Il torneo di Cortina Challenger, Copertina

Challenger Cortina: Resoconto di Giornata. Lorenzi va come un treno. Giannessi batte Virgili. Fuori Gaio

05/08/2015 19:15 6 commenti
Alessandro Giannessi, spezzino di 25 anni, ha battuto nell'unico derby azzurro di 2° turno il toscano Adelchi Virgili
Alessandro Giannessi, spezzino di 25 anni, ha battuto nell'unico derby azzurro di 2° turno il toscano Adelchi Virgili

In una Cortina ancora scossa dalle frane e dal maltempo che nella notte tra martedì e mercoledì hanno provocato tre morti, il Challenger ampezzano ritrova il sole e manda in campo i primi quattro match di ottavi di finale della parte alta del tabellone.

A impressionare, per sicurezza e rapidità, è Paolo Lorenzi. Non è una sorpresa, sia chiaro, perché il senese è numero 83 del ranking mondiale Atp e perché è la testa di serie n.1 di questo tabellone. Un tabellone nel quale ha macinato due avversari tosti senza un minimo d’incertezza: 6-1 6-2 al cileno Garin prima, e 6-1 6-3 allo spagnolo Ruben Ramirez-Hidalgo poi. Due avversari con in comune la predilezione per il rosso, non certo la carta d’identità: 19 anni il cileno, 37 l’iberico.

E proprio contro il veterano di Alicante, Lorenzi ha mostrato la solita risposta incisiva, ancor più utile e profittevole giocando in altura (circa 1.200 metri sul livello del mare). “Con Ruben – ha detto l’azzurro – abbiamo sempre fatto delle gran maratone, e sono state più le volte in cui lui ha battuto me di quanto non abbia fatto io: ma oggi tutto è andato bene e posso dire di trovarmi davvero bene in queste condizioni”. E deve essere proprio così per aver superato con tale slancio un giocatore che ha vinto più di 300 partite a livello Challenger. In più, per gli amanti di numeri e statistiche, Lorenzi e Ramirez-Hidalgo sono due dei soli quattro giocatori al mondo ad aver superato tale traguardo.

Ma il mercoledì che segna il giro di boa del torneo è stato caratterizzato anche dall’uscita di scena di Federico Gaio, finalista nella scorsa edizione, quando partì come wild card. Quest’anno era invece ammesso di diritto nel main draw, ma è stato subito battuto in tre set dall’altro spagnolo terribile, per giunta pure mancino, Daniel Munoz-De La Nava. Sostenuto dagli spalti dalla figlioletta e dalla moglie per la seconda volta incinta, l’iberico si è trovato subito avanti di un set e di un break. “Sì, però poi Gaio è salito di livello e nel terzo set tutto è girato su qualche palla e – ammette Munoz-De La Nava – sono stato anche un po’ fortunato a spuntarla”. Un altro motivo per sorridere gli azzurri lo trovano con Alessandro Giannessi, spezzino capace di dar seguito alle buone prove stagionali conquistandosi i quarti di finale ai danni del toscano Adelchi Virgili. Che pure quest’anno può recriminare, come lo scorso anno, per il mancato passaggio del 2° turno: nel 2014 era avanti di un set e un break contro Starace, questa volta era in vantaggio di un break nel parziale decisivo prima di doversi arrendere con il punteggio di 6-1 3-6 6-4.

Giovedì i quattro match della parte bassa del tabellone di singolare, tra i quali spicca la sfida serale tra il vincitore della prima edizione Filip Krajinovic, serbo, e il qualificato azzurro Matteo Trevisan. Il programma si apre invece alle 11, con il canturino Andrea Arnaboldi opposto al belga d’origine italiana Julien Cagnina. A seguire, il trentino Bellotti contro il russo Kuznetsov, n.3 del seeding.


TAG: ,

6 commenti

Pino (Guest) 06-08-2015 05:31

Scritto da Simone
@ groucho (#1414577)
Trattasi di comunicato stampa.

Di prassi e per correttezza , si cita sempre la fonte dell’informazione, in questo caso ‘ Comunicato stampa da ………..’ , così non si rischiano brutte figure, facendo dei meri ‘copia e incolla’

6
Simone (Guest) 05-08-2015 23:49

@ groucho (#1414577)

Trattasi di comunicato stampa.

5
AndryREAX 05-08-2015 23:11

@ groucho (#1414577)

Questo è il resoconto postato sul sito del torneo, quelli che fanno gli utenti vengono chiamati report dalla redazione.

4
tennisitalia (Guest) 05-08-2015 23:08

Ma Bahamonde ?? Quando gioca ??

3
groucho (Guest) 05-08-2015 22:30

Come ieri, un resoconto basato sui punteggi non ha molto senso.
Un resoconto, per essere definito tale, deve essere redatto da qualcuno che si trova sul posto e ci racconta qualcosa di originale e visto coi propri occhi… Così invece…

2
fabio (Guest) 05-08-2015 19:48

bravissimo Paolo

1