Impresa Storica di Roberta Vinci Copertina, WTA

US Open: Incredibile Roberta Vinci! Rimonta un set a Serena Williams ed infrange il sogno Grande Slam dell’americana. Strappa la sua prima finale in uno Slam, tutta azzurra con Flavia (di M.Mazzoni)

11/09/2015 21:45 329 commenti
Roberta Vinci classe 1983, n.43 del mondo
Roberta Vinci classe 1983, n.43 del mondo

L’ultima palla toccata dalle corde di Roberta Vinci ha chiuso la più straordinaria giornata di tennis italiano della storia. Talmente incredibile da rendere molto difficile la scrittura, così a caldo, di un articolo sportivo. Roberta Vinci ha realizzato l’impresa di una vita, probabilmente la più grande sorpresa della storia del tennis Open. In assoluto. Sconfiggere a New York la più forte, Serena Williams, ad un passo dal Grande Slam è qualcosa di talmente grande da risultare quasi inconcepibile. Eppure la piccola Roby, quel magnifico concentrato di talento cristallino, ha giocato una partita assoluta, bellissima. Oltre la perfezione, perché anche il solo immaginare di poter battere una come Serena con le sue armi era qualcosa di troppo ardito. L’ha detto proprio la Vinci, a caldo: “Pensavi di potercela fare stamani?” “No!!!!!”. E invece ce l’ha fatta, e giocando un tennis grandissimo, ricco di qualità e sostanza. Serena onestamente c’ha messo del suo, nel senso che non è stata capace di gestire la tensione. Forse era convinta che l’ostacolo fosse soprattutto Flavia Pennetta, capace in passato di giocare match tirati con lei; non quello scricciolo leggero e sorridente, ma che sa usare la racchetta come un fioretto, e anche colpire duro. Serena ha giocato sprazzi del suo tennis devastante in mezzo ad una marea di errori, tecnici e tattici. E’ parsa pachidermica, imballata, pure esagerata con quegli urli a troppi decibel e con atteggiamenti troppo ostentati, troppo sopra le righe. Un melodramma che le è costato troppe energie mentali, finendo divorata da se stessa. Ma nel “dramma” sportivo della campionessa USA, la maggior parte del merito va alla nostra grandissima Roberta, che è scesa in campo con una serenità e concentrazione totali, pronta a giocare la sua partita e provarci. Chissà che forse l’essere totalmente priva di responsabilità nonostante l’occasione di una vita (1a semifinale Slam, lo ricordiamo) l’abbia resa ancor più leggera e veloce, di piedi e di pensiero. E poi in campo s’è trovata davanti questa leonessa così stranita, feroce quando fragile, e ha iniziato a punzecchiarla, da sfinirla di back e variazioni. Perso il primo set, pareva finita. Non per lei. C’ha creduto, e strappato un servizio nel secondo set forse ha iniziato pensare “Oh, chissà…”. Il suo dritto ha iniziato a girare benissimo, il back sempre più tagliente, ed anche il servizio è salito. Tutto il suo tennis ha iniziato a volare, e soprattutto è stata bravissima a tenere mentalmente contro le sfuriate della rivale, contro la sua soverchiante potenza ed esuberanza, contro il pubblico che voleva fortemente la vittoria della beniamina. E’ stata superba per come sia riuscita ad alzare il livello nei momenti di pausa della Williams, quando il servizio non entrava; e chirurgica per come ha messo a nudo una pessima giornata di rovescio della n.1, sia per scarso timing che per cattiva ricerca della palla. Volava Roby, anche nel terzo, quando la tensione era alle stelle. Lei è stata più brava a gestirla, a continuare a produrre un tennis vario, senza ritmo, senza punti di riferimento. Ad attaccare in contro tempo, a reggere splendidamente col dritto. Sì, quel dritto che ad inizio stagione moriva a metà rete ed oggi reggeva quello poderoso di sua maestà Serena. Incredibile. Eppure è successo. Ecco la cronaca di questo storico – nel senso pieno del termine – match.

