Australian Open 2015 - Day 4 ATP, Copertina, WTA

Australian Open 2015 – Day 4: fra Serena Williams e Novak Djokovic spunta Camila Giorgi

22/01/2015 17:47 26 commenti
Camila Giorgi affronterà Venus Williams al terzo turno degli AusOpen.
Camila Giorgi affronterà Venus Williams al terzo turno degli AusOpen.

Nel Day4 degli Australian Open 2015 sono scesi nuovamente in campo i numeri 1 al mondo Serena Williams e Nole Djokovic ma a rubare la scena, almeno per noi italiani, è stata Camila Giorgi: la giovane tennista marchigiana ha superato in due set la classe ’94 Smitkova in maniera perentoria e senza particolari affanni. 8 aces a fronte di “soli” 5 doppi falli, una percentuale di primi servizi (51%) che deve necessariamente migliorare, un saldo in positivo fra winners ed errori non forzati (23/20), ben 3 palle break convertite sulle 4 conquistate con l’unica concessa prontamente annullata.
Una dimostrazione di netta superiorità rispetto all’avversaria, senza fallire quella prova del nove che troppe volte l’anno scorsa le ha impedito di spiccare realmente il volo. Adesso la Giorgi avrà un ulteriore esame di maturità al terzo turno: l’ex numero 1 del mondo Venus Williams (qui tds 18), dopo la vittoria nel derby americano con Lauren Davis in 2 set, sarà il lasciapassare per la sua prima volta agli ottavi a Melbourne, un ostacolo difficile che ben saprà quali aspetti del gioco dell’italiana andranno attaccati, ma che comunque allo stato attuale la miglior versione della Giorgi può battere.
In passato Camila ha saputo regalarci exploit contro le “grandi” giocatrici perdendo partite alla sua portata contro le cosiddette “piccole”: se comincia a vincere anche questo tipo di match, il suo futuro potrà essere davvero più roseo che mai.

Se Errani/Vinci e Fognini/Bolelli vincono i loro primi incontri di doppio (ma escono Bracciali e la coppia Lorenzi/Seppi), si ferma al secondo turno Paolo Lorenzi, bravo a lottare con il canadese Pospisil, tennista sicuramente più a suo agio su questa superficie, cedendo solo sulla distanza e dopo aver portato a casa il primo set al tie break. Momento chiave del match il tie break del secondo: se Lorenzi avesse vinto anche quello probabilmente la partita si sarebbe potuta portare a casa.
In ogni caso, bravo lo stesso Paolo. Anche se Gilbert non sarà d’accordo..

Il torneo ha comunque vissuto una giornata relativamente tranquilla: dopo un primo giorno ricco di colpi di scena e teste di serie cadute a ripetizione, le cose sembrano essersi normalizzate con i più forti che avanzano a vele spiegate. Fra le donne soffre nel primo set Serena Williams (1) contro la rientrante russa Vera Zvonareva: sotto 3/5 15/40 alla battuta, la statunitense ingrana le marce giuste e infila 10 giochi consecutivi.
L’esperienza di Martina Navratilova è invece un toccasana per Aga Radwanska (6): 6/1 – 6/0 alla malcapitata svedese Larsson e il tentativo finalmente di fare la voce grossa anche a livello Slam. Troppe volte l’elegante giocatrice polacca si è fermata sul più bello: sarebbe una bella pagina di tennis e una giusta ricompensa per il movimento tennistico intero che il suo talento fosse finalmente premiato.
Un’altra favorita per la vittoria finale, la ceca Petra Kvitova (4), continua la sua rincorsa al vertice e si libera senza troppe difficoltà della tedesca Barthel: 6/2 – 6/4 e una maturità che dalla finale di Wimbledon dell’anno scorso è diventata un fattore da tenere fortemente in considerazione nelle gerarchie del tennis femminile. Come a dire, se Petra è centrata sul match, non ce n’è per nessuna.
Chiude l’idolo locale già vincitrice Slam Sam Stosur (20), impegnata nel suo secondo turno contro la giovane made in USA Coco Vandeweghe: purtroppo nello scontro generazionale di power tennis al femminile a vincere è la seconda, con una vittoria in 2 set in cui ha gestito con maestria i momenti importanti del match e inflitto un altro dispiacere al pubblico locale.
Fra le altre vincono la finalista del 2014, Dominika Cibulkova (11), con un perentorio 6/2 – 6/0 contro la bulgara Pironkova, la francese Cornet (19) in 3 set sulla Allertova, la Muguruza (24) in una partita dallo score molto strano contro la Hantuchova (6/1 – 1/6 – 6/0), la Keys sulla testa di serie aussie Dellacqua (29), ma anche la Zahlavova Strycova (25), la Svitolina (26), la Lepchenko (30) e la Bacsinszky.
La partita del cuore vede nuovamente protagonista Vika Azarenka: dopo un annus horribilis la bielorussa conferma il suo feeling con il cemento australiano e supera la sua nemica/amica Caroline Wozniacki (8), in due rapidi set. 6/4 – 6/2 e la possibilità di gridare al mondo (sportivo) di essere finalmente tornata.

