Il torneo challenger di Recanati Challenger, Copertina

Challenger Recanati: Presentazione del torneo. Prima wild card a Giacomo Miccini. Quinzi verso l’invito

13/07/2015 16:03 25 commenti
Giacomo Miccini classe 1992, 1147 ATP
Giacomo Miccini classe 1992, 1147 ATP

Saranno il lituano Ricardas Berankis ed il belga Ruben Bemelmans le prime due teste di serie del Guzzini Challenger, in scena dal 20 al 26 luglio sui campi del Circolo Tennis Francesco Guzzini di Recanati, dove si rinnova l’appuntamento con il torneo maschile dell’Atp Challenger Tour. Il montepremi complessivo è stato portato a 42.500 euro. Un salto di qualità non solo dal punto di vista economico, ma soprattutto a livello tecnico con la partecipazione di giocatori di prim’ordine.

Per Ricardas Berankis (Atp 90) è un gradito ritorno, anche se l’anno scorso non ha lasciato particolarmente il segno. Il 2015 si sta rivelando comunque ricco di soddisfazioni tanto che a Wimbledon ha ceduto al secondo turno contro Marin Cilic, poi sconfitto ai quarti dal numero uno al mondo Novak Djokovic. Ci sono voluti ben cinque set perché il campione dello U.S. Open, Cilic, avesse la meglio su Berankis, che le ha davvero provate tutte per fare fuori la testa di serie croata. Il numero nove del seeding è riuscito a portare a casa la partita soltanto dopo 3 ore e 36 minuti di combattimento per la gioia del pubblico presente al Centrale dell’All England Club di Wimbledon. Il lituano, che già si era distinto in Coppa Davis per aver portato per la prima volta il suo paese nel gruppo uno, grazie a questo match memorabile è diventato un vero eroe nazionale. Berankis da junior è stato il numero uno al mondo nel 2007 quando vinse l’US Open e l’Orange Bowl. Non ha saputo ripetere i successi giovanili, ma è arrivato al terzo turno nel torneo australiano del Grande Slam. Nel tennis odierno, basti pensare a Wawrinka, sempre più spesso si raggiungono risultati importanti in età più matura. Berankis ha la classe giusta per ripetere l’exploit di sette anni fa; non a caso ha frequentato la rinomata scuola di Bollettieri in Florida.
Anche Ruben Bemelmans è reduce da Wimbledon dove nulla ha potuto al primo turno contro l’iberico Ruben Bautista Agut, particolarmente legato al torneo recanatese tanto da restare costantemente in contatto con i soci del circolo. Il belga, numero 95 al mondo, quest’anno ha già all’attivo il Challenger di Le Gosier, mentre si è dovuto arrendere in semifinale nei tornei indiani di New Dheli e Kolkata.

Il 2015 non è iniziato sotto i migliori auspici per il finalista del Challenger del 2014 sconfitto dall’azzurro di Puglia Thomas Fabbiano. David Guez infatti da settembre, quando occupava la 193esima posizione, è scivolato alla 227esima. Per gli amanti del tennis italiano è stato comunque avvincente, nonostante il risultato, il match al Challenger di Torino dello scorso aprile contro Stefano Napolitano, vinto da quest’ultimo per 2-6, 6-3, 6-4. Il francese, allenato da Bruno Clement, negli ultimi anni ha perso quella freschezza atletica che gli aveva permesso di vincere nel 2006 il Challenger di San Pietroburgo in Russia e nel 2010 quello di Arad in Romania. Guez è stato un ragazzo prodigio del tennis d’oltralpe tanto da vincere in carriera ben dodici tornei del circuito futures. Il Guzzini, come successo nel 2013, rappresenterebbe un’ottima chance per risalire la china e ritornare quello di un tempo lasciandosi alle spalle i tanti infortuni che l’hanno perseguitato negli ultimi anni.