Si inizia col boato del pubblico, ed un Ace di Serena, esterno, imprendibile. La “Sister” pare molto concentrata, non regala nulla e tiene facilmente il servizio, 1-0.

Roberta cerca di servire buone prime, di spostare la Williams, ma non è facile. Sale 30-0 ma ruggisce Serena, che risponde molto aggressivo. 30-30. Per restare in partita è necessario ottenere il massimo dalla battuta, e Roberta ci riesce. Trova gli angoli e chiude il game, 1 pari.

Serena sembra un filo contratta, commette qualche errore soprattutto di rovescio, ma alla battuta varia velocità ed angoli. Per Roberta non è facile rispondere alle prime della n.1, ma sulle seconde si avventa con tagli velenosi, che non danno ritmo a Serena e la spostano. Si va ai vantaggi, e sbaglia un rovescio banale, concedendo una palla break. La annulla con una prima violenta, e segue un urlaccio intimidatorio tutt’altro che elegante… Anche una campionessa così grande può esser nervosa, nonostante sia nettamente favorita. Continua a sbagliare Serena, concede un’altra palla break. Risponde Roby, il dritto della Williams vola via, break Vinci! 2-1 e servizio per la tarantina, partita molto serena e focalizzata, mentre Serena pare imballata sulle gambe, lenta coi piedi a cercare la palla.

Nel quarto game arriva la reazione veemente della Williams. Il break subito è stato come uno schiaffo che l’ha svegliata, l’ha messa in moto. Impatta con violenza e precisione micidiale alcune risposte, entra in campo e spacca letteralmente la palla. Roberta non può niente. La n.1 ottiene il contro break e continua a spingere a tutta. Da 2-1 Vinci, 3-2 Williams in un amen.

Torna al servizio l’azzurra e cerca disperatamente di spostare la rivale dalla “piazzola di sparo”, dove può diventare incontenibile. Apre gli angoli, lavora col cross, ma appena Serena riesce a tirare il dritto la sua palla è troppo pesante, e Roberta va in affanno. Sotto 15-30 lavora benissimo uno slice di rovescio, segue a rete e provoca l’errore della n.1. Non riesce però a perseguire questo schema con continuità, ed appena si scambia subisce il pressing di Serena dopo qualche colpo. 30-40, palla break. Non entra la prima, la Williams non si fa pregare: entra a tutta col dritto e strappa di nuovo il servizio all’azzurra. 4-2. Il servizio dell’americana non è costante, la Vinci ci prova variando il più possibile angoli e rotazioni, proponendo anche qualche palla più corta improvvisa, ed anche qualche smorzata. Ci prova con tutta la sua varietà tecnica Roberta, tira fuori dalla borsa dei trucchi ogni magia, ma Serena adesso c’è, è presente e si avventa scaricando la sua potenza micidiale. Incontenibile. Serena si inventa anche un paio di acrobazie balistiche in avanzamento, e quando lei gioca così non c’è quasi niente da fare. 5-2 Williams.

Torna alla battuta la Vinci ma non riesce a spostare l’avversaria. Trova grandi risposte Serena, vincenti o davvero violente, su cui è quasi impossibile costruire una contromossa credibile. Soprattutto adesso anche il rovescio della n.1 funziona, e sono dolori. Arrivano i primi set point, si difende con le unghie Roberta, ma non riesce a contenere l’ennesima bordata, la palla è appena lunga. 6-2 Williams.

