Open Court - 3 ATP, Copertina, Generica

Open Court: il Seppi che non ti aspetti, …o forse sì (di Marco Mazzoni)

23/01/2015 12:10 57 commenti
Andreas Seppi classe 1984, n.46 del mondo
Andreas Seppi classe 1984, n.46 del mondo

Facile. Troppo facile scrivere adesso su Seppi, con l’adrenalina ancora a mille dopo la più importante vittoria in carriera. Se ci credete, questo pezzo è stato scritto in buonissima parte già ieri sera. Il clamoroso successo di stamattina contro “Re” Federer non sposta di un millimetro le convinzioni che già avevo maturato nei giorni scorsi su Andy, e che avevo iniziato a buttare giù sul mio pc. Una probabile sconfitta contro Federer non avrebbe cambiato la mia storia. Adesso la storia l’ha scritta lui. Raggiunge Volandri come unico azzurro capace di battere lo svizzero da quando è diventato “il Re”. E forse, pesando i due successi, questo odierno è ancora più pesante di quello di Filippo. Vero che Federer oggi è più vecchio, mentre nel 2007 era il dominatore incontrastato del tennis; ma Filo l’ha sconfitto in casa, nella bolgia del Foro, sulla terra, e 2 set su 3. Il tutto aggravato da una situazione contingente: Federer stava vivendo un momento delicato, il doloroso licenziamento di Tony Roche proprio in quei giorni. La sua testa era altrove. Seppi stamani ha sì battuto un Federer 33enne, ma l’ha sconfitto in uno Slam, sul veloce, 3 su 5. Federer teoricamente aveva la chance di tornare addirittura n.1 al mondo vincendo il torneo, e s’era preparato di brutto per questo obiettivo. Vedendo il match, dobbiamo ammettere che stamani Roger non era in grande spolvero. Meno reattivo, più lento nella ricerca della palla coi piedi, spesso corto nel palleggio, troppo falloso. In pratica tutto girava a scartamento ridotto rispetto alla versione migliore. “Già nel riscaldamento ho avuto brutte sensazioni, temevo che sarebbe stata una brutta giornata”, ha poi dichiarato. 33 anni, arriva maligno “l’effetto Edberg”, come disse il suo coach nella fase terminale della carriera: “Oltre i 30 anni, per quanto ti alleni bene, arriva una mattina che ti alzi dal letto ed il corpo non va, non risponde come vorresti, e non c’è niente da fare”. Ma sarebbe assai ingiusto liquidare il match con una modesta prestazione dello svizzero. La partita l’ha vinta Seppi, con una progressione di tennis notevolissima che ha messo in enorme difficoltà un Federer titubante. Seppi è stato più tosto, più continuo, più propositivo. Mi ha impressionato soprattutto la sua bravura nel restare focalizzato sul match, come ha spinto e retto col dritto anche nelle schermaglie contro il terrificante drive di Roger. Bellissimo vederlo così scattante e reattivo, quasi mai fuori posizione, pronto a cercare l’anticipo e soprattutto pronto a muovere per primo il gioco, senza aspettare e subire gli angoli del rivale. Questa è stata la vera chiave del match, insieme a seconde di servizio quasi mai corte e facilmente aggredibili. Ha preso molti rischi Seppi, in tante fasi tecniche. Rischi che hanno pagato, regalandogli la più importante vittoria in carriera.

Come ha ammesso lo stesso Roger in press conference, Seppi oggi è stato più forte ed ha ampiamente meritato. Un successo insperato, che ha portato l’altoatesino nella prima pagina di ogni quotidiano online, e che ha fatto esplodere i social network. Una vittoria storica, insperata e bellissima, che amplifica a dismisura la mia sensazione empirica di un Andreas Seppi sportivamente rinato. Lo sarebbe stato anche se stamani avesse perso, perché vedendolo da inizio stagione ero stra-sicuro che in campo avrebbe fatto un ottimo match, e che non sarebbe stato né mortificato né spazzato via nemmeno in caso di un Federer doc dall’altra parte della rete. Questo perché il nostro Andy sembra davvero tornato ad essere quel tennista concreto, solido e molto positivo che non più tardi di due anni fa veleggiava sicuro intorno al n.20 del mondo. Davvero un altro giocatore quest’anno rispetto all’avvio del 2014, quando inanellò la peggior striscia in carriera con una serie di bruttissime sconfitte (fino a Monte Carlo non riuscì a vincere due partite in fila…) e rare vittorie, arrivate dopo una lotta terribile e con un tennis complessivamente mediocre. Una prima parte di stagione davvero scadente, che il 4 agosto gli costò l’uscita dalla top50 ATP per la prima volta dal 6 novembre 2011. Allora si alzò un generalizzato “de produdis” sulla sua carriera, un “grazie di tutto Andy”, con la quasi certezza che il meglio l’avesse già dato e che il sunset boulevard fosse già stato imboccato, senza way out per invertire la marcia.

Per fortuna Seppi non la pensava così. Per niente. Dopo qualche segnale di risveglio in torneo nell’autunno ed il corroborante successo nel Challenger casalingo di Ortisei, Andreas ha affrontato la pausa invernale con una determinazione e “cattiveria” assoluta, deciso come mai a crederci ancora ed alzare la posta in gioco. Obiettivi ambiziosi per una risalita iniziata in un posto speciale: casa sua. Quest’inverno nel suo amato Alto Adige Seppi ha lavorato di brutto, ripartendo in tutti i sensi. Sentiva di avere ancora tanto tennis dentro, di aver qualcosa di speciale da dire e da dare in campo. Il tutto accentuato dalla voglia di cancellare le ombre ed amarezze della stagione 2014, che era nata male fin dal principio.