L’ungherese Marton Fucsovics (Atp 165), dopo aver perso la semifinale del 2014 contro il serbo Bozoliac, vuole assolutamente il torneo, forte di un’ottima condizione fisica che riesce ad esprimere al meglio proprio sulle superfici dure come quella di Recanati. A Wimbledon non è riuscito ad andare oltre il terzo turno della fase di qualificazione sbattendo contro il muro del georgiano Nikoloz Basilashvili.
Il pubblico maschile sarà contento del ritorno del russo Konstantin Kravchuk, marito della famosa modella Veronika, che già nel 2014 aveva ben impressionato perdendo in semifinale contro la testa di serie numero uno Gilles Muller. Kravchuk, n.154 del ranking, l’anno scorso aveva eliminato al primo turno Giacomo Miccini e innervosito in semifinale il vincitore Muller con il suo mirabile rovescio.
Nel tabellone principale troviamo anche il tedesco di Dachau Peter Gojowczyk, attuale numero 159, reduce da un buon 2014 in cui ha conquistato il Challenger di Heilbronn e quello di Bratislava. Dal momento che il 2015 è iniziato in Australia con qualche problema di tenuta fisica, cercherà sicuramente di riscattare l’annata proprio a Recanati sul cemento che tanto predilige.
Altro amante delle superfici dure è il giapponese Hiroki Moriya (Atp 174), vincitore nel 2014 del Challenger di Granby.
Sul Guzzini vorrebbe metterci le mani anche il polacco Michal Przysiezny (Atp 141) che ad ottobre sul cemento di Rakuten in Giappone ha vinto in doppio la finale dell’Open Tennis Championship (ATP World Tour 500).

Quella del 2015 del Guzzini Challgenger si presenta quindi come un’edizione di altissimo livello con diversi atleti che potrebbero iscrivere il proprio nome nell’albo d’oro, senza contare che la Federazione deve assegnare ancora 3 wildcard (i nomi usciranno martedì prossimo). Il Circolo “Francesco Guzzini” ha assegnato la propria al beniamino di casa Giacomo Miccini, che cercherà di superare il primo turno, cosa che non gli è riuscita lo scorso anno nonostante la strenua resistenza opposta al russo Kravchuk. Intanto si sta facendo sempre più concreta la possibilità che Gianluigi Quinzi possa partecipare nuovamente al torneo come successe nel 2013. Il nome del vincitore di Wimbledon juniores 2013 è infatti tra quelli che potrebbero ottenere il pass dalla federazione. Secondo alcune indiscrezioni sono in ballo anche Stefano Napolitano e Salvatore Caruso, comunque iscritti nel tabellone di qualificazione: anche la compagine italiana potrebbe quindi dire la sua al Guzzini come fecero Bolelli nel 2012 e Fabbiano nel 2013.
Il livello del Guzzini Challenger 2015 si conferma tra i più alti. Si comincerà a giocare sabato 18 luglio con i primi incontri del torneo di qualificazione, mentre dal 20 sarà in campo il tabellone principale. Sabato 25 le semifinali e la finale del doppio e domenica 26 la finale.

Tutte le partite verranno trasmesse in diretta streaming sul web ed i risultati degli incontri saranno in live score (tempo reale) sul nostro sito. Curiosità e news anche su facebook, twitter, instagram e youtube con aggiornamenti e foto istantanei.
“Al Guzzini Challenger saranno presenti giocatori provenienti da ben 31 Paesi – ha sottolineato durante la conferenza stampa di presentazione Adolfo Guzzini, presidente del Circolo Tennis Francesco Guzzini – com’è ormai noto il torneo internazionale è diventato una grande vetrina per le nuove generazioni. Quest’anno il premio assegnato alla migliore giovane promessa del torneo sarà in ricordo dei miei fratelli, Giovanni e Giuseppe, scomparsi recentemente. Un pensiero particolare va a Giannunzio che

ha contribuito in modo determinante alla fondazione e crescita del circolo portando a Recanati il grande tennis professionistico con il challenger che ricorda suo figlio Francesco. Tanti i nomi e i volti di professionisti che in questi anni si sono iscritti al torneo nato sulle colline marchigiane, ma diventato ben presto una kermesse di respiro internazionale. La manifestazione – ha aggiunto Adolfo Guzzini – ha saputo ritagliarsi, nel panorama tennistico mondiale, un ruolo di grande prestigio diventando per la sua specifica superficie di campo veloce trampolino di lancio per i tornei americani di agosto”.

Il Challenger è comunque la punta di diamante di un’intensa attività tennistica. I soci del circolo sono 230, mentre la scuola SAT, guidata dal maestro Pierpaolo Cenci, richiama ogni anno un centinaio di ragazzi/e che ottengono sempre risultati lusinghieri in tutte le competizioni regionali e nazionali in cui sono impegnati. Nel 2015 il circolo ha ottenuto la promozione al campionato di serie B nazionale battendo nello spareggio finale il prestigioso Circolo di Milano Bonacossa. Sarà un bel ritorno alla serie superiore, dopo averci militato fino a qualche anno fa. Grande soddisfazione quindi anche per il presidente Adolfo Guzzini, il direttivo e per tutto il circolo tennis, che hanno visto premiati i loro sforzi. Gli atleti che hanno partecipato al campionato, sono stati: Giacomo Miccini, Paride Mangiaterra, Lorenzo Zoppi, Nicolò Vaccarini, Edoardo Castagna, Morris Maracci e Tommaso Castagna. Un ulteriore vanto è che la squadra è formata quasi nella totalità da ragazzi cresciuti nel vivaio della scuola tennis di Recanati.