Secondo set, la Williams inizia al servizio. Un errore banale, un doppio fallo ed una grande risposta cross d’incontro regalano a Roby tre punti, ed un incoraggiante 0-40. Ci prova la Vinci da destra, la ma risposta esce di un niente. Non entra la prima, l’azzurra gioca un punto tatticamente perfetto, segue a rete ma Serena s’inventa un passante cross di rovescio in allungo straordinario. La zampata della campionessa. Il servizio entra in ritmo, 1-0. Sono sei i giochi di fila per Serena, che inizia il secondo game molto aggressiva alla risposta. La Vinci continua a produrre il suo buon tennis, varia, spinge, attacca tentando di rubare il tempo alla fortissima avversaria. Quando riesce a tenere in mano l’iniziativa e far correre Serena, c’è match ed anche spettacolo. 1 pari.

La Williams trova ritmo al servizio, Ace a pioggia, 2-1. Nel quarto game la tarantina macina buon tennis con palle molto profonde, soprattutto col dritto. 2 pari. Ottimo momento tecnico per Roby: su servizi non ingiocabili, entra con coraggio, rischia tanto e scappa in avanti, salendo 0-40. Si concentra Serena, trova due Ace violentissimi ma esagera con un rovescio lungo linea, tanto che quasi cade in terra per l’eccesso di spinta. Break Vinci, 3-2 per l’azzurra, che con estrema positività resta aggrappata alla partita giocando il suo miglior tennis proprio nella piccola pausa dell’avversaria. Serve bene e attacca, rischia ed è premiata. 4-2 Vinci. A zero la Williams tiene il servizio e resta in scia. Il suo sguardo cupo al cambio di campo non promette niente di buono… Roby serve con precisione ma Serena carica a tutta. Sul 30 pari una seconda è troppo leggera, si sposta e tira una cannonata di dritto micidiale, palla break. La prima esce di un capello, l’azzurra cerca un attacco con una smorzata, ottiene il punto con un po’ di buona sorte per la macchinosità di Serena nello scatto e si salva, resta avanti 5-3. La Williams è inquadrata in primo piano, fa fatica a mascherare la tensione, i suoi occhi sembrano sbarrati. Alza al massimo (forse addirittura oltre i limiti del regolamento…) i decibel dei suoi urli al servizio, e poi su ogni colpo. Soffre e tiene il servizio. 5-4, la Vinci serve per il secondo set. Roberta è forse timida, subisce un rovescio della n.1, non entra la prima e sulla seconda quasi non si gioca. 15-30. Un rovescio di scambio dell’americana vola via, 30 pari. Roby impatta male un dritto e concede una delicatissima palla break. Si salva rischiando un altro dritto, che prende in contro piede Serena. Buona prima, set point Vinci Non entra la prima, ma la seconda è carica e ben piazzata, si scambia. L’azzurra resta coi piedi sulla riga di fondo, non trema, lascia andare il braccio a tutta e governa lo scambio facendo correre Serena. Set Vinci! 6-4 per l’azzurra, bravissima a restare con la testa in partita anche quando lo strapotere fisico dell’avversaria pareva aver spaccato il match.

Terzo set, Serena di nuovo al servizio. La tensione la sta divorando ed il suo corpo (soprattutto i suoi piedi) rispondono molto male. Per sua fortuna il servizio la assiste, e muove il punteggio. Roberta nel secondo gioco subisce l’aggressione della Williams, che scarica il massimo della potenza su ogni palla. Crolla 15-40. Si salva con una prima al corpo sulla prima; tiene l’iniziativa nella seconda, ma sbaglia cambiando lo scambio sulla diagonale del dritto, finendo per subire l’accelerazione della n.1. Break Williams, 2-0. Adesso si fa durissima per l’azzurra, anche se il rovescio dell’americana (anche per un pessimo approccio alla palla) continua ad andare a singhiozzo e qualcosa concede. Non demorde Roberta, 30 pari e 40 pari. Intuisce la traiettoria del servizio alla risposta e rischia, strappando una palla break. Out la prima (grazie ad occhio di falco), doppio fallo! Spreca una palla del 3-0 Serena e si fa rimontare. 2-1 per lei, ma serve Roby. E serve e soprattutto gioca benissimo la tarantina, con un tennis assolutamente lucido sul piano tattico, costruito con grande velocità in campo e tirando fuori il meglio dalle sue corde. Senza timori. 2 pari, in sicurezza.

