Notizie dal Mondo ATP, Copertina, Generica

Ranking ATP: Novak Djokovic supera John McEnroe

03/11/2015 09:06 33 commenti
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo
Novak Djokovic classe 1987, n.1 del mondo

Novak Djokovic ha superato John McEnroe nella prestigiosa graduatoria che tiene conto delle settimane trascorse come numero uno del mondo.

Il serbo ha raggiunto quota 171, divenendo così il quinto migliore di sempre. Novak è quindi ora già rivolto verso il quarto posto di Jimmy Connors, un obiettivo a gittata piuttosto lunga: sarebbe infatti necessario rimanere sul tetto del mondo per altre 97 settimane (circa due anni).

Graduatoria storica
Federer, 302 settimane
Sampras, 286
Lendl, 270
Connors, 268
Djokovic, 171
McEnroe, 170


Edoardo Gamacchio


TAG: , ,

33 commenti. Lasciane uno!

TheDude 04-11-2015 13:00

@ pantera96 (#1484387)

Cosa devo dirti, vai a vedere i risultati di tutti i campioni del passato dopo i 28 anni e ti accorgerai che non sono pochi per niente. Poi certo, i tempi sono cambiati, l’età media è aumentata, ma anche adesso prendi Federer, guarda come sta giocando a 34 anni e come ha giocato in tutti gli ultimi anni. Eppure dopo aver compiuto 28 anni ha vinto solo 2 slam. Non è che prima giocava tanto meglio di adesso, ma era quel poco che fa tutta la differenza del mondo tra vincere gli slam e andarci solo vicino. Ripeto, gli slam non si vincono semplicemente, non si vincono se non si è vicinissimi al massimo, la competizione è troppo alta, qualcuno che ti butta fuori lo trovi. Murray in questo è un ottimo esempio, ma Nole stesso lo è, ripeto, nel periodo 2012-2014 ha vinto non più di uno slam all’anno, giocando solo leggermente meno bene di come sta giocando ora.

Se questi argomenti non ti convincono, direi che sei un po’ troppo tifoso. Spiegami tu allora esattamente sulla base di cosa dici che 28 anni sono pochi, magari spingendoti anche oltre le due righe 🙄

33
pantera96 04-11-2015 10:39

… ma 28 anni sono pochi.
Cosa dite.

32
TheDude 04-11-2015 00:45

Tanto per chiudere con un’ultima osservazione, il 2014 è un anno abbastanza emblematico di quello che intendo dire.
Nonostante alla fine dell’anno Nole fosse meritatamente numero 1, fosse stato il più continuo di tutti ecc., ha vinto solo uno slam su 4, e con grande fatica, perdendo qualcosa come 6 set durante il torneo.
Il suo livello, soprattutto a livello mentale, era un po’ inferiore a quello di quest’anno, e tanto è bastato a farlo perdere tre volte negli slam: con Wawrinka, con Nadal, e con Nishikori. Nonostante il giapponese abbia giocato molto bene quel giorno, quest’ultima sconfitta in particolare mostra abbastanza chiaramente che esistono diversi giocatori che possono battere Nole, appena lui non è al massimo della condizione e scende un po’ di livello.

Il suo dominio ora come ora, dopo un anno a livelli altissimi, sembra inevitabile e destinato a durare, ma in realtà si regge su equilibri piuttosto sottili.
Siamo così sicuri che quando cominceranno a giungere i 30 anni non calerà abbastanza da rendere possibile batterlo a diversi giocatori?

31
TheDude 04-11-2015 00:28

@ zedarioz (#1484303)

Beh, quello che dici è vero ma fino a un certo punto, Kyrgios e Nole non si sono mai incontrati, non lo ha mai potuto spazzare via, e comunque i colpi per metterlo in difficoltà secondo me ce li ha già, vanno un po’ affinati e vanno migliorate alcune altre cose, anche la testa ce l’ha, anche se non la usa sempre al meglio.
Tomic ha dimostrato di potergli tenere testa a Shanghai, in quel suo momento di forma stratosferica in cui ha lasciato le briciole a tutti gli altri. Se migliora ancora e aggiusta un paio di cose secondo me potrà impensierirlo sul serio, il gioco non gli manca.
Anche Dimitrov lo mise a dura prova a Wimbledon 2014, anzi, quella partita si poteva complicare ancora di più per Nole, sicuramente Dimitrov avrebbe meritato di andare al quinto. Poi è caduto nel baratro che tutti sappiamo, ma se torna a quei livelli, e magari anche un po’ più su, potrebbe anche lui non dargli vita facile.

