termine di uno slam o di un qualsiasi altro torneo la gloria spetta solo al vincitore mentre lo sconfitto è solo il primo dei perdenti
Le possibilità di compiere l’impresa, perché di impresa si tratta, sono poche ( direi 70-30 ).
Roger deve sperare in un’ottima percentuale di prime, in un’ottima condizione fisica e in un Djokovic non al 100%
Tutti fattori che difficilmente si presenteranno nella stessa partita, però sognare non costa nulla

7
alby95 (Guest) 26-01-2016 17:28

@ Mirko P. (#1515164)

Con Serena, quasi tutte le tenniste ha un bilancio negativo, non solo la Sharapova. Il fatto è che a differenza della Azarenka, da quella semifinale persa al fotofinish in Australia nel 2005, non è più riuscita a mettere in difficoltà Serena, infatti il 34-2 nei set vinti nelle ultime 17 partite, è umiliante per una tennista dalla caratura e personalità di Masha.

6
magilla 26-01-2016 16:25

stellari si….ma scontatissime

5
alexalex 26-01-2016 16:17

Per sperare di sconfiggere Djokovic bisogna puntare tantissimo sulla prima di servizio! Negli scambi da fondo, fuori wawrinnka, non ce n’è per nessuno. Murray potrebbe farcela solo servendo benissimo. Se crede di batterlo facendo il tergicristallo…

4
quandosmetterogervendolatv (Guest) 26-01-2016 15:44

Ok Djoko è sempre lui…però come ho visto picchiare Roger in questo Slam…con questa continuità non mi capitava da anni. Ho quasi paura a dirlo. .. ma se gioca con altrettanta regolarità e continuità non la perde Djoko ma la vince Roger… ha servito, picchiato e danzato come mai nessuno prima….

3
Giro82 26-01-2016 15:11

La sensazione è che l’esito della partita dipenderà solo ed eclusivamente dallo stato mentale di Djokovic.

Federer è dopo 10 giorni ancora al top fisicamente e mentalmente, ma credo che soccomberà per fatica dopo la seconda ora di gioco, come siamo abituati a vedere da un paio d’anni. Gli va peraltro riconosciuto che è stato bravissimo a chiudere le prime 5 partite in poco tempo,senza impelagarsi in maratone al quinto quantomai deleterie per lui.

Nole però nel 2016 vorrà il Golden Grand Slam e se scende in campo come nelle ultime finali contro Roger (WB 2014 e 2015, USO 2015 e Masters 2015). Insomma la musica non può essere cambiata così tanto da settembre a gennaio perciò secondo me ad oggi è Djokovic che può vincere o perdere…

Aga è un banco di prova importante per Serenona: la polacca, infatti, fa della varietà del gioco un marchio di fabbrica e questo potrebbe mandare in difficoltà l’americana, apparsa un vero rullo compressore finora.

Per le altre semi, dico Murray-Raonic e Azarenka-Konta

2
Mirko P. (Guest) 26-01-2016 13:59

Vedremo un po’ come giocheranno i due migliori secondo me. Spero ovviamente passi Roger ma penso che passerà Djokovic in 4 set. Nel femminile ormai abbiamo capito chi vince.
Comunque non è per far polemica ma basta scrivere i confronti diretti tra Maria e Serena, perché quando Victoria perde contro Serena i confronti diretti non vengono mai tirati in ballo?
Non è una critica solo a voi ma a tutti i giornalisti che prima creano una finta rivalità, e poi appena la Sharapova perde , subito a sancire gli scontri diretti.

1