Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Caroline Wozniacki: “Non sento di dover dimostrare niente a nessuno”

26/11/2015 07:38 13 commenti
Caroline Wozniacki classe 1990, n.17 del mondo
Caroline Wozniacki classe 1990, n.17 del mondo

In un’intervista alla televisione danese, Caroline Wozniacki, che ha chiuso l’anno al 17 ° posto nella classifica WTA, parla di alcune cose interessanti.

“Non sento di dover dimostrare niente a nessuno. Sono stata la migliore del mondo e ho vinto molti tornei del circuito.
E’ ovvio che ogni volta che scendo in campo il mio obiettivo è quello di vincere. Il prossimo anno ci saranno cinque tornei particolarmente importanti, per cui mi piacerebbe fare bene”.


TAG: , ,

13 commenti. Lasciane uno!

pinkfloyd 26-11-2015 22:18

@ Luca_nl (#1494230)

I numeri e gli h2h e la “sfortuna” contano poco, Luca, la Woz ha tutto il tempo per vincere ma per ora non ha vinto.
Nessuno dice niente e non ci sono “criticoni” ci mancherebbe, ma gli Slam si vincono sul campo.
E non è facile e non è mai facile, per chiunque.

La casistica dice che gli Slam li vincono le “attaccanti”, chi ha picchi di un certo tipo, non certo le regolariste.
E la stessa Flavia, nell’ultimo Slam giocato, non ha fatto eccezione, visto che anche lei è in grado di esaltarsi nelle situazioni e attaccare in modo perentorio, all’occorrenza.

Non penso nessuno sia prevenuto, ma per vincere gli Slam ci vuole un gioco più aggressivo ed è inutile tirare in ballo altre giocatrici o elencare le giocatrici battute nel tour, per dimostrare nulla, alla fine 😉

13
Luca_nl 26-11-2015 21:47

@ pallettaro (#1493954)

Concordo il problema di Caroline è solo la testa, dovrebbe diventare più cinica e cattiva, è troppo buona.
Tante che hanno vinto Slam, contro Caroline nemmeno la pallina riescono a vedere. Poi magari possono vantare anche qualche vittoria su una Caroline svogliata ed in condizioni fisiche deficitarie.

Tanti criticoni, che probabile non hanno mai visto un suo macth, la denigrano a prescindere, la trovano fastidiosa a pelle, non c’è altra spiegazione a tanto astio nei suoi confronti.

Si detto è scritto che Caroline è stata n.1 per 67 settimane (ricordo la n.9 al mondo di sempre), perchè vinceva quando le migliori non giocavano, a parte Serena e Clijsters che le hanno impedito vittoria Slam e vittoria Finals, ditemi chi è che non ha mai battuto? Forse le tante vincitrici Slam e Finals quali: Bartoli, Stosur, Schiavone, Pennetta, Li Na, Sharapova, Radwanska, Kuznetsova, Kvitova?

La Kvitova ritenuta fortissima, due titoli Slam(sull’erba) età 4 mesi in più di Caroline, ha un H2H 5-5 con Woz e 1-5 con Serena.
Alle Finals 2014 da n.3 e fresca di secondo Slam ha perso 6-2; 6-3 da Caroline, ed il giorno prima Petra aveva liquidato con lo stesso punteggio Masha.

La Muguruza, che alle Finals si è sciolta davanti ad Aga, al momento è un assai dietro a Caroline che alla sua età era già stufa di vincere.

Caroline non ha vinto Slam e Finals soltanto perchè non è stata baciata dalla fortuna e perchè a volte ha sbagliato preparazione, in quanto non si può sputare l’anima per onorare New Haven (mi riferisco alla semifinale vinta contro Dementieva in cui ha dato fondo a tutte le riserve di energie possibili) e poi arrivare a New York totalmente fusa ed essere eliminata da una Zvonareva qualsiasi che nonostante arrivi al n.2 del mondo le stava due o tre spanne sotto.

12
nino88 (Guest) 26-11-2015 21:29

In effetti una ragazza di 25 anni che ha già vinto 23 tornei Wta, ha perso 2 finali Slam e una finale alle Wta Finals oltre essere stata per un lungo periodo numero 1 del mondo non ha nulla da dimostrare a nessuno riguardo il proprio valore.
Vincesse anche un titolo Slam conorerebbe una grandissima carriera!

11
Tafanus 26-11-2015 21:16

Scritto da campione2001
Si è la migliore del mondo quando si vincono gli Slam, non per la continuità ed i piazzamenti.

In un anno gli slam li vincono un minimo di una e un massimo di quattro ragazze. Prendiamo il 2015: Hanno visto slams in due, Serena Williams e Pennetta. Tutte le altre 1250 atlete della wta sono delle cacchette?

10
pallettaro (Guest) 26-11-2015 13:09

@ pinkfloyd (#1493888)

Se stai lì 10 anni prima o poi qualcosa vinci. Il problema è rimanere al top. Guarda Schiavone, Pennetta, Stosur e, in un certo senso, anche Li Na hanno vinto lo slam sulla soglia di 30 anni o dopo.
La Vinci ha battuto Serena Williams!
Il suo è un problema di testa, la qualità atletica è ottima, bisogna migliorare il gioco da attacco (comunque migliorato) e la mentalità.

9
pinkfloyd 26-11-2015 10:45

Penso che la Woz debba soprattutto pensare a risalire la classifica, perché la sua caratteristica principale è la continuità di risultati.