Appena si scambia Serena va in tilt, troppo brava la Vinci, fa tutto molto bene e la tensione della n.1 sale alle stelle. Si aggrappa al servizio la Williams, a fatica sale 3-2. La tensione in campo è palpabile, ed è bellissimo vedere invece Roberta molto concentrata, ma tutt’altro che rigida. Gioca in scioltezza, governa lo scambio con il back, cambia continuamente gli angoli della prima e far perdere ritmo a Serena, che sbaglia. 3 pari.

Alla battuta la Williams clamorosamente si imballa, doppi falli! 15-30, si scambia, Roby attacca in contro tempo benissimo ma una volée slice a campo aperto e con la Williams lontana va larga. Sarebbe stato un 15-40 fondamentale in questa fase, con Serena divorata dalla tensione. Roberta vince uno scambio incredibile, rocambolesco, bellissimo, con la Vinci che gioca col pubblico chiedendo qualche applauso, ma facendo (forse) il gioco dell’avversaria, che ha tempo di riprendere fiato. Ma Serena invece si imballa, il rovescio è non pervenuto. Palla break Vinci. Si scambia, il dritto della n.1 vola via!?! Cede la battuta per la seconda volta nel set, 4-3 e servizio Vinci. La Williams molla tutto, torna aggressiva e precisa. Roberta non trova la prima di servizio, corre e ringhia, ma crolla 15-40. Sbaglia la risposta la n.1, ma c’è un’altra chance. La prima non entra, si difende con le unghia da 3 metri fuori dal campo, chiudendo l’angolo col cross a tutta, e Serena sbaglia, quasi cadendo in terra. Parità. Niente prima, si scambia e Serena sbaglia, vantaggio Vinci ma commette un doppio fallo, forse rischio eccessivo. Anche senza servizio Roberta regge lo scambio dritto vs dritto, è leggera ed intuisce le traiettorie della rivale, forse anche la palla di Serena è più carica e corre di meno. Altro vantaggio per Roby, e l’americana sbaglia l’ennesima risposta di rovescio. 5-3 Vinci. Serena è sull’orlo del baratro. Non sfonda col servizio, Roby governa col rovescio ed il back fa malissimo, 0-15! Serena avanza, e chiude dopo due smash, quasi in lacrime. 15 pari. Due Ace, più precisi che potenti, ed un attacco ben calibrato le danno il gioco del 5-4. Roberta Vinci va a servire per una clamorosa finale a New York contro la Pennetta. Serena scarica in rete una risposta di rovescio, tirata solo da ferma. 15-0. Roberta regge da dietro, attacca e fa una magia di tocco sotto rete. 30-0. Altro errore in attacco di Serena, 3 MATCH POINT VINCI sul 40-0. La prima non entra, si scambia e Roberta non trema, tocca la palla. Serena non ci arriva. Game Set Match. E’ finale. E’ storia.

Domani sarà una finale tutta azzurra a Flushing Meadows. Possiamo solo ringraziare di aver potuto vivere (e personalmente raccontare) la più bella giornata di tennis azzurro di sempre.

 

Marco Mazzoni

@marcomazz



La partita punto per punto

GS Us Open
S.Williams [1]
6
4
4
R.Vinci
2
6
6
Vincitore: R.Vinci


TAG: , , , ,

329 commenti. Lasciane uno!

Pasquale (Guest) 12-09-2015 17:51

Grande

329
Fabblack 12-09-2015 15:02

@ Elio (#1447775)

Non si tratta di piano B, C o D; Flavia e Roberta giocano così, quello è il loro gioco.
E’ proprio sperando in questo che le ho pronosticate vincenti tutte e due (vedere i risultati di ieri) e visto che sono arrivato solo 14° di giornata, non sono stato il solo.

