Mondo Junior Copertina, Generica, Junior

Campionati italiani Under 14 maschili – Memorial Federico Luzzi: Il torneo è arrivato ai quarti di finale

04/09/2015 14:03 8 commenti
Nella foto Michele Vianello
Nella foto Michele Vianello

Hanno raggiunto il traguardo dei quarti di finale, in programma oggi (venerdì) pomeriggio, senza perdere un set.
Un segnale preciso della superiorità sin qui dimostrata dalle prime due teste di serie dei campionati italiani Under 14 maschili in corso al Tennis Villa Carpena di Forlì.

Stiamo parlando del toscano Marco Furlanetto, portacolori del Tc Marina di Massa, che finora ha lasciato per strada la miseria di sei games in quattro set giocati, il n.1 del seeding forlivese, e del ravennate Michele Vianello, che di games ne ha persi finora pochi di più, otto complessivamente, e che dunque è intenzionato a recitare il ruolo di protagonista fino in fondo. Non c’è che dire, il duello a distanza è lanciato.

Il cammino di Furlanetto finora ha avuto pochi scossoni: mercoledì ha esordito direttamente al 2° turno battendo 6-2, 6-2 Mattia Bernardi, oggi si è ripetuto superando 6-1, 6-1 Fausto Tabacco (n.17). Michele Vianello a Forlì gioca praticamente in casa, nella sua Romagna, davanti ad amici, tifosi e appassionati. L’allievo dell’Urbinati Tennis Academy al Ct Zavaglia ha superato facilmente al 2° turno Pietro Padovani 6-1, 6-0, oggi ha fatto il bis battendo 6-2, 7-5 Nicola Cigna (n.18). Il torneo tricolore ha proposto gli ottavi, dove non hanno perso colpi, per dire il vero, anche gli altri big, in primis Filippo Moroni (n.3) ed Andrea Fiorentini (n.4), scalpitano anche Giulio Zeppieri (n.5) e l’altoatesino Jannik Sinner (n.6). Insomma, si profilano battute finali molto interessanti. Domani pomeriggio (venerdì) sono in programma i quarti. Ottavi di finale del singolare: Matteo Arnaldi (n.9)-Mattia Bellucci (n.8) 6-3, 6-1, Andrea Fiorentini (n.4)-Giacomo Dambrosi (n.13) 6-3, 6-3, Giulio Zeppieri (n.5)-Giovanni Peruffo (n.12) 7-5, 6-4, Jannik Sinner (n.6)-Nicolò Pes 6-3, 6-2, Filippo Moroni (n.3)-Lorenzo Reale (n.14) 6-1, 6-2, Fabrizio Andaloro (n.7)-Marco Matteoli (n.10) 7-5, 3-6, 6-4.

E’ partito anche il doppio. Nel primo turno il riminese Alessandro Pecci, in coppia con Emiliano Maggioli, ha battuto 6-1, 6-1 Tufano-Barbonaglia.

Altri risultati 1° turno: Martinelli-Santuari b. Pes-Giglio 6-4, 6-4, Cigna-Biscardini b. De Camelis-Starace 7-5, 6-1, Dambrosi-Sinner (n.4) b. Petrucelli-Massimino 2-1 e ritiro, Peruffo-Matteoli (n.5) b. Calogero-Campana 6-4, 6-4, Valente-Sottocornola b. Brancaleoni-Padula 7-5, 6-2, Jourdan-Arnaldi (n.6) b. Padovani-Piragino 6-3, 6-2, Felline-Rubietti b. Montanari-Sabattini 6-4, 6-3, Reale-De Michelis b. Fellin-Perfetti 6-4, 6-3, Tabacco-Marino (n.7) b. Magnani-Gola 6-4, 5-7, 10-5, Faggian-Piranomonte b. De Orsi-Viatore 6-4, 6-3, Moroni-Andaloro (n.2) b. Conca-Salvaderi 6.3, 6-0.