Fra gli uomini Djokovic (1) è un rullo compressore e velocemente si sbarazza del russo Kuznetsov mentre Wawrinka impiega più energie del previsto (e due tie break) per battere il rumeno Copil: la sensazione è che Nole sia arrivato a Melbourne decisamente in tiro mentre Stan ha destato qualche perplessità rispetto al folgorante esordio.
Ci sono ancora alcuni giorni e alcune partite relativamente soft per salire di condizione e poter essere al meglio nei momenti salienti del torneo, schivando però le insidie disseminate in queste due settimane.
Faticano anche Kei Nishikori (5), che supera solo in 4 set e con parziali combattuti il bombardiere croato Ivan Dodig (4/6 – 7/5 – 6/2 – 7/6), David Ferrer (9) che cede un altro set all’ucraino Stakhovsky (5/7 – 6/3 – 6/4 – 6/2) e il gigante americano John Isner (19) che impiega sempre 4 parziali per piegare le resistenze dell’austriaco Haider–Maurer mentre non ha relativi problemi Milos Raonic (8) che supera in 3 set l’ex promessa statunitense Donald Young: l’aceman canadese è un cliente da tenere sott’occhio, basta solo crederci un po’ di più quando l’avversario è un top player come Federer o Djokovic.
Purtroppo per l’Australia si spegne sul più bello la favola di Lleyotn Hewitt che sopra 2 set a zero si fa rimontare e cede gli altri 3 piuttosto velocemente a Benjamin Becker.

Se la Spagna piange l’uscita di scena della testa di serie numero 13 Bautista–Agut sconfitto dal veterano Gilles Muller (seconda giovinezza e best ranking per il lussemburghese) e di Granollers battuto dal numero 18 del seeding Gilles Simon, sorride invece con Feliciano Lopez (12) che beneficia del ritiro del francese Mannarino al quarto set, con Fernando Verdasco (31) che supera in 3 il giapponese Soeda e con Garcia Lopez che supera, in quello che doveva essere il secondo turno di Fabio Fognini, quel Gonzalez che a nostre spese abbiamo imparato a conoscere. Infine cade anche il 30esimo favorito del torneo Santiago Giraldo sconfitto in 3 set e senza appello dal solido e in crescita (almeno sul cemento) statunitense Johnson.
La vittoria del cuore è infine quella del polacco Janowicz: sotto due set a uno contro il francese Gael Monfils (17) rimonta e finisce per vincere al quinto, dimenticando le tante noie fisiche (come dimenticare il piede rotto proprio qui a Melbourne l’anno passato?) e ritrovando quello smalto che nel 2013 lo ha portato fino alla semi finale di Wimbledon. Bentornato Jerzy.

Alessandro Orecchio


TAG: , , , ,

26 commenti. Lasciane uno!