Infatti dopo mesi di brutti risultati, fu lo stesso coach Sartori ad affermare che la preparazione e l’approccio alla stagione ’14 era stata non così buona come in passato, tanto da spingerli ad azzerare tutto ed iniziare in corsa un nuovo programma di lavoro per fare uno scatto in avanti, necessario per tornare a galleggiare. Niente di scandaloso.

E’ umano sentire la necessità di rallentare e tirare il fiato dopo oltre 10 anni di vita durissima nel tour Pro, trascorsi con enormi sacrifici per crescere, per raggiungere un livello fisico, tecnico, mentale ed agonistico così alto da permettergli grandi risultati con altrettanta continuità. S’è costruito pezzo per pezzo Andy, con pazienza, visione, intuito, abnegazione e fatica. Ha sopportato e superato brutte sconfitte, tante delusioni. Ha buttato giù in silenzio e con estrema classe un numero eccessivo di critiche assai ingiuste, perlopiù da parte di una stampa miope e “cattiva”, che l’accusava di esser legnoso, poco spettacolare e “noioso”. Da lui mai una reazione scomposta, mai una parola fuori posto anche nelle sconfitte più amare. Segno di classe e determinazione, quella di un ragazzo serio che ha preferito far parlare la sua racchetta, capace di portarlo al successo in tornei su tre superfici diverse, ad un passo dalla top15, in semifinale in un Master 1000 e tanto ancora. Risultati ottenuti con un lavoro enorme, svolto negli anni con programmazione, fatica e dedizione assoluta. Normale che si finisca per saturarsi, che l’usura bussi alla porta, e che ad un certo punto diventi quasi fisiologico staccare la spina. La vita per lui aveva trovato anche altre strade, nuovi amori e passioni (dichiarò che con la nuova fidanzata aveva iniziato ad apprezzare anche cose diverse nella vita). Si cresce e si diventa uomo, oltre che sportivo. Quando uno col suo tennis, uno che ha dovuto costruirsi passo dopo passo per arrivare all’altissimo livello, molla anche di un centesimo la sua forza e determinazione in campo ed in allenamento, il calo nella prestazione diventa esponenziale. Seppi è stato umano, e come ogni umano intelligente ha saputo analizzare la cosa, ha capito ed ha ritrovato la forza per ripartire. Ancora più forte. La vittoria di oggi è una dolcissima ciliegina di una stagione iniziata benissimo a Doha e proseguita a Melbourne. E’ la dimostrazione di una reazione forte, di una stagione lunga che è nata molto bene grazie alla sua preparazione e che potrà regalargli altre belle soddisfazioni (occhio alla settimana di tennis in più su erba…); ed è anche una gustosa rivincita contro tutti quelli che poco l’hanno stimato e sostenuto negli anni, o solo in certe occasioni, quando è stato facile salire sul suo carro… Eppure personalmente ho sempre considerato il suo tennis non così disprezzabile. Fluidità e fantasia cerchiamole altrove, ma quando Seppi sta bene fisicamente il suo tempo di impatto col rovescio è eccellente, da giocatore super. Ammirare da bordo campo le sue traiettorie così rette sfiorare il nastro e flirtare con le righe è uno spettacolo tutt’altro che banale.

Forse quello che gli è sempre mancato per un ulteriore salto di qualità è una seconda di servizio di maggior consistenza, proprio come l’ha giocata oggi ed ha fatto tutta la differenza del mondo; e la capacità di costruirsi un “piano b” per le occasioni in cui il suo tennis geometrico e pulito – ma senza grandi cambi di ritmo – non riesce a far male all’avversario, ma anzi tende a metterlo “in palla”. Purtroppo il dritto, seppur migliorato, è sempre stato il suo colpo meno sensibile, continuo e stabile. Riuscire a costruirsi una soluzione leggermente più arrotata per sporcare di più il gioco e cercare quindi anche un cambio di ritmo improvviso sarebbe stato un plus decisivo; e forse anche una maggiore propensione a venire avanti, sfruttando la sua bravura nel chiudere l’angolo col rovescio cross. Ma ricordando da dove partiva Seppi oltre 10 anni fa, è stato bravissimo nell’elevare ogni aspetto del suo tennis, incrementandolo in velocità, peso di palla, consistenza e continuità. Seppi resterà uno dei migliori esempi in assoluto nella storia del nostro tennis moderno di come col lavoro si possa toccare un livello di tennis molto alto ed ottenere grandi risultati. Proprio come quello di stamani. Erano esattamente le 7.51 quando Seppi nel tiebreak era lucido, veloce, spingeva, risaliva e metteva la testa avanti, chiudendo incredulo con un passante di dritto in corsa degno dello Zar Lendl. A scuotere la mia sedia non solo il tennis vigoroso di Andy, ma pure un terremoto 4.1 sull’Appennino tosco emiliano (!?!). Chissà, forse erano gli Dei del tennis a tuonare…

 

Marco Mazzoni

@marcomazz


TAG: , , , , , , , , ,

57 commenti. Lasciane uno!

alexalex 24-01-2015 10:01

Scritto da ginglegel
Comunque bisogna guardare i fatti, se Seppi batte Federer può tranquillamente arrivare in finale.
“Tranquillamente” non per dire facilmente, ma per dire che ha legittime possibilità.
E dovrebbe essere favorito contro Kyrgios.
Federer non ha giocato benissimo ma è comunque in un buon periodo di forma.
Si gioca non bene anche o soprattutto per colpa dell’avversario.
Quindi non sottovaluterei Seppi, solo Djokovic mi sembra ingiocabile.

