Notizie dal Mondo Copertina, Davis/FedCup

Cambiamenti nella Davis Cup: Ricci Bitti “La gente ama vedere la propria nazione giocare in casa”

24/11/2014 00:13 9 commenti
Francesco Ricci Bitti è il Presidente ITF
Francesco Ricci Bitti è il Presidente ITF

Francesco Ricci Bitti, presidente dell’ITF, ha tenuto una conferenza stampa sabato nella cornice della finale di Coppa Davis tra Francia e Svizzera.
Interrogato sulla possibilità di istituire la Coppa del Mondo di tennis con durata di 2/3 settimane, il presidente si è dimostrato contrario a quest’idea.

La frequenza è la radice fondamentale della competizione. Se tre settimane saranno disponibili, ci rifletterò. Ma non ci saranno tre settimane disponibili.
Il formato è molto radicato. La gente ama vedere la propria nazione giocare in casa. In ogni caso, per farlo, dovranno esserci delle settimane disponibili ad ospitare la competizione. La stagione tennistica è molto lunga e i giocatori stanno cercando di accorciarla sempre di più
“.


Lorenzo Carini


TAG: , , ,

9 commenti. Lasciane uno!

pio_procida 24-11-2014 15:01

Scritto da Radames
al contrario, ci vorrebbe una formula che consentisse di giocare nei due giorni del fine settimana. Il venerdì abbiamo spesso tribune piene a metà (vedi Napoli per la Gran Bretagna)

il venerdì di napoli non puoi considerarlo, ha fatto una scaricata d’acqua incredibile fino alle 2

9
Pallettaro Mingherlino (Guest) 24-11-2014 13:25

Secondo me la Davis (e la Fed Cup nel femminile) meritano di essere fortemente rilanciate e di diventare il vero clou della stagione agonistica, praticamente il “mondiale” a squadre come avviene in quasi tutti gli sport.
Sarà anche vero che il tennis è sport prettamente individuale, dove ognuno gioca innanzi tutto per sè stesso, ma è altrettanto vero che il tifo, il pathos, il coinvolgimento del pubblico che si riscontra in Coppa Davis non ha eguali in nessun torneo internazionale, pur prestigiso che sia, Wimbledon compreso.
Naturalmente, l’aspetto economico è fondamentale nel tennis professionistico, forse più degli altri aspetti, ed è per questo che sia la Davis che la Fed debbono essere fortemente arricchite come monte premi (gli sponsor non mancherebbero certo) e nel contempo dovrebbero trovare maggior spazio nel calendario internazionale (ITF richieda il coinvolgimento di ATP e WTA), anche a scapito di altri tornei sicuramente meno interessanti

8
lallo (Guest) 24-11-2014 11:42

Scritto da Citro1960
@lallo 4 su 7 ? Caro Lallo, la Davis è così da sempre, e non si deve cambiare.
Per fare un incontro 4 su 7 ci vorrebbe una settimana, pensa ai posti dove piove spesso e alle interruzioni che hanno costretto più di una volta le partite al giorno successivo.
I giocatori non vogliono giocarla così, pensa al meglio di 7 incontri….

Non vedo la differenza se non per la domenica. Sempre 3 giorni e format molto simile all’attuale.
Primo giorno identico con singolari incrociati 1 vs 2
Secondo giorno con doppio A e singolare secco tra i numeri 3 (giocatori di caratura minore e quindi con un solo incontro da disputare). Quindi 2 partite come da sempre si fa al venerdì col formato attuale. Rischio maltempo direi decisamente sotto controllo.
Terzo giorno con singolari tra numeri 1 poi tra numeri 2 (come adesso) e solo eventualmente secondo doppio (con giocatori diversi dal primo) in caso di 3 a 3. (la domenica 3 partite non pongono alcun problema dato che la giornata è completamente festiva e che nella maggior parte dei casi avremo un risultato acquisito prima della terza partita)
Però, la domenica, ci si assicurerebbe un risultato ancora aperto, almeno per il primo singolare tra i giocatori più forti, in molte più occasioni. Personalmente, con l’attuale formato della Davis, mai comprerei un biglietto per la domenica ove la distribuzione dei possibili risultati del venerdì e del sabato è:
AAA BBB ABB AAB BAA BBA
A = vittoria giocatore\i casa
B= vittoria giocatore\i trasferta
ovvero 2 possibilità su 6 (33%) portano alla vittoria definitiva di una delle due squadre ed alla domenica inutile.
Con distribuzione 4 su 7:
AAAA BBBB ABBB AABB AAAB BAAA BBAA BBBA ovvero la probabilità cala al 25%

7
Radames 24-11-2014 11:23

al contrario, ci vorrebbe una formula che consentisse di giocare nei due giorni del fine settimana. Il venerdì abbiamo spesso tribune piene a metà (vedi Napoli per la Gran Bretagna)

6
Citro1960 (Guest) 24-11-2014 10:08

@lallo 4 su 7 ? Caro Lallo, la Davis è così da sempre, e non si deve cambiare.
Per fare un incontro 4 su 7 ci vorrebbe una settimana, pensa ai posti dove piove spesso e alle interruzioni che hanno costretto più di una volta le partite al giorno successivo.
I giocatori non vogliono giocarla così, pensa al meglio di 7 incontri….

5
lallo (Guest) 24-11-2014 09:20

La formula Davis è ottima. Andrebbe portata a 4 su 7 con 2 doppi e 5 singolari (per rendere meno probabile una domenica\3giornata inutile, giocando nel festivo le 3 partite finali -i singolari incrociati ed il 2 doppio-). Il pubblico Davis parla da solo. L’atmosfera Davis parla da sola. Uno spettacolo nello spettacolo. La cosa clamorosa è che ITF fa di tutto per renderla meno spettacolare forzando le sole 4 convocazioni per squadra generando le condizioni per partite improbabili.

4
duca di lorental (Guest) 24-11-2014 09:09

i nodi al pettine vengono al cambio di campo quando viene costretto a cambiare strategia.

3
manuel (Guest) 24-11-2014 07:41

concordo.

2
groucho (Guest) 24-11-2014 07:38

La Coppa Davis riempie gli stadi molto più dei tomei ATP. Insieme agli slam è elemento di successo vero del tennis. Se qualcosa va cambiato partirei dagli ATP: ridurli e convogliare risorse su altri nuovi slam itineranti.

1