Quindi, magari nei prossimi due anni Nole potrebbe ancora dominare facilmente (anche se non come quest’anno, questo sarà assolutamente irripetibile, e sarà praticamente impossibile secondo me che riuscirà a fare un altro anno con 3 slam su 4), ma poi inizierà a calare almeno un po’, o forse un po’ di più, e diversi giovani potrebbero iniziare a essere pronti sul serio, quindi è tutto da vedere.

In ogni caso sì, sicuramente succederanno cose interessanti nei prossimi anni, stiamo a vedere 😉

30
zedarioz 03-11-2015 23:56

Scritto da TheDude
@ zedarioz (#1484277)
Che vincerà altri slam è probabilissimo.
Io però intendevo che quelli che ho nominato, anche se non dal futuro più prossimo, se maturano adeguatamente potrebbero iniziare a insidiarlo e batterlo, indipendentemente dal fatto che lui cali o meno.
O meglio, sicuramente calerà un po’, ha 28 anni che non sono pochi, e anche Roger, che pure a 34 anni se la cava piuttosto bene, dai 29-30 è calato un po’, ancora gioca benissimo ma non è comunque ai livelli di prima, soprattutto nella tenuta e nell’esplosività negli scambi da fondo, oltre che in risposta, a volte. E’ calato di poco, ma di quel poco che bastava perché non vincesse più slam (dopo gli AO 2010, quando aveva 29 anni, ne ha vinto solo un altro, nonostante stesse giocando quasi agli stessi livelli di prima).
E’ quello il punto, gli slam difficilmente si vincono se non si è davvero al massimo, se i giovani che ho nominato saliranno sul serio di livello, e Nole inevitabilmente calerà un minimo, le cose potranno non essere più così facili per lui, il suo dominio di quest’anno non deve ingannare, non deve far pensare che possa durare per sempre. Anche Roger dominò nel 2009, alla stessa età che ha Nole quest’anno, e già dall’anno dopo le cose furono molto diverse.
Quello che intendo si è visto molto bene negli anni 2012-2014, in cui era leggermente calato rispetto a prima. Quel calo pur leggero, e la presenza di una certa competizione, era quanto bastava perché vincesse non più di uno slam l’anno.
Io, tra un anno e mezzo o due anni, decisamente non lo vedo tenere il livello di ora, dovrà per forza calare un po’, e quel poco potrebbe essere comunque troppo.

Per la mia personalissima opinione, le nuove leve, da Kyrgyos in giù, non valgono minimamente i Murray, Djokovic, Nadal che si è trovato Federer quando ha iniziato il suo calo fisiologico. Cioè Federer non aveva un margine su questi giocatori e appena è calato gli son saltati addosso. Djokovic secondo me ha un ampio margine. Per esempio Djokovic agli AO 2008 vinse il suo primo slam battendo in semifinale Federer che era l’allora n.1. Lo stesso Murray iniziò a battere quel federer. Kyrgyos e gli altri oggi se beccano Nole vengono spazzati via, non battuti, spazzati via. Per quello penso che tra il suo calo e la crescita altrui, dovrà passare ancora tanto tempo. Non ci resta che gustarci questo scontro generazionale che sta per iniziare :mrgreen:

29
TheDude 03-11-2015 23:36

@ zedarioz (#1484277)

Che vincerà altri slam è probabilissimo.
Io però intendevo che quelli che ho nominato, anche se non dal futuro più prossimo, se maturano adeguatamente potrebbero iniziare a insidiarlo e batterlo, indipendentemente dal fatto che lui cali o meno.
O meglio, sicuramente calerà un po’, ha 28 anni che non sono pochi, e anche Roger, che pure a 34 anni se la cava piuttosto bene, dai 29-30 è calato un po’, ancora gioca benissimo ma non è comunque ai livelli di prima, soprattutto nella tenuta e nell’esplosività negli scambi da fondo, oltre che in risposta, a volte. E’ calato di poco, ma di quel poco che bastava perché non vincesse più slam (dopo gli AO 2010, quando aveva 29 anni, ne ha vinto solo un altro, nonostante stesse giocando quasi agli stessi livelli di prima).
E’ quello il punto, gli slam difficilmente si vincono se non si è davvero al massimo, se i giovani che ho nominato saliranno sul serio di livello, e Nole inevitabilmente calerà un minimo, le cose potranno non essere più così facili per lui, il suo dominio di quest’anno non deve ingannare, non deve far pensare che possa durare per sempre. Anche Roger dominò nel 2009, alla stessa età che ha Nole quest’anno, e già dall’anno dopo le cose furono molto diverse.
Quello che intendo si è visto molto bene negli anni 2012-2014, in cui era leggermente calato rispetto a prima. Quel calo pur leggero, e la presenza di una certa competizione, era quanto bastava perché vincesse non più di uno slam l’anno.
Io, tra un anno e mezzo o due anni, decisamente non lo vedo tenere il livello di ora, dovrà per forza calare un po’, e quel poco potrebbe essere comunque troppo.