328
Andrea not Petkovic 12-09-2015 14:44

Scritto da drummer

Scritto da Adriano
Sono stra felice per RV , avevo pronosticato al massimo una sua sconfitta 7-5 al terzo ed invece è accaduto molto di più. Dire che RV abbia giocato un grande match è affermare il falso. Basta guardare i numeri . Quello che è successo è che l’odiosa SV , si è incartata ad un livello inimmaginabile. Il grande merito di RV è stato quello di restare concentrata sino alla fine e credere fino in fondo che era possibile realizzare il più grande sogno della sua vita.

sì, sono d’accordo con te, però magari usa meno abbreviazioni.
Sn d’acc. >te, Xò MGR – abbreviaz. GRZ

……solo io non ne vedo eccetto le abbreviazioni dei nomi delle tenniste? 😯

327
drummer 12-09-2015 14:14

Scritto da Adriano
Sono stra felice per RV , avevo pronosticato al massimo una sua sconfitta 7-5 al terzo ed invece è accaduto molto di più. Dire che RV abbia giocato un grande match è affermare il falso. Basta guardare i numeri . Quello che è successo è che l’odiosa SV , si è incartata ad un livello inimmaginabile. Il grande merito di RV è stato quello di restare concentrata sino alla fine e credere fino in fondo che era possibile realizzare il più grande sogno della sua vita.

sì, sono d’accordo con te, però magari usa meno abbreviazioni.

Sn d’acc. >te, Xò MGR – abbreviaz. GRZ

326
Vecchiogiovi (Guest) 12-09-2015 13:50

Scritto da becu rules

Scritto da Adriano
Sono stra felice per RV , avevo pronosticato al massimo una sua sconfitta 7-5 al terzo ed invece è accaduto molto di più. Dire che RV abbia giocato un grande match è affermare il falso. Basta guardare i numeri . Quello che è successo è che l’odiosa SV , si è incartata ad un livello inimmaginabile. Il grande merito di RV è stato quello di restare concentrata sino alla fine e credere fino in fondo che era possibile realizzare il più grande sogno della sua vita.

Dai, è ovvio che se la Williams gioca anche solo al 80% vince, ma Roby nel terzo set ha giocato alla grande, con coraggio, andandosi a prendere dei punti clamorosi – il 40 pari sul 3 pari dove ha poi gridato ‘applaudite anche me c…o, le due demi volee nel game dove ha servito per il match – Quindi Williams sottotono, ed era l’unica possibilità di spuntarla, ma Vinci ‘monstre’ soprattutto dal punto di vista mentale, solida nel palleggio, e con scelte di gioco non banali.

325
Andrew (Guest) 12-09-2015 13:22

Scritto da Mario

Scritto da _Carlo
La Vinci ha vinto il match nel momento in cui si è fatta una risata di fronte ai soliti urlacci intimidatori di Serena, dimostrando a lei, a sé stessa e al pubbblico di non essere una ragazzina inesperta che si fa condizionare destabilizzare e intimidire dalle scenate isteriche e animalesche della (ahimè) numero uno del mondo (solo per il ranking, non certo nello stile e nella classe,…)
Quando ha reagito con quella risatina che sottintendeva un “ma questa sta fuori…” ho capito che forse stasera qualche minima speranza di spuntarla c’era !!

Grande!

Esatto !!

324
Elio 12-09-2015 12:53

Ma io mi chiedo se alcuni ne capiscono veramente di Tennis ? 😯
Se Flavia e Roby hanno vinto non è certo per demeriti delle avversarie 🙄 ma sopratutto xchè le nostre le hanno fatto giocare in un certo modo, sconosciuto per loro.Ieri ha vinto il Tennis. Flavia e Roberta hanno nel loro tennis, il piano B, C, D, ecc…Pronto Camila ? :mrgreen:

323
becu rules (Guest) 12-09-2015 12:29

Scritto da Adriano
Sono stra felice per RV , avevo pronosticato al massimo una sua sconfitta 7-5 al terzo ed invece è accaduto molto di più. Dire che RV abbia giocato un grande match è affermare il falso. Basta guardare i numeri . Quello che è successo è che l’odiosa SV , si è incartata ad un livello inimmaginabile. Il grande merito di RV è stato quello di restare concentrata sino alla fine e credere fino in fondo che era possibile realizzare il più grande sogno della sua vita.

