Italiane nei tornei ITF Copertina, WTA

Circuito ITF: Risultati Italiane 15 Settembre. I risultati di oggi

15/09/2015 17:50 34 commenti
Nella foto Martina Trevisan
Nella foto Martina Trevisan

Questo il livescore dettagliato delle partite dei giocatori italiani impegnati nei tornei del circuito ITF.

MEX Monterrey – $25,000 – Cemento – 1° Turno
Marcela Zacarias MEX [4] vs. Jasmine Paolini ITA Non prima delle ore 00:00

ITF Monterrey
Zacarias, Marcela
7
4
5
Paolini, Jasmine
5
6
7
Vince Paolini, Jasmine

Georgia Brescia ITA vs. Nadia Podoroska ARG ore 18:00

ITF Monterrey
Brescia, Georgia
6
3
4
Podoroska, Nadia
2
6
6
Vince Podoroska, Nadia

Martina Caregaro ITA vs. Dalila Jakupovic SLO [6] 2 incontro dalle ore 18:00

ITF Monterrey
Caregaro, Martina
6
4
5
Jakupovic, Dalila
4
6
7
Vince Jakupovic, Dalila




MNE Podgorica – $25,000 – Terra – 1° Turno
Cristina Ene ROU vs. Giulia Gatto-Monticone ITA [2] 2 incontro dalle ore 14:00

ITF Podgorica
Ene, Cristina
0
2
Gatto-Monticone, Giulia
6
6
Vince Gatto-Monticone, Giulia

Martina Trevisan ITA vs. Boba Kotlica SRB 2 incontro dalle ore 11:00

ITF Podgorica
Trevisan, Martina
6
6
Kotlica, Boba
1
0
Vince Trevisan, Martina




ITA SANTA MARGHERITA DI PULA – $10,000 – Terra – 1° Turno
Kimberley Zimmermann BEL vs. GIULIA Cascapera ITA ore

ITF Santa Margherita Di Pula
Zimmermann, Kimberley
6
7
Cascapera, Giulia
2
6
Vince Zimmermann, Kimberley

Jasmin Ladurner ITA vs. Jessica Crivelletto SUI ore

ITF Santa Margherita Di Pula
Ladurner, Jasmin
5
3
Crivelletto, Jessica
7
6
Vince Crivelletto, Jessica

Monica Cappelletti ITA vs. Bianca Turati ITA [6] ore

ITF Santa Margherita Di Pula
Cappelletti, Monica
4
6
3
Turati, Bianca
6
4
6
Vince Turati, Bianca

Martina Pratesi ITA vs. Martina Di Giuseppe ITA ore

ITF Santa Margherita Di Pula
Pratesi, Martina
0
3
Di Giuseppe, Martina
6
6
Vince Di Giuseppe, Martina

Deborah Cruciani ITA vs. Margaux Deagostini SUI ore

ITF Santa Margherita Di Pula
Cruciani, Deborah
6
4
6
Deagostini, Margaux
3
6
4
Vince Cruciani, Deborah

Nina Stadler SUI vs. Alice Savoretti ITA [5] ore

ITF Santa Margherita Di Pula
Stadler, Nina
6
6
Savoretti, Alice
4
4
Vince Stadler, Nina




FRA SaintMalo – $50,000 H- Terra- 1° Turno
Virginie Razzano FRA vs. Alberta Brianti ITA Non prima delle ore 14:00

ITF Saint Malo
Razzano, Virginie
3
6
3
Brianti, Alberta
6
4
6
Vince Brianti, Alberta




ESP Madrid – $10,000 – Cemento – 1° Turno
Deborah Chiesa ITA vs. Momoko Kobori JPN 2 incontro dalle ore 11:00

ITF Madrid
Chiesa, Deborah
2
1
Kobori, Momoko
6
6
Vince Kobori, Momoko




HRV Bol – $10,000 – Terra – 1° Turno
Federica Prati ITA vs. Natalija Sipek SLO ore 10:00

ITF Bol
Prati, Federica
2
3
Sipek, Natalija
6
6
Vince Sipek, Natalija

Anna Turati ITA vs. Manca Pislak SLO 2 incontro dalle ore 10:00

ITF Bol
Turati, Anna
6
6
Pislak, Manca
4
2
Vince Turati, Anna


TAG: ,

34 commenti. Lasciane uno!

