Ortisei - Day 2 Challenger, Copertina

Resoconto da Ortisei (04 Novembre 2014)

04/11/2014 22:07 2 commenti
Andreas Seppi classe 1984, n.44 del mondo - Fotografo Gian-Luca Gatto
Andreas Seppi classe 1984, n.44 del mondo - Fotografo Gian-Luca Gatto

Simone Bolelli ha vinto il primo derby azzurro della giornata al Sparkasse ATP Challenger Val Gardena Südtirol contro Matteo Viola e grazie a un successo comodo in due set (6:3, 6:2) accede agli ottavi di finale del challenger altoatesino dove già domani alle ore 18 affronterà il russo Aslan Karatsev, numero 243 del mondo.

Bolelli per primo deve affrontare una palla break nel quinto game del match. La annulla con un grande diritto e sfrutta invece la prima palla break sul servizio di Viola per portarsi avanti 5 a 3.
Nel game più lungo del primo set dopo cinque vantaggi tiene il servizio e si aggiudica la prima frazione.

Sul due pari del secondo set Viola perde il servizio a zero e la partita finisce lì. Bolelli non concede più nulla, toglie un altra volta il servizio a Viola e vince in poco più di un ora per 6:3, 6:2. Nel secondo set sul proprio servizio in quattro turni di battuta cede appena un punto.

Prima della vittoria di Bolelli ha salutato il torneo la sesta testa di serie. Il russo Evgeny Donskoy ha perso contro Jan Hernych provveniente dalle qualificazioni.
Il 7:6 (3), 6:2 per il ceco non è una grandissima sorpresa visto che il 35-enne Hernych è stato finalista a Ortisei nel 2011 e ha superato brillantemente le qualificazioni.

Donskoy nel tiebreak del primo set stava avanti per 3 a 1, ma con sei punti consecutivi Hernych ha vinto il primo set. Sul 3 a 2 e break nel secondo per Hernych il russo ha chiesto l’intervento del fisioterapista per un problema alla schiena e non ha vinto più un game.
Poco da fare per Alessandro Petrone.
Il siciliano dopo le tre vittorie nelle qualificazioni ha raccolto soli due game contro il forte battitore Jan Mertl.
Petrone dal due pari nel primo ha ceduto dieci game di fila.

Dopo Simone Bolelli anche Andreas Seppi non delude le aspettative e raggiunge il compagno di coppa Davis al secondo turno del Sparkasse ATP Challenger Val Gardena Südtirol. Il maestro batte l’allievo e con un 6:3, 7:5 maturato in un ora e sedici minuti su Matteo Donati (undici anni e quasi quattrocento posizioni nel ranking mondiale di differenza tra i due) il grande favorito del torneo si aggiudica un posto al secondo turno.
Giovedì alle ore 18 Seppi affronterà l’irlandese Louk Sorensen.

Seppi ha fatto fatica all’inizio contro Donati che non aveva nienta de perdere e ha giocato ad altissimo rischio quasi ogni punto. Inoltre ha servito bene per tutto il match. Seppi ha dovuto annullare due palle break per evitare il 0 a 2.

Non ha sbagliato la risposta che gli ha portato il break del 3 a 2 e con un altro break nel nono gioco ha fatto suo definitivamente il primo set. Donati non ha ceduto e ha tenuto aperto il match per quasi tutto il secondo set.
Sul 5:6 e 40:15 il tiebreak era molto vicino, ma Seppi con quattro punti di fila ha ottenuto il break decisivo vincendo la partita.

Il 25-enne Roberto Marcora è stato il primo giocatore italiano a scendere in campo oggi al Sparkasse ATP Challenger Val Gardena Südtirol. Marcora non è riuscito nell’impresa di battere l’ottava testa serie del torneo.
In poco più di un’ora è stato sconfitto dall’americano Austin Krajicek che lo precede di 68 posizioni nel ranking ATP. 6:2, 6:4 il punteggio per Krajicek, che agli ottavi è atteso dal georgiano Nikoloz Basilashvili conosciuto dai tifosi altoatesini per aver vinto nel 2013 il 15.000 dollari ad Appiano.
Basilashvili ha impressionato con il suo gioco aggressivo da fondo campo e ha fatto fuori senza problemi il più quotato Daniel Brands (numero 51 del mondo nell’agosto 2013) per 6:3,6:3.

Continua la sua corsa al torneo gardenese anche il croato Antonio Sancic. Dopo tre vittorie nelle qualificazioni ha superato al primo turno anche l’ucraino Sergei Bubka, figlio dell’ononimo Sergei Bubka, il più grande saltatore con l’asta della storia, in due set per 6:3, 6:3.
Accede agli ottavi anche l’irlandese Louk Sorensen, allievo di Davide Sanguinetti, grazie alla vittoria per 7:6 (4), 6:4 sul bosniaco Aldin Sektic.

Nell’ultimo match della seconda giornata del Sparkasse ATP Challenger ValGardena Südtirol è uscito di scena il quinto azzurro. Andrea Arnaboldi è stato sconfitto stasera all’esordio dal bosniaco Mirza Basic, che grazie a un break nel quinto gioco del terzo set ha vinto per 3:6, 6:3, 5:4 e ha dimostrato ancora una volta, di essere in forma a fine stagione. Settimana scorsa Bazic aveva raggiunto la semifinale al challenger di Eckental in Germania.


TAG: , , , , , , , ,

2 commenti

erminio (Guest) 05-11-2014 08:42

resoconto chiaro, completo et essenziale, grazie

2
manuel (Guest) 05-11-2014 07:40

resoconto completo e interessante.

1

Lascia un commento