Il torneo di Cortina Challenger, Copertina

Challenger Cortina: Resoconto dei quarti di finale. Parlano Lorenzi e Arnaboldi

07/08/2015 19:23 2 commenti
Paolo Lorenzi, senese classe 1981, si conferma il grande favorito a Cortina: ha battuto il tedesco Brands per 6-3 7-6
Paolo Lorenzi, senese classe 1981, si conferma il grande favorito a Cortina: ha battuto il tedesco Brands per 6-3 7-6

Doppietta azzurra al Challenger di Cortina. Con Paolo Lorenzi e Andrea Arnaboldi capaci di lanciarsi in semifinale dopo due vittorie piuttosto diverse ma ottenute contro avversari di livello.

La più inattesa – e per questo più dolce – è quella del canturino Arnaboldi, capace di sgambettare il russo Andrej Kuznetsov, n.105 Atp e già n.68 nell’aprile 2013. Dopo una partenza a razzo, il lombardo si è trovato sopra di un set (con la differenza di un solo break) ma poi la strada ha cominciato a essere in salita. “In un attimo – ha detto – dopo aver vinto il primo set, mi sono ritrovato subito 4-0 sotto, ed è stato un po’ uno shock, lui giocava bene e io invece mi sono distratto”. Ma poi nel terzo parziale l’azzurro ha ritrovato brillantezza e sicurezza: “Sono stato più bravo di testa che tecnicamente, anche perché è grazie all’aspetto mentale che poi si trova il miglior gioco”. E così è stato, perché Arnaboldi ha ripreso in mano il pallino del gioco e l’iniziativa, scendendo a rete quando doveva, utilizzando il drop-shot se necessario e disegnando il campo con traiettorie incrociate da fondo. Il tutto gli ha consegnato la prima semifinale a livello Challenger del suo 2015, una stagione che gli ha regalato il best ranking (n.160) e il record di match più lungo di sempre sulla distanza dei tre set (qualificazioni del Roland Garros, vittoria in 4 ore e 30 sul francese Herbert per 6-4 3-6 27-25). Sulla via verso la finale c’è un avversario tosto come l’argentino Maximo Gonzalez, capace di estromettere dal torneo il vincitore dello scorso anno Filip Krajinovic, crollato sotto la regolarità del 32enne sudamericano n.182 Atp (6-1 6-4).

Nella parte alta del tabellone invece sarà sfida tra Paolo Lorenzi e Daniel Munoz-De la Nava. Il senese, testa di serie n.1 del torneo e n.87 del ranking Atp, ha confermato quanto di buono ha fatto vedere nelle prime uscite. Anche se oggi l’avversario era molto diverso dai precedenti: “È stata comunque una partita difficile – ha detto Lorenzi -, specialmente nel secondo set quando siamo andati avanti seguendo l’ordine dei servizi. È lì che bisogna rimanere concentrati e non mollare un centimetro”. E poi bisogna dare la spallata vincente nel tie-break conclusivo, quando è stata soltanto un’ottima risposta dell’azzurro a chiudere il discorso. Ad attenderlo, per un posto in finale, c’è il mancino spagnolo Daniel Munoz-De La Nava, abile a far fuori in due set l’altro mancino Alessandro Giannessi e di involarsi verso il traguardo dei Top 100 (con la semifinale va al posto n.104) che conquisterebbe con l’accesso in finale. “Giannessi è un buon giocatore, soprattutto con il diritto – ha detto l’iberico dopo il suo successo – ma sono stato bravo a trovare la chiave giusta, anche perché contro un altro mancino non sempre è semplice individuare il gioco giusto da fare“.

Già all’atto conclusivo il tabellone di doppio, con una finale per tre quarti italiana. Da una parte ancora Paolo Lorenzi in coppia con il mestrino Matteo Viola, dall’altra lo specialista Alessandro Motti e il cinese di Taipei Hsin-Han Lee. Sempre sabato, oltre agli appuntamenti agonistici, ancora tanto spazio agli appassionati e agli spettatori che in questi giorni stanno affollando il Country Club Cortina. Alle 11 tutti potranno provare la velocità del proprio servizio sul campo n.1 del club ampezzano: giusto prima di paragonare la propria velocità di braccio con quella dei professionisti…


TAG: ,

2 commenti

Antony_65 (Guest) 08-08-2015 00:43

Dispiace per Giannessi che ha trovato un avversario forte e in forma. Ma non si deve abbattere deve ritrovare l’abitudine a giocare incontri di questo livello agonistico. Bravo Lorenzi sta ritrovando fiducia nei propri mezzi. Bravissimo Arnaboldi deve sfruttare il momento e la forma giusti per fare un grande salto di qualità con Donati rappresenta la nota più lieta di questa stagione

2
gido 07-08-2015 21:19

BRAVI!!!
Speriamo in una finale tutta italiana

1