28
zedarioz 03-11-2015 22:54

Scritto da TheDude
@ zedarioz (#1484022)
Non saprei, secondo me per il 2017 Kyrgios, Tomic, forse Thiem, e Dimitrov se finalmente imbrocca la strada giusta, potrebbero cominciare a essere delle minacce serie. Magari non tutti insieme ma non credo che nemmeno uno tra questi riesca ad emergere sul serio entro un paio di anni. Coric, Kokkinakis, Zverev e altri credo ci metteranno di più.

In un torneo di grazia Kyrgyos può vincere (diciamo Wimbledon), magari anche Dimitrov in una settimana celestiale. Ma la mia premessa è che se Djokovic se non cala e tiene lo standard degli ultimi 4 anni, non può essere minimamente insidiato perché ha una forza mentale spaventosa. Penso che anche il numero di slam sia destinato a crescere, ne prevedo una media di 2 all’anno ancora per un po’….

27
zedarioz 03-11-2015 22:51

@ donato (#1484228)

anche io ho pensato la stessa cosa, è elastico e leggero, le articolazioni soffrono meno rispetto ai più grossi e potenti. Solo la schiena è un’eterna minaccia per i tennisti indipendentemente dal peso.

26
zedarioz 03-11-2015 22:50

@ pantera96 (#1484122)

grazie

25
marina (Guest) 03-11-2015 22:08

Per non parlare dei record che già ha e di quelli che verranno! È già il numero 1 assoluto!

24
marina (Guest) 03-11-2015 22:05

Per non parlare degli altri record che ha e che verranno. ..con buona pace degli altri tifosi. .è già il numero 1 assoluto!

23
donato (Guest) 03-11-2015 21:05

anche io condivido in generale l’opinione espressa da zedarioz infatti calcolando che gli occorrono circa tre anni da numero 1 per superare federer non si intravedono avversari che lo possano minacciare in questo
arco di tempo
1)fra i giovani nessuno ha ne qualita tecnica ne solidità mentale
2)la generazione dei nishikori,raonic,cilic ha arrestato la propria evoluzione
3) i coetanei come wawrinka e murray non hanno continuità da n1
4)nadal anche ora che è in ripresa è lontano dai livelli passati e lo svizzero,l’unico vero rivale attuale,ha il tempo ha suo sfavore
se poi consideriamo che ha una struttura fisica agile e leggera (8kg meno di nadal e federer)che gli permetterà ottime perfomance per altri anni(al contrario di quanto prevede o spera alexalex),si può concludere che i presupposti per battere svariati record ci sono tutti ,con buona pace di chi soprattutto tra i tifosi dello spagnolo vagheggia chissa quale primato nella storia del tennis

22
Pelandrone (Guest) 03-11-2015 21:03

E’ rognoso come Lendl, solo meno psicopatico, quindi lo superera’ sicuramente. Comunque Jimbo se volesse tornare a giocare lo surclasserebbe!

21
pantera96 03-11-2015 18:29

@ zedarioz (#1484022)

Il commento più giusto e corretto chapeau zedarioz!!!

20
volander (Guest) 03-11-2015 17:08

(temo che) li prenderä tutti

19
TheDude 03-11-2015 16:58

@ zedarioz (#1484022)

Non saprei, secondo me per il 2017 Kyrgios, Tomic, forse Thiem, e Dimitrov se finalmente imbrocca la strada giusta, potrebbero cominciare a essere delle minacce serie. Magari non tutti insieme ma non credo che nemmeno uno tra questi riesca ad emergere sul serio entro un paio di anni. Coric, Kokkinakis, Zverev e altri credo ci metteranno di più.

18
zedarioz 03-11-2015 15:54

Scritto da Mariuz
E’ a due anni a mezzo di distanza da Federer, il che significa che l’obiettivo è raggiungibile, eventualmente anche con qualche intermezzo di un altro numero uno. Considerando almeno altri 5 anni di carriera, gli basterebbe restare numero uno del mondo per metà tempo. Un obiettivo non difficilissimo considerando la penuria di campioni emergenti e l’eclissi di Federer e Nadal.

