Giochi dei Piccoli Stati Copertina, Generica

Giochi dei Piccoli Stati (day 3-4)

06/06/2015 00:29 2 commenti
Giochi dei Piccoli Stati (day 3-4)
Giochi dei Piccoli Stati (day 3-4)

Proseguono le sfide al Tennishöll Kópavogs di Reykjavik (Islanda) dove si stanno incrociando le racchette dei tennisti provenienti dai nove paesi più piccoli d’Europa.

In attesa della finale maschile, in programma domani, la copertina è tutta per Danka Kovinic. La montenegrina, numero 84 delle classifiche WTA, è certamente un lusso per queste latitudini e non ha deluso le aspettative, mettendosi al collo la medaglia più pregiata. Dopo aver regolato ai quarti la maltese Sammut (6-2 6-2) e in semifinale la rumena/cipriota Serban (6-4 6-2), in finale ha alzato il livello annichilendo la portacolori del Liechtenstein, nonché seconda favorita del seeding, Kathinka Von Deichmann con un perentorio 6-0 6-1. La montenegrina, reduce dall’esperienza al Roland Garros dove ha perso al secondo turno con la francese Mladenovic, succede così nell’albo d’oro a Stephanie Vogt, vincitrice delle ultime due edizioni, che questa settimana ha preferito optare per il circuito internazionale (è impegnata nell’ITF di Brescia). Per la Von Deichmann si tratta invece della terza medaglia d’argento consecutiva in singolare, il bronzo va invece alla stessa Serban e alla maltese Elaine Genovese.

Nessuna sorpresa neanche nel doppio femminile, dove le lussemburghesi Eleonora Molinaro Simon e Claudine Schaul, accreditate della prima testa di serie, hanno vinto la medaglia d’oro, regolando in una finale assai combattuta le maltesi Genovese-Sammut (6-1 4-6 10-8). Bronzo per le padroni di casa Anna Soffía Grönholm e Hjördís Rósa Guðmundsdóttir.

Se al femminile i pronostici sono stati ampiamente rispettati, nel singolare maschile le sorprese sono state all’ordine del giorno. Giovedì, nella giornata dedicata ai quarti di finale, sono cadute infatti le prime due teste di serie, il monegasco Benjamin Balleret (numero 341 ATP), sconfitto 7-6(4) 2-6 6-3 dal montenegrino Celebic, e il cipriota Petros Chrysochos (546), superato 4-6 6-2 7-5 dal francese, ma residente ad Andorra, Laurent Recouderc, sprofondato alla posizione 1114, ma già 124 nel 2009. In semifinale l’andorrano si è ripetuto, questa volta a favore di pronostico, sul maltese Matthew Asciak (7-6 6-1), che nel turno precedente si era agevolmente sbarazzato del giovane lussemburghese Calzi. Niente da fare invece in semifinale per Ljubomir Celebic: il montenegrino, che si allenava in provincia di Bergamo, è infatti stato superato dal lussemburghese Nastasi, testa di serie numero 4, per 7-5 6-2. Sabato è in programma l’ultimo atto, la finalissima inedita che, per la prima volta dal 2003, non vedrà al via un atleta di Monaco, da sempre protagonista nel tennis delle piccole Olimpiadi. Per i semifinalisti perdenti la consolazione arriva con la medaglia di bronzo.

Nel doppio maschile la coppia monegasca formata da Guillarme Couillard e Thomas Oger ha vendicato la precoce uscita dei più accreditati connazionali Balleret e Arneodo nel singolare, vincendo il terzo titolo consecutivo ai danni dei ciprioti Chrysochos e Kyratzis (6-4 4-6 10-6). Sarà invece solo medaglia di bronzo per i favoriti numero 1, i lussemburghesi Nastasi-Scheidweiler e per gli andorrani Recouderc-Poux Gautier, fermati dall’infortunio di quest’ultimo.

Oro per Cipro, infine, nel doppio misto grazie al successo di Chrysochos-Serban sui lussemburghesi Scheidweiler-Schaul (6-4 7-6). Bronzo per i favoritissimi della vigilia Celebic-Kovanic, sconfitti a sorpresa dai lussemburghesi in semifinale, e la coppia del Liechtenstein Leuch-Von Deichmann.


Risultati


Matteo Zanini


TAG:

2 commenti

solotitano 06-06-2015 18:14

Scritto da Alex81
Ma perché Baghdatis non ha partecipato? Invece di andare a Manchester poteva rappresentare il suo Paese

Zero punti, zero soldi, avversari inferiori. Obiettivamente non posso dargli torto. Magari a fine carriera chissà :)

2
Alex81 06-06-2015 15:40

Ma perché Baghdatis non ha partecipato? Invece di andare a Manchester poteva rappresentare il suo Paese

1

Lascia un commento