Non esageriamo… dire che seppi possa arrivare in finale è una lotteria… e se Federer non fosse più in grado di portare la partita dalla sua parte contro seppi allora può dire addio alle sue ambizioni per la stagione 2015! Io resto convinto che ieri Federer non fosse in fiducia e non per merito di seppi! Sfortunatamente per roger, in questa giornata storta ha trovato un andreas solidissimo e pronto come non mai con la testa! I colpi di federer erano corti e poco incisivi, se forzava andava lungo, e seppi gliela faveva tornare sempre indietro, spesso verso il rovescio (e in questo quel “fortunato scarsone” di nadal ha insegnato)! Ma seppi non ha la forza di domare federer da solo, lo svizzero ci ha messo del suo! Non mi sorprenderebbe se abbia avuto problemi alla schiena!

57
alexalex 24-01-2015 09:21

Scritto da ginglegel
Comunque bisogna guardare i fatti, se Seppi batte Federer può tranquillamente arrivare in finale.
“Tranquillamente” non per dire facilmente, ma per dire che ha legittime possibilità.
E dovrebbe essere favorito contro Kyrgios.
Federer non ha giocato benissimo ma è comunque in un buon periodo di forma.
Si gioca non bene anche o soprattutto per colpa dell’avversario.
Quindi non sottovaluterei Seppi, solo Djokovic mi sembra ingiocabile.

Non esageriamo… dire che seppi possa arrivare in finale è una lotteria… e se Federer non fosse più in grado di portare la partita dalla sua parte contro seppi allora può dire addio alle sue ambizioni per la stagione 2015! Io resto convinto che ieri Federer non fosse in fiducia e non per merito di seppi! Sfortunatamente per roger, in questa giornata storta ha trovato un andras solidissimo e pronto come non mai con la testa! I colpi di federer erano corti e poco angolati, e seppi gliela faveva tornare sempre indietro!

56
Losvizzero 24-01-2015 00:56

Scritto da FVG
@ Losvizzero (#1247593)
Seppi bene, Federer male. Questo gioco sempre ad attaccare la rete ispirato da Edberg quando gira è bellissimo da vedere ed efficace, ma se non sei al meglio diventi vulnerabile. Ho visto un’ampia sintesi di circa una mezz’ora e ho contato almeno una decina di discese a rete scriteriate di Federer. Così non va lontano.

Dove deve andare scusa?? Federer è il RE, il tennis! E’ già andato lontano, lontanissimo, anzi oltre lui 😉
Da anni decide di scendere a rete, specialmente se vede ke da fondo non riesce ad avere la meglio e soprattutto se sa che l’avversario si caga in mano ( ammissione stessa di Seppi ), ma oggi non è andata bene evidentemente più per bravura dell’avversario che per demerito suo. E’ stato strano ma per uno che dopo la Davis appena vinta non ha più nulla da chiedere, si può ben accettare

55
Mats (Guest) 24-01-2015 00:09

> Come ha ammesso lo stesso Roger in “press conference”…..

Press Conference????

54
Talaaa 23-01-2015 23:39

@ Original Giulio (#1247650)

Ma come riesci a dire che Seppi non può sostenere la palla di Kyrgios dopo che ha battuto Federer? Cioè se ce l’ha fatta con lui, e con merito, perché dovrebbe prendersi 0-3? Se poi succederà allora proprio non ci capisco nulla ma non vedo assolutamente tutto questo vantaggio per l’Aussie. Che sarà certo un ragazzo senza tanti timori, ma sono comunque 19 anni contro 30, e visto come sta messo il 30enne fisicamente non ha certo problemi a tenere, mentre sicuramente ha dalla sua l’esperienza.
Seppi non è Stakhovsky, non sarà uno straccio al turno successivo come fu l’ucraino a Wimbledon. Andreas è concentratissimo sul prossimo match e lo sappiamo, poi sta bene fisicamente, è libero mentalmente, gioca un tennis splendido per lui.
Oggi ha dimostrato di sapersi giocare una partita punto dopo punto con le idee chiare in testa, credete davvero che con Kyrgios non sarà in grado di farlo?

Non dico che vincerà, la partita è molto ostica, ma sicuramente non sarà una partita senza storia.

53
Talaaa 23-01-2015 23:29

Scritto da dacco
Articolo saccente, come al solito.

Aspettiamo una delle tue perle

52
Talaaa 23-01-2015 23:26

@ Chris (#1247864)

A me pareva oggi che i colpi a Seppi oggi uscissero bene :mrgreen:

51
ginglegel 23-01-2015 22:18

Comunque bisogna guardare i fatti, se Seppi batte Federer può tranquillamente arrivare in finale.
“Tranquillamente” non per dire facilmente, ma per dire che ha legittime possibilità.
E dovrebbe essere favorito contro Kyrgios.

Federer non ha giocato benissimo ma è comunque in un buon periodo di forma.
Si gioca non bene anche o soprattutto per colpa dell’avversario.

Quindi non sottovaluterei Seppi, solo Djokovic mi sembra ingiocabile.

