Notizie dal Mondo Copertina, Generica

Stan Wawrinka parla del Roland Garros: “L’Australian Open, fino a qualche anno fa, era definito ‘torneino’, mentre ora è stato ampliato e forse è il migliore. Ai tornei si devono apportare modifiche continue, non ogni cinque anni”

20/05/2015 07:30 9 commenti
Stan Wawrinka classe 1985, n.9 del mondo
Stan Wawrinka classe 1985, n.9 del mondo

Stan Wawrinka ha rilasciato un’intervista molto interessante. Lo svizzero ha parlato principalmente dei tornei dello slam.

Il Roland Garros, per me, è sempre stato un torneo del Grand Slam pià bello rispetto agli altri tre. È qui che ho vinto lo slam juniores; a Parigi i miei amici vengono sempre qui a vedermi per due o tre giorni, come la mia famiglia. Mi sento più a casa qui al Roland Garros rispetto ad altri tornei”.

Gli altri tornei però cominciano ad ingrandirsi e migliorarsi, questo ancora no ma è il mio preferito. L’Australian Open, fino a qualche anno fa, era definito ‘torneino’, mentre ora è stato ampliato e forse è il migliore. Ai tornei si devono apportare modifiche continue, non ogni cinque anni.


Lorenzo Carini


TAG: , , , ,

9 commenti. Lasciane uno!

“ho combattuto solo come fossi un esercito” Roger Federer la storia del tennis (Guest) 20-05-2015 14:09

come non mai wawrinka quest’anno ha una possibilità di vincere questo RG

9
Koko (Guest) 20-05-2015 14:02

Qui va precisato il fatto che è più facile ingrandire e migliorare uno slam con meno tradizione i cui impianti sono relativamente recenti. Ti scegli una zona nuova e costruisci un complesso espandibile a piacere e puoi aggiungerti tutte le migliorie che vuoi. Chiaramente migliorare senza spostare la sede tornei molto più vecchi come sede è ben più arduo. Ma il peso della diversa tradizone si sente.In generale non puoi volere una Lamborghini d’epoca per poi rimpiangere l’elettronica e le modernità della Veneno!

8
Scrotal (Guest) 20-05-2015 11:32

misteri dei francesi, con tutte le centrali nucleari che c’hanno gli costa pure poco o nulla la corrente elettrica…

7
ehm… 20-05-2015 11:14

Scritto da goran2001
La cosa che mi stupisce è che in 2 tornei dello slam non sia possibile giocare di sera; anche se oggettivamente la cosa permette ai giocatori di evitare maratone che potrebbero protrarsi anche fino all’una/due di notte; immaginate una partita con inizio alle 9 di sera e della durata di 4 ore, terminare all’una di notte; va anche detto però che in questi tornei, c’è sempre un giorno di riposo tra un match e l’altro, quindi anche in caso di match molto tirati c’è sempre il giusto tempo per recuperare.

al roland garros dovrebbero permettere quantomeno di concludere i match in corso, non servirebbe nemmeno una vera e propria sessione serale. a wimbledon invece non c’è nulla da fare, con l’umidità della sera non si può giocare sull’erba. anzi già fanno un uso del tetto che secondo me non è molto corretto

6
Andreas Seppi 20-05-2015 11:11

AUSTRALIAN OPEN MIGLIOR SLAM IN ASSOLUTO!

5
goran2001 20-05-2015 10:38

La cosa che mi stupisce è che in 2 tornei dello slam non sia possibile giocare di sera; anche se oggettivamente la cosa permette ai giocatori di evitare maratone che potrebbero protrarsi anche fino all’una/due di notte; immaginate una partita con inizio alle 9 di sera e della durata di 4 ore, terminare all’una di notte; va anche detto però che in questi tornei, c’è sempre un giorno di riposo tra un match e l’altro, quindi anche in caso di match molto tirati c’è sempre il giusto tempo per recuperare.

4
Fede-rer 20-05-2015 10:36

Scritto da Dizzo
Concordo. Soprattutto a Parigi serve un impianto di illuminazione così da evitare sospensioni per oscurità e rinvii

Sì, è incredibile che un torneo Slam non abbia un impianto di illuminazione! Abbiamo spaccato il capello in quattro parlando dei difetti di Madrid e Roma paragonandoli, e poi il torneo più prestigioso su terra non ha un impianto di illuminazione e i match vengono sospesi per oscurità falsandoli parzialmente. E non si può avere una sessione serale, che è sempre molto affascinante. Se ripensiamo al match tra Fognini e Monfils, con tutta la diatriba sulla sospensione o meno…
A Roma c’è chi si lamenta che il centrale non ha la copertura mentre a PArigi non c’è l’illuminazione… Per quanto riguarda la copertura mi sembra un “lusso”, l’illuminazione dei campi dovrebbe essere un REQUISITO!

3
Dizzo 20-05-2015 09:34

Concordo. Soprattutto a Parigi serve un impianto di illuminazione così da evitare sospensioni per oscurità e rinvii

2
commerciale (Guest) 20-05-2015 08:09

Roma secondo slam!!!!

1

Lascia un commento