“Il Guzzini Challenger – ha affermato con una lettera il presidente onorario Maria Mattutini Guzzini – è ormai un evento sportivo di primissimo piano che permette ai nostri ragazzi della scuola SAT di vedere da vicino i grandi campioni per carpirne i segreti e le mosse vincenti, ma vorrei ricordare anche l’attività sociale portata avanti nel ricordo di Giannunzio e Francesco. Pochi giorni fa infatti abbiamo assegnato le borse di studio agli allievi della scuola che si sono distinti per i risultati sul campo e quelli ottenuti sui banchi. In questo modo onoriamo la loro memoria inculcando nelle nuove generazioni la passione per il tennis e per lo studio, perché l’allenamento non si deve fermare alla semplice fisicità, ma deve andare anche oltre”.
All’incontro ha partecipato il presidente regionale della Federazione Italiana Tennis Emiliano Guzzo, che ha rimarcato il grande lavoro svolto in questi anni dal Circolo Tennis Francesco Guzzini nella promozione della disciplina e nell’allestimento del Challenger. Lavoro impreziosito dalla promozione in serie B.

Il consigliere delegato allo sport del Comune di Recanati, Mirco Scorcelli, in rappresentanza del sindaco Francesco Fiordomo, ha avuto parole di elogio per il Circolo che continua a proporsi come un importante punto di riferimento per tanti giovani sportivi del territorio con la scuola Sat ed al prestigioso torneo. “Il Challenger – ha aggiunto il primo cittadino – ancora una volta propone un tabellone di caratura internazionale con alcuni giocatori che hanno ben impressionato persino nei tornei del Grande Slam, come Wimbledon di scena in questi giorni. Inoltre la presenza delle più importanti testate giornalistiche nazionali e locali rappresenta anche un’importante vetrina per la nostra città e il suo prezioso patrimonio artistico”.

L’ingresso a tutte le partite del Challenger è gratuito. Orari, informazioni, risultati e aggiornamenti in tempo reale su www.ctguzzini.it .


TAG: , , , , ,

25 commenti. Lasciane uno!

TRILLI (Guest) 03-04-2016 19:49

BOOOOOM

25
dario (Guest) 14-07-2015 11:24

Scritto da arnaldo
tutti sti inviti a Quinzi non servono a nulla. devecapire bene lui per primo cosa vuol fare da grande.

ma tutti sti inviti de che.. Hanno tutti lo stesso numero di wc

24
DiPassaggio (Guest) 14-07-2015 10:52

Scritto da wafer
“Verso l’invito…..”
Visto il rifiuto su Petrazzuolo penso che la FIT non sarebbe ben disposta a dargli la WC, mentre il direttore del torneo lo vorrebbe a tutti i costi.
Poi dipende da come gli gira la luna in testa, visto che ormai siamo arrivati ad esplorare Plutone!
Forza GQ, ritrova la tua serenita’ a Recanati.

Che il torneo lo voglia a tutti i costi ci credo bene. Nel 2013, io c’ero, c’era gente appollaiata pure sugli alberi di pere del vicino

23
DiPassaggio (Guest) 14-07-2015 10:50

Scritto da Angelos99
@ Spero ancora in Quinzi (#1396369)
La redazione ha confermato che la scorsa settimana si è allenato in Germania.. Attendiamo fiduciosi

Germania? Spero sia per preparazione fisica, secondo me ne ha bisogno. E’ andato dal professor Otto Kruntz, scienziato pazzo?

22
arnaldo (Guest) 14-07-2015 09:53

tutti sti inviti a Quinzi non servono a nulla. devecapire bene lui per primo cosa vuol fare da grande.

21
Forza ceck (Guest) 13-07-2015 23:32

@ massimo novaga milano (#1396399)

Tu sei uno di quelli che quando va alla posta salta la fila per entrare per prima….. gli altri 399 prima di quinzi che stanno a fare…. con la classifica che ha solo con la wc può fare i challenger figurati i tornei atp. ..