Cristian (Guest) 23-01-2015 00:42
26
tommaso (Guest) 23-01-2015 00:22

Scritto da ghisallo
Comunque la Giorgi ha commesso 21 doppi falli in due partite. Ma è possibile che non riescono a correggerle il servizio? Cosa fa durante la preparazione invernale a Tirrenia? Perché il sig. Giorgi non capisce che per il bene suo e di sua figlia un allenatore professionista serio la farebbe migliorare più rapidamente. Deve arrivare a 30 anni per essere al top? Perché è senza sponsor? Non c’è dubbio che siamo di fronte a un caso particolare. Certo che sprecare talenti come Fognini e la Giorgi (per non dire Bolelli) riesce solo all’Italia. E Quinzi? A 8 anni va da Bollettieri, a 18 passa alla FIT. Pazzesco! Bisogna essere consapevoli che in Italia non esiste un allenatore in grado di gestire un giocatore che possa ambire ai top 20.

Sulla (noiosa) questione dell’allenatore ti rimando a questo video: https://www.youtube.com/watch?v=kPp5LfNG8wY

25
Fabius (Guest) 22-01-2015 22:35

Scritto da frittella
trovo assurdo che la giorgi (che io tifo anche perché passa molto tempo nella mia città) vinca due partite abbastanza facili e con i favori del pronostico e venga addirittura messa “tra serena e novak”.
se batte Venere allora il disco si fa serio, ma andiamoci piano eh…
(questo sito a me piace moltissimo però insomma dai… la sovraesposizione di giorgi e quinzi mi sembra a volte una mancanza di rispetto verso gli altri)

Condivido in pieno, le vittorie contro due scarse come la Pennetta e la Smitkova che partono sempre battute in partenza e con un gioco patetico non vogliono dire proprio un bel nulla (a parte confermare la scarsezza delle due tipe)

24
marino (Guest) 22-01-2015 21:27

Scritto da jay
@ ginglegel (#1246581)
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day7/1117ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day7/2101ms.html
serena nel primo match ha servito mediamente piu forte le prima ma il max a 195 contro i 204 dell’ultimo incontro e le seconde sempre molto piu piano di camila…stan nel precedente incontro ha servito un po piu forte ma le seconde sempre piu lente di quelle di camila!!!:)

Ma nessuno ha visto pero’ che COPIL ha servito a 242 km orari.. ma dai…. !!!!!!!!!!!!!
19

23
marino (Guest) 22-01-2015 21:26
22
frittella (Guest) 22-01-2015 21:24

trovo assurdo che la giorgi (che io tifo anche perché passa molto tempo nella mia città) vinca due partite abbastanza facili e con i favori del pronostico e venga addirittura messa “tra serena e novak”.
se batte Venere allora il disco si fa serio, ma andiamoci piano eh…
(questo sito a me piace moltissimo però insomma dai… la sovraesposizione di giorgi e quinzi mi sembra a volte una mancanza di rispetto verso gli altri)

21
ghisallo (Guest) 22-01-2015 21:03

@ Dylan (#1246596)

Esistono mille modi per fare una buona seconda senza essere attaccati, senza tirare una bomba piatta come fa la Giorgi. Il problema è che nessuno gli insegna come fare, ma, credimi, un coach serio non lascerebbe mai che un suo giocatore faccia 15-20 doppi falli in una partita come capita spesso alla Giorgi. Magari la volta dopo ne fa 5, ma poi il turno dopo torna a farne 15. Come si fa a vincere un torneo giocando così?

20
leopoldo (Guest) 22-01-2015 19:54

Cao Orecchio,a parte il fatto che non si capisce perchè,”nello scontro generazionale”dispiaccia la vittoria della Coco,peraltro non più”giovane”,manca del tutto il benchè minimo accenno alla vittoria della “riemersa”(da una operazione)B.Mattek Sands.Il gioco di questa tennista(questa si non più giovane) è molto valido e,credo,sia in grado di impegnare a fondo la rumena (Halep-terzo turno).Ma Le ricordo che ultimamente tenniste non più giovani(dalla Hradeka a Lucic Baroni) hanno dato più di qualche dispiacere alle blasonate!