50
groucho (Guest) 23-01-2015 21:17

Ciao Marco.
Bel pezzo, sono sicuro che il tuo fiuto ti aveva fatto pensare di scrivere un articolo su Seppi indipendentemente da questa sorprendente vittoria.
Ho visto stasera qualche spezzone di partita, conoscendo il risultato e quindi senza soffrire e godere come invece succede in diretta.
Premesso che Federer non era incisivo, Seppi mi è sembrato molto in palla, dal punto di vista fisico prima di tutto, il che lo faceva arrivare bene con i piedi e col giusto time sulla palla. La cosa diversa rispetto al Seppi 2014 mi è sembrata la capacità di giocare un metro più avanti del solito, cosa che combinata al campo piuttosto veloce ha dato fastidio a Roger. Inoltre un dritto leggermente più pesante, non una mazzata, ma meno leggero del solito. Certo un Federer sottotono, ma comunque non disastroso, quindi la vittoria di Seppi per me è ampiamente meritata.

49
Chris (Guest) 23-01-2015 21:02

Raga inutile girarci attorno, per chi ha visto qualche partita di Kyrgios può benissimo rendersi conto del talento di sto ragazzo: servizio da paura, dritto supersonico, velocità di gambe e grande fisicità, si vede facilmente che gli riesce facile qualsiasi colpo, l’esatto contrario di Seppi. Andreas può giocarsela ma sarà mooolto difficile!

48
Il Ghiro (Guest) 23-01-2015 20:38

Scritto da stef
@ sebaSeppi (#1247643)
su quale base prevedi una sconfitta netta?
no
i dati non ti dicono nulla?
Kyrgios ha avuto bisogno di 5 set per battere un giocatore mediocre su cemento come DELBONIS…Karlovic in 4 set (kyrgios ha pure perso 2 servizi con karlovic e Seppi in risposta e’ molto piu forte di Karlovic).
Infine 3 set a zero su un Jaziri con la panza e gia stanco morto e appagato dopo i primi 2 turni vinti.
Ricordo inoltre che questo fenomeno Kyrgios dopo aver sorpreso un Nadal mezzo rotto a wimbledon, ha vinto solo 3 match :
Agli us open
ha battuto youzny e un seppi nemmeno lontano parente di questo.
ha preso poi un doppio 6.2 da Murray
a fine settembre ha perso in 2 set da Matosevic
infine 10 giorni fa a Sidney ha perso da Janowicz il polacco (che ogi vale pari o meno di seppi)
e questi 3 turni vinti di cui 5 set durissimi con DelBonis
Per cui se togliamo Wimbledon dove puo essersi trovato molto bene sull erba ed ha battuto un Nadal che erbivoro non e’ (anche se vinse wimbledon ma era un altro Nadal)…per cui credo che Kirgyos debba ancora dimostrare di essere un fenomeno schiacciasassi.
Seppi in questo momento ha una condizione psicofisica che nessun giocatore atp ha ed una esperienza di anni di battaglie che Kirgyos non puo ancora avere.
vince Seppi tranquilli. Kyrgios va aspettato ancora un paio d anni

Su una cosa proprio non concordo, che Nadal fosse mezzo rotto a Wimbledon.
Lo spagnolo l’anno scorso ha perso due partite, che spesso vengono citate assieme, con Coric e Kyrgios.
Ma mentre con Coric era un Nadal persino più debole di quello di 2 giorni fa, giocando probabilmente la partita peggiore che gli abbia mai visto fare, per poi correre ad operarsi, contro Kyrgios era un bel Nadal tonico, che ha avuto una palla per servire per il terzo set(e presumibilmente vincere).
Nadal ha giocato un buon torneo, ed una buona partita.
Kyrgios ha battuto un fab 4 in perfetta forma in uno slam, e questo e’ da pochissimi.
Poi che battere Nadal in un torneo che si gioca 2 settimane prima a Parigi sia moooolto diverso e’ pacifico.

47
sebaSeppi 23-01-2015 19:59

Mi rifaccio a quel precedente poco felice agli US Open qualche mese fa quando Seppi fu completamente disintegrato dal tornado Kyrgios. Sarà pur vero che era un altro Seppi, però temo che farà molta fatica dopodomani.

46
heidi (Guest) 23-01-2015 19:52

Tanto merito a Max Sartori
Tanto umile quanto preparato ed un vero ricercatore nella sua professione. Spero solo che ora krighyos commetta l errore di essere sollevato per l eliminazione di Re Roger. Perche’ Andreas si fara’ trovare pronto.

45
stef (Guest) 23-01-2015 19:16

@ sebaSeppi (#1247643)

su quale base prevedi una sconfitta netta?
no
i dati non ti dicono nulla?

Kyrgios ha avuto bisogno di 5 set per battere un giocatore mediocre su cemento come DELBONIS…Karlovic in 4 set (kyrgios ha pure perso 2 servizi con karlovic e Seppi in risposta e’ molto piu forte di Karlovic).

Infine 3 set a zero su un Jaziri con la panza e gia stanco morto e appagato dopo i primi 2 turni vinti.

Ricordo inoltre che questo fenomeno Kyrgios dopo aver sorpreso un Nadal mezzo rotto a wimbledon, ha vinto solo 3 match :

Agli us open
ha battuto youzny e un seppi nemmeno lontano parente di questo.
ha preso poi un doppio 6.2 da Murray

a fine settembre ha perso in 2 set da Matosevic

infine 10 giorni fa a Sidney ha perso da Janowicz il polacco (che ogi vale pari o meno di seppi)

e questi 3 turni vinti di cui 5 set durissimi con DelBonis

Per cui se togliamo Wimbledon dove puo essersi trovato molto bene sull erba ed ha battuto un Nadal che erbivoro non e’ (anche se vinse wimbledon ma era un altro Nadal)…per cui credo che Kirgyos debba ancora dimostrare di essere un fenomeno schiacciasassi.