Laura (Guest) 16-09-2015 08:27

bravissima Paolini finalmente!! :cool:

34
piper 16-09-2015 01:46

Go Jasmine! Bene col 3°, forza…non farmi scherzi.

33
Matteo (Guest) 16-09-2015 00:36

@ Elio (#1451061)

Sono certo che dai tuoi commenti una battuta super ce l’hai tu! Usate le dita per scopi migliori dai…

32
piper 15-09-2015 23:44

È andata :???: . A risentirci con Jasmine sperando in un esito migliore.

31
Elio 15-09-2015 23:35

Ma che rabbia ! :evil: Perde 7/5, nemmeno al TB è andata.
IMPARA a battere, sopratutto sul cementooooooooooo !!! Mi ha rotto non poco sta partita.Che occasione BUTTATAAAAAA !!! :roll:

30
Elio 15-09-2015 23:30

Cavolo ha avuto 2 MP sprecati malamente sul 5/4 !Incredibile se perde.

29
Gian50 15-09-2015 23:21

la Caregaro ha avuto 2 match points consecutivi sul 5-3 40-15 meglio non dire altro se no faccio capire quanto sono dispiaciuto

28
Elio 15-09-2015 23:21

Ma la battuta la insegnano alle nostre ragazze ??? :shock:
La Caregaro ha una battuta penosa, mamma mia ! Il fisico non è di quello mingherlino. Non capisco proprio ! :evil:

27
piper 15-09-2015 23:03

Sto guardando il match tra Caregaro e Jakupovic e ho notato (se non erro) che hanno fatto il cambio palline dopo 24 games, uno prima del solito. È la norma? Confermate?

26
Elio 15-09-2015 20:40

Georgia Brescia ha un gioco che non mi piace del tutto. Non ha colpi molto decisi, impostazione pessime e gioco bimane poco concludente.
Deve cambiare un bel po’ di cose per progredire. :sad:

25
Luciano.N94 15-09-2015 20:35

La Brescia però deve migliorare il servizio!Non può perdere più che altro per questo colpo!

24
Carlo (Guest) 15-09-2015 19:24

Scusate, non vorrei dire una fesseria, ma la Trevisan ha mai giocato una partita non sulla terra battuta?
Quest’anno no di sicuro, gli anni passati?

E vogliamo vederla alle quali degli AO? Deve andare in Australia per vedere per la prima volta un campo in cemento?
Ovviamente vale un po’ per tutte.

Tra l’altro, per estendere l’interessante discorso sugli infortuni, se questa è la situazione giocando solo sul rosso, che succederebbe sul cemento?

23
Omar Camporese 15-09-2015 18:54
22
manuel (Guest) 15-09-2015 18:32

vai turati !

21
Fedex (Guest) 15-09-2015 16:31

felicissimo per ogni vittoria delle nostre…però sul Match della Trevisan di oggi cominciar a parlare di rullo compressore o di quali di Australian open mi sembra un pochino azzardato…giocava con una 99 senza ranking alla sua terza partita ufficiale! :) intanto però son punti e ottimo così! ;)

20
circ80 (Guest) 15-09-2015 15:44

@ Fede-rer (#1450618)

Infatti non è più scuola spagnola..ma sbagnola :wink:

