Il torneo dell'Avvenire Copertina, Generica, Junior

Torneo dell’Avvenire: Giulia Peoni in finale. Gli azzurrini cadono in semifinale

12/06/2015 18:52 3 commenti
Giulia Peoni, ligure, riporta l'Italia nella finale al Tc Ambrosiano dopo 6 anni. L'ultima vincitrice, invece, fu Corinna Dentoni nel 2005 - Foto Francesco Panunzio
Giulia Peoni, ligure, riporta l'Italia nella finale al Tc Ambrosiano dopo 6 anni. L'ultima vincitrice, invece, fu Corinna Dentoni nel 2005 - Foto Francesco Panunzio

Un’italiana in finale al Torneo dell’Avvenire mancava dal 2009. Ora però la ligure Giulia Peoni riporta il tricolore nell’atto decisivo dopo 6 anni, quando fu Sara Eccel ad aver conquistato il match clou.

Obiettivo raggiunto grazie alla vittoria nel derby in semifinale contro la trentina Monica Cappelletti. Un incontro a due velocità, con un primo set rapido e a senso unico finito nelle mani della Cappelletti, che però nel secondo parziale ha perso incisività, mentre la ligure ha ritrovato fiducia e qualche accelerazione mancina in più, armi che le hanno consentito di riportare l’equilibrio nel match. Peoni che è scappata anche nel terzo parziale, in un amen, sul 3-0 prima di fissare il punteggio sul 1-6 6-4 6-2. Nell’altra semifinale invece, quella della parte bassa del tabellone, Federica Bilardo non ce l’ha fatta. Un po’ la caviglia, ancora segnata dal match contro la serba Danilovic nei quarti di finale, un po’ la solidità (anche mentale) di Maria Lourdes Carle: fatto sta che la bionda siciliana, quarto-finalista all’Avvenire 2014, è uscita in semifinale anche nell’edizione n.51. Un match lungo soltanto un set in realtà, finito al tie-break vinto dall’argentina, testa di serie n.1 del tabellone: con la siciliana caparbia nel restare attaccata a una partita in cui si è sempre trovata a rincorrere, salvando anche 3 set point tra 5-4 e 6-5. E il tie-break ha avuto una storia del tutto simile all’andamento del parziale, almeno per i primi 6 punti. Poi però la sudamericana ha messo un’altra marcia, complici anche un paio di errori di diritto della mancina azzurra in momenti delicati. Finale dunque italo-argentina, con l’azzurra che avrà il suo bel daffare per scardinare le geometrie della piccola Carle e riportare in Italia il titolo in rosa, che manca dal 2005 quando fu la toscana Corinna Dentoni ad alzare il trofeo. L’atto conclusivo, ripreso dalle telecamere di SuperTennis, prenderà il via alle ore 11.

Nel primo pomeriggio invece sarà la volta dei maschi in una finale tutta straniera. Anche se l’Italia può considerarsi ancora sazia dalla doppietta firmata da Baldi e Pellegrino tra 2012 e 2013, il milanese Filippo Speziali e il siracusano Alessandro Ingarao nulla hanno potuto rispettivamente contro lo svizzero Jakub Paul e contro l’ungherese Zsombor Piros. Soltanto sei i giochi racimolati dai due azzurri. Poca storia in mattinata sul campo centrale, quella che ha aperto il programma di venerdì. Con il siciliano Alessandro Ingarao che ha avuto poche chance – se non nessuna – contro la facilità di gioco e il talento dell’ungheresino, testa di serie n.11 e n.43 del ranking Tennis Europe. Un primo set rapido, e ancor di più il secondo. Come sono stati rapidi anche i parziali che hanno condannato l’allievo del Vavassori Team: Speziali è stato travolto da un doppio 6-1 e dal tennis intelligente di Paul. La finale maschile è prevista per le ore 14, ma con un occhio rivolto al cielo e uno rivolto alle previsioni del tempo.

Nella sessione serale di venerdì si è concluso anche il tabellone di doppio, e a trionfare è stato il team tutto azzurro formato dal siciliano Alessandro Ingarao e dal romano Andrea Bessire. I due italiani hanno superato in finale la coppia sudamericana formata dall’argentino Sebastian Baez e dal cileno Miguel Fernando Pereira. 4-6 6-2 10/3 il risultato finale di un match risolto soltanto al super tie-break dopo un equilibrio tecnico, oltre che di punteggio, tra i quattro in campo. Anche lo scorso anno il doppio s’era tinto almeno un po’ d’azzurro, con il successo di Enrico Dalla Valle in coppia con il coreano Oh. Sconfitte invece in dirittura d’arrivo le azzurre Federica Rossi e Lisa Piccinetti, fermate nell’atto conclusivo dalla russa Daria Solovyeva e dalla slovena Veronika Erjavec. 7-6(2) 7-5 il risultato dell’incontro. Sabato le finali del singolare, con le ragazze in campo alle 11 e i ragazzi di scena a partire dalle 14

Tabellone singolare maschile, semifinali
J. Paul (SUI) [7] b. F. Speziali (ITA) [Q] 6-1 6-1
Z. Piros (HUN) [11] b. A. Ingarao (ITA) 6-3 6-1

Tabellone singolare femminile, semifinali
G. Peoni (ITA) b. M. Cappelletti (ITA) [16] 1-6 6-4 6-2
M.L. Carle (ARG) [1] b. F. Bilardo (ITA) [4] 7-6(3) 6-0

Tabellone doppio maschile, finale
Da concludere: S. Baez (ARG) / M.F. Pereira (CHI) – A. Bessire (ITA) / A. Ingarao (ITA)

Tabellone doppio femminile, finale
V. Erjavec (SLO) / D. Solovyeva (RUS) [2] b. L. Piccinetti (ITA) / F. Rossi (ITA) 7-6(2) 7-5

TENNIS TANDEM - Nella giornata dedicata alle semifinali del 51° Torneo Avvenire, spazio sul campo centrale del Tc Ambrosiano anche a un’esibizione di Tennis Tandem, nuova specialità con racchetta che prevede la rotazione dei giocatori in campo, in modo da colpire la palla uno dopo l’altro, scansandosi subito dopo averlo fatto e lasciando spazio al compagno di team. Ha partecipato anche l’ex Davisman azzurro Stefano Pescosolido, a Milano in veste di tecnico federale al seguito della comitiva azzurra.


TAG: , , , ,

3 commenti

Dizzo 13-06-2015 11:15

Sto guardando la finale femminile del Torneo Avvenire tra Giulia Peoni e Maria Lourdes Carlè. Devo dire che la Peoni mi sta facendo un’ottima impressione, il dritto è gia un colpo che fa decisamente male, infatti si sposta molto su questo colpo e commette molti errori, alcuni di essi banali. Deve migliorare molto il servizio, è mancina e lo deve trasformare in un’arma fondamentale nel suo gioco e il gioco di volo, più volte non ha chiuso volèe e smash. Nel complesso, è una buona giocatrice e come modo di giocare mi ricorda un pochino la Kvitova

3
Blaze (Guest) 12-06-2015 19:42

Correggete quello scempio!

2
fog (Guest) 12-06-2015 19:24

ragazzi però ha conquistare non si può leggere, dai!

1

Lascia un commento