Seppi in questo momento ha una condizione psicofisica che nessun giocatore atp ha ed una esperienza di anni di battaglie che Kirgyos non puo ancora avere.

vince Seppi tranquilli. Kyrgios va aspettato ancora un paio d anni

44
Alfiuzzo 23-01-2015 18:57

@ Davide (#1247683)

Oh my dog.. la partita con Wawrinka io la vidi li al Pietrangeli! Da cardiopalma, anche se Stan ancora non era quello degli ultimi 2 anni.

Contro Kyrgios non sarà semplice visto che il tifo sarà tutto per il talento australiano. Comunque se sta quadrato e secondo me sicuramente se la gioca.

43
dacco (Guest) 23-01-2015 18:49

Articolo saccente, come al solito.

42
Almeno UNO (Guest) 23-01-2015 18:20

Bravo Marco,
come al solito tecnica e cuore anche nei tuoi articoli.

41
ANDREAS SEPPI ULTRAS (Guest) 23-01-2015 16:49

Mi fate RIDERE!!!!! Federer sul viale del tramonto Federer non fisicamente all’altezza Federer non in forma……Ma se fino a ieri dicevate che non ci sarebbe stata partita??? ……Adesso Kyrgios Chi?? Asfaltera’ Andreas…E si dalla sua parte ha un palmares da sogno…Slam ranking numero1 coppa davis….SEMPLICEMENTE …!!!! Queste vittorie per chi gioca o ha giocato a tennis sa che danno un super slancio….Lo vedo battere senza grossi patemi il teenager Aussie! Andiamo Andreas 🙂

40
Iperkritik (Guest) 23-01-2015 16:34

@ Original Giulio (#1247659)

Grande soddisfazione per l’umile e ottimo Seppi, e bella vittoria per i tifosi del tennis italico…certo che definire “manna” uno come Fognini, be’ ce ne vuole di coraggio…

39
gianfranco (Guest) 23-01-2015 16:32

@ Original Giulio (#1247659)

Hai ragione.
Inoltre Fognini sta ben figurando in doppio con Bolelli.

38
Davide (Guest) 23-01-2015 15:41

Grande articolo, ma sai che stavo pensando la solita cosa? Ero nel letto a godermi le fasi finali ed ho sentito il terremoto (mi son detto non sarà mica un segno!!) pochi minuti dopo Andreas ha completato l’impresa più bella del nostro tennis, forse l’unica di Andreas che mi ha emozionato di più insieme a quella a roma contro wawrinka anche se quella non era adatta a deboli di cuore…
Io penso caro marco che possa spuntarla col giovane australiano, per tanti motivi, esperienza, forma fisica e poi ci ha perso e sicuramente quella sconfitta sommata alla fiducia di aver appena battuto il re in più uno stato di forma sublime pendono a suo favore… Se tiene di testa io dico 60/40.. Che ne pensi marco? E voi appassionati che ne pensate? Sono troppo contento w il tennis e w gli italiani!!!

37
Koko (Guest) 23-01-2015 15:33

Temo che Seppi abbia affossato un fenomeno del tennis sulla via del tramonto ma sarà probabilmente anche colui che consacrerà l’ascesa di un nuovo giovane fenomeno come Kyrgios. Un destino dunque si contingentemente esaltante per il nostro povero tennis ma agrodolce! In realtà è di giovani fenomeni che sentiamo la necessità e speriamo di non dover troppo invidiare gli Australiani.

36
Original Giulio (Guest) 23-01-2015 15:05

Scritto da Losvizzero
No no non forse sì, proprio no. Contento perchè la persona che ha fermato x la prima volta Roger tra i non top ten dopo ANNI sia stato un italiano e un lavoratore non un Fognini qualunque ma ancora non si capisce come sia potuto succedere. Vittoria meritata comunque.

Ma che palxe sempre le solite menate su Fognini…possibile che non si possa acclamare uno senza denigrare l’altro?? Entrambi hanno raggiunto picchi tennistici più alti rispetto ai nostri standard ed entrambi hanno dimostrato il loro talento..
Abituati a gente davvero mediocre(ad essere gentile) come un Volandri,Fognini pur con le sue follie mi sembra una manna dal cielo!!

35
zedarioz 23-01-2015 14:55

Scritto da FVG
@ Losvizzero (#1247593)
Seppi bene, Federer male. Questo gioco sempre ad attaccare la rete ispirato da Edberg quando gira è bellissimo da vedere ed efficace, ma se non sei al meglio diventi vulnerabile. Ho visto un’ampia sintesi di circa una mezz’ora e ho contato almeno una decina di discese a rete scriteriate di Federer. Così non va lontano.

Appunto: una decina di discese a rete scriteriate…. e un centinaio di scambi da fondo in cui alla fine sbagliava per primo roger, dopo aver remato a fondo campo.
Se non sei al meglio è indispensabile cercare di accorciare gli scambi. Oggi Seppi giocava profondo e forte soprattutto col dritto e Federer non è riuscito ad attaccarlo. Troppo differente la convinzione e la brillantezza atletica.
La tattica di Federer è stata giustissima, anche e soprattutto alla luce di essere in grosse difficoltà. Se non avesse provato ad attaccare non avrebbe vinto neanche un set.

34
Original Giulio (Guest) 23-01-2015 14:51

Complimenti a Seppi ma sarei stato curioso di vedere Federer impegnato nelle ultime fasi del torneo(difficilmente sarebbe arrivato oltre una semi comunque). Ora per l’ottimo Andreas ci sarà ben poco da fare con un Kyrg. in grande forma e in piena ascesa,altra palla rispetto all’Italiano. Ciò non toglie che questa rimarrà tra le più grandi imprese del tennis nostrano..

