Circuito ATP ATP, Copertina

Presentazione Tornei Atp di Umag, Atp di Bastad e Atp di Bogotà

20/07/2015 11:46 5 commenti
Fabio Fognini, 28 anni, Nr. 32 Atp
Fabio Fognini, 28 anni, Nr. 32 Atp

Settimana ricca di tennis e belle partite quella che inizia oggi! Sono infatti ben tre i tornei Atp250 che prendono il via in questo lunedi di metà luglio.

Vediamoli nel dettaglio.

HRV Atp di Umag
Dei tre, è il torneo con l’entry list più affascinante; la terra rossa della cittadina croata darà luogo infatti a grandi battaglie come ormai avviene da 25 anni.

Favoriti: sono 4 i giocatori che partono con i favori del pronostico. L’eccentrico Monfils, il regolare spagnolo Bautista Agut e il duo italiano Seppi – Fognini.

Possibili sorprese: attenzione ai giovani. Da tenere d’occhio il padrone di casa, Borna Coric, smanioso di scendere in campo, il ceco Vesely – che rivincita con Fognini dopo la beffa di Rio de Janeiro! – e il russo Rublev, carico a molla dopo la domenica trionfale vissuta in coppa Davis.

Gli italiani: tre i nostri connazionali al via. Fognini e Seppi possono tranquillamente vincere il torneo; la concorrenza è tanta ma il duo italico non ha nulla da invidiare agli altri partecipanti. Chiude il lotto di tennisti italiani, l’esperto Paolo Lorenzi, atteso da un qualificato al primo turno e qui per dimenticare l’amaro torneo di settimana scorsa in quel di San Benedetto. Da notare come siano presenti anche tre italiani al turno decisivo delle qualificazioni, tutti e tre dati per sfavoriti ma non per sconfitti. Attendiamo così fiduciosi nel pomeriggio le prove di Marcora (contro Djere), di Fabbiano (contro Maximo Gonzalez) e di Trevisan (contro Bagnis).

Da notare infine come gli ultimi due vincitori del torneo croato (Cuevas e Robredo), abbiano deciso di non gareggiare a Umag bensì di andare a giocare in terra svedese. (a onor del vero l’uruguaiano ha dovuto scegliere, essendo detentore di entrambi i titoli).



SWE Atp di Bastad
Torneo dalla grande tradizione e fascino, con un albo d’oro costellato di stelle – Nadal, Nastase, Borg e Wilander solo per citarne alcuni.

Favoriti: anche in questo caso mettiamo in evidenza 4 giocatori, attribuendo loro i favori del pronostico. Sono il belga Goffin, il campione in carica Cuevas e gli spagnoli Robredo (sempre che non paghi mentalmente la scoppola di Coppa Davis) e Verdasco.

Possibili sorprese: impossibile non citare il pazzo lettone Gulbis, in grado di vincere il torneo così come di uscire al primo turno a seconda della giornata, affiancato da un manipolo di giovani quali il padron di casa Ymer, in netta crescita in questa annata, e il tedesco Zverev, grande promessa teutonica, specialista della terra battuta.
Curiosità anche per l’iberico Almagro, impegnato subito in un derby dal grande fascino contro Verdasco e alla ricerca del riscatto dopo mesi bui.

Gli italiani: solo Vanni è al momento presente nel main draw del torneo. Lo attende un primo turno impegnativo contro lo spagnolo Ramos, fresco vincitore e ammazzaitaliani nel challenger dI San Benedetto; la speranza è che il tennista toscano salga di livello rispetto alle ultime uscite in cui è apparso un po’ appannato, tornando cosi agli ottimi livelli di pochi mesi fa.
Impegnato nel turno decisivo delle qualificazioni anche Andrea Arnaboldi, con molte probabilità di accedere al tabellone principale vista la sfida contro il meno quotato bielorusso Dubarenco.



COL Atp di Bogotà
Particolarità della settimana: l’unico torneo su hard è in Sudamerica, da sempre patria della terra rossa. Torneo di recente formazione – è alla terza edizione – vede come protagonisti gran parte dei tennisti impegnati la scorsa settimana in quel di Newport.

Favoriti: sono due i favoriti principali alla vittoria finale e sono proprio coloro che sono presenti nell’albo d’oro del torneo. Il primo è il croato Karlovic (sperando non paghi a caro prezzo le fatiche delle ultime settimane) mentre il secondo è il detentore del torneo, l’australiano Tomic, una spanna sopra gli altri in termini di qualità ma spesso e volentieri fuori dal match a causa di una tenuta mentale ancora non da top player.

Possibili sorprese: se in condizione fisica buona, il cipriota Baghdatis può essere un osso duro per chiunque, specie se torna a giocare come visto in quel di Nottingham, così come l’australiano Groth può far male a molti a causa del devastante servizio e del diritto potente. Non reputiamo invece Ram, fresco vincitore di Newport, in grado di ripetersi, sia per la stanchezza accumulata che per il tabellone non semplice.

Gli italiani: nessun italiano prenderà parte alla trasferta colombiana.


Davide Sala


TAG: , , , , ,

5 commenti

Andy (Guest) 20-07-2015 17:26

Incredibile come nel terzo mondo(bogota) ci sia un atp 250 e in Italia no :roll:

5
pignolo (Guest) 20-07-2015 16:45

Gulbis però è lettone, non lituano…

4
Lucabigon 20-07-2015 13:32

Scritto da Mcthony
Ma vanni quando è entrato in Svezia???

http://www.livetennis.it/post/216005/atp-bastad-il-main-draw-luca-vanni-entra-in-extremis/

3
Mcthony (Guest) 20-07-2015 12:48

Ma vanni quando è entrato in Svezia???

2
Giro82 20-07-2015 12:38

Per Umag vedo come favorito Andreas, a patto che:
1-sappia riadattarsi alla terra e giocarci bene
2-monfils non sia in settimana di grazia

1

Lascia un commento