Dai, è ovvio che se la Williams gioca anche solo al 80% vince, ma Roby nel terzo set ha giocato alla grande, con coraggio, andandosi a prendere dei punti clamorosi – il 40 pari sul 3 pari dove ha poi gridato ‘applaudite anche me c…o, le due demi volee nel game dove ha servito per il match – Quindi Williams sottotono, ed era l’unica possibilità di spuntarla, ma Vinci ‘monstre’ soprattutto dal punto di vista mentale, solida nel palleggio, e con scelte di gioco non banali.

322
Adriano (Guest) 12-09-2015 12:00

Sono stra felice per RV , avevo pronosticato al massimo una sua sconfitta 7-5 al terzo ed invece è accaduto molto di più. Dire che RV abbia giocato un grande match è affermare il falso. Basta guardare i numeri . Quello che è successo è che l’odiosa SV , si è incartata ad un livello inimmaginabile. Il grande merito di RV è stato quello di restare concentrata sino alla fine e credere fino in fondo che era possibile realizzare il più grande sogno della sua vita.

321
Adriano (Guest) 12-09-2015 11:49

@ Salviati (#1447653)

Chi sostiene che il tennis di FP è banale dovrebbe seguire i campionati del mondo di origami agonistico e basta .

320
stef (Guest) 12-09-2015 11:24

NON so se e’ già stato detto ma questa doppia impresa delle nostre splendide ragazze dimostra un ‘ altra cosa..un dato incontrovertibile:

Nel tennis di oggi a 33 anni non sei vecchia/o per Vincere. Anche Robertina ha passato I 30 . E’ l”eta’ in cui l’ esperienza di una vita di tennis ti da Quelle risorse in piu. Ovvio…serve grande passione e dedizione per allenarsi ma NON si e’ vecchi…Anzi … diventa quasi un vantaggio rispetto Ai 20-25 enni. Si dira’ “anche Serena e’ anziana e ha perso…” si ma Serena viene da 15 anni di successi e non e’ facile mantenere la motivazione cosi a lungo e trovare stimoli sempre nuovi. Le nostre erano piu cattive e determinate perché hanno vinto poco in carriera per cui questa era forse l ultima chance e hanno azzannata con la giusta cattiveria e voglia di Vincere. Si aprono nuovi scenari per I tennisti ultra trentenni.

319
Salviati (Guest) 12-09-2015 10:18

‘Serena onestamente c’ha messo del suo’. Ecco diciamo la verità: io ho visto solo il terzo set e Serena in quel terzo set è stata assolutamente inguardabile, come ogni tanto le accade quando si eclissa… ‘per manifesta superiorità’. Dopodiché, Roberta è stata bravissima a farsi trovare pronta. In finale tiferò per lei, perché ha un tennis decisamente meno banale; ma se giocano tutte e due al massimo, temo non ci sia storia.

318
drummer 12-09-2015 10:07

quindi la finale è realmente vinci-pennetta? allora non ero sbronzo ieri sera..

317
Mario (Guest) 12-09-2015 09:44

Scritto da _Carlo
La Vinci ha vinto il match nel momento in cui si è fatta una risata di fronte ai soliti urlacci intimidatori di Serena, dimostrando a lei, a sé stessa e al pubbblico di non essere una ragazzina inesperta che si fa condizionare destabilizzare e intimidire dalle scenate isteriche e animalesche della (ahimè) numero uno del mondo (solo per il ranking, non certo nello stile e nella classe,…)
Quando ha reagito con quella risatina che sottintendeva un “ma questa sta fuori…” ho capito che forse stasera qualche minima speranza di spuntarla c’era !!

