Davis Cup - Verso la Finale Copertina, Davis/FedCup

Arnaud Clement e le sue scelte discutibili

13/11/2014 08:23 22 commenti
I convocati francesi di Coppa Davis
I convocati francesi di Coppa Davis

Jo – Wilfried Tsonga, Richard Gasquet, Gael Monfils e Julien Benneteau: il capitano di Coppa Davis francese ha diramato le sue convocazioni in vista della finale contro la Svizzera, disattendendo molte delle aspettative diffuse e prendendo in controtempo quegli appassionati che erano rimasti impressionati dalle recenti prestazioni di Gilles Simon e che davano per certa la presenza di Gillou in una squadra in cerca della gloria.

Simon aveva infatti raggiunto recentemente la finale del Masters 1000 di Shanghai, persa poi contro Roger Federer, recuperando terreno in classifica e ritrovando quella condizione fisica e mentale che in passato lo aveva portato in top10: personalmente credo che il francesino di Nizza meritasse la convocazione, sia per i risultati ottenuti nell’ultimo periodo sia per la variazioni che avrebbe potuto garantire a livello di gioco al suo capitano, mescolando un po’ le carte nella formazione da schierare abbandonando invece il terreno sicuro già percorso nella semi finale dalla squadra francese, per puntare magari su quell’effetto sorpresa in grado di scombinare i piani degli avversari.

Dato per scontato il posto da singolarista di Tsonga, autore sempre di ottime prestazioni contro i due alfieri svizzeri Federer e Wawrinka, appare strano che a giocarsi il 2° singolare siano Gael Monfils e Richard Gasquet: nel primo non ho mai riscontrato quelle sicurezze a livello di integrità fisica necessarie per gli impegni ravvicinati e 3 set su 5 di un week end di Coppa Davis mentre il secondo viene dalla peggiore stagione degli ultimi anni, non avendo raccolto quei risultati fondamentali per farlo rimanere in top10 e permettergli di fare la voce grossa anche a livello dei tornei del Grande Slam dopo un ottimo 2013. Su Julien Benneteau appare invece chiaro che Clement lo utilizzerà in doppio, probabilmente in coppia proprio con il talentuoso Richard: non capisco però che se la presenza di Benneteau è imprescindibile, perché non farlo giocare con il suo partner naturale Edouard Roger Vasselin con cui ha vinto sulla terra amica del Roland Garros e con cui sta disputando un ottimo Master di fine stagione? Arnaud Clement per avere una scelta in più in singolare (oltre Tsonga, Gasquet o Monfils?) non ha rischiato però così di confondersi le idee?

Personalmente credo che il capitano Davis non sia uno sprovveduto, dimostrando in passato di saperci fare e di poter essere un ottimo condottiero guida e che le sue scelte siano frutto di attente valutazioni, non condivisibili ma comunque rispettabili. Prima di tutto credo che Clement abbia scelto di dare fiducia a Richard Gasquet soprattutto alla luce della convincente prova sostenuta dal transalpino nella semi finale contro la Repubblica Ceca di Thomas Berdych mentre a favore del trascinante Gael ha giocato a suo favore soprattutto la sua capacità di coinvolgere il pubblico, creando quell’effetto bolgia che magari potrebbe mandare in tilt soprattutto le sicurezze e gli automatismi di Stan Wawrinka. Penso che alla fine scenderanno in campo Tsonga e Monfils, per il doppio si punterà sulla coppia Gasquet/Benneteau e, in base anche alle sensazioni della prima giornata, decidere eventualmente di cambiare in corsa nella giornata decisiva con un avvicendamento fra Monfils e Gasquet. Tanti scenari possibili e ipotizzabili ma l’ultima parola spetterà come sempre al campo e alle scelte del capitano non giocatore.

