Notizie dall'Italia Copertina, Generica

Corrado Barazzutti e la Scuola Tennis Perugia

29/09/2015 06:49 5 commenti
Corrado Barazzutti, Mattia Mannocci, Manuel Ribeca, Gianluca Zaccara, Simona Tozzi, Massimo Perni
Corrado Barazzutti, Mattia Mannocci, Manuel Ribeca, Gianluca Zaccara, Simona Tozzi, Massimo Perni

E’ stata presentata ufficialmente la nuova Scuola Tennis Perugia, che si avvarrà della supervisione tecnica di Corrado Barazzutti ed avrà nel maestro Gianluca Zaccara il nuovo direttore. Si tratta di un nuovo punto di partenza per il Tennis Club Perugia, desideroso di coltivare talenti della racchetta e magari raggiungere velocemente importanti risultati agonistici.

Al club di via Bonfigli, che nel giugno scorso è stata sede del Challenger Atp vinto dallo spagnolo Carreno Busta, a fare gli onori di casa il presidente Paolo Fantusati insieme al presidente onorario Luigi Guerrieri ed al direttore sportivo Claudio Costantini. “Vogliamo che i ragazzi imparino a giocare bene a tennis – ha detto il capitano azzurro di Davis e Fed Cup Corrado Barazzutti -. La scelta del circolo di affidarsi al maestro Zaccara, è quanto di meglio si poteva immaginare”. Il tecnico napoletano, dal canto suo, ha accettato con grande entusiasmo la nuova sfida. “Puntiamo a fare del nostro meglio, suddividendo il lavoro per aree e dando importanza non soltanto al discorso tecnico, ma anche a quello mentale, fisico e dell’alimentazione”. Insieme a Zaccara, lo staff tecnico della Scuola Tennis Perugia sarà composto anche dagli istruttori Mattia Mannocci, Manuel Ribeca, Simona Tozzi e dal preparatore atletico Massimo Perni. In rappresentanza dell’amministrazione comunale è intervenuta anche Clara Pastorelli mentre Fabio Garzi, in passato presidente del Tennis Club Perugia, ha portato i saluti del comitato regionale umbro della Fit.


TAG: , ,

5 commenti

walter (Guest) 29-09-2015 16:38

Infatti non è un’accademia. Barazzutti ci metterà il nome e basta, andrà al circolo quando è libero e si prende un sacco di soldi solo per mettere l’immagine…è vero è business ma solo ed esclusivamente per lui!!

5
Futanc (Guest) 29-09-2015 15:18

Fino a quando non capiranno che per fare seriamente questo sport, più che aprire accademie e scuole tennis iperspecializzate, bisogna impegnare i ragazzi, sin da bambini, tutti i giorni, sabato compreso, per buona parte della giornata con l’apprendimento della tecnica e con la preparazione atletica e che bisogna trovare il modo di consentire a chi non ha disponibilità economica di poter far parte di un tale programma, atteso che il talento si può nascondere ovunque, sarà evidente che iniziative come queste non rappresentano altro che un business, legittimo, per carità, ma pur sempre solo ed unicamente un business

4
3.4 (Guest) 29-09-2015 12:24

in bocca al lupo.

3
Elio 29-09-2015 09:02

Quanti campi ci sono ? Hanno campi solo di terra o anche di cemento ?

2
erminio (Guest) 29-09-2015 07:40

Interessante perché le scuole di tennis sono importanti per il vivaio di campioni.
Mi piacerebe sapere come si sostiene dal punto di vista finanziario e da quanti allievi/competizione é composto il gruppo.
In altri termini; chi paga gli stipendi e le trasferte, ci sono dei “nomi” interessanti tra gli allievi?

1

Lascia un commento