33
stef (Guest) 23-01-2015 14:51

@ zedarioz (#1247537)

AHHH

avevo capito nel senso che batte più volte lo stesso giocatore ehhehehe

32
zedarioz 23-01-2015 14:49

Scritto da lucatennis
ho appena rivisto parte dell’incontro….. Mi è venuto male vedere il signor Palmieri in prima fila vicino a Sartori, pagato da noi contribuenti, rappresentante di una federtennis che non ha alcun merito nella vittoria odierna ma tantissimi demeriti nell’aver portato il tennis italiano maschile a livelli bassissimi dai tempi di Panata, federazione che da domani inizierà ad accollarsi meriti non suoi sbandierando a gran voce il successo del tennis italiano. Patetici.

AMEN :mrgreen:

31
sebaSeppi 23-01-2015 14:47

Questa vittoria ha ripagato i sacrifici di un’intera carriera, per me Seppi ha già vinto il torneo, contro Kyrgios prevedo una sconfitta netta.

30
arnaldo (Guest) 23-01-2015 14:47

Lo confesso…..non me l’aspettavo proprio…..anzi non ci avrei scommesso una lira……spesso sono stato molto critico nei confronti di Seppi e soprattutto di Sartori (famosa una mia lettera a Sartori poi pubblicata sul TENNIS ITALIANO)……devo dire che a 30 anni suonati ha trovato maturita’,equilibrio mentale e probabilmente stato di forma tale da ottenere questa storica impresa, perchè di impresa dobbiamo parlare.

29
paolo (Guest) 23-01-2015 14:32

Cmq sia questa vittoria fa bene al tennis italiano ma sopratutto in questo momento a Fabio Fognini..il lavoro e i sacrifici pagano sempre.. il tutto accompagnato da tanta umiltà

28
Gabriele da Ragusa 23-01-2015 14:30

Mi fa enorme piacere. Seppi è la testimonianza vivente che con lavoro,sacrifici, abnegazione e concentrazione (nel caso tennistico..lasciamo perdere nel calcio dv si allenano 3 ore la giorno max) si possono raggiungere risultati insperati se misurati in funzione del talento. Evito di fare ogni riferimento a Fognini e al celebre motto del film “A Bronx Tale” a proposito di come nn ci sia niente di peggio del talento sprecato. Onore a Seppi quindi, che è solo un anno più grande di me e che andai a vedere in un torneo satellite intorno al 2000 a Baia Samuele (Provincia di Ragusa). Allora era classificato se nn ricordo male 2.5 e vinse (mi pare) un match tiratissimo con Paolo Cannova, fortissimo seconda categoria negli anni 90 e attuale coach di Caruso a Siracusa. Non nego che non aveva impressionato quanto a soluzioni di gioco, varietà e talento in senso assoluto. Ma aveva già allora mostrato una solidità e voglia che facevano ben presagire. Complimenti davvero

27
FVG (Guest) 23-01-2015 14:28

@ Losvizzero (#1247593)

Seppi bene, Federer male. Questo gioco sempre ad attaccare la rete ispirato da Edberg quando gira è bellissimo da vedere ed efficace, ma se non sei al meglio diventi vulnerabile. Ho visto un’ampia sintesi di circa una mezz’ora e ho contato almeno una decina di discese a rete scriteriate di Federer. Così non va lontano.

26
lucatennis 23-01-2015 14:25

ho appena rivisto parte dell’incontro trasmesso in replica su eurosport, non è stato il miglior federer bisogna ammetterlo, falloso spesso da fondo soprattutto col rovescio. Merito di Seppi di averlo spesso inchiodato sulla diagonale del rovescio, forte e solidissimo di dritto, discreto nel servizio. Penso che un federer al top non l’avrebbe certo battuto, però c’è da dire Seppi ha giocato molto bene, sbagliando poco (appunto di rovescio) con ottimo dritto, lucido bravo a rete. Non è stato il miglior Federer ma neanche il peggiore. Mi è venuto male vedere il signor Palmieri in prima fila vicino a Sartori, pagato da noi contribuenti, rappresentante di una federtennis che non ha alcun merito nella vittoria odierna ma tantissimi demeriti nell’aver portato il tennis italiano maschile a livelli bassissimi dai tempi di Panata, federazione che da domani inizierà ad accollarsi meriti non suoi sbandierando a gran voce il successo del tennis italiano. Patetici.

25
FVG (Guest) 23-01-2015 14:23

Ottima lettura. Fisicamente Seppi proprio un’altra cosa rispetto al 2014 molto più scattante, meno parchidermico. Si vede che la preparazione è diversa, già a Doha era un’altra cosa.

Ha fatto bene a prendersi sto anno per ricaricare le pile, consideriamo che Seppi mena sta vita da 10 anni senza praticamente infortuni quindi è normale essere logori. Adesso sia lui che Sartori sanno che hanno davanti 2-3 stagioni in cui dare di nuovo tutto prima del calo fisiologico.

24
Losvizzero 23-01-2015 14:09

No no non forse sì, proprio no. Contento perchè la persona che ha fermato x la prima volta Roger tra i non top ten dopo ANNI sia stato un italiano e un lavoratore non un Fognini qualunque ma ancora non si capisce come sia potuto succedere. Vittoria meritata comunque.