E’ vero che chiunque ha l’ambizione di vincere uno di quei 5 tornei (con l’Olimpiade) ma lei non c’è mai riuscita, neanche quando era al top, quindi resta per lei un discorso più complicato.
Ha vinto Indian Wells come torneo più importante, più un paio di finali a New York (che resta il suo Slam di riferimento per caratteristiche) e resta, comunque, una giocatrice da ranking, da risultati continui ma senza particolari picchi.
Probabilmente specchio del suo gioco, valido, molto valido certamente, atleticamente eccelso, ma non sufficientemente offensivo o in grado di dominare o mettere sotto l’avversaria.

E oggi chi ha più possibilità è la giocatrice che picchia di più (ma non la comune “sparapalle” però, anche qui bisogna distinguere) che osa di più, che è capace di andare oltre ed esaltarsi, che si affida alle sue doti di attaccante in un certo modo.

Poi può anche succedere che, in un dato Slam o in un dato momento, la Woz o un’altra regolarista possa vincere uno Slam, ma sarebbe comunque una eccezione.
Le favorite resteranno sempre altre, in linea di massima, dalla Williams alla Sharapova alla Kvitova e ora anche la Muguruza o una Pliskova più matura (molto più matura) negli appuntamenti importanti.
Altre, dalla Radwanska alla Wozniacki alla stessa Halep, hanno caratteristiche meno adatte, perché non hanno nemmeno il talento notevole (e completo) di una Henin o di una Clijsters o di una Mauresmo per esempio, non picchiatrici, ma giocatrici globalmente più forti e complete e in grado di esaltarsi.

8
campione2001 26-11-2015 10:15

Si è la migliore del mondo quando si vincono gli Slam, non per la continuità ed i piazzamenti.

7
Fab (Guest) 26-11-2015 09:41

@ lollo (#1493848)

l’anno scorso 2014 ( non un secolo fà!! ) aveva fatto finale US Open contro Serena Williams e semifinale persa per un soffio ( al terzo set ) al Master di fine anno sempre contro Serena Williams!!

Mica pizza e fichi!!

Il suo problema ormai invece sono infortuni costanti ( tanti nel 2015 ) e che prende ancora un botto di soldi dagli sponsors e quindi non ha più chissà quale fame agonistica!!

Ciao! Fab

PS gioco penoso? Si ok, ma allora anche l’80% delle Top 100 WTA!!

6
pallettaro (Guest) 26-11-2015 09:21

@ lollo (#1493848)

Ha avuto il tempo per migliorare, qualcosa ha migliorato nel suo gioco, ma probabilmente non basta ancora. Ha 25 anni, non mi sento di darla per vinta.
Il tennis femminile è stato molto strano negli ultimi 15 anni. Ci sono state tante numeri 1 come Safina, Jankovic e Wozniacki che non hanno vinto nemmeno uno slam.
Di più. La Clijsters è stata numero 1 a 20 anni, ma ha vinto tornei più importanti dopo, molto dopo perché tra il 2009 e il 2011 si portò a casa 3 titoli slam, 3 volte di quante ne vinse in precedenza, per di più dopo 2 anni di ritiro.
Come sei il tennis avesse poco ricambio generazionale.
Oppure perché sia Kim che Caroline all’inizio, pur essendo già top 5 si andavano a consumare le ossa in qualunque torneo possibile ed immaginabile. La carriera della Williams dimostra che bisogna fare il contrario.
Schiavone, Stosur, Li Na, Pennetta hanno vinto degli slam e non sono state numero 1. Quindi non è escluso che Caroline non posso vincere uno slam in futuro, ma il fatto che non ci sia riuscita lei e ci siano riuscite le 4 che ho menzionato dovrebbe far riflettere Caroline.
Tutti noi dobbiamo sempre dimostrare qualcosa e mi meraviglio che una fighter come lei faccia un ragionamento simile.

5
Pablo (Guest) 26-11-2015 09:04

Sono d’accordo con Carolina, però dovrebbe prendere la Sanchez come coach e mollare il padre, che non le permette di prendersi più responsabilità e quindi migliorarsi. nella parte finale del 2014 dimostrò di essere da primissimi posti in classifica, e dette del filo da torcere anche a Serena in svariate occasioni, quest’anno invece è stata deludente, salvo stoccarda e poco altro.in particolare ha perso la capacità di giocare bene i punti decisivi, facendosi rimontare in match già vinti, il contrario di quanto accadeva un tempo, e questo dimostra che deve lavorare sulle motivazioni e la mentalità. Da questo punto di vista ritenersi soddisfatta di questo anno mi sembra non di buon auspicio 😕

4
fabious (Guest) 26-11-2015 08:37

E’ vero ke è stata n. 1 a lungo, ma tra le n. 1 è stata tra le + scarse forse se avesse avuto un bravo coach poteva anke vincere 1 slam. Occorre anke dire ke è una delle piu’ noiose da veder giocare.

3
ste289 (Guest) 26-11-2015 08:21

off topic… ma un articolo sull’intervista rilasciata da Francesca Schiavone a Repubblica di ieri si riesce a fare? ha detto cose interessanti 🙂 grazie

2
lollo (Guest) 26-11-2015 08:10

Non credo che negli slam riusccirà ad andare oltre i quarti, con quel gioco penoso che si ritrova…ormai o tirano piu’ forte di lei ( Muguruza, Pliskova, Keys.. ) o giocano meglio a tennis tecnicamente ( Vinci, Radwanska, Bencic…)..

1