19
ginglegel 22-01-2015 19:22

@ Luca_nl (#1246598)

il tasso tecnico è talmente sbilanciato?
Venus ha un grosso vantaggio di esperienza e di abitudine alla pressione.

ma se il tasso tecnico è sbilanciato, potrebbe essere più sbilanciato in favore della Giorgi.
il tennis di oggi è “più forte” del tennis di 5-10 anni fa, non so se lo sai…

18
jay (Guest) 22-01-2015 19:19

@ ginglegel (#1246581)

http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day7/1117ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day7/2101ms.html

serena nel primo match ha servito mediamente piu forte le prima ma il max a 195 contro i 204 dell’ultimo incontro e le seconde sempre molto piu piano di camila…stan nel precedente incontro ha servito un po piu forte ma le seconde sempre piu lente di quelle di camila!!!:)

17
Dylan (Guest) 22-01-2015 19:18

Scritto da Luca_nl
Troppa enfasi sulla vittoria della Giorgi, ha battuto una ragazza che sinora vanta solo tre vittorie discrete contro le n.45-49-51, e che ha preso stese contro Vinci e Safarova, una ragazza che solitamante sinora ha incontrato gioacatrici oltre la posizione 80 e spesso oltre la 120. Al turno precedente ha vinto nettamente 6-1; 6-1; contro la n.57, troppo poco per essere un test probante per Camila, meglio dimenticare la Smitkova. Con Venus sarà tutta un’altra storia, le uniche chance che può avere Camila e che Venus abbia poca benzina in corpo, altrimenti il tasso tecnico è talmente sbilanciato a favore della Williiams che ci sarà poco da fare.

Una ragazza che, sette mesi fa circa, è arrivata agli ottavi di finale di Wimbledon. Un torneuccio, dai. Che sarà mai?
Ah, al primo turno ha rifilato un doppio 6-1 alla Lucic-Baroni. Te la ricordi?

16
brizz 22-01-2015 19:17

Scritto da Luca_nl
Troppa enfasi sulla vittoria della Giorgi, ha battuto una ragazza che sinora vanta solo tre vittorie discrete contro le n.45-49-51, e che ha preso stese contro Vinci e Safarova, una ragazza che solitamante sinora ha incontrato gioacatrici oltre la posizione 80 e spesso oltre la 120. Al turno precedente ha vinto nettamente 6-1; 6-1; contro la n.57, troppo poco per essere un test probante per Camila, meglio dimenticare la Smitkova. Con Venus sarà tutta un’altra storia, le uniche chance che può avere Camila e che Venus abbia poca benzina in corpo, altrimenti il tasso tecnico è talmente sbilanciato a favore della Williiams che ci sarà poco da fare.

vorrei ricordarti che la giorgi spesso becca contro le avversarie meno quotate di lei, con venus non la vedo minimamente battuta in partenza, anzi………..

15
Dylan (Guest) 22-01-2015 19:13

Scritto da ginglegel

Scritto da jay
per gli amanti delle statistiche come me,inviterei a leggere a che velocita’ tira le prime e seconde palle di servizio camila,nel picco e mediamente,ormai tira piu forte di tantissimi uomini,e’ un vero fulmine di guerra…mediamente tira anche sia prime che seconde di serena e di stan wawrinka!!!e non ne parliamo di fognini e seppi,che non arrivano neanche al picco di servizio di camila..leggere per credere
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2213ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2201ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/1209ms.html

interessante, comunque guarda che in quella partita Serena serviva piano perché le dava fastidio il sole, non so se l’hai vista, continuava rilanciarsi la palla…
tirava soprattutto a non sbagliare, statsticamente è fuori dalla sua media.
e wawrinka non serve più forte di solito?
non sono sicuro, forse un po’ si è trattenuto.
comunque impressionante Camila.
sicuramente meglio di Fognini.