23
Phoedrus (Guest) 23-01-2015 14:08

Scritto da stef
@ Sc Hermulheim (#1247504)
si ma per Federer Roma non ha lo stesso appeal di un Australian open…
battere Federer (sul veloce) e in uno slam e’ altra cosa che battere Federer sul proprio terreno (terra) ed in casa propria (Roma) come fece Volandri.
Notate inoltre la differenza di atteggiamento dopo la vittoria su federer:
Volandri a fare giri di campo per un’ora e dare la mano a tutto il pubblico come se avesse vinto il torneo.
Seppi si limita ad alzare le braccia senza segni di esultanza isterica o buttarsi a terra come alcuni. Direi una esultanza anche modesta per rispetto al grande Re di fronte a lui. Ma anche una esultanza limitata perché’ come spero, dentro di se’ abbia detto:
“Si ok, ho vinto. Ho battuto Federer. Embe’? Ho sempre saputo che potevo farlo, e posso fare anche più di questo.”.

Andreas è un signore del tennis. Come Roger.

22
Sc Hermulheim 23-01-2015 14:01

@ stef (#1247535)

Sul fatto che la singola vittoria odierna valga più di quella di Volandri a Roma non c’è dubbio,anche se fare un confronto sulle due prestazioni di Federer e’ oggettivamente impossibile,proprio perché in uno slam e in un torneo vinto 5 volte dallo svizzero.
Quanto all’esultanza…non mi parse irrispettosa,fu un esternazione di gioia motivata soprattutto dall’essere a casa.In qualsiasi altro torneo si sarebbe comportato come Seppi.

21
marco mazzoni (Guest) 23-01-2015 14:00

@ gian98 (#1247571)

Grazie Gian 🙂
ripeto quello che ho scritto sotto: la sensazione è che sarà un match molto diverso, e che forse dipenderà più da Kyrgios che da Seppi. Andy deve esser bravo a reggere una eventuale sfuriata di Nick e restare cmq in scia, perché l’occasione ci potrebbe essere eccome. Se poi l’altro serve da Dio e spacca il match, bravo lui.

20
pallettaro (Guest) 23-01-2015 13:59

E’ stata una delle più grandi imprese che un italiano abbia realizzato nella storia del tennis. Fantastico Andreas!!!

19
lucatennis 23-01-2015 13:51

Scritto da Tommaso84
Lo ripeto ancora.. la classe operaia va in paradiso. Ed è un onore poter assistere a questi incontri e vittorie. Grazie Seppi

analisi degna di Gramsci direi 🙂

18
gian98 23-01-2015 13:50

ciao Marco Mazzoni ormai ti seguo da sempre e fai sempre dei bellissimi articoli secondo te seppi riuscira a ripetere la prestazione di oggi e vincere la partita grazie della risposta e ti faccio ancora tantissimi complimenti

17
lucatennis 23-01-2015 13:49

Scritto da marco mazzoni
@ lucatennis (#1247509)
ciao Luca, grazie
mi auguro che sia una bella partita. Sarà match molto diverso sul piano tecnico e tattico. Se Kyrgios non trema (difficile) e serve bene senza esagerare nello sparare i colpi, sarà molto dura per Andy, anche perché non gli darà alcun ritmo e modo di iniziare il suo palleggio in progressione. Si giocherà molto sull’1-2.
Però la prestazione di Kyrgios non è ancora continua, e lì dovrà esser bravo Seppi a restare in scia, e se riesce dare la zampata.
Spero di riuscire a seguirla bene.

grazie marco. A mio avviso il problema di seppi è che ha un gioco troppo al limite, gioca troppo piatto e quindi se non è al massimo della forma o in una giornata storta fa molti errori gratuiti coi fondamentali e quindi è destinato a perdere l’incontro. Se invece come oggi sente la palla e ed è in forma fisica, come ha dimostrato nei due tornei di preparazione, è tutto un altro giocatore.
Non paragonerei la vittoria di seppi con quella di volandri, era 7 anni fa, sulla terra, 2 su 3, in casa dell’italiano. Se comunque volessimo farlo questa vittoria è mille volte più importante per il prestigio dello slam, sul centrale, con un federer in grande forma, totalmente inaspettata e unica direi dai tempi di Panatta. Che ricordi di italiani che siano andati vicino a vincere in un torneo dello slam contro i top players ricordo Omar Camporerse in Australia contro Becker (12 10 al quinto, mi pare nel 1992) e Paolo Canè a Wimbledon contro Lendl (fine anni ottanta) e lo stesso Seppi contro Diojovich a Parigi due anni fa.
Ora speriamo che non sia un fuoco di paglia e che riesca a battere la giovane promessa australiana, non sarà facile ma neanche impossibile.
Sognare non costa nulla.

16
Tommaso84 (Guest) 23-01-2015 13:26

Lo ripeto ancora.. la classe operaia va in paradiso. Ed è un onore poter assistere a questi incontri e vittorie. Grazie Seppi

15
anto13.08.2001 23-01-2015 13:22

@ marco mazzoni (#1247520)

Marco un testo stupendo e impeccabile!!! Da commuoversi

14
zedarioz 23-01-2015 13:17

P.S. Secondo me Seppi è il miglior ribattitore (inteso come risposta al servizio) nella storia moderna del nostro tennis (da Panatta in poi)

13
stef (Guest) 23-01-2015 13:16

@ Sc Hermulheim (#1247504)

si ma per Federer Roma non ha lo stesso appeal di un Australian open…

battere Federer (sul veloce) e in uno slam e’ altra cosa che battere Federer sul proprio terreno (terra) ed in casa propria (Roma) come fece Volandri.

Notate inoltre la differenza di atteggiamento dopo la vittoria su federer:

Volandri a fare giri di campo per un’ora e dare la mano a tutto il pubblico come se avesse vinto il torneo.

