Resoconto da Brescia Challenger, Copertina

Vanni – Arnaboldi, lottare non basta

11/11/2014 23:20 2 commenti
Luca Vanni classe 1985, n.152 ATP - (foto Trofeo Città di Brescia)
Luca Vanni classe 1985, n.152 ATP - (foto Trofeo Città di Brescia)

Il toscano e il canturino giocano due buone partite, ma cedono alla distanza contro Krajinovic e Krajicek. Vanni recrimina per due errori nei momenti clou, Arnaboldi non riesce a decifrare il serve and volley dell’americano. Cade Sijsling, testa di serie numero 1.

Tutti aspettavano il ragazzo di Cantù, è spuntato lo Yankee della Florida. Andrea Arnaboldi puntava molto sul Trofeo Città di Brescia, sperava di ripetere la semifinale di nove mesi fa a Bergamo. Invece si è trovato di fronte un muro giallo e nero, un serve and volley che ad alti livelli è quasi scomparso. Il 24enne di Tampa si è imposto 6-4 3-6 6-3, mantenendo la calma nei momenti importanti. Al contrario, Arnaboldi si è deconcentrato su una palla dubbia sul 3-3 al terzo. Puntualmente, al game successivo è arrivato il break fatale. “E’ stata una partita dura, lui era sicuramente favorito – ha detto Krajicek – poi giocare contro un italiano a casa sua è sempre complicato. Tuttavia il campo veloce mi ha aiutato e mantenere il controllo nei game di servizio. Andrea ha giocato un ottimo secondo set, ma io sono rimasto calmo”. Curiosamente, Krajicek ha scelto di giocare in Europa anziché sfruttare i tanti tornei organizzati dalla USTA, la federazione americana. Ad esempio, in questi giorni avrebbe potuto giocare a Champaigne, in Illinois. “Ma mi piace molto l’Europa – confessa – poi negli ultimi due anni avevo giocato tanti tornei in America. Volevo affrontare avversari nuovi, poi ho trovato campi molto veloci che mi hanno aiutato. E comunque non è un problema stare qui, anche se sono l’unico americano”. Con un ottimo servizio e volèe molto incisive, Austin (lontano parente del campione di Wimbledon 1996) può essere molto insidioso sui campi rapidi. Sei anni fa ha vinto i Campionati Nazionali Americani, che mettono in palio una wild card per il tabellone principale dello Us Open. Resta la sua unica partecipazione Slam. “Cerco di migliorare settimana dopo settimana, l’anno prossimo proverò a concentrarmi ancora di più sul singolare ed entrare rapidamente tra i top-100. Poi vedrò che obiettivi pormi”. Top-100 già raggiunti in doppio: con le ATP World Tour Finals in contemporanea, era ovvio chiedergli se per un giocatore come lui il Masters di doppio può essere un obiettivo. “Assolutamente. Purtroppo è un processo molto lungo. Quest’anno ho giocato bene, anche se con compagni diversi, e l’anno prossimo potrò giocare gli Slam. Andare a Londra sarebbe fantastico, anche se sarebbe meglio in singolare!”. Krajicek tornerà in campo già mercoledì, alle 12.30, contro il croato Mate Delic.

VANNI E I DUE DRITTI SBAGLIATI
Grande delusione per Luca Vanni. Si sapeva che il toscano, dall’alto della sua potenza che ne fa una specie di Isner nostrano, avrebbe potuto giocarsela contro Filip Krajinovic. E’ andata proprio così: l’azzurro ha sparato 32 ace ed è arrivato a un passo dall’impresa da copertina. Quando ha brekkato il serbo ed è volato 4-2 nel terzo set, ha perso un pizzico di concentrazione e si è fatto riprendere da un Krajinovic un po’ nervoso, forse stanco dopo una stagione molto faticosa. Ma questa partita si è decisa su due punti, simbolo di quel che manca a Vanni per effettuare il definitivo salto di qualità. Vale la pena raccontarli. Tie-break del primo set, 6-5 Krajinovic, servizio Vanni. L’azzurro tira una gran prima e la risposta del serbo è alta, lenta e corta. In un’altra situazione avrebbe scaraventato il drittone a occhi chiusi, invece ci ha pensato per una frazione di secondo e ha tirato nell’unico punto in cui Krajinovic poteva tirare il passante. E infatti lo ha infilato. Dopo aver vinto il secondo set (anche se si era complicato la vita con un doppio fallo nel tie-break), Vanni ha sciupato il vantaggio e ha incassato un sanguinoso break sul 5-5 (con un pizzico di sfortuna: Krajinovic ha colpito un nastro vincente sulla parità). Sul 6-5, ecco la grande occasione per tornare in partita. Sul 30-40 ha giocato un gran scambio, si è costruito il drittone vincente…e lo ha clamorosamente sbagliato. Meno di un minuto dopo, la partita era finita. L’aretino ha giocato una grande stagione, entrando per la prima volta tra i top-200, ma continua ad avere difficoltà nei momenti importanti. Pensa troppo e commette errori banali. Gli stessi errori che gli hanno fatto perdere la finale di Kaohsiung, a Taiwan, contro il top-50 Yen Hsun Lu. Se troverà un briciolo di cattiveria nei momenti importanti potrà arrivare ad alti livelli e diventare un elemento interessante anche in chiave Coppa Davis, soprattutto sui campi veloci. Nessun italiano serve a 230 km/h come lui.

IN CAMPO LICCIARDI, TRAVAGLIA E CARUSO
Anche la giornata di mercoledì sarà a forti tinte azzurre. Sette match a partire dalle 11 con in campo tre italiani. Pietro Licciardi, il baby-ravennate seguito da Renzo Furlan, proverà a ottenere il primo successo in carriera nel tabellone principale di un challenger. Sfida Yann Marti, svizzero di talento ma non fortissimo sul piano mentale. C’è grande curiosità per testare l’attuale livello di Licciardi. Nel pomeriggio, Stefano Travaglia affronterà lo spagnolo Andres Artunedo Martinavarro, proveniente dalle qualificazioni. L’iberico preferisce i campi veloci e andrà affrontato con attenzione. A chiudere il programma, Salvatore Caruso cercherà di proseguire la sua favola contro Jan Hernych, ex top-60 ATP che ha un gioco fastidioso ma non devastante. Sarà la classica prova di maturità. Tra gli altri match, si segnala l’esordio di Blaz Kavcic, terza testa di serie, opposta a Farrukh Dustov, uno dei giocatori più in forma del momento. Tardo pomeriggio dal forte sapore serbo: alle 17 tornerà in campo Krajinovic, mentre alle 19 ci sarà Viktor Troicki opposto a Marius Copil.


TAG: , , ,

2 commenti

manuel (Guest) 12-11-2014 17:44

vanni ieri poteva e doveva vincere perchè le sue occasione le ha avute, ma non le ha sapute trasformare.idem arnaboldi.

2
aper (Guest) 12-11-2014 10:29

Dopo questa disamina ribadisco, seppure con grande dispiacere, che i nostri attuali giocatori di seconda fascia non riusciranno ad entrare tra i top cento e che pertanto bisogna sperare nella generazione dei più giovani under 20.

1

Lascia un commento