20
Angelos99 13-07-2015 23:26

@ massimo novaga milano (#1396399)

Le cose vanno fatte gradualmente, con testa, passo dopo passo. Inutile parlare in questo momento di 250 e 500.

19
AndryREAX 13-07-2015 22:29

@ massimo novaga milano (#1396399)

Certo, da 400 del mondo puó entrare in tutti i 250 e 500 e soprattutto ha tante chances di vincere 3 partite di fila con top150.

Perchè dovete parlare a caso?

18
massimo novaga milano (Guest) 13-07-2015 22:16

Gianluigi deve essere seguito meglio da federazione e tecnici,e poi basta tornei challenger o futures,deve provare le qualificazioni di tornei 250 o 500,come fanno Kirgios o altri della sua età.

17
klaus (Guest) 13-07-2015 21:46

Scritto da Angelos99
@ Spero ancora in Quinzi (#1396369)
La redazione ha confermato che la scorsa settimana si è allenato in Germania.. Attendiamo fiduciosi

….beh Boris era in inghilterra quindi credo si tratti di Stich….ottimo ottimo specie per servizio e gioco al volo 😆

16
AndryREAX 13-07-2015 21:36

Scritto da Gabriele da Firenze

Scritto da Uohct
FIT Sonego lo avete abbandonato?

Penso anch’io così

Lorenzo allo stato attuale, come Baldi, non ha il livello per vincere dei match a livello CH

15
Angelos99 13-07-2015 21:26

@ Spero ancora in Quinzi (#1396369)

La redazione ha confermato che la scorsa settimana si è allenato in Germania.. Attendiamo fiduciosi 🙂

14
Spero ancora in Quinzi (Guest) 13-07-2015 21:06

Redazione e possibile che non si sà nessuna info sul futuro allenatore di quinzi,in questi giorni si sta allenando dà solo

13
andrea (Guest) 13-07-2015 20:17

Scritto da Gabriele da Firenze

Scritto da Uohct
FIT Sonego lo avete abbandonato?

Penso anch’io così

Sciocchezze. Sta giocando future a Modena. È un 15.000, mica può giocare solo challenger. Deve mettere match. E soprattutto chili di muscoli, senza farsi prendere dalla fretta (come fate voi).

12
Angelos99 13-07-2015 19:47

@ vr46 (#1396283)
Non si sa ancora nulla sul suo prossimo coach

11
Koko (Guest) 13-07-2015 19:33

Scritto da Radames
per Kravchuk un bel Vladivostok-Recanati nella giornata di lunedì!

L’areoporto collinare di Recanati! 🙂 Se Leopardi avesse avuto un aeroporto a casa sua sarebbe venuto più ottimista! 😛

10
DiPassaggio (Guest) 13-07-2015 19:24

@ vr46 (#1396283)

Penso che ne abbia cambiati talmente tanti che gli suggerisco di fare un po’ di copia/ incolla su un bel file, sintesi in un programmino dettagliato, e vai con il fai da te! Personalmente suggerisco correre e poi correre e poi correre, magari una maratona alla Wosniacki. Migliora corpo e spirito ed apre la mente. Con sto caldo, poi, ti apre in due…

9
RF87 13-07-2015 19:23

@ vr46 (#1396283)

12 giorni fa la notizia della fine con Petrazzuolo.
Credo lo stia ancora cercando.

8
wafer 13-07-2015 19:21

“Verso l’invito…..”
Visto il rifiuto su Petrazzuolo penso che la FIT non sarebbe ben disposta a dargli la WC, mentre il direttore del torneo lo vorrebbe a tutti i costi.

Poi dipende da come gli gira la luna in testa, visto che ormai siamo arrivati ad esplorare Plutone!

Forza GQ, ritrova la tua serenita’ a Recanati.

7
fabio (Guest) 13-07-2015 19:04

Speriamo che Quinzi faccia una buona figura UNA Volta tanto.

6
vr46 13-07-2015 18:58

scusate qualcuno sa chi e` il nuovo allenatore di quinzi?

5
Gabriele da Firenze 13-07-2015 18:47

Scritto da Uohct
FIT Sonego lo avete abbandonato?

Penso anch’io così

4
Uohct (Guest) 13-07-2015 18:39

FIT Sonego lo avete abbandonato?

3
dan (Guest) 13-07-2015 18:02

Vai GQ!!!!!

2
Radames 13-07-2015 16:23

per Kravchuk un bel Vladivostok-Recanati nella giornata di lunedì!

1