C’è una variante nello svolgimento dei fatti che secondo me però ha avuto un peso specifico importante, anche se nessuno dell’ambiente francese andrà oltre le solite e noiose dichiarazioni di facciata: si dirà che è stata una scelta puramente tecnica, ma in fondo sospetto che il personaggio di Gilles Simon non fosse poi così ben accetto all’interno dello spogliatoio in un momento decisamente delicato. Più volte in passato, le dichiarazioni di Simon hanno fatto scalpore nel mondo tennistico, dove il non prendere mai una posizione ma il trincerarsi dietro un ideale condiviso dalla maggioranza assume spesso i contorni dell’esasperazione, non lasciando trasparire le opinioni degli addetti e soprattutto dei giocatori che sarebbero invece interessanti terreni per fruttuosi dibattiti.
Una finale di Coppa Davis può essere decisa da molteplici fattori e ognuno di questi va tenuto nella giusta considerazione: un gruppo coeso può divenire un motore insostituibile, quando a scendere in campo non è più il singolo ma il rappresentante di una squadra se non di un’intera nazione. Come sarebbe stato gestito e gestibile all’interno di uno spogliatoio un giocatore che in passato si è lasciato andare a dichiarazioni poco carine anche nei confronti dei propri connazionali suoi compagni di team? Il compito di un capitano sarebbe stato proprio questo, facendo convivere personalità agli antipodi, come quando un allenatore di calcio cerca di sedare le discussioni che possono generarsi fra i propri atleti e calmare i caratteri più fumantini.

Oramai Clement ha però scelto, prendendosi la gloria in caso di vittoria o le rimostranze del suo popolo in caso di sconfitta: si può sempre fare in un modo diverso alla luce dei fatti già accaduti e sarà sempre estremamente facile rimproverare questo o quello. Il rischio sta proprio qui, ma l’unico giudice dovrà essere solo quello inerente l’esito di quest’affascinante finale.


Alessandro Orecchio


TAG: , , ,

22 commenti. Lasciane uno!

Alessandro (Guest) 15-11-2014 20:03

Certamente è un errore non aver convocato simon, che in questo momento è sicuramente da preferire al sopravvalutato Gasquet, ma dal momento che quest’ultimo ha battuto il villeggiante Berdich in semifinale, allora spazio a lui. Meglio così, questo accrescerà le possibilità di successo per gli svizzeri, che preferisco. Sarà comunque una grande sfida, senza un netto favorito.

22
manuel (Guest) 13-11-2014 15:57

ma per me ha sbagliato a lasciare a casa simon visto che a shanghai,ma anche su terra rossa ha spesso impensierito federer.
gilles credo non l’abbia presa bene,ma con lui la davis potrebbe essere rossocrociata,vediamo ora se la scelta di clement peserà sul risultato finale.

21
marcopiper 13-11-2014 15:13

Beati loro che hanno la possibilità di discutere su chi lasciare fuori!! Averli noi sti problemi!!

20
dieter (Guest) 13-11-2014 14:29

scelte corrette. Monfils e’ un gladiatore, e se sta bene giochera’. Benneteau probabile doppista con Tsonga a meno che si rispolveri Gasquet. Simon non garantisce costanza.

19
Radames 13-11-2014 13:56

diciamocelo francamente che nell’ambiente dei tennisti francesi Simon sta sulle p… a tutti!

18
Lollo99 13-11-2014 13:53

Secondo me doveva convocare Llodra

17
Cristian (Guest) 13-11-2014 13:45

Scelte perfette, Monfils in Davis è sicuramente meglio di Simon…stesso discorso vale per Tsonga, mentre Benneteau può essere utile sia a livello di singolare (3 su 5 soprattutto è ancora un bel cagnaccio) sia in doppio, dove giocherà sicuramente in coppia con Tsonga.

Gasquet invece lo porti a prescindere, è il personaggio che maggiormente fa gruppo tra questi, e se avesse recuperato un po’ di condizione fisica potrebbe essere pericoloso, anche se onestamente non credo giocherà, almeno durante la prima giornata.