Seppi si limita ad alzare le braccia senza segni di esultanza isterica o buttarsi a terra come alcuni. Direi una esultanza anche modesta per rispetto al grande Re di fronte a lui. Ma anche una esultanza limitata perché’ come spero, dentro di se’ abbia detto:
“Si ok, ho vinto. Ho battuto Federer. Embe’? Ho sempre saputo che potevo farlo, e posso fare anche più di questo.”. 😆

12
zedarioz 23-01-2015 13:16

Come hanno fatto già notare… il difetto principale di Seppi non è stato il dritto o la seconda di servizio, ma una certa debolezza mentale che si è manifestata nel non saper cogliere le occasioni che gli si sono poste davanti lungo la sua carriera. Un po’ remissivo coi più forti, spesso non ha approfittato di tabelloni aperti. Anche oggi che ha spinto alla grandissima, sul finire del quarto set ha sentito la pressione ma fortunatamente ha tenuto. Ma aveva smesso di spingere come fatto nei primi 3 set e mezzo. Oggi comunque ha giocato la miglior partita della carriera, soprattutto col dritto ha vinto numerosi scambi. Anche se così freddo, immagino la soddisfazione… P.s. Anche se Kyrgios è destinato a diventare un top player, non sono così convinto che Andreas non sia favorito. Kyrgios non è rapidissimo da fondo e Andreas oggi ha dimostrato di essere un gran “passatore”. Se azzecca un po’ di passanti e riesce a rispondere bene come oggi, poi inizia a far pensare l’australiano….

11
jas (Guest) 23-01-2015 13:15

ANDREAS CREDICI E CONTINUA A STUPIRE ANCORA ..HAI TUTTI I MEZZI X RITORNARE ANCORA MEGLIO DEL TUO BEST RANKING TOP 20…BRAVI ANCHE BOLELLI E LORENZI…FOGNINI SI RIFARA’…. SICURAMENTE..!!! PER 18 MESI PRATICAMENTE C’E’ STATO SOLO LUI AL TOP TOP..ORA CHE ANCHE SEPPI STA RITORNANDO SUI SUOI LIVELLI..E BOLELLI ANCHE LUI NON DA MENO..CON UN LORENZI..CHE ORMAI A PIENI VOTI E’ TOP 60 ATP SECONDO ME…QUESTA COMPETIZIONE E RIVALITA’ INTERNA ..FARA’ SOLO ED ESCLUSIVAMENTE DEL BENE AL TENNIS MASCHILE ITALIANO!!!! BIGGEST TIME!!! NON VI SORPRENDETE, SE TUTTI I NOSTRI TOP 100…SARANNO BY JUNE TUTTI DENTRO TOP 50 ATP..MANCA POCO!!! DIREI SE CIO’ AVVENISSE…L ITALIA ARRIVEREBBE AD ESSERE UNA MINI FRANCIA, SPAGNA DEL TENNIS… VAMOSSSSSSSSSSSSSSSS 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

10
marco mazzoni (Guest) 23-01-2015 12:59

@ lucatennis (#1247509)

ciao Luca, grazie 🙂
mi auguro che sia una bella partita. Sarà match molto diverso sul piano tecnico e tattico. Se Kyrgios non trema (difficile) e serve bene senza esagerare nello sparare i colpi, sarà molto dura per Andy, anche perché non gli darà alcun ritmo e modo di iniziare il suo palleggio in progressione. Si giocherà molto sull’1-2.
Però la prestazione di Kyrgios non è ancora continua, e lì dovrà esser bravo Seppi a restare in scia, e se riesce dare la zampata.
Spero di riuscire a seguirla bene.

9
forzaschiavo (Guest) 23-01-2015 12:50

Se posso permettermi sostituendo Seppi con Errani l’articolo x me sarebbe identico, è che sia di Buon augurio…

8
lucatennis 23-01-2015 12:45

mazzoni bell’articolo, sempre puntuale e preciso.
Ora come la vedi con kyrgios?

7
Feyerabend91 (Guest) 23-01-2015 12:44

Bellissimo articolo!

6
Sc Hermulheim 23-01-2015 12:41

Ottimo articolo,complimenti!
La vittoria di Volandri su Federer secondo me ha valore non inferiore a quella di oggi se consideriamo che batté Gasquet e,soprattutto,Berdich nella “prova del nove”.
Speriamo Seppi faccia lo stesso contro Kyrgios,partita che non potrebbe essere più difficile perché oltretutto fuoricasa.
Se batterà l’australiano l’impresa di Seppi acquisirà un valore oltremodo più alto,perché enfatizzerebbe i suoi meriti odierni.

5
alexalex 23-01-2015 12:40

Il seppi che non ti aspetti… punto! :mrgreen:

4
Radames 23-01-2015 12:34

adesso sotto con Kyrgios, che è tanto forte, ma che può anche tremare se le cose non dovessero girargli per il verso giusto, perché è giovane giovane. Una cosa che non manca ad Andreas è la pazienza. Pezzo per pezzo, con la sua infinita solidità, può puntare al grande traguardo…

3
Grandeomar (Guest) 23-01-2015 12:29

Beh incredibile …. Non c’avrei scommesso un millesimo di euro 😯 non resta che fare che fare complimenti ed inginocchiarsi sui ceci davanti hoila seppi!

2
Bonnie75 (Guest) 23-01-2015 12:24

Bell’articolo Marco! L’ho sempre seguito il buon Andreas, esempio di professionalità in tutti i sensi! Dal vivo l’avevo visto umiliare Melzer (top ten ai tempi o giù di li) a Umago. Grande giocatore di ritmo, che soffre un po’ il gioco arrotato. Un po’ debole mentalmente, probabilmente il suo più grande difetto. Vittoria strameritata 🙂

1