TAG: ,

8 commenti

Giorgione1978 04-09-2015 22:42

Scritto da AndryREAX
Ieri Tabacco veniva dato come futuro fenomeno, per dire quant’é imprevedibile il tennis, a maggior ragione quello U16, U14 etc

infatti, quando si parla di giovani in ogni sport bisogna restare tra i giovani e non proiettare nulla nel futuro. un giovane può solo essere forte qui e ora, prospettare un futuro da campione è assurdo e, soprattutto, deleterio per il ragazzo che magari cresce sentendosi dire di essere un talento. di promesse bruciate ce ne sono state fin troppe, parlare di futuri top players secondo me, ma è una mia opinione, è un grande errore. un passo alla volta e poi si vedrà

8
dani1kenobi (Guest) 04-09-2015 21:49

Scritto da aquarius74
2002, 2002….è sicuramente un buon prospetto anche se della sua classe ci sono parecchi giocatori forti, su tutti il croato Devald, il serbo Jovic, i francesi Mayot, Marmousez e Cazaux, lo spagnolo Plans, il tedesco Stoeger….tanti insomma, ma Tabacco appartiene senz’altro alla schiera dei più forti per quanto riguarda la classe 2002…attenzione che molto forte, non so se addirittura più del fratello Fausto, ma comunque quantomeno sugli stessi livelli c’è il fratellino Giorgio, lui è un classe 2003, anche lui, insieme ad altri, tra i migliori di quella classe…

Anche Mattia Bernardi è un 2002 è ugualmente non è sviluppato ed è anche l’unico 2002 italiano che quest’anno ha vinto un tennis europe under 14. #Sapevatelo. Di quelli nominati sopra Stoeger Jovic Devald aggiungerei Taczala e Svircina sono tutti superfisicati. Meno Mayot e attenti anche al moldavo Snytari e al polacco Mikolaj Lorens. Io li conosco tutti bene, come gli italiani ovviamente essendo il papà di Mattia e girando per i tornei. Come vi ho già detto non fissatevi solo su un nome, il pur bravissimo Fausto Tabacco, perché il livello dei 2002 italiani è molto alto e su tutti al momento svetta Lorenzo Musetti. In Europa ce ne sono per sempre di bravi.

7
aquarius74 (Guest) 04-09-2015 21:22

2002, 2002….è sicuramente un buon prospetto anche se della sua classe ci sono parecchi giocatori forti, su tutti il croato Devald, il serbo Jovic, i francesi Mayot, Marmousez e Cazaux, lo spagnolo Plans, il tedesco Stoeger….tanti insomma, ma Tabacco appartiene senz’altro alla schiera dei più forti per quanto riguarda la classe 2002…attenzione che molto forte, non so se addirittura più del fratello Fausto, ma comunque quantomeno sugli stessi livelli c’è il fratellino Giorgio, lui è un classe 2003, anche lui, insieme ad altri, tra i migliori di quella classe…

6
Cosmopolita (Guest) 04-09-2015 19:02

Esattamente Fausto Tabacco rispetto ai migliori under 14 è di un anno più piccolo e trenta centimetri in meno di altezza.
L’ho visto giocare ed è un bel prospetto.

5
Jimbo (Guest) 04-09-2015 15:39

@ AndryREAX (#1437851)

.. non solo 2002 ma ancora non sviluppato fisicamente , al cospetto di suoi coetanei sembra un nanerottolo!!! questo fa capire quanto sia già forte

4
AndryREAX 04-09-2015 14:52

Scritto da aquarius74
Fausto Tabacco è un bel prospetto, forse più dello stesso Furlanetto, c’è un piccolo particolare che non è trascurabile nella valutazione dei risultati dell’attuale torneo…Furlanetto è un classe 2001, Tabacco un 2002….

Sicuro? Ho letto un’intervista del Nize al padre in cui diceva che Tabacco era 2001.

Ok, visto sul sito FIT che Fausto è 2002, era sbagliata quella informazione.

3
aquarius74 (Guest) 04-09-2015 14:36

Fausto Tabacco è un bel prospetto, forse più dello stesso Furlanetto, c’è un piccolo particolare che non è trascurabile nella valutazione dei risultati dell’attuale torneo…Furlanetto è un classe 2001, Tabacco un 2002….

2
AndryREAX 04-09-2015 14:34

Ieri Tabacco veniva dato come futuro fenomeno, per dire quant’é imprevedibile il tennis, a maggior ragione quello U16, U14 etc

1

Lascia un commento