Credo che l’incontro si deciderà al 5° e decisivo match stavolta…quando “caghina” Wawrinka dovrà dimostrare se è davvero all’altezza della classifica e della fama conquistata in questo 2014 ;)

16
winter18 (Guest) 13-11-2014 13:42

Squadra vincente non si cambia. Clement ha tutti i tennisti che si allenano sulla terra da settimane sotto i suoi occhi, eppure ci sono i soloni che davanti a un pc pensano di saperne più di lui. Tsonga-Gasquet è potenzialmente un doppio molto forte ( incrociano sui loro colpi migliori, uno di dritto e l’altro di rovescio), come si è visto contro la miglior coppia-davis del decennio (ossia Berdych-Stepanek). Tsonga e Monfils – quest’ultimo notoriamente si esalta davanti al pubblico di casa- singolaristi e Benneteau jolly per singolare e doppio (soprattutto se la svizzera molla il doppio risparmiando federer) sembrano una scelta persino ovvia. La sentenza tra 10 giorni. Tutto il resto è bar sport.

15
dacco (Guest) 13-11-2014 13:29

@ groucho (#1211856)

dai diccelo, t ha rubato la tipa Orecchio?

14
Giovanni 13-11-2014 12:51

@ groucho (#1211856)

E invece i tuoi commenti per quanto tempo ancora dovremo leggerli? Non sei a rischio esonero pure tu, vero?

13
groucho (Guest) 13-11-2014 12:14

Vedrete che dopo la sconfitta con la Svizzera, rimuoveranno Clement e prenderanno Orecchio.
Se però la Francia dovesse vincere, ci toccheranno ancora questi articoli per il 2015. Magari scritti in coppia con Simon.

12
Giovanni 13-11-2014 12:13

Per me Orecchio ha centrato il punto: Clement punterà tutto sull’affiatamento del gruppo, non credo che Simon non sia voluto ma Gaquet-Tsonga-Monfils sono il SUO gruppo, e in una sfida dove il fattore mentale potrebbe giocare un fattore decisivo l’unione tra compagni potrebbe risultare decisivo.
Detto ciò, non condivido le sue scelte e al suo posto avrei portato Simon a discapito di Monfils, la prossima settimana vedremo se Clement smentirà tutti o no.

11
Papero 13-11-2014 11:42

@ Andy86 (#1211804)

Come ho già detto, è una scelta che ci può perfettamente stare. Sul fatto che simon sia in forma, non ne sarei così sicuro… Avete visto gli ultimi due tornei che ha fatto? Per me c’è ben poco da polemizzare, la scelta di Clement, sulla carta, è ottima.

10
tomax (Guest) 13-11-2014 10:07

Per me la scelta di Clement è perfetta.tsonga singolarista sicuro poi poi 2 singolaristi che possono giocare una partita sola uno venerdi e altro domenica. monfils è perfetto per il singolare di domenica perchè lo vedo agonista uno che carica il pubblico e che domenica può risultare decisivo.certo è un rischio ma credo che in una partita monfils wawinka decisiva sia favorito il francese.io comunque metterei monfils anche venerdi contro roger che lo può affaticare di più rispetto a gasquet e che deve per forza di cose giocare il doppio di sabato
il vero dubbio credo che sia il doppista da affiancare a benneteau ma a meno che tsonga non giochi 5 ore venerdi sarà lui.
se fossi in clement singoli tsonga monfils doppio tsonga benneteau

9
Andy86 (Guest) 13-11-2014 10:01

Simon è il più in forma dei singolaristi Francesi, errore grave non portarlo.. anche se personalmente se stanno bene Tsonga e Monfils sono i migliori specialmente sulla terra..

8
Guglielm (Guest) 13-11-2014 09:53

Forse conta anche il fatto che Simon in Davis è sempre stato un disastro (1-8 nei match che contavano, sconfitte con Berlocq, Isner sulla terra 0-3, Stepanek 0-3, Ferrer 0-3 ecc.), mentre Gasquet (9-5 con sconfitte quasi tutte risalenti all’inizio della carriera) e Monfils (6-2) hanno dimostrato di essere più giocatori da Davis. Inoltre Clement probabilmente, con un equilibrio di valori tra i vari papabili, non se l’è sentita di escludere i giocatori che l’hanno portato in finale.