Solo gli infortuni o un improvviso calo mentale e di motivazioni potranno impedirgli di battere ogni record. A meno di un ritorno di Nadal a livelli assoluti, ma sembra molto difficile. Dei coetanei solo Wawrinka e Murray lo possono battere se in giornata di grazia, tutti gli altri (nati dal 85 al 90) hanno poche chances. Dei giovani non c’è proprio nessuno che sembra avere la minima possibilità di impensierirlo. I Kyrgyos e Coric li batte anche a 35 anni come fa Federer tutt’oggi. Quelli nati dal 98 in poi arriveranno all’apice quando avrà già divorato ogni record. Dipende quasi solo da lui.

17
pantera96 03-11-2015 15:32

@ TheDude (#1483848)

Secondo me ci guadagna il fatto che a differenza degli altri numeri uno è sicuramente il piu completo,vince in ogni superficie e poi nessuno dice che se per caso dovesse veramente anche solo sfiorare connors vorrebbe dire che avrà vinto altri tornei con conseguenti altri record.

16
TheDude 03-11-2015 13:56

@ aquarius74 (#1483870)

Anche lui se la cava bene in effetti, però Mac aveva tutto un altro stile, ineguagliabile 😉

15
Angelo 03-11-2015 13:05

Preso Connors ad uno ad uno li prende tutti. 😉

14
Mariuz (Guest) 03-11-2015 12:21

E’ a due anni a mezzo di distanza da Federer, il che significa che l’obiettivo è raggiungibile, eventualmente anche con qualche intermezzo di un altro numero uno. Considerando almeno altri 5 anni di carriera, gli basterebbe restare numero uno del mondo per metà tempo. Un obiettivo non difficilissimo considerando la penuria di campioni emergenti e l’eclissi di Federer e Nadal.

13
bad_player (Guest) 03-11-2015 12:21

Bravo Nole!
ora superare Connors e Ivan è un po’ più complicato.
A tal proposito vi chiedo se vengono conteggiate le settimane da calendario (le canoniche 52) oppure quelle effettive in cui gioca.

12
aquarius74 (Guest) 03-11-2015 12:12

@ TheDude (#1483847)

esiste un esempio migliore di Mac…Kyrgios…quantomeno è sulla buona strada…ahahaha

11
TheDude 03-11-2015 11:27

@ pantera96 (#1483822)

Di preciso cosa ci guadagnerebbe il tennis se superasse anche Connors, o anche tutti gli altri?

10
TheDude 03-11-2015 11:26

@ pallabreak (#1483815)

Secondo me un esempio migliore di Mac non esiste e non esisterà mai 😉

9
song je (Guest) 03-11-2015 10:50

@ renzopi (#1483783)

concordo al 1000×100 😆

8
pantera96 03-11-2015 10:30

Ce la può fare ce la deve fare per il bene del tennis!!!!!

7
aquarius74 (Guest) 03-11-2015 10:23

occhio che se riprende Connors poi non è mica così lontano da Federer….

6
pallabreak (Guest) 03-11-2015 10:17

Piccola soddisfazione statistica che però rende giustamente onore a un giocatore forse non talentuoso come McEnroe ma sicuramente superiore in (quasi) tutti gli altri aspetti e soprattutto esempio nettamente migliore per i giovani di come si vive nell’ambiente tennistico in generale e come ci si comporta, nello specifico, in campo.

5
alexalex 03-11-2015 09:59

Non si intravedono grandi avversari per i prossimi due anni! A mano di sorprese clamorose o di un calo di rendimento molto netto, potrebbe anche farcela! Ma anche il suo fisico, prima o poi, gli farà pagare dazio, a furia di corse e spaccate ai limiti della resistenza fisiologica…

4
l Occhio di Sauron 03-11-2015 09:51

Scritto da renzopi
obiettivo alla portata visto come sta giocando e gli altri top un pò in affanno

Concordo
Nessuno è fuori portata, compreso Federer

3
Nadaliano 03-11-2015 09:49

bhe se smettesse di giocare per inerzia starebbe altri 6 mesi al nr 1…
Se raggiunge Connors gli altri sono tutti li vicino.

2
renzopi (Guest) 03-11-2015 09:15

obiettivo alla portata visto come sta giocando e gli altri top un pò in affanno

1