Non credo che Wawrinka si sia trattenuto. Anche perché non ne avrebbe avuto motivo, anzi: Copil è stato un avversario ostico.
Serena non è in forma; quindi non la considero. Ma spesso la velocità media delle sue prime è simile a quella di Camila. Con il sole o con la pioggia. 🙂

14
Luca_nl (Guest) 22-01-2015 19:13

Troppa enfasi sulla vittoria della Giorgi, ha battuto una ragazza che sinora vanta solo tre vittorie discrete contro le n.45-49-51, e che ha preso stese contro Vinci e Safarova, una ragazza che solitamante sinora ha incontrato gioacatrici oltre la posizione 80 e spesso oltre la 120. Al turno precedente ha vinto nettamente 6-1; 6-1; contro la n.57, troppo poco per essere un test probante per Camila, meglio dimenticare la Smitkova. Con Venus sarà tutta un’altra storia, le uniche chance che può avere Camila e che Venus abbia poca benzina in corpo, altrimenti il tasso tecnico è talmente sbilanciato a favore della Williiams che ci sarà poco da fare.

13
Dylan (Guest) 22-01-2015 19:03

Scritto da ghisallo
Comunque la Giorgi ha commesso 21 doppi falli in due partite. Ma è possibile che non riescono a correggerle il servizio? Cosa fa durante la preparazione invernale a Tirrenia? Perché il sig. Giorgi non capisce che per il bene suo e di sua figlia un allenatore professionista serio la farebbe migliorare più rapidamente. Deve arrivare a 30 anni per essere al top? Perché è senza sponsor? Non c’è dubbio che siamo di fronte a un caso particolare. Certo che sprecare talenti come Fognini e la Giorgi (per non dire Bolelli) riesce solo all’Italia. E Quinzi? A 8 anni va da Bollettieri, a 18 passa alla FIT. Pazzesco! Bisogna essere consapevoli che in Italia non esiste un allenatore in grado di gestire un giocatore che possa ambire ai top 20.

21 doppi falli. 16 dei quali commessi nel primo bruttissimo match (in tre set) vinto contro Flavia Pennetta, testa di serie numero 12. Ripeto: VINTO. VINTO CON 16 DOPPI FALLI. Questo vuol dire, inoltre, che nel secondo match ne ha commessi appena 5; niente male, eh?
E poi, non so quante volte dovrò ripeterlo, se Camila rallentasse la seconda di servizio farebbe sì meno doppi falli ma, evidentemente, farebbe anche meno punti a gioco iniziato. Questo perché l’avversaria di turno inizierebbe al comando lo scambio. E se tu conosci Camila sai che a lei questo non piace. E nemmeno a me, detto sinceramente.
Fino ad un certo punto (verso Settembre) era anche, nel 2014, tra le prime 10 per punti guadagnati sulla propria seconda. Poi, è calata. Ma sicuramente era ancora tra le prime 20. Non so, quindi, quanti vantaggi porterebbe (SEMPRE SE..) rallentare la seconda.

12
marco 2 (Guest) 22-01-2015 18:57

@ ghisallo (#1246556)

Ma hai mangiato del peperoncino?

11
peppe78 22-01-2015 18:47

Scritto da jay
per gli amanti delle statistiche come me,inviterei a leggere a che velocita’ tira le prime e seconde palle di servizio camila,nel picco e mediamente,ormai tira piu forte di tantissimi uomini,e’ un vero fulmine di guerra…mediamente tira anche sia prime che seconde di serena e di stan wawrinka!!!e non ne parliamo di fognini e seppi,che non arrivano neanche al picco di servizio di camila..leggere per credere
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2213ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2201ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/1209ms.html

ha servito a 203 km/h 😯

10
ginglegel 22-01-2015 18:44

Scritto da jay
per gli amanti delle statistiche come me,inviterei a leggere a che velocita’ tira le prime e seconde palle di servizio camila,nel picco e mediamente,ormai tira piu forte di tantissimi uomini,e’ un vero fulmine di guerra…mediamente tira anche sia prime che seconde di serena e di stan wawrinka!!!e non ne parliamo di fognini e seppi,che non arrivano neanche al picco di servizio di camila..leggere per credere
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2213ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2201ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/1209ms.html

interessante, comunque guarda che in quella partita Serena serviva piano perché le dava fastidio il sole, non so se l’hai vista, continuava rilanciarsi la palla…
tirava soprattutto a non sbagliare, statsticamente è fuori dalla sua media.

e wawrinka non serve più forte di solito?
non sono sicuro, forse un po’ si è trattenuto.

comunque impressionante Camila.
sicuramente meglio di Fognini.

