Us Open 2015 ATP, Copertina, WTA

Resoconto Us Open – Domenica 6 Settembre – Ottavi di finale

07/09/2015 09:35 6 commenti
Serena Williams, 33 anni, Nr. 1 Wta
Serena Williams, 33 anni, Nr. 1 Wta

Sono iniziati ieri gli ottavi di finale dei singolari degli Us Open ($42.300.000, cemento).

In campo maschile procede senza ostacoli la corsa di Novak Djokovic verso il terzo slam stagionale; il serbo cede un set al combattivo spagnolo Bautista Agut ma accede ai quarti dopo un match di oltre tre ore. Novak dimostra, partita dopo partita, di essere il favorito Nr. 1 alla vittoria finale.
Troverà ora sulla sua strada un altro iberico, Feliciano Lopez, in un incontro sulla carta senza storia. Feliciano ha avuto la meglio sull’ultimo italiano in gioco, Fabio Fognini, regolato in tre parziali in meno di due ore di match; resta il rammarico soprattutto per un secondo set a portata di mano, set in cui il ligure è stato avanti di un break e set in cui è stato molto falloso nel tiebreak decisivo.

Il secondo quarto definito vedrà affrontarsi il croato Cilic contro il francese Tsonga.
Il campione in carica non ha brillato contro l’ostico transalpino Chardy, dovendo ricorrere ai quattro set in una partita decisa da pochi punti, dove la svolta è avvenuta nel tiebreak del terzo parziale con Cilic abile a spostare il match dalla sua parte. Troverà un ostacolo importante nei quarti, Tsonga, bravo a chiudere in tre set il derby contro il qualitativo Paire. Quest’ultimo è sembrato un pò appannato rispetto alle ultime uscite, sbagliando più della media, soprattutto con il diritto; dal canto suo, il Nr. 18 Atp, è sembrato sinora impeccabile al servizio durante tutto il torneo: zero palle break concesse anche ieri.

In ambito femminile registriamo il tanto atteso quarto tra le sorelle Williams.
Serena liquida con un duplice 6-3 la giovane connazionale Keys; Madison ha giocato con coraggio, mettendo in mostra tutte le qualità che le vengono riconosciute. Ha pagato l’inesperienza (vedi i doppi falli nei momenti clou del primo set) e l’ottima giornata al servizio della Williams.
Senza partita anche lo scontro generazionale tra Venus e la giovane estone Kontaveit; l’incontro non è durato nemmeno un’ora di gioco, minutaggio in cui la Kontaveit è riuscita a racimolare solo tre giochi.

Il secondo quarto vede la presenza dei colori italiani. Roberta Vinci ha infatti usufruito del ritiro della giovane canadese Bouchard per superare gli ottavi di finale.
Troverà ora la francese Mladenovic, giocatrice in un buon momento di forma e pericolosa, soprattutto sul cemento. La sfida si preannuncia equilibrata, speriamo che la tarantina riesca a sfruttare al meglio l’occasione che le si è offerta, regalandosi e regalandoci una storica semifinale.

Da segnalare infine l’ottima prova del doppio italiano Errani – Pennetta; le due hanno superato la collaudata coppia statunitense Spears – Kops-Jones, rimontando lo svantaggio iniziale e giocando bene, soprattutto negli ultimi due parziali. L’ottima partita di ieri le proietta ai quarti di finale, lasciando intravedere un gioco e delle qualità che possono portare lontano in questo slam.


Davide Sala


TAG: ,

6 commenti

Elio 07-09-2015 13:38

Scritto da Kriss69forever
Roberta ha le sue chances con Kiki Mladenovic, Kiki è una picchiatrice ma Roberta con le sue variazioni e palle anomale può mandarla fuori giri.

Tifo per Roberta, ma per me, Mladenovic vince e puo’ anche portare a casa il Trofeo !

6
pallabreak (Guest) 07-09-2015 12:06

Sulle sfide fra le sorelle Williams aleggia da sempre un alone di mistero e dietrologia. Agli inizi delle loro carriere, correva addirittura voce che l’esito dei loro scontri diretti fosse deciso, di volta in volta, prima di scendere in campo. Io non so quanto ci sia di vero in tutto ciò. Una cosa però mi sento di dirla: faccio fatica a immaginarmi Venus impegnata allo spasimo per battere Serena sapendo che, così facendo, le impedirebbe di avvicinarsi sempre più al Grande Slam.

5
Kriss69forever 07-09-2015 12:01

Roberta ha le sue chances con Kiki Mladenovic, Kiki è una picchiatrice ma Roberta con le sue variazioni e palle anomale può mandarla fuori giri.

4
Andrea not Petkovic 07-09-2015 11:28

Scritto da Miomao
La Errani ha una prerogativa ineguagliabile: le guarigioni fulminanti.Da uno stato di moribonda ad una vittoria in doppio giocando bene. Allora era una sceneggiata!

Ma certo! Ovvio, chi non farebbe una sceneggiata per poi perdere il match? Chiunque! Ma dai.

3
Alex81 07-09-2015 11:25

Scritto da Miomao
La Errani ha una prerogativa ineguagliabile: le guarigioni fulminanti.Da uno stato di moribonda ad una vittoria in doppio giocando bene. Allora era una sceneggiata!

O forse il rispetto dell’impegno preso con la compagna? Prima di parlare pensa

2
Miomao (Guest) 07-09-2015 10:51

La Errani ha una prerogativa ineguagliabile: le guarigioni fulminanti.Da uno stato di moribonda ad una vittoria in doppio giocando bene. Allora era una sceneggiata!

1

Lascia un commento