19
vecchiogiovi (Guest) 15-09-2015 15:31

Scritto da Fede-rer

Scritto da Anni80
@ Fede-rer (#1450501)
Ciao,
in linea teorica ci sono alcune giocatrici che giocano poco ma ognuna di loro in realtà ha le sue buone ragioni…ad esempio:
- La Paolini e Trevisan si erano infortunate nuovamente
- La Caregaro è entrata in crisi di risultati ed ha iniziato a perdere contro la n.800 al mondo ed ha deciso di rallentare un po (cosa che non ha invece fatto la Sanesi che è in crisi nera e continua ad inanellare sconfitte)
- la Fusinato che ha fatto un bel filotto di risultati fa il college e gioca solo nei 2 mesi estivi
- la Burnett è uscita al 2TQ questa settimana in un 50k+H; prova tornei da 50 a salire, non può sfruttare all’infinito il RP per cui a volte esce nelle quali e per questo non la vedi durante la settimana
- la Bilardo e la Pera spesso giocano nei JR
- la Matteucci è stata la “Bellotti” al femminile peraltro giocando anche i doppi e finendo in finale in WTA250…ora sta tirando il fiato
- la Clerici che aveva iniziato ad avere ottimi risultati si è infortunata nuovamente…
Al gruppetto delle singhiozzanti da te analizzato ad esempio aggiungo la coppola che fa solo 4 tornei quest’anno tra cui le quali ad 50 ed un 100 mahhh!!!!
Io analizzerei invece un altro aspetto oltre a quella da te evidenziato:
perche le nostre sono sempre ferme ai box per acciacchi vari???alle russe, slovacche, ceche, rumene, francesi e spagnole ( tanto per citarne alcune) questo non capita cosi soventemente!!!
Ovviamente per evitare interventi del solito noto (STANK…) sono convinto non sia un problema di superficie di gioco ma queste ragazze o sono troppo fragili fisicamente oppure sono allenate male?!?

Uh che bella risposta!
Innanzitutto, per finire con l’argomento che ho introdotto io, mi hai spiegato molto bene le motivazioni di ciascuna e sono comprensibili… Sono meno comprensibili rendimenti così “ondivaghi”… Prenderei l’esempio della Caregaro: ad inizio stagione sembrava stesse finalmente sbocciando, poi ha iniziato a perdere partite incredibili. E il discorso fatto per lei vale per molte delle nostre ragazze: non sfruttano i buoni momenti di forma dando continuità alle prestazioni e poi hanno dei crolli poco spiegabili… E’ chiaro che non si può mantenere la stessa forma durante tutta la stagione, che ci siano dei picchi alti e dei picchi bassi. Ma molte delle nostre hanno dei picchi bassi veramente poco spiegabili! Delle crisi di risultati troppo durature e incomprensibili! Tante ragazze hanno fatto delle belle scalate e poi si sono totalmente bloccate… Penso a Caregaro, Moratelli, Rosatello, Paolini, Burnett… Tutte hanno avuto infortuni, ma non penso possa essere l’unica spiegazione: al ritorno dagli infortuni molte di queste faticano a vincere primi turni nei 10k! Anche la Rubini sembrava stesse sbocciando, ma è stata una breve illusione. Clerici e Spigarelli stavano andando bene e sono sparite dai radar. La Ferrando sembra attualmente tra le più costanti come risultati nei tornei a cui partecipa. Ma gioca un po’ a singhiozzo.
La Burnett per mettere partite nelle gambe e prendere un po’ di fiducia, secondo me farebbe bene a scendere addirittura a livello 10k per un paio di settimane. Continuare a perdere nelle quali di tornei di livello superiore le serve davvero a poco!
Quanto al problema da te sollevato, lascia perplesso anche me! E’ vero che alle straniere sembrerebbe capitare di meno. Ma secondo me è un’apparenza. In primis, al maschile mi sembra che gli infortuni abbiano un’incidenza minore, salvo casi sfortunati alla Travaglia-Giannessi. Se fosse un problema del nostro sistema tennistico anche i maschi avrebbero un problema simile se confrontati con gli stranieri. Arrischierei che il problema non è nella quantità degli infortuni, probabilmente anche le ragazze straniere hanno acciacchi, semplicemente le seguiamo meno assiduamente. Per me è sbagliata la gestione del post-infortunio delle nostre atlete. Fisico ma soprattutto mentale. Non è possibile che tutti i nostri prospetti che sembravano stra-promettenti, siano tornati dopo infortuni più o meno gravi e fatichino a vincere partite ai primi turni dei 10k. E’ normale che ci sia della “ruggine” al rientro. Ma non fino a questo punto e così a lungo. Rosatello e Moratello sono state catastrofiche, la Paolini stenta, la Burnett e la lontana parente della quasi-top 100 che era. sembra che dopo gli infortuni le nostre non riescano più a risollevarsi!

concordo appieno e aggiungerei: il problema preparazione fisica di base dove lo mettiamo? noi qui parliamo di tennis, ma il problema si ripropone in tutti gli sport. Da una attività infantile senza preparazione fisica e coin tanto gioco (e troppe competizioni aggiungerei) si passa all’attività giovanile che è diversa, perchè non è più gioco ma sport, e o sei stato “allenato nel fisico” , o rischi continui piccoli infortuni. Ripeto: non è un problema solo del tennis.