Grande!

316
Mario (Guest) 12-09-2015 09:36

Scritto da Lelegenny

Scritto da alberto
Oddio che giornata assurdamente fantastica!!! Gia due azzurre in semifinale mi sembrava un miracolo, poi oggi inizia Flavia che prende a pallate la Halep, il massimo che avevo osato sperare, poi arriva Roberta vs Serena la talentuosa inespressa antidiva contro la diva arrogante, la piu forte tennista di sempre a caccia del grande slam, insomma il bene contro il male! Ed alla fine ha vinto il bene, negando per sempre il sogno del grande slam a Serena Williams. Questa è stata una delle piu importanti giornate per il tennis femminile di sempre e due italiane ne sono le protagoniste!!!

Serena non è’ la più forte tennista di sempre…forse nei risultati…ma non nella tecnica o nella completezza dei colpi…e ieri roby ha fatto vedere al mondo come si batte giocando bene a tennis…e da oggi le scuole tennis di tutto il mondo insegneranno il back di rovescio e le demivolee…..

Amen

315
U Panarijdde 12-09-2015 09:10

Il giorno 10 settembre sul sito ufficiale degli US OPEN è stato pubblicato un articolo a firma di Mark Preston che affermava:
“Vinci’s a pro, so she’ll no doubt give her all in this match, but the odds of the Italian stopping Williams’ remarkable run this close to the finish line are roughly akin to getting hit by lightning while holding a winning lottery ticket.”
E si, ci voleva un parafulmine….. 🙂 🙂 🙂 🙂

314
Real Tennis (Guest) 12-09-2015 08:59

Roberta Vinci ha dimostrato, come ho scritto anche ieri notte a caldo, che il bel tennis e la tattica possono essere vincenti come niente altro al mondo!!! Fantastica!!!!

313
gruff27 (Guest) 12-09-2015 08:55

@ vecchiogiovi (#1447327)

Bisogna dirlo infatti prima della partita dia serena che il suo allenatore erano coscenti di affrontare un avversaria diversa dal solito è di nonno renderla sotto gamba , un avviso alla fenomena Giorgi e al suo staff che non guardano mai l’ avversario …se lo fa la numero 1 del mondo un motivo ci sarà umiltà signori

312
Lelegenny (Guest) 12-09-2015 08:38

Scritto da lsettal
@ quiensabe (#1447244)
Bravissimo, hai descritto le mie stesse sensazioni. Vorrei solo aggiungere che ho iniziato ad avere il sentore di quanto stesse accadendo quando Roberta ha riso platealmente in faccia all’hippopodame dopo una sua miserabile sceneggiata per aver fatto un ace sul 2-2 0-15 nel terzo set

In quel momento roby ha capito che poteva davvero farcela….come Rocky Balboa….(come ha scritto un altro utente)

311
Lelegenny (Guest) 12-09-2015 08:34

Scritto da vecchiogiovi

Scritto da myslice
Ho ascoltato la conferenza stampa di Serena dopo il match sul sito degli US Open… che odiosa! Le brucia un sacco il fatto di aver perso contro Roberta. Simona invece è stata molto carina

Serena chi?

😀

310
Lelegenny (Guest) 12-09-2015 08:32

Scritto da Giorgio il mitico
Roberta vinci ? Un acuto degno di Maria Callas, una lezione di alta classe con quelle due demivoleé con cui realizza gli ultimi due punti in un tempio del tennis davanti ad una leggenda del tennis e ad un pubblico esterrefatto, un esempio di cosa significa essere in possesso di una straordinaria preparazione atletica basta ricordare il punto fatto dopo un durissimo e lungo scambio con la Williams al terzo set, sul 3-3 e 40-40. Che altro dire senza essere troppo retorici ? Una vittoria da accostare a quella di Livio Berruti alle Olimpiadi di Roma del 1960 nei 200 metri. Anche lì fu classe contro potenza.