9
jay (Guest) 22-01-2015 18:36

ho omesso un ‘piu’ veloce’…

8
peppe78 22-01-2015 18:29

mettete camila sulla Rod Laver Arena e darà spettacolo!

7
ginglegel 22-01-2015 18:28

murugurza a fine anno nelle prime 10, darà un bella lezione a serena secondo me.
la vedo numero 7, scenderanno ivanovic e bouchard che sono peggio di lei.

giorgi se matura emotivamente, speriamo che questo slam faccia la magia, a fine anno tra le prime 10, anzi 11 se ci entra la muguruza, è sicuramente meglio di kerber e petkovic, makarova, errani.

giusto per fare un po’ di lotto tennis che è divertente.

6
jay (Guest) 22-01-2015 18:23

per gli amanti delle statistiche come me,inviterei a leggere a che velocita’ tira le prime e seconde palle di servizio camila,nel picco e mediamente,ormai tira piu forte di tantissimi uomini,e’ un vero fulmine di guerra…mediamente tira anche sia prime che seconde di serena e di stan wawrinka!!!e non ne parliamo di fognini e seppi,che non arrivano neanche al picco di servizio di camila..leggere per credere
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2213ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/2201ms.html
http://www.ausopen.com/en_AU/scores/stats/day9/1209ms.html

5
Giro82 22-01-2015 18:22

camila deve avere la forza mentale dimostrata ultimamente, non lasciarsi portare fuori giri dalla venere nera e non strafare troppo con la seconda, soprattutto in punti “delicati” tipo palle break e 30 pari…se rimane centrata se la gioca alla pari.
errani secondo me ha raggiunto l’obiettivo minimo e punta a un dignitosissimo per lei ottavo contro la halep.

nel torneo maschile concordo su quasi tutta l’analisi:djoko è arrivato in sordina a melbourne ma al 90% si giocherà la finale abbastanza agevolmente. l’unico che può contrastarlo per me è proprio quel raonic che contro i top 3 si scioglie un pochino, ma l’abbiamo visto a brisbane comandare per lunghi tratti il gioco contro roger. da valutare la condizione di nishikori nelle prossime partite e nel (quasi certo) quarto contro wawrinka, anche lui una mezza incognita.
simon, pospisil e muller possibili sorprese per gli ottavi.
nella parte bassa, attenzione per federer a kyrgios e al ritrovato murray.
nadal ha concrete possibilità di arrivare ai quarti, e lì con berdych si giocherebbe da favorito la semi, anche se il ceco mi sembra in crescendo di condizione.

4
ghisallo (Guest) 22-01-2015 18:19

Comunque la Giorgi ha commesso 21 doppi falli in due partite. Ma è possibile che non riescono a correggerle il servizio? Cosa fa durante la preparazione invernale a Tirrenia? Perché il sig. Giorgi non capisce che per il bene suo e di sua figlia un allenatore professionista serio la farebbe migliorare più rapidamente. Deve arrivare a 30 anni per essere al top? Perché è senza sponsor? Non c’è dubbio che siamo di fronte a un caso particolare. Certo che sprecare talenti come Fognini e la Giorgi (per non dire Bolelli) riesce solo all’Italia. E Quinzi? A 8 anni va da Bollettieri, a 18 passa alla FIT. Pazzesco! Bisogna essere consapevoli che in Italia non esiste un allenatore in grado di gestire un giocatore che possa ambire ai top 20.

3
grandepaci 22-01-2015 18:19

contento per l uscita di bracciali anzi non doveva nemmeno parteciparvi per quel che ha fatto al tennis o no…..

2
lending (Guest) 22-01-2015 17:51

attenzione io non vedo serena cosi favorita…

1