18
stankosky 15-09-2015 15:09

questa settimana è partito il rullo della piccola ma grande Martina !!!
dai dai dai arriva alle quali degli australian open, io ci credo!!!

17
Francesco (Guest) 15-09-2015 14:42

Non volevo affatto sminuire i nostri allenatori italiani, e non ho parlato affatto di ambiente e strutture, anzi, quelli che hai citato sono tutti bravi, ma ribadisco che per far diventare una tennista italiana da top 10 e non per un mese, ci vuole qualcos’altro. La Vinci ha fatto un exploit contro Serena, la Knapp credo che rimarra’ su questi livelli, e’ una buona tennista dal 30 al 40, la Giorgi, invece, e’ una potenziale top 10, ma deve saper cambiare la metodologia di gioco. Chiedo scusa per essere stato mal interpretato.

16
Faboo (Guest) 15-09-2015 13:56

Che secondo set giocato dalla Trevisan :shock: 24 punti a 2

15
giovanni (Guest) 15-09-2015 13:51

Scritto da ivan802
La Schiavone ad onor del vero e’cresciuta tennisticamente con un coach argentino Daniel Panajotti.

Ha avuto 10 coach italiani e uno straniero, e guarda caso il merito deve essere per forza solo di quello straniero. :lol:

14
ivan802 (Guest) 15-09-2015 13:03

La Schiavone ad onor del vero e’cresciuta tennisticamente con un coach argentino Daniel Panajotti.

13
Anni80 15-09-2015 12:06

Scritto da Fede-rer

Scritto da Francesco
La problematica principale, per me, e’ il tipo di allenamento che si fa in Italia; La Pennetta e la Errani sono arrivate a questi livelli, scegliendo di lavorare con allenatori spagnoli,(Spagna da prendere come esempio). Insomma, le nostre giovani, per poter emergere ai livelli delle nostre campionesse, dovranno fare molti sacrifici, altrimenti rimarranno sugli stessi livelli di oggi.

Scusa se mi permetto, senza offesa, ma mi sembra un’analisi un po’ semplicistica! E’ vero, Errani e Pennetta si sono allenate molto all’estero. Però Vinci-Schiavone-Knapp, per esempio no… Ed hanno avuto un’ottima carriera! Che nel nostro sistema-tennis ci siano dei grandi problemi è palese e non discutibile. Ma che non ci siano tecnici e strutture valide è un ragionamento difficilmente suffragabile! Sartori, Piatti, Puci, Rianna, Pistolesi, Cinà, solo per citare i più celebri, sono degli ottimi professionisti che hanno saputo far emergere i propri assistiti/e. Ed anche la tanto ambita scuola sbagnola, ultimamente, non sta sfornando tutti questi prodigi! E pensa che danni ha fatto, tanto per citare un esempio, sul gioco di Giustino! La Savoretti, se non erro, si allena o allenava in Spagna. Nonostante per me abbia del potenziale, non mi sembra che la cura spagnola abbia fatto prodigi, anzi!

STRAQUOTO
ed aggiungo ai rovinati dal sistema spagnolo Sanesi e su tutti Arnaboldi (il mio talento preferito insieme allo sfortunato Adelchi) che ancor oggi si interstardisce a giocare in prevalenza sulla terra quanto per caratteristiche lui è uno che può giocare su tutte le superfici…

12
Anni80 15-09-2015 12:02

@ Fede-rer (#1450547)

Allora concordo con te al 100% con il discorso mentale post infortunio…
anche secondo me molte non sono allenate bene per il rientro dagli acciacchi seri e su questo concetto porto due esempi:
1)quello globale, più volte affermato da tanti in questi forum che i\le ns giocatori\trici maturano tardi e questo si può riflettere anche sulla capacità di smaltire i periodi di stop
2) quello specifico: Gioia Barbieri che ancora non trova il bandolo della matassa
Non sono daccordo però su Asja che secondo me ha avuto un infortunio troppo serio per smaltirlo velocemente attualmente alterna vittorie contro top 150-200 a sconfitte contro giocatrici mediocri perdendo spesso al terzo. Credo però che lei sia più che consapevole della situazione ed abbia fatto una preparazione per entrare in fiducia e per assicurarsi che il dolore non torni piu a farsi sentire!!!
Ho, a distanza di anni, il vivo ricordo di come abbia strapazzato la Cornet a Roma ed una che gioca cosi da 160 al mondo contro una top 20 deve per forza avere testa. Insomma Asja l’anno prossimo per me entra nelle top 100 e spero tanto di non sbagliarmi….