L ho scritto già e mi ripeto…..per me non esiste un impresa simile nello sport italiano (cioè una bi impresa)….. E’ assolutamente fuori di testa….solo pensarci

309
Lelegenny (Guest) 12-09-2015 08:28

Scritto da alberto
Oddio che giornata assurdamente fantastica!!! Gia due azzurre in semifinale mi sembrava un miracolo, poi oggi inizia Flavia che prende a pallate la Halep, il massimo che avevo osato sperare, poi arriva Roberta vs Serena la talentuosa inespressa antidiva contro la diva arrogante, la piu forte tennista di sempre a caccia del grande slam, insomma il bene contro il male! Ed alla fine ha vinto il bene, negando per sempre il sogno del grande slam a Serena Williams. Questa è stata una delle piu importanti giornate per il tennis femminile di sempre e due italiane ne sono le protagoniste!!!

Serena non è’ la più forte tennista di sempre…forse nei risultati…ma non nella tecnica o nella completezza dei colpi…e ieri roby ha fatto vedere al mondo come si batte giocando bene a tennis…e da oggi le scuole tennis di tutto il mondo insegneranno il back di rovescio e le demivolee…..

308
galimba (Guest) 12-09-2015 08:13

Non riesco a scrivere nulla! Ho una tale quantità di emozioni da descrivere che mi ha totalmente bloccato! Sono sconcertato! Vi dico solo GRAZIE grazie a tutte e due per queste incredibili sensazione che mi state facendo provare! Chiunque vinca oggi permme siete entrambe vincitrici! GRAZIE!

307
mirko.dllm (Guest) 12-09-2015 08:10

Sontuosa! Ma che dico,fantastica Roberta Vinci,e ancora non riesco a credere a quello che ho visto.

306
Atlas 12-09-2015 07:56

Sereeeeenaaaa! Ma come si fa?! Fortuna che ne aveva già vinti quattro di fila, di nuovo, ma come si fa?! Sapevo che se non fosse successo sarebbe stato contro qualcuno di random, ma la Vinci?? E non in semifinale. E con la Flavissima in finale. Fa anche strano parlare di occasione buttata via.
Vabbuò, almeno in finale c’è la Robertina. Ma, per quanto mi piaccia, spero in Flavia, per forza.

305
ste289 (Guest) 12-09-2015 03:08

11 settembre 1933 nasce Nicola Pietrangeli, campione al RG
11 settembre 2000 entra per la prima volta nella top 100 (per rimanerci 15 anni) Francesca Schiavone, campionessa RG
11 settembre 2015 due arzille vecchiette di questo sport regalano una giornata memorabile e indescrivibile al tennis italiano… Flavia Pennetta e Roberta Vinci, spettacolo puro oggi

304
Elio 12-09-2015 02:49

Scritto da Mattia 97
Mamma mia che partita mi sono perso ! Senza parole troppo contento. Domani vinca la migliore

Un vero peccato :mrgreen:

303
Mattia 97 12-09-2015 02:41

Mamma mia che partita mi sono perso ! Senza parole troppo contento. Domani vinca la migliore

302
alberto (Guest) 12-09-2015 02:34

Oddio che giornata assurdamente fantastica!!! Gia due azzurre in semifinale mi sembrava un miracolo, poi oggi inizia Flavia che prende a pallate la Halep, il massimo che avevo osato sperare, poi arriva Roberta vs Serena la talentuosa inespressa antidiva contro la diva arrogante, la piu forte tennista di sempre a caccia del grande slam, insomma il bene contro il male! Ed alla fine ha vinto il bene, negando per sempre il sogno del grande slam a Serena Williams. Questa è stata una delle piu importanti giornate per il tennis femminile di sempre e due italiane ne sono le protagoniste!!!

301