7
max (Guest) 13-11-2014 09:45

Benneteau secondo me gioca il doppio se la Svizzera deciderà di schierare Chiudinelli/Lammer, cosa che non escluderei.

6
max (Guest) 13-11-2014 09:36

Scritto da dacco
Benneteau se non lo fai giocare in doppio dopo che lo convochi che te lo sei portato a fare?!!?!?!?

E’ utile come riserva sia per il doppio che per il singolare, ruolo che ha ricoperto nelle sfide di Davis di quest’anno.
D’altronde un giocatore che non vede mai il campo (se non a punteggio acquisito) c’è quasi in tutte le squadre: anche la convocazione di Simon, a cui Clement preferisce per il singolare Tsonga, Gasquet e Monfils, sarebbe stata inutile allora, per lo meno Benneteau può anche giocare il doppio.

5
dacco (Guest) 13-11-2014 09:24

Benneteau se non lo fai giocare in doppio dopo che lo convochi che te lo sei portato a fare?!!?!?!?

4
max (Guest) 13-11-2014 08:58

Scritto da BananaJo
Io invece sono d’accordo con le convocazioni di Clement. Innanzitutto bisogna partire dal presupposto che sarà una finale Davis in casa dei francesi, quindi con un tifo caloroso e anche con tanta pressione per i francesi.
Di conseguenza un giocatore come Simon non serve perchè mentalmente si scioglie come neve al sole e lo stesso discorso vale per Vasselin(che anche in questo Masters è retto da Benneteau!).
Mi sembrerebbe giusto, in singolo, puntare su Tsonga(ovviamente) e Monfils; Gael, pur non avendo fatto una stagione strepitosa, ha comunque quella personalità che serve in Davis e soprattutto si puà esaltare davanti al proprio pubblico(come Tsonga).
Singolaristi: Tsonga, Monfils
Doppio(Benneteau e uno tra Tsonga e Gasquet)

In doppio hanno sempre giocato Gasquet e Tsonga, dimostrando un ottimo affiatamento (se giocassero insieme nel circuito perderebbero poche partite). In singolare sicuramente Tsonga e credo che Clement alla fina punterà su Gasquet, vedremo.
Sull’esclusione di Simon, c’è da aggiungere che praticamente tutti i capitani puntano sullo stesso gruppo all’interno di una stessa stagione, non dimentichiamo che ci sono di mezzo contratti con le rispettive federazioni per giocare la Davis…

3
BananaJo (Guest) 13-11-2014 08:38

Io invece sono d’accordo con le convocazioni di Clement. Innanzitutto bisogna partire dal presupposto che sarà una finale Davis in casa dei francesi, quindi con un tifo caloroso e anche con tanta pressione per i francesi.
Di conseguenza un giocatore come Simon non serve perchè mentalmente si scioglie come neve al sole e lo stesso discorso vale per Vasselin(che anche in questo Masters è retto da Benneteau!).
Mi sembrerebbe giusto, in singolo, puntare su Tsonga(ovviamente) e Monfils; Gael, pur non avendo fatto una stagione strepitosa, ha comunque quella personalità che serve in Davis e soprattutto si puà esaltare davanti al proprio pubblico(come Tsonga).

Singolaristi: Tsonga, Monfils
Doppio(Benneteau e uno tra Tsonga e Gasquet)

2
Kriss69forever 13-11-2014 08:36

Bell’articolo che centra il problema.
Fosse un primo turno di Davis contro un paese minore tennisticamente, la squadra sarebbe potuta essere Tsonga Simon Roger-Vasselin Benneteau con Pouille riserva.
Ma è la finale di Davis, Clement punta sul SUO gruppo.
Tecnicamente Simon è l’unico che offriva una vera alternativa con il suo gioco molto diverso che punta a dissanguarti alla lunga, ma così non è ststo. Vedremo come va.

1

Lascia un commento