11
Fede-rer 15-09-2015 11:44

Scritto da Francesco
La problematica principale, per me, e’ il tipo di allenamento che si fa in Italia; La Pennetta e la Errani sono arrivate a questi livelli, scegliendo di lavorare con allenatori spagnoli,(Spagna da prendere come esempio). Insomma, le nostre giovani, per poter emergere ai livelli delle nostre campionesse, dovranno fare molti sacrifici, altrimenti rimarranno sugli stessi livelli di oggi.

Scusa se mi permetto, senza offesa, ma mi sembra un’analisi un po’ semplicistica! E’ vero, Errani e Pennetta si sono allenate molto all’estero. Però Vinci-Schiavone-Knapp, per esempio no… Ed hanno avuto un’ottima carriera! Che nel nostro sistema-tennis ci siano dei grandi problemi è palese e non discutibile. Ma che non ci siano tecnici e strutture valide è un ragionamento difficilmente suffragabile! Sartori, Piatti, Puci, Rianna, Pistolesi, Cinà, solo per citare i più celebri, sono degli ottimi professionisti che hanno saputo far emergere i propri assistiti/e. Ed anche la tanto ambita scuola sbagnola, ultimamente, non sta sfornando tutti questi prodigi! E pensa che danni ha fatto, tanto per citare un esempio, sul gioco di Giustino! La Savoretti, se non erro, si allena o allenava in Spagna. Nonostante per me abbia del potenziale, non mi sembra che la cura spagnola abbia fatto prodigi, anzi!

10
Francesco (Guest) 15-09-2015 11:03

La problematica principale, per me, e’ il tipo di allenamento che si fa in Italia; La Pennetta e la Errani sono arrivate a questi livelli, scegliendo di lavorare con allenatori spagnoli,(Spagna da prendere come esempio). Insomma, le nostre giovani, per poter emergere ai livelli delle nostre campionesse, dovranno fare molti sacrifici, altrimenti rimarranno sugli stessi livelli di oggi.

9
Fede-rer 15-09-2015 10:02

Scritto da Anni80
@ Fede-rer (#1450501)
Ciao,
in linea teorica ci sono alcune giocatrici che giocano poco ma ognuna di loro in realtà ha le sue buone ragioni…ad esempio:
- La Paolini e Trevisan si erano infortunate nuovamente
- La Caregaro è entrata in crisi di risultati ed ha iniziato a perdere contro la n.800 al mondo ed ha deciso di rallentare un po (cosa che non ha invece fatto la Sanesi che è in crisi nera e continua ad inanellare sconfitte)
- la Fusinato che ha fatto un bel filotto di risultati fa il college e gioca solo nei 2 mesi estivi
- la Burnett è uscita al 2TQ questa settimana in un 50k+H; prova tornei da 50 a salire, non può sfruttare all’infinito il RP per cui a volte esce nelle quali e per questo non la vedi durante la settimana
- la Bilardo e la Pera spesso giocano nei JR
- la Matteucci è stata la “Bellotti” al femminile peraltro giocando anche i doppi e finendo in finale in WTA250…ora sta tirando il fiato
- la Clerici che aveva iniziato ad avere ottimi risultati si è infortunata nuovamente…
Al gruppetto delle singhiozzanti da te analizzato ad esempio aggiungo la coppola che fa solo 4 tornei quest’anno tra cui le quali ad 50 ed un 100 mahhh!!!!
Io analizzerei invece un altro aspetto oltre a quella da te evidenziato:
perche le nostre sono sempre ferme ai box per acciacchi vari???alle russe, slovacche, ceche, rumene, francesi e spagnole ( tanto per citarne alcune) questo non capita cosi soventemente!!!
Ovviamente per evitare interventi del solito noto (STANK…) sono convinto non sia un problema di superficie di gioco ma queste ragazze o sono troppo fragili fisicamente oppure sono allenate male?!?

Uh che bella risposta!
Innanzitutto, per finire con l’argomento che ho introdotto io, mi hai spiegato molto bene le motivazioni di ciascuna e sono comprensibili… Sono meno comprensibili rendimenti così “ondivaghi”… Prenderei l’esempio della Caregaro: ad inizio stagione sembrava stesse finalmente sbocciando, poi ha iniziato a perdere partite incredibili. E il discorso fatto per lei vale per molte delle nostre ragazze: non sfruttano i buoni momenti di forma dando continuità alle prestazioni e poi hanno dei crolli poco spiegabili… E’ chiaro che non si può mantenere la stessa forma durante tutta la stagione, che ci siano dei picchi alti e dei picchi bassi. Ma molte delle nostre hanno dei picchi bassi veramente poco spiegabili! Delle crisi di risultati troppo durature e incomprensibili! Tante ragazze hanno fatto delle belle scalate e poi si sono totalmente bloccate… Penso a Caregaro, Moratelli, Rosatello, Paolini, Burnett… Tutte hanno avuto infortuni, ma non penso possa essere l’unica spiegazione: al ritorno dagli infortuni molte di queste faticano a vincere primi turni nei 10k! Anche la Rubini sembrava stesse sbocciando, ma è stata una breve illusione. Clerici e Spigarelli stavano andando bene e sono sparite dai radar. La Ferrando sembra attualmente tra le più costanti come risultati nei tornei a cui partecipa. Ma gioca un po’ a singhiozzo.
La Burnett per mettere partite nelle gambe e prendere un po’ di fiducia, secondo me farebbe bene a scendere addirittura a livello 10k per un paio di settimane. Continuare a perdere nelle quali di tornei di livello superiore le serve davvero a poco!
Quanto al problema da te sollevato, lascia perplesso anche me! E’ vero che alle straniere sembrerebbe capitare di meno. Ma secondo me è un’apparenza. In primis, al maschile mi sembra che gli infortuni abbiano un’incidenza minore, salvo casi sfortunati alla Travaglia-Giannessi. Se fosse un problema del nostro sistema tennistico anche i maschi avrebbero un problema simile se confrontati con gli stranieri. Arrischierei che il problema non è nella quantità degli infortuni, probabilmente anche le ragazze straniere hanno acciacchi, semplicemente le seguiamo meno assiduamente. Per me è sbagliata la gestione del post-infortunio delle nostre atlete. Fisico ma soprattutto mentale. Non è possibile che tutti i nostri prospetti che sembravano stra-promettenti, siano tornati dopo infortuni più o meno gravi e fatichino a vincere partite ai primi turni dei 10k. E’ normale che ci sia della “ruggine” al rientro. Ma non fino a questo punto e così a lungo. Rosatello e Moratello sono state catastrofiche, la Paolini stenta, la Burnett e la lontana parente della quasi-top 100 che era. sembra che dopo gli infortuni le nostre non riescano più a risollevarsi!

8
Anni80 15-09-2015 09:39

@ Fede-rer (#1450501)

Ciao,
in linea teorica ci sono alcune giocatrici che giocano poco ma ognuna di loro in realtà ha le sue buone ragioni…ad esempio:
- La Paolini e Trevisan si erano infortunate nuovamente
- La Caregaro è entrata in crisi di risultati ed ha iniziato a perdere contro la n.800 al mondo ed ha deciso di rallentare un po (cosa che non ha invece fatto la Sanesi che è in crisi nera e continua ad inanellare sconfitte)
- la Fusinato che ha fatto un bel filotto di risultati fa il college e gioca solo nei 2 mesi estivi
- la Burnett è uscita al 2TQ questa settimana in un 50k+H; prova tornei da 50 a salire, non può sfruttare all’infinito il RP per cui a volte esce nelle quali e per questo non la vedi durante la settimana
- la Bilardo e la Pera spesso giocano nei JR
- la Matteucci è stata la “Bellotti” al femminile peraltro giocando anche i doppi e finendo in finale in WTA250…ora sta tirando il fiato
- la Clerici che aveva iniziato ad avere ottimi risultati si è infortunata nuovamente…
Al gruppetto delle singhiozzanti da te analizzato ad esempio aggiungo la coppola che fa solo 4 tornei quest’anno tra cui le quali ad 50 ed un 100 mahhh!!!!
Io analizzerei invece un altro aspetto oltre a quella da te evidenziato:
perche le nostre sono sempre ferme ai box per acciacchi vari???alle russe, slovacche, ceche, rumene, francesi e spagnole ( tanto per citarne alcune) questo non capita cosi soventemente!!!
Ovviamente per evitare interventi del solito noto (STANK…) sono convinto non sia un problema di superficie di gioco ma queste ragazze o sono troppo fragili fisicamente oppure sono allenate male?!?

7
Tony (Guest) 15-09-2015 09:30

La Burnett ha perso al 2° turno di quali in Francia

6
mirko.dllm (Guest) 15-09-2015 09:14

Secondo me,il tuo ragionamento può essere solo parzialmente corretto,e se è vero ciò che dici,per quanto riguarda i coetanei di Trevisan,Burnett,Caregaro,ecc,invece secondo me,ciò che dici non è tanto corretto per quanto riguarda i coetanei,del nostro settore maschile, di Paolini,e ancora di più,per Pieri,Turati & c ,i quali,anche loro come le loro connazionali coetanee,giocano e viaggiano assai poco in cerca di tornei che possa loro permettere di scalare il ranking decisamente più in fretta,ho notato.Non trovi? :roll: :wink:

5
LUK (Guest) 15-09-2015 08:55

GIA’ ANCHE IO MI CHIEDO : CHE FINE HA FATTO LA BURNETT

4
ska (Guest) 15-09-2015 08:51

@ Fede-rer (#1450501)

Io credo che il Fenomeno Vanni, abbia “ringalluzzito” molti giocatori con i quali Vanni giocava ed ogni tanto perdeva dando una speranza di “arrivare”.
Un attimo dopo Donati è arrivato sui 160 che è un pò il minimo per fare almeno le quali degli Slam.

Per le femminucce invece, credo che il punto piu basso nella seconda fascia si raggiungerà agli AO.
In generale il “gruppone italiano ” era posizionato tra i 400 e i 500 e si sta ” spostando” tra i 300 e 400. Ma non ne arriveranno che pochissime , se non nessuna, in tempo per gli AO.

3
Fede-rer 15-09-2015 08:36

Non voglio assolutamente stare qua ad alimentare le solite litanie sulla mancanza di forze fresche e giovani che possano prendere il testimone dalle meravigliose Pennetta, Schiavone, Errani e Vinci… Ciò che mi colpisce non è tanto la mancanza di talenti che possano arrivare in alto, le nostre ragazze sono sempre maturate agonisticamente tardi e può darsi che qualcuna abbia una maturazione più lenta e tardiva… E poi ci sono le varie Pieri, Turati & c. che potrebbero darci soddisfazioni.
Mi stupisce, però, che molte giovani leve al femminile abbiano programmazioni così “a singhiozzo”. I nostri maschietti di seconda-terza-quarta fascia giocano con continuità. Li vediamo tutte le settimane sparpagliati per i futures italiani od in giro per il mondo e, a turno, tentano il salto a livello challenger, con risultati alterni.
Alcune delle nostre ragazze, invece, giocano troppo sporadicamente e non ne capisco il motivo, vorrei che qualcuno mi illuminasse!
Dov’è la Burnett? Sta sfruttando il ranking protetto nelle quali slam racimolando qualche punticino. Ma non le farebbe male, per ritrovare forma e ritmo giocare un po’ di 25k, per esempio. E la Paolini? Sembrava in rampa di lancio, ora gioca ogni morte di Papa… La Caregaro? Ad inizio stagione giocava con continuità, ora la vedo nei tornei una settimana sì e tre no. Anche la Trevisan, aldilà dei problemi fisici, gioca meno di quanto potrebbe. Raccoglie un gran risultato e poi non riesce a dare continuità sfruttando i momenti di forma. Ho fatto solo qualche esempio, ma parecchie delle nostre ragazze giocano molto a singhiozzo, a parte alcune stakanoviste (mi vengono in mente, per esempio, Savoretti, Sanesi…). In generale mi sembra che attualmente i giovani maschietti ci “credano” di più e ci provino di più. Magari è solo una mia impressione, sono curioso di sapere come la pensiate! Non parlo di risultati, ma proprio di quantità di tornei giocati.

2
Luigi44 (Guest) 15-09-2015 07:56

Forza Marty